ALLARME
Fontana: Terrorismo   <br/>Colpa anche dell'Europa

Fontana: Terrorismo
Colpa anche dell'Europa

Duro attacco all'Unione europea dell'eurodeputato veronese della Lega Nord Lorenzo Fontana in una seduta plenaria a Bruxelles in cui si discuteva di misure antiterrorismo. “Se sta succedendo quello che sta succedendo – ha detto Fontana – in parte è colpa anche delle istituzioni europee e della loro politica estera, quindi mi sarei aspettato un'autocritica a nome dell'Ue da parte del commissario Avramopoulos. Cosa ha fatto l'Europa in Libia? Cosa ha fatto in Iraq e più di recente in Siria? Cosa invece non ha fatto in Arabia Saudita, Paese certamente non tra i più tolleranti al mondo?”.Fontana ha poi sottolineato: “E' un fallimento dell'Europa, un fallimento anche delle stesse politiche d'integrazione e di immigrazione. Integrazione non significa che uno può fare ciò che vuole, chi è per la Sharia deve essere espulso. Quanto all'immigrazione, è notizia di ieri la minaccia dell'Isis di utilizzare i clandestini per infiltrare terroristi. Perciò servono controlli rigorosi alle frontiere e il rimpatrio dei clandestini attualmente in Europa”.
BILANCIO
Aeroporti del Garda,  <br/>passeggeri in aumento

Aeroporti del Garda,
passeggeri in aumento

Gli aeroporti di Verona e Brescia, gestiti da Catullo Spa, nel 2014 hanno entrambi registrato performance positive di traffico, movimentando complessivamente 2,8 milioni di passeggeri (+2,1%), di cui quasi 2 milioni internazionali (+7%), e 40,6 mila tonnellate di merci (+2,9%). Nonostante la prudenza degli osservatori del settore - secondo Catullo Spa -, che evidenziano ancora la fragilità della ripresa in tutta Europa, in particolar modo di alcuni mercati, Aci Europe ha confermato nell'ultimo report il trend positivo del settore. Anche Assaeroporti ha segnalato la buona perfomance del traffico in Italia nel 2014. I risultati del settore a livello globale hanno ancora un andamento discontinuo, in quanto esposti ai fattori economici e alle criticità di carattere politico che interessano più aree del mondo. Eventi quali la crisi ucraina, la svalutazione del rublo, le tensioni in Nord Africa hanno avuto un impatto diretto anche sul traffico, sia passeggeri che merci, da e per gli aeroporti di Verona e Brescia. L'anno appena trascorso ha visto anche il perfezionamento dell'integrazione con Save, società di gestione degli aeroporti di Venezia e Treviso, e la nascita del Sistema Aeroportuale del Nord Est, uno dei principali poli nazionali con 200 milioni di fatturato e 13 milioni di passeggeri trasportati l'anno.
CERIMONIA
Giornata della Memoria,    <br/>commozione in G. Guardia

