Le celebrazioni al Cimitero ebraico

26/01/2018 16:47

Le celebrazioni per il Giorno della Memoria sono proseguite questo pomeriggio con la deposizione di una corona di alloro al Cimitero Ebraico di via Badile e al Sacrario del Cimitero Monumentale.

Presente alle cerimonie, in rappresentanza dell’Amministrazione comunale, l’assessore alla Trasparenza che, nel suo intervento, ha ricordato l’importanza della memoria per rendere testimonianza della storia “un dovere morale e civile che Verona oggi raccoglie per commemorare gli ebrei scaligeri che, dopo l’umiliazione delle leggi razziali, vissero la tragedia delle deportazioni. E’ un preciso dovere di tutti, e in special modo delle Istituzioni, tenere desta la coscienza degli uomini, e soprattutto dei più giovani, contro la cecità, l’ignoranza, l’indifferenza che rischiano di aprire la strada a nuovi orrori e a nuove atrocità”.

Email inviata con successo

Campi di concentramento, esperienza dell'estremo

26/01/2018 15:34

Appuntamento alla Biblioteca Comunale di Mozzecane il 27 gennaio alle 17.30. In occasione del giorno della memoria ci sarà l'incontro con l'autore Luca Peloso che presenterà il libro: "L'esperienza dell'estremo: vita e pensiero nei campi di concentramento".

Il testo è uno studio comparativo sui campi di concentramento nazisti e staliniani. Il libro spiega come i lager e i gulag non possono essere visti solo come fenomeni di ordine storico. Il testo aspira ad essere qualcosa di più che una ricostruzione storiografica. L'incontro con l'autore in Biblioteca (via Montanari 59) sarà ad ingresso libero.

Email inviata con successo

"San Michele arcangelo" convegno e preghiera

24/01/2018 20:02

50esimo anniversario della fondazione del gruppo "San Michele Arcangelo, città di Verona". Il 28 gennaio ci sarà un convegno diocesano alla Basilica di San Zeno con la conferenza “Al Dio che allieta la mia giovinezza” che inizierà alle 10. Seguirà la messa e poi un momento di preghiera.

Email inviata con successo

Ricordando la strage di Montorio

24/01/2018 15:37

Due serate di approfondimento storico, in programma nei venerdì 26 gennaio e 2 febbraio, per ricordare la strage del 26 aprile 1945, in cui persero la vita a Montorio 13 civili per mano di una rappresaglia tedesca.

Gli appuntamenti, collegati al programma eventi del Giorno della Memoria, sono promossi dall’8ª Circoscrizione in collaborazione con l’associazione Montorioveronese.it., curatrice di una ricerca avviata dal 2014 sui resti di un campo di concentramento individuato nel territorio circoscrizionale.

L’indagine, basata su poche testimonianze scritte e oltre 70 testimonianze orali, ha permesso la scoperta dei luoghi delle uccisioni e la sequenza temporale degli eventi, oltre che l’individuazione a Montorio di un campo di concentramento nel quale, durante la secondo Guerra Mondiale, venivano detenuti gli ebrei prima di essere trasferiti in altre strutture.

Gli incontri si terranno alle 20.45, il 26 gennaio in sala Giovanni Paolo II a Montorio e il 2 febbraio a Quinto di Valpantena. Alle serate saranno presenti gli autori delle ricerche, i testimoni e alcuni ospiti. L’ingresso è libero e gratuito.

Email inviata con successo

Museo storia naturale incontra civiltà egizia

23/01/2018 15:05

Al museo di Storia Naturale, in lungadige Porta Vittoria 9, si terrà venerdì 26 gennaio, alle ore 17, l’incontro “Il senso dell’immortalità nella civiltà egiziana” a cura dell’egittologo Christian Greco, direttore del museo Egizio di Torino. L’evento è organizzato dalla Federazione Italiana Donne Arti Professioni Affari - FIDAPA BPW, con il patrocinio del Comune di Verona.

