INCONTRO
Tosi ricevuto dal Papa   <br/>lo invita a Verona

Tosi ricevuto dal Papa
lo invita a Verona

Una delegazione veronese guidata dal Sindaco Flavio Tosi ha incontrato, questa mattina a Roma, Papa Francesco in occasione dell’inaugurazione del presepe e dell'albero di Natale realizzati rispettivamente dalle città di Verona e Catanzaro, in piazza San Pietro. Nel corso dell’udienza il Sindaco ha rinnovato al Pontefice l’invito a visitare la città.
INIZIATIVA BENEFICA
Sabato in Gran Guardia  <br/>"Note di Natale"

Sabato in Gran Guardia
"Note di Natale"

Si terrà sabato 20 dicembre alle 16.30 nell'Auditorium della Gran Guardia l'evento di solidarietà ‘Note di Natale’, promosso dal Comune di Verona in collaborazione con Sistema ACLI di Verona. L’evento, che avrà ingresso gratuito, ha lo scopo di raccogliere fondi per il progetto “Nessuno escluso”, un servizio di doposcuola gratuito, attualmente attivo nei quartieri di Borgo Nuovo e Borgo Roma, rivolto agli alunni delle scuole primarie e secondarie, nato con l'obiettivo di combattere la dispersione scolastica e favorire l'integrazione di giovani ragazzi stranieri della comunità e promuovere la socializzazione tra coetanei. L’iniziativa è stata illustrata questa mattina dall’assessore ai Servizi sociali Anna Leso. Presenti il presidente Provinciale Acli Italo Sandrini, il presidente Acli Arte e Spettacolo Roberto Covallero, il vice presidente Patronato Acli Vittorino Formenti, il presidente USacli (Unione Sportiva) Alessio Scolfaro e la presentatrice della manifestazione Silvia Spillare.“I diversi progetti che vedono le Acli protagoniste – ha spiegato l’assessore –come il progetto Rebus per il recupero di beni in eccedenza o le attività in carcere, rappresentano una risorsa preziosa per la nostra città che l’Amministrazione sostiene sempre con piacere. Anche in questo caso ci auguriamo una grande partecipazione da parte dei cittadini per sostenere un bel progetto di inclusione sociale”. Lo spettacolo, condotto da Silvia Spillare, prevede le esibizioni di: ChronoBallet compagnia giovanile di danza; Il Circolo della Danza; associazione La Prilla; associazione Ars Nova; associazione Dunk Italy; associazione Danzagiocando; Corpo Bandistico Città di Bussolengo.
FINANZIAMENTI
Università 'premiata',  <br/>92 milioni da Ministero

Università 'premiata',
92 milioni da Ministero

Il Ministero dell'istruzione, università e ricerca ha diffuso le cifre del fondo di finanziamento assegnato alle università statali per il 2014. L'ateneo di Verona è tra le università che ricevono un finanziamento maggiore rispetto all'anno precedente. Nel 2014 lo stanziamento complessivo è di 92 milioni di euro contro gli 87.600.000 euro del 2013, con un aumento del 5,09%. Viene così premiata l'eccellenza dell'ateneo scaligero che spicca soprattutto nelle voci che determinano la cosiddetta "quota premiale", vale a dire le performance ottenute nella ricerca e le attività nell'ambito della didattica. "Una notizia che ci dà grande piacere - ha detto il rettore Nicola Sartor - ed è un segnale importante, non solo per il valore economico in sè ma, soprattutto, per la conferma che l'ateneo di Verona continua ad essere tra i migliori d'Italia". "Ora - ha aggiunto - dovremo ora analizzare con attenzione quali sono le componenti che ci hanno premiato in modo da sapere come adattare al meglio le politiche future per mantenere uno standard qualitativo elevato. Queste risorse in più vengono tipicamente accantonate per finanziare investimenti, non solo di tipo immobiliare ma anche nell'ambito dell'innovazione tecnologica". La vera novità riguarda l'introduzione, nella determinazione del fondo agli atenei, del costo standard di formazione per studente in corso, il nuovo parametro in base al quale quest'anno è stato assegnato il 20% (circa 1 miliardo di euro) della quota base del finanziamento pubblico alle università. "Una novità - si legge in una nota del ministro dell'Istruzione, università e ricerca, Stefania Giannini - che segna una svolta: si passa da una distribuzione basata sulla spesa storica della quota più sostanziosa dei fondi pubblici ad una ripartizione che tiene gradualmente conto delle differenze fra atenei di offerta formativa, numero di studenti in corso, costo medio dei professori e dei diversi contesti infrastrutturali e territoriali in cui operano le università, compresa la differente capacità di reddito delle famiglie".
COLDIRETTI
Giardini di via Santini   <br/>a Roberto Prearo