Giornata della Memoria,
commozione in G. Guardia

La città di Verona ha ricordato questa mattina il 70° anniversario della liberazione del campo di concentramento di Auschwitz, avvenuta il 27 gennaio del 1945. Le iniziative promosse dall’Amministrazione comunale in occasione della Giornata della Memoria hanno preso il via in piazza Bra, con la deposizione di una corona d’alloro al monumento dei Deportati. A seguire, in Gran Guardia, si sono tenuti gli interventi del Prefetto Perla Stancari e del sindaco Flavio Tosi. Erano presenti i presidenti ANPI di Verona Raul Adami, ANED Gino Spiazzi, Associazione Figli della Shoah Roberto Israel, Assoarma Edgardo Pisani, Comunità Ebraica di Verona e Vicenza Bruno Carmi, oltre ai rappresentanti delle Istituzioni civili e militari cittadine. “A 70 anni dalla fine di uno dei più crudeli e devastanti crimini della storia – ha dichiarato il sindaco Tosi – ricordare, in particolare alle nuove generazioni, diviene essenziale per rendere testimonianza e onorare il ricordo di milioni di persone, di storie di martirio e di dolore. Esempi che tutti dovrebbero fare propri, affinché quanto accaduto non si ripeta mai più”. Durante la mattinata sono state consegnate dal Prefetto Perla Stancari le medaglie d’onore, conferite con decreto del Presidente della Repubblica, ai cittadini italiani deportati e internati nei lager nazisti, Bocchetta Vittore e Trentini Giovanni Battista. Consegnate inoltre le medaglie alla memoria di Aganetti Benito, Ambrosi Damiano, Anselmi Cornelio, Besi Riccardo, Cacciatori Pasquino, Canestrari Alessandro, Dal Bosco Gino, De Battisti Onorio, Fiorio Fioravante, Frigali Michele, Lonardi Giuseppe, Lorenzoni Guerrina, Milani Ettore, Molin Alfredo, Navasa Milo, Peroni Luigia, Perotti Berto, Tebaldi Augusto, Venturi Mario, Zampieri Attilio, Zucchetti Flaminio. Successivamente, sono state consegnate dal sindaco Flavio Tosi le Medaglie della Città, a ricordo delle celebrazioni della Giornata della Memoria, alla memoria di Narciso Veronesi, Gracco Spaziani e Alberico Poli. E’ seguita l’orazione ufficiale a cura di Anna Foa, docente di storia all’Università La Sapienza di Roma. Nel pomeriggio, alle ore 14.30 si è tenuta la cerimonia nel Cimitero Ebraico di via Badile, con la deposizione di una corona di alloro; alle ore 15.45 è seguita la cerimonia al Sacrario del Cimitero Monumentale. La Giornata della Memoria è proseguita nell’Auditorium della Gran Guardia, dove alle 17.30 si terrà la proiezione del film “Kapò” di Gillo Pontecorvo; presentazione a cura di Giancarlo Beltrame. In serata, alle 20.45, nell’aula magna dell’Istituto Aldo Pasoli di via Dalla Corte 15, a cura dell’Associazione Nazionale Ex Deportati nei campi nazisti e dell’Associazione I Musici di Santa Cecilia, si terrà il Concerto, accompagnato da letture e riflessioni, “Non basta Ricordare”, con brani tratti dai requiem kv 626 di Mozart e Ein deutsches di Brahmas; direttore artistico Dorino Signorini. Fino a domenica 1 febbraio sarà possibile visitare il carro ferroviario, allestito anche quest’anno in piazza Bra, che veniva utilizzato per le deportazioni nei campi di sterminio.
TURISMO
Il ministro 'folgorato'    <br/>dalle bellezze di Verona

Il ministro 'folgorato'
dalle bellezze di Verona

"In Italia bisogna puntare su un turismo di eccellenza, di qualità, non mordi e fuggi". Lo ha detto il ministro dei Beni culturali, Dario Franceschini, a conclusione dell'incontro che oggi ha avuto a Verona nella sede della camera di Commercio, con i rappresentanti delle categorie economiche e del comparto turistico veronese, in vista di Expo 2015. "Questo - ha spiegato il ministro - non vuol dire puntare su bassi numeri, ma su milioni di persone, che vengono a cercare l'arte, la bellezza, l'offerta culturale, il cibo, la storia e la natura". "Tutto quello - ha aggiunto - che l'Italia ed in particolare Verona e la sua provincia possono offrire". Franceschini ha evidenziato che "bisogna guardare soprattutto a quei paesi che si affacciano per la prima volta sul mercato globale, a cominciare dalla Cina". "Verona - ha continuato - ha tutti gli ingredienti per avere un'esplosione di turismo internazionale nei prossimi anni, luoghi non solo della città, ma dell'intero territorio, a cominciare dal simbolo dell'Arena". "Un turismo internazionale nuovo, che arriverà in Italia non solo per Expo, ma nei prossimi anni" ha concluso Franceschini che dopo l'incontro con il sindaco di Verona, Flavio Tosi, si è recato a piedi fino alla camera di Commercio, soffermandosi in piazza Bra a fotografare l'Arena con il suo cellulare.
TURISMO
Il ministro 'folgorato'    <br/>dalle bellezze di Verona