Durante l’incontro sarà illustrata l’opera di ammodernamento che ha recentemente coinvolto il museo di Torino e, al contempo, la presentazione delle collezioni presenti al suo interno. La partecipazione alla conferenza è libera e gratuita.


Email inviata con successo

Giornata della memoria, ecco tutti appuntamenti

22/01/2018 16:42

Con l’esposizione in piazza Bra del carro ferroviario utilizzato per le deportazioni nei campi di sterminio, prendono avvio le iniziative dedicate alla Giornata della Memoria, promosse dalla Prefettura e dal Comune di Verona. Sempre in piazza Bra, davanti al monumento di Vittorio Emanuele, è visibile la mostra “Viaggio nella Memoria – Binario 21” organizzata dall’associazione Figli della Shoah. Sia il carro ferroviario, accessibile al pubblico tutti i giorni dalle 10 alle 17, sia la mostra, sono visibili fino al 29 gennaio.


Manifestazione istituzionale


Si terrà venerdì 26 gennaio la cerimonia ufficiale, in piazza Bra e palazzo della Gran Guardia, per la ricorrenza del 73° anniversario della liberazione del campo di concentramento di Auschwitz, avvenuta il 27 gennaio del 1945.

La giornata si aprirà alle ore 9, con la deposizione di una corona di alloro al monumento ai Deportati.

Successivamente, nell’Auditorium della Gran Guardia, avrà inizio la cerimonia ufficiale con gli interventi del Prefetto Salvatore Mulas, che consegnerà le onorificenze del Governo, e del Sindaco, che consegnerà le medaglie della città. Seguiranno gli interventi del rappresentante dell’associazione Figli della Shoah Paolo Jenna e dell’Oratore Ufficiale della manifestazione Mirella Stanzione. Quindi, la proiezione del film-documentario “Le Rose di Ravenbruck”, prodotto per il Giorno della Memoria.

Nel pomeriggio, alle ore 14.30, si terrà la cerimonia nel Cimitero Ebraico di via Badile, con la deposizione di una corona di alloro; alle ore 16 si terrà la cerimonia al Sacrario del Cimitero Monumentale.


Gli eventi istituzionali proseguiranno domenica 28 gennaio, alla scultura “Filo Spinato” in piazza Isolo, con la cerimonia “Il Monumento vivente”. Le celebrazioni avranno inizio alle ore 11.30, con la deposizione di una corona e l’intervento delle autorità cittadine. Nel pomeriggio, alle ore 17, alla sala Convegni della Gran Guardia, l’incontro sul tema “La Diaspora ebraica dai paesi arabi”, organizzato dall’associazione Figli della Shoah.


Altri appuntamenti in programma


Dal 23 gennaio al 20 febbraio, alla biblioteca Frinzi, la mostra “In treno con Teresio: i deportati del trasporto 81 Bolzano-Flossenbürg, 5 - 7 settembre 1944” allestita dalla sezione ANED di Pavia con la collaborazione dell’Università di Verona.

Martedì 23 gennaio, alle ore 17, all’Università di Verona, incontro di Elisa Guida “La strada di casa. Il ritorno in Italia dei sopravvissuti alla Shoah, Viella 2017”.

Sabato 27 gennaio, alle ore 16.20 alla sala Perotti dell’Istituto storico della Resistenza e dell’Età contemporanea, incontro “I fantasmi della storia. Rimozioni, falsificazioni e nostalgie’.

Lunedì 29 gennaio, con inizio alle ore 17, alla Società Letteraria, incontro “I fantasmi della storia. Rimozioni, falsificazioni e nostalgie’. Intervento del deportato Emanuele Fiano.

Venerdì 2 febbraio, alle ore 17 al cinema Alcione, proiezione del film ‘Paradise’ di Andrej Končalovskij. Una tormentata storia d'amore sullo sfondo dell’olocausto. Leone d’Argento alla 73ª Mostra del cinema di Venezia.

