AL NUOVO

Il grande teatro con
il nome della rosa

11/02/2018 11:25

Martedì 13 febbraio alle 20.45 (con repliche fino al 18) prosegue al Nuovo la trentaduesima edizione della rassegna "Il Grande teatro": in scena il nome della rosa di Umberto Eco con la regia e l’adattamento di Leo Muscato. È questa la prima versione teatrale del capolavoro di Umberto Eco, un omaggio al celebre scrittore firmato da Stefano Massini, uno degli autori teatrali più apprezzati in Italia e all’estero, autore di Lehman Trilogy.

Il nome della rosa di Eco, tradotto in quarantasette lingue, vinse il Premio Strega nel 1981, e la sua versione cinematografica fu diretta da Jean-Jacques Annaud nel 1986 con protagonista Sean Connery.. Il regista Leo Muscato ha trovato nel romanzo di Eco una sfida appassionante e, nei suoi appunti per una messa in scena, scrive: "Dietro a un racconto avvincente e trascinante, il romanzo di Umberto Eco nasconde una storia dagli infiniti livelli di lettura; un incrocio di segni dove ognuno ne nasconde un altro. La struttura stessa del romanzo è di forte matrice teatrale. Vi è un prologo, una scansione temporale in sette giorni, e la suddivisione di ogni singola giornata in otto capitoli, che corrispondono alle ore liturgiche del convento (Mattutino, Laudi, Prima, Terza, Sesta, Nona, Vespri, Compieta). Ogni capitolo è introdotto da un sottotitolo utile a orientare il lettore, che in questo modo sa già cosa accade prima ancora di leggerlo; quindi la sua attenzione non è focalizzata da cosa accadrà, ma dal come".


 
Nessun commento per questo articolo.
INFORMAZIONE SULL'UTILIZZO DEI COOKIE PER QUESTO SITO. L'utilizzo dei cookies è finalizzato a rendere migliore l'esperienza di navigazione sul nostro sito. Se continui senza cambiare le tue impostazioni, accetterai di ricevere i cookies dal sito che stai visitando. In ogni momento potrai cambiare le tue impostazioni relative ai cookies: in caso le impostazioni venissero modificate, non garantiamo il corretto funzionamento del nostro sito. Alcune funzioni del sito potrebbero essere perse, non riuscendo più a visitare alcuni siti web. Per saperne di più, leggi l'informativa completa qui
ACCETTA