Il ministro 'folgorato'
dalle bellezze di Verona

"In Italia bisogna puntare su un turismo di eccellenza, di qualità, non mordi e fuggi". Lo ha detto il ministro dei Beni culturali, Dario Franceschini, a conclusione dell'incontro che oggi ha avuto a Verona nella sede della camera di Commercio, con i rappresentanti delle categorie economiche e del comparto turistico veronese, in vista di Expo 2015. "Questo - ha spiegato il ministro - non vuol dire puntare su bassi numeri, ma su milioni di persone, che vengono a cercare l'arte, la bellezza, l'offerta culturale, il cibo, la storia e la natura". "Tutto quello - ha aggiunto - che l'Italia ed in particolare Verona e la sua provincia possono offrire". Franceschini ha evidenziato che "bisogna guardare soprattutto a quei paesi che si affacciano per la prima volta sul mercato globale, a cominciare dalla Cina". "Verona - ha continuato - ha tutti gli ingredienti per avere un'esplosione di turismo internazionale nei prossimi anni, luoghi non solo della città, ma dell'intero territorio, a cominciare dal simbolo dell'Arena". "Un turismo internazionale nuovo, che arriverà in Italia non solo per Expo, ma nei prossimi anni" ha concluso Franceschini che dopo l'incontro con il sindaco di Verona, Flavio Tosi, si è recato a piedi fino alla camera di Commercio, soffermandosi in piazza Bra a fotografare l'Arena con il suo cellulare.
PER IL FESTIVAL
Tosi vede Franceschini,      <br/>insiste copertura Arena

Tosi vede Franceschini,
insiste copertura Arena

"A causa del maltempo lo scorso anno abbiamo subito una perdita di 2 milioni e mezzo di euro di bigliettazione di giornata rispetto all’anno precedente". Lo ha detto il sindaco di Verona, Flavio Tosi, durante l'incontro oggi nel municipio scaligero con il ministro dei Beni culturali, Dario Franceschini, al quale ha perorato la causa per la copertura dell'Arena, motivata con il fatto di garantire il regolare svolgimento del Festival lirico. "Tra l'altro - ha spiegato Tosi - la Provincia non è più in grado di sostenere la Fondazione Arena". "Grazie all’art bonus - ha aggiunto -, che il ministro Franceschini ha esteso anche alla gestione delle fondazioni liriche, la speranza è che grandi imprenditori privati, che a Verona non mancano, possano dare una aiuto all’Arena che rappresenta una fetta importante dell’indotto della città”. Quanto alla nomina del nuovo sovrintendente areniano, Tosi ha concluso sottolineando che "insieme al ministro Franceschini si è auspicato che, grazie alla procedura di un'indagine ricognitiva dei curricula, emergano proposte di alto profilo sia dal punto di visto artistico che gestionale, in grado di affrontare il problema del bilancio della Fondazione Arena".
TURISMO
Expo, Franceschini:   <br/>Verona che potenzialità!

Expo, Franceschini:
Verona che potenzialità!

"L'Expo porterà in Italia milioni di turisti e stiamo lavorando perché non restino nei padiglioni di Milano e vadano in giro per il resto d'Italia per eventi culturali, per i musei, per il nostro patrimonio". Così il ministro di Beni culturali e Turismo, Dario Franceschini che oggi a Verona ha incontrato i rappresentanti delle categorie economiche e il sindaco, Flavio Tosi, in vista dell'evento di Milano che per sei mesi richiamerà milioni di visitatori. "In questo contesto - ha spiegato Franceschini - Verona ha delle potenzialità straordinarie, nel suo patrimonio, nella sua storia e nelle immagine che ha nel mondo". "E naturalmente con l'Expo - ha aggiunto - la collocazione di Verona, con l'immagine dell'Arena, è un grande fattore di attrazione internazionale". "Perché è importante - ha concluso - che questo avvenga non solo per la città ma per il futuro del Paese".Al termine dell'incontro il sindaco Tosi ha donato al ministro Franceschini un prezioso libro dedicato alla Basilica di San Zeno e alle formelle.La mattinata veronese di Franceschini è proseguita con un vertice in Camera di Commerio e poi con un incontro in Prefettura.
MONUMENTO
Copertura dell'Arena,   <br/>Franceschini: Prudenza