Sabato 3 febbraio, alle ore 16.20, alla sala Perotti dell’Istituto storico della Resistenza e dell’Età contemporanea, incontro con Elisabetta Ruffini su Primo Levi.

Mercoledì 7 febbraio, alle ore 21 al teatro Camploy, spettacolo Recital letterario di Jacob Olesen da “Se questo è un uomo” di Primo Levi, con la regia di Giovanni Calò.

Mercoledì 14 febbraio, alle ore 17, all’Università di Verona in collaborazione con ANED, conferenza “Il senso della Memoria: quei 102 anarchici nei lagher nazisti”.

Email inviata con successo

Il bombardamento di Santa Lucia

22/01/2018 16:38

Un doppio appuntamento con la storia, per ricordare il bombardamento di Santa Lucia, attraverso anche testimonianze agli studenti. Lo promuove la 4ª Circoscrizione, giovedì 25 e lunedì 29 gennaio, in occasione della Giornata della Memoria.

Il programma prevede per il 25 gennaio, alle ore 9, al parco giochi di via Po, la commemorazione in ricordo dei 20 bambini ebrei, tra cui il piccolo italiano Sergio De Simone, vittime degli esperimenti nazisti nella scuola di Bullenhuser Damm. Parteciperanno con canti e poesie gli alunni delle classi V delle scuole primarie di Santa Lucia e Golosine.

Il secondo appuntamento sarà lunedì 29 gennaio, in occasione del 74° anniversario dei bombardamenti aerei alleati sul quartiere veronese di Santa Lucia, che il 28 gennaio 1944 devastarono la stazione e l’abitato cittadino, causando più di cento vittime civili. Tre i momenti previsti: alle ore 9.30, sul piazzale della chiesa parrocchiale di Santa Lucia, la messa in suffragio delle vittime, con la posa alle 10.45 di due corone, una al cimitero, alla lapide dei caduti civili, e l’altra sotto la targa all’ingresso del Centro Culturale “6 Maggio 1848”, in memoria degli otto piccoli martiri della scuola elementare. A fine cerimonia gli studenti assisteranno alla conferenza storica “Santa Lucia sotto le bombe” nella sala conferenze “Caduti di Nassiriya” in via Mantovana 66.

Alle 11 le Associazioni d’Arma, le autorità e i cittadini si recheranno in via 28 gennaio per la posa di un mazzo di fiori.

Alle 20.45, sempre nella sala “Caduti di Nassiriya”, per tutti i cittadini verrà riproposta la conferenza “Santa Lucia sotto le bombe”, serata con proiezioni, racconti e testimonianze sui bombardamenti aerei.

Il programma è stato presentato questa mattina dal presidente della 4ª Circoscrizione, insieme a Giuseppe Fratton, presidente della sezione di Santa Lucia dell’associazione nazionale Artiglieri d’Italia, e a Iginio Mengalli, presidente dell’associazione Santa Lucia.

Email inviata con successo

Per non dimenticare Bocchetta racconta

20/01/2018 17:13

Per il Giorno della Memoria, il Liceo Artistico di Verona ospiterà Vittore Bocchetta, in una mattinata di riflessioni e approfondimenti "per non dimenticare".

L'incontro si terrà mercoledì 24 gennaio alle 11 nell'aula magna dell'Istituto “G. Marconi” in Piazzale Guardini. Coinvolgerà le classi quinte del Liceo Artistico, che, assieme al dipartimento di Lettere e Storia e alla presenza della Dirigente scolastica, professoressa Mariangela Icarelli, ascolteranno oltre che il reduce dai lager, anche l'artista.

La mattinata si aprirà con un intervento introduttivo della professoressa Sara Stocchini dal titolo “La deportazione politica e razziale dall'Italia. Le responsabilità del fascismo”; proseguirà con la visione del docufilm “Non Dimenticare", di Claus Dobberke e Stefan Mehlhorn e si concluderà con un dibattito accompagnato dalla proiezione di alcune tra le più significative opere del maestro.