Giardini di via Santini
a Roberto Prearo

Si è svolta questa mattina la cerimonia di intitolazione dei giardini di via Santini, antistanti i civici 17 – 19, a Roberto Prearo, socio Fondatore della Coldiretti Verona. Presenti alla cerimonia l’assessore al Decentramento Antonio Lella, il presidente della 2ª circoscrizione Filippo Grigolini, il presidente della Federazione Coltivatori Diretti Claudio Valente, i figli di Prearo Franco e Paola e il Consigliere Ecclesiastico Coldiretti don Maurizio Guarise. “Roberto Prearo – ha detto Lella – è annoverato tra le figure più rappresentative dell’agricoltura veronese. Particolarmente attivo nel settore agricolo e sul territorio, nella sua carriera promosse la costituzione di cooperative agricole e cantine sociali quali forme d’imprenditoria che, nell’immediato dopoguerra, hanno contribuito in modo significativo al rilancio dell’economia agricola. A nome dell’Amministrazione comunale – ha aggiunto – esprimo il ringraziamento alla Federazione Provinciale Coldiretti di Verona che ha proposto questa intitolazione, segno di riconoscimento alla figura di un uomo che con la sua professionalità e formazione ha contribuito allo sviluppo del nostro territorio”. Roberto Prearo, nato a Pontecchio Polesine (RO) il 28 agosto 1905, si laureò in scienze agrarie. Nel 1944 fu incaricato dall’onorevole Paolo Bonomi di organizzare gli agricoltori della provincia di Verona, incarico che portò alla costituzione, il 17 settembre 1945, della Federazione Provinciale Coltivatori Diretti di Verona. Deputato, eletto nel collegio Verona, rivestì numerosi incarichi in diverse commissioni, fu consigliere comunale e provinciale e sindaco di Boscochiesanuova. Si spense a Verona il 20 agosto 1982.
COLDIRETTI
Giardini di via Santini   <br/>a Roberto Prearo

Giardini di via Santini
a Roberto Prearo

Si è svolta questa mattina la cerimonia di intitolazione dei giardini di via Santini, antistanti i civici 17 – 19, a Roberto Prearo, socio Fondatore della Coldiretti Verona. Presenti alla cerimonia l’assessore al Decentramento Antonio Lella, il presidente della 2ª circoscrizione Filippo Grigolini, il presidente della Federazione Coltivatori Diretti Claudio Valente, i figli di Prearo Franco e Paola e il Consigliere Ecclesiastico Coldiretti don Maurizio Guarise. “Roberto Prearo – ha detto Lella – è annoverato tra le figure più rappresentative dell’agricoltura veronese. Particolarmente attivo nel settore agricolo e sul territorio, nella sua carriera promosse la costituzione di cooperative agricole e cantine sociali quali forme d’imprenditoria che, nell’immediato dopoguerra, hanno contribuito in modo significativo al rilancio dell’economia agricola. A nome dell’Amministrazione comunale – ha aggiunto – esprimo il ringraziamento alla Federazione Provinciale Coldiretti di Verona che ha proposto questa intitolazione, segno di riconoscimento alla figura di un uomo che con la sua professionalità e formazione ha contribuito allo sviluppo del nostro territorio”. Roberto Prearo, nato a Pontecchio Polesine (RO) il 28 agosto 1905, si laureò in scienze agrarie. Nel 1944 fu incaricato dall’onorevole Paolo Bonomi di organizzare gli agricoltori della provincia di Verona, incarico che portò alla costituzione, il 17 settembre 1945, della Federazione Provinciale Coltivatori Diretti di Verona. Deputato, eletto nel collegio Verona, rivestì numerosi incarichi in diverse commissioni, fu consigliere comunale e provinciale e sindaco di Boscochiesanuova. Si spense a Verona il 20 agosto 1982.
RITORNO DELLE SETTE
Sette devianti: a Verona   <br/>un preoccupante ritorno