Copertura dell'Arena,
Franceschini: Prudenza

"Penso che davanti a progetti di grande qualità si potrà valutarli e guardarli senza preclusioni". Così il ministro dei Beni culturali, Dario Franceschini, riguardo all'ipotesi di copertura dell'Arena , sollecitata a più riprese dal sindaco Flavio Tosi per dare garanzie di svolgimento del Festival lirico, che soprattutto nell'ultima stagione è stato particolarmente avversato dal maltempo."C'è un proposito - ha spiegato Franceschini - ed anche una corrispondenza tra il mio precedessore Massimo Bray ed il sindaco Tosi". "Naturalmente - ha aggiunto - stiamo parlando dell'Arena e quindi parlando di un patrimonio di questa importanza, davvero dell'umanità come dice l'Unesco, bisogna procedere con grande prudenza". "Eventuali progetti - ha concluso il ministro - saranno valutati, ma ovviamente dovranno essere compatibili con l'importanza e la tutela di un bene così importante come l'Arena".
ELEZIONE
Serracchiani: Presidente     <br/>sia una scelta condivisa

Serracchiani: Presidente
sia una scelta condivisa

"Il nome del prossimo presidente della Repubblica sia il più condiviso possibile". Lo ha detto il vice segretario nazionale del Partito Democratico, Debora Serracchiani, intervenuta nella sede del Consorzio Zai, durante un convegno dedicato allo sviluppo dei trasporto."Per l'elezione della più alta carica dello Stato - spiega Serracchiani - abbiamo scelto un metodo di grande condivisione. Martedì a Roma ci saranno le consultazioni con tutte le parti politiche, o comunque con coloro che saranno intenzionati a parlare con il Partito Democratico. Da qui uscirà un nome che mi auguro possa essere il più condiviso possibile".
CERIMONIA
Coppie d'oro   <br/>premiate in Municipio