Email inviata con successo

Al Teatro Nuovo martedì L'Avaro di Molière

20/01/2018 12:59

Dopo Fiore di cactus, la rassegna Divertiamoci a teatro prosegue (dal 23 al 26 gennaio al Nuovo con inizio alle 21.00) con L’avaro di Molière proposto da Arca Azzurra Teatro. La regia e l’adattamento sono di Ugo Chiti. Ne è protagonista Alessandro Benvenuti. In scena, accanto a lui, Giuliana Colzi, Andrea Costagli, Dimitri Frosali, Massimo Salvianti, Lucia Socci, Paolo Ciotti, Gabriele Giaffreda ed Elisa Proietti.

Dopo il grande successo del Malato immaginario – votato dal pubblico dei teatri toscani come miglior spettacolo della stagione 2014-15 – Arca Azzurra sceglie ancora una volta Molière e affida il ruolo di Arpagone al grande Alessandro Benvenuti perpetuando un sodalizio di lunga data. Tanti i successi che li hanno visti insieme. Tra questi Nero Cardinale (ambientato in una sera di carnevale del 1707, protagonista il prelato Francesco Maria dei Medici che deve "scardinalarsi", sposarsi e dare alla famiglia Medici un erede e un futuro) che è valso a Chiti il prestigioso premio Riccione e altri riconoscimenti.

«Il nostro Avaro – sottolinea Ugo Chiti – occhieggia a Balzac senza dimenticare la commedia dell’arte intrecciando ulteriormente le trame amorose in un’affettuosa allusione a Marivaux. Contaminazioni a parte, Arpagone resta il personaggio centrale assoluto mantenendo quelle caratteristiche che da sempre hanno determinato la sua fortuna teatrale: si accentuano alcune implicazioni psicologiche, si allungano ombre paranoiche, emergono paure e considerazioni che sono più rimandi al contemporaneo. La “parola” è usata in maniera diretta, spogliata di ogni parvenza aggraziata, vista in funzione di una ritmica tesa a evidenziare l’aggressività come – conclude il regista – la ‘ferocia’ più sotterranea della vicenda».

Con questo lavoro Ugo Chiti riprende il filone dei classici per Arca Azzurra che ha visto, tra gli altri, la messinscena della Clizia machiavelliana e di due testi tratti dal Decameron di Boccaccio.

Mercoledì 24 alle ore 18.00 nel foyer Teatro Nuovo Alessandro Benvenuti e gli altri interpreti dell’Avaro incontrano il pubblico. Conduce l’incontro, organizzato in collaborazione col quotidiano L’Arena, la giornalista Alessandra Galetto. L’ingresso è libero.

Email inviata con successo

Il magico mondo del portare i neonati

18/01/2018 10:59

Sabato 20 gennaio, dalle 16.30 alle 18.00, presso "Du Du Infanzia" in via Dominutti 6 a Verona, si terrà un incontro informativo gratuito sull'importanza del contatto, sui vantaggi fisiologici che ne derivano per mamma e babino e su quale sia il metodo migliore per portare il proprio figlio in sicurezza.

L’evento è aperto a tutti, neo mamme, mamme in dolce attesa, papà, nonni, zii e tate.

L’incontro è tenuto da Federica Latina consulente del portare certificata, peer counselor in allattamento e insegnante massaggio infantile.

Email inviata con successo
INFORMAZIONE SULL'UTILIZZO DEI COOKIE PER QUESTO SITO. L'utilizzo dei cookies è finalizzato a rendere migliore l'esperienza di navigazione sul nostro sito. Se continui senza cambiare le tue impostazioni, accetterai di ricevere i cookies dal sito che stai visitando. In ogni momento potrai cambiare le tue impostazioni relative ai cookies: in caso le impostazioni venissero modificate, non garantiamo il corretto funzionamento del nostro sito. Alcune funzioni del sito potrebbero essere perse, non riuscendo più a visitare alcuni siti web. Per saperne di più, leggi l'informativa completa qui
ACCETTA