Coppie d'oro
premiate in Municipio

Questa mattina, nel corso della tradizionale cerimonia che si svolge in sala degli Arazzi, il sindaco di Verona, Flavio Tosi. ha premiato le coppie di coniugi che hanno festeggiato il 50°, 60° e il 65° anniversario di matrimonio nei mesi di ottobre, novembre, dicembre 2014 e gennaio 2015. Questo l’elenco dei coniugi che festeggiano i 50 anni di matrimonio : Pasquale Troccoli-Emilia Gay; Giorgio Signoretto-Angela Ferrari; Giuseppe Milani-Carla Sbizzera; Bruno Pessina-Giuseppina Giolo; Gino Mantovani-Giuliana Tinelli; Giovanni Battista Rama-Franca Maria Albrigi; Aldo Olivetti-Adriana Frignani; Sergio Viero-Delia Grigolo; Giuseppe Fochesato-Elvira Zollo; Pietro Viviani-Pasquina Marini; Sereno Mazzocco-Teresa Lonardi; Meggiorino Sandrini-Agnese Zillo; Mario Domenico Signorini-Maria Piccoli; Adriano Rinco-Elda Carli; Giuseppe Mori-Clementina Furlan; Armando Degrazi-Teresa Dalle Vedove; Ignazio Paolo Benini-Clementina Fiorini; Roberto Ruggeri-Angiolina Bassi; Cesarino Puttini-Giuliana Rizzotti; Ermes Fianco-Dina Marastoni; Alessandro Castellani-Alfonsa Cusini; Benvenuto Terrassan-Paola Cerato; Agostino Possente-Rosa Picaro; Giannantonio Buffatti-Lucia Ruzzenenti; Rino Trentini-Lina Cunegatti; Ilario Massimiliano Dai Pre'-Teresa Maria Filippozzi; Cesare Compri-Ada Annichini; Mario Pighi-Flavia Mozzo; Renato Antonio Erba-Luciana Pimazzoni; Gianfranco Modenese-Maria Dellalio; Otello Danzi-Clelia Pellegrini; Tarcisio Venturini-Clara Danieli; Alberto Montignani-Lucia Martinelli; Vittorino Morando-Elda Comencini; Bruno Legnaro-Gabriella Broggio; Franco Bazzani-Adriana Bazzi; Valeriano Manfron-Angelina Bonomi; Franco Fiori-Luciana Andreoli; Antonio Zandona'-Maria Pia Berti; Galdino Cunegatti-Celestina Presa; Bruno Pegorari-Luigina Turri; Nedo Gianfilippi De Parenti-Giuliana Villa; Arnaldo Redi-Aida Lapolla; Adino Sommavilla - Giannina Bianca Cordioli; Angelo Uzzeo - Enaide Iannucci; Negash Berhe - Lettenchiel Tesfazghi; Giorgio Zenti - Maria De Bastiani; Severino Rizzati - Nella Perozeni; Fehmi Karafili - Hatixhe Karafili; Ottavio Giuseppe Viviani - Maria Menini; Italo Corradi - Anna Sganzerla; Domenico Bertani-Fidelia Micheletto; Lourenco Veroneze-Isabel Tochetto; Eugenio Zelotti-Anna Maria Tioli; Lancillotto Bellin-Anna Maria Olivetti; Nicolo' Pastura-Lucia Zanot; Sebastiano Cavarra-Miriam Martini Pulese; Ennio Marsala-Maria Peris; Mario Michelangeli-Emilia Magagnin; Giuseppe But-Orietta Mazzocco; Enzo Trinchi-Luciana Marchesi; Domenico Bonvicini-Anita Damoli; Natale Monastra-Lina Monastra; Arnaldo Caprara-Frauke Gertrude Albers; Fortunato Mungo-Carmela Scavello; Disma Carraro-Erminia Bisollini; Giannino Furlani-Sergia Conte; Paolo Carlot-Teresa Saccomani; Sergio Malavolta-Anna-Maria Brutti; Antonio Zanesco-Paola Giomaro; Luciano Rotta-Giovanna Maria Finetto; Alfonso Perrone-Grazia Capone; Mario Gagliardi-Elena Bigini; Ettore Curi-Margherita Poletto; Vittorino Tonon-Marisa Cordioli; Santo Contino-Rosaria Scolaro; Giovanni Corona-Anna De Monte; Attilio Ghini-Clara Bellorio; Ascanio Eugenio-Lanzillo Giulia Reale; Tullio Vecchi-Elda Faccioli; Eugenio Rezzonico - Dolores Monti; Vittorio Puchetti - Anna Maria Pecchini; Giorgio Salvi - Edda Avanzi; Luigi Beltrami - Milena Cappellaro; Giuliano Veronese - Lucia Tinazzi; Maurizio Greco - Angelina Conciauro; Franco Naccari - Ivana Colognese; Angelo Lovato - Rina Rossetto; Giocondo Scipioni Irma Hoschle; Giancarlo Padovani - Fernanda Turella. Coniugi che festeggiano i 60 anni di matrimonio : Bruno Trevisan-Margherita Stella Bortolameazzi; Luigino Zampieri-Maria Teresa Montolli; Romano Barotti-Antonia Vincenzi; Leonello Zuccher-Lina Bonfante; Luciano Vicentini-Renza Meneghini; Gregorio Milanese-Carla Ligabo'; Luigino Castegnaro-Dorotea Zanini; Luciano Menegazzi-Maria Teresa Dandolo; Giuseppe Peroni-Liliana Facincani; Pietro Scevaroli-Maria Graziosa Faggion Tebon; Egidio Rossignoli-Maria Cantachin; Giovanni Adami-Laura Viviani; Giuseppe Scimeca-Marianna Grotta; Claudio Mariotti-Lina Benatti; Mario Righetti-Pasquina Antolini; Attilio Mondini-Miranda Pantaleo; Alessandro Tommasi-Ida Pasini; Ettore Chiozzi-Emma Maria Ligozzi; Biagio Nifosi'-Maria-Angela Panizzo; Giuseppe Macchietto Scuola-Italia Maria Dona'; Dino Rossi-Elsa Bonato; Gino Zanetti-Maria Brunelli; Epaminonda Bedei-Francesca Granata; Dario Perina-Lucia Maria Dal Zen; Antonio Azzini-Sandra Ciocca; Luciano Zenaretti-Lidia Tade'; Pierino Olivati-Adriana Marangoni; Vittorio Borghesi-Bruna Masotti; Giorgio Micaglio-Tiziana Ventura; Lino Specchierla-Giuliana Nascimben; Zerino Locatelli-Imelda Macchiella; Giovanni Giacometti-Silvana Bellinazzo; Severino Dario Morselli-Bruna Maria Patuzzo; Sante Ederle-Norina Piccoli; Bruno Andreoli-Alice Rina Banterle; Sisto Gelmini-Giovanna Gandini; Armando Castagna-Esterina Conte; Leonello Ferrarese-Lina Girella; Flavio Caporali-Vilma Sona; Giuseppe Bellorio-Bruna Debiasi; Mario Zanetti-Maria Jose' Trenta; Giorgio Veneri-Maria Bruna Bonomi; Gelindo Barollo-Maria Costa; Carlo Brunelli-Lina Dal Ben; Giovanni Nicalini-Maria Bonfante; Bruno Pagan Griso-Rina Fainelli; Nerio Perusi-Nerina Mazzi; Attilio Benetti-Maria Annechini; Mario Tomasetto-Agnese Lerin; Francesco Lombardo-Elvira Baffi; Andrea Leo-Teresa Pedio; Michele Simone-Rosa Caputo; Dario Crivellaro-Attilia Toschi; Paolo Lilla-Mirella Oliboni; Lino Dal Maso-Florinda Avanzi; Gino Cordioli-Pierina Giacomelli; Roberto Mantovani - Leda Faccioni; Luciano Baratella - Francesca Zampieri; Elio Benassuti - Ada Ferri; Germano Avesani - Giovanna Corrent; Vittorino Squarzoni - Teresa Vesentini; Francesco Basile - Maria Cesarina Preda; Carmine Serugeri - Mafalda Tosoni; Dante Compri - Vilma Residori. Coniugi che festeggiano i 65 anni di matrimonio : Giovanni Menini-Luciana Nali; Silvio Zen-Maria Stoppa; Gelindo Vesentini-Teresa Sancassani; Redemisto Andreoli-Nelda Costantini; Giorgio Padovini-Berenice Perdona'; Corrado Mirandola-Jone Baiocco; Egidio Dalai-Ida Martini; Santino Doni-Teresa Crepaldi.
EUROPA
Fontana: Serve rimpatrio   <br/>per detenuti stranieri

Fontana: Serve rimpatrio
per detenuti stranieri

Dopo le violenze nel carcere di Padova l'eurodeputato Lorenzo Fontana torna sulla necessità di rimpatriare i detenuti stranieri. "E' una battaglia che sostengo e come Lega sosteniamo da anni" ha spiegato il "Ministro degli esteri" del carroccio: "una mia petizione ha avuto il via libera dalla commissione europea, ma gli immigrazionisti hanno interesse a tenerla bloccata. Anche l'ex presidente Napolitano, in visita a Strasburgo l'anno scorso, mi disse che può essere una soluzione per il sovraffollamento delle carceri. L'italia tra l'altro risparmierebbe un miliardo di euro all'anno". Fontana torna anche sul problema integrazione, visto che i detenuti che hanno provocato gli incidenti nel carcere di Padova inneggiavano ad Allah e all'isis: "La convivenza e l'integrazione con la popolazione, anche detenuta, di origine musulmana si rivela difficile, checché ne dicano i buonisti che perseverano nel nascondere la testa sotto la sabbia. I detenuti stranieri vanno rimpatriati nel loro Paese”
VERONA FIERE
Motor Bike, debutto col      <br/>botto e Lady Berlusconi

Motor Bike, debutto col
botto e Lady Berlusconi

Debutto col botto per il Motor Bike a Verona. Code agli ingressi e migliaia di presenze già in questa prima giornata del salone della moto, preso d'assalto da tantissimi appassionati. Tra loro anche Francesca Pascale, Lady Berlusconi, per la prima volta a Verona proprio per venire al Motor Bike. "La moto? Una grande passione" ha commentato. "Sono una donna atipica che ai gioielli veri preferisce quelli a due ruote" ha detto ancora la Pascale, confessando una debolezza per le Harley. Motor Bike si chiuderà domenica. Nel fine settimana sono attesi oltre 100 mila visitatori.
FIERA
Scatta Motor Bike Expo      <br/>Segnali positivi mercato

Scatta Motor Bike Expo
Segnali positivi mercato

Motor Bike Expo scende in pista per la settima volta alla Fiera di Verona. L’appuntamento europeo più importante per tutti gli appassionati delle due ruote custom prende il via oggi: fino a domenica, sono in esposizione nei sette padiglioni della fiera le moto special, costruite dalle grandi firme delle officine di personalizzazione, in base alle esigenze e alla personalità del cliente, insieme ai modelli di serie dei maggiori marchi internazionali.Il mercato motociclistico, nonostante un calo del 50% della tra il 2007 e il 2012, vede l’Italia ancora primo Paese produttore in Europa, con 53mila occupati, un giro d’affari di oltre 1 miliardo di euro e un saldo import/export in attivo di 730 milioni. E se nel 2014 le immatricolazioni di scooter e 50cc erano ancora in caduta, proprio dalle moto sono arrivati a fine anno i segnali della ripresa, con un +3,3% di vendite.«A Motor Bike Expo questo comparto è presente in forze con più di 600 aziende da tutto il mondo – ha dichiarato il presidente di Veronafiere, Ettore Riello, inaugurando questa mattina la manifestazione –. Una conferma del ruolo della fiera quale strumento di promozione e internazionalizzazione per sistema economico e imprese, che siano grandi realtà, oppure di nicchia, come i tanti laboratori artigianali di customizzazione che espongono qui a Verona».Per tre giorni, a Veronafiere, il mondo del motociclismo offre, agli oltre 140mila visitatori attesi, una panoramica completa del settore con le anteprime di gamma della principali case, l’universo legato a personalizzazioni, sport e mototurismo, senza dimenticare abbigliamento e accessori, le gare e gli show in programma nei 20mila metri quadrati di aree esterne.Motor Bike Expo, come da tradizione, si conferma punto di riferimento per le moto “su misura”, con tre padiglioni su sette dedicati a questo segmento che, per la prima volta in Italia, organizza a Verona la World Custom Conference, “stati generali” del custom mondiale, con la partecipazione dei più famosi preparatori degli Stati Uniti. Novità di questa edizione è anche il gemellaggio con il rally: sabato 24 e domenica 25 debutta, nei padiglioni 11 e 12, MotorCircus, rassegna per tutti gli amanti di automobilismo sportivo, con esposizione di auto da corsa, competizioni, esibizioni e il Memorial Angelo Caffi: una sfida tra 24 piloti su un circuito interno al quartiere fieristico. "Siamo sicuri che questa iniziativa creerà ulteriori sinergie tra due mondi contigui – ha commentato il direttore generale di Veronafiere, Giovanni Mantovani –, facendo di Verona la capitale per tutti gli appassionati di motori, a due e a quattro ruote, e rafforzando la nostra presenza nell’ambito automotive che presidiamo anche con Verona Legend Cars e Automotive Dealer Day".
ALLARME
Terrorismo, Fontana     <br/>Non tranquilli con Renzi

Terrorismo, Fontana
Non tranquilli con Renzi

L'eurodeputato della Lega Nord e braccio destro di Salvini per gli affari esteri Lorenzo Fontana commenta le dichiarazioni del ministro Gentiloni: “Il titolare della Farnesina di fatto sconfessa Renzi, che solo ieri - affermando che 'chiudere le frontiere non è la soluzione alla lotta al terrorismo' perché 'gli attentatori di Charlie Hebdo erano nati e cresciuti in Francia' - in altre parole e prendendola larga ci ha spiegato che l'immigrazione non c'entra. Oggi però a distanza di nemmeno 24 ore il ministro degli Esteri parla di rischio infiltrazioni terroristiche proprio dall'immigrazione. Mi viene da pensare dunque che il nostro Presidente del Consiglio non sa bene quel che dice e non conosce la materia. Come ci si può fidare? Con lui non c'è da star tranquilli”.
SALUTE
Disturbi del sonno,      <br/>Negrar centro nazionale

Disturbi del sonno,
Negrar centro nazionale

Il 20% degli incidenti stradali che avvengono in Italia sono dovuti alla “distrazione”, termine in cui si devono inserire anche i “colpi di sonno”. E’ uno dei dati importanti emersi all’ospedale Sacro Cuore Don Calabria di Negrar nel corso della presentazione di “InFormaSonno”, l’associazione nazionale, prima iniziativa del genere in Italia, che ha come obiettivo quello di promuovere, anche nell'ambito medico-scientifico, la cultura del sonno. “Purtroppo i disturbi del sonno vengono spesso sottovalutati” ha spiegato, Gianluca Rossato, neurologo e responsabile del Centro della medicina del Sonno di Negrar e presidente di InFormaSonno. “Il 73% - ha aggiunto - non si rivolge al medico, rassegnandosi a una bassa qualità di vita e sottovalutando le conseguenze sulla salute. Infatti alcune malattie del sonno sono importanti fattori di rischio per patologie a livello cardiovascolare, come infarto ed ictus”.Tramite il primo portale web in Italia sul “mondo del dormire” (www.informasonno.it), l’associazione vuole diventare punto di riferimento per le moltissime persone che nel nostro Paese (si stima che siano 13 milioni, 1 milione nel solo Veneto) soffrono di “cattivo riposo”, con pesanti ripercussioni sulla salute, la qualità della vita e la sicurezza stradale. “Nel 2014 i decessi per incidenti stradali solo nella provincia di Verona sono stati 69” ha evidenziato il comandante della Polizia municipale di Verona, Luigi Altamura, sottolineando che “in diversi casi si è trattato di fuoriuscite autonome dalla carreggiata su rettifili. Una dinamica che lascia presupporre come causa il colpo di sonno del conducente. Molti sono avvenuti nelle prime ore del mattino, ma “di sonno” si può morire in ogni ora del giorno”.Sull’importanza della prevenzione e informazione su queste patologie è intervenuto anche il presidente nazionale della FAI-Conftrasporto, Paolo Uggè: “Entro il 2015 l’Italia deve recepire una normativa europea che inserisce tra le malattie da segnalare per il rinnovo della patente anche la sindrome delle apnee notturne”. Una patologia che, si stima, coinvolga 3 milioni di italiani e che insieme all’insonnia e alla sindrome della gambe senza riposo è uno dei disturbi del sonno più diffusi. “Mi auguro – ha concluso Uggè – che il controllo medico sia realizzato in modo chiaro e serio, a vantaggio della sicurezza di tutti”.
POLIZIA
Furto, arrestato cugino   <br/>accoltellatore Boschetto

Furto, arrestato cugino
accoltellatore Boschetto

E' il cugino di uno dei due arrestati per l'accoltellamento al Boschetto il topo d'auto arrestato ieri pomeriggio dalle Volanti in Corso Cavour. L'uomo, 37 anni, è stato visto in vicolo san silvestro forzare la portiera, rovistare all'interno di un'Audi A4 e prelevare un oggetto poi nascosto nello zaino di un complice. Quindi è scappato, ma è stato intercettato poco dopo dagli agenti messi in moto dalla segnalazione.

Telenuovo Verona
tasto 11 - oggi in tv

  • Informazione

  • Rosso & Nero

  • TgVeneto

  • TgVerona (1' ed)

  • Studionews

  • L'Opinione

  • TgVerona (2' ed)

  • Vighini Show - diretta sport

  • Informazione

  • Film della notte

L'Opinione
ON AIR
28.01.2015
TgGialloblù
ON AIR
28.01.2015
TgVeneto
ON AIR
28.01.2015
Rosso & Nero
ON AIR
28.01.2015
L'Opinione
ON AIR
28.01.2015
TgVerona
ON AIR
28.01.2015
TgGialloblù
ON AIR
28.01.2015
TgVeneto
ON AIR
28.01.2015
Rosso & Nero
ON AIR
28.01.2015
ON AIR
07.04.2014