Sette devianti: a Verona
un preoccupante ritorno

Far leva su paura, disperazione e fragilità per coinvolgere le persone e trascinarle in un vortice senza via d'uscita. Il ritorno delle sette a Verona in particolare quelle di stampo psicologico rovina famiglie e rapporti: l'allarme è lanciato dal presidente del Gris, il gruppo di ricerca e informazione socio-religiosa Antonio Fasol che analizza la situazione e spiega come quella che si crede possa essere una comoda via d'uscita dai problemi di tutti i giorni diventa invece un incubo dal quale risulta quasi impossibile uscire. Chi entra a far parte di queste cosiddette sette, soprattutto giovanissimi spinti dalla voglia di trasgressione, ignora i rischi che comporta tutto questo. I santoni, coloro che guidano gli adepti nel percorso si propongono come persone pacate che mettono a proprio agio e sanno farsi comprendere e apprezzare. Chi si rivolge a queste sette il più delle volte ha problemi in famiglia e nel lavoro e, disperato, cerca una strada alternativa. Nel giro di pochi anni si vede però privato non solo delle difese psicologiche ma anche di risorse economiche visto che i corsi sono sempre più onerosi. La ricerca di illuminazione dettata dalla debolezza del momento è tutto a vantaggio di questi manipolatori mentali che sfruttano la situazione arricchendosi alle spalle di chi soffre per davvero. C'è un solo modo per uscirne, scappare dall'ambiente prima che sia troppo tardi. Le prede più appetibili restano i giovani ma sono spesso anche gli adulti a farsi coinvolgere. Movimenti New Age diffusi nel veronese spaventano di più rispetto a quelli occultisti-satanisti per la loro capacità di plagire e indottrinare passo dopo passo facendo scattare una trappola diabolica. Più che i macabri e tristemente famosi rituali di sacrifici dunque l'allarme del Gis riguarda proprio le sette di Guru e Formatori psicologici in un momento storico sempre più mancante di valori e dove la trasgressione più esasperata pare essere diventata, a torto, l'unica soluzione ai problemi.
VERSO LA NOTTE DI SAN SILVESTRO
Botti di Capodanno    <br/>Ordinanza del sindaco

Botti di Capodanno
Ordinanza del sindaco

È stata firmata dal Sindaco Flavio Tosi l’ordinanza che dispone alcuni divieti a tutela dei soggetti deboli e degli animali domestici da rumore e molestia, con particolare riferimento ai botti di Capodanno. Il provvedimento è stato presentato oggi in sala Arazzi dall’assessore all’Ambiente Enrico Toffali. “L’Amministrazione comunale – ha spiegato Toffali - ha ritenuto necessario vietare e sanzionare l’utilizzo incontrollato e pericoloso di fuochi d’artificio e petardi, prevedendo in particolare alcune disposizioni per garantire una maggiore tutela dei soggetti deboli, come anziani e bambini. Parallelamente – ha aggiunto l’assessore - vuole appellarsi al senso di responsabilità individuale e alla sensibilità collettiva della popolazione, affinché aumenti la consapevolezza dei rischi che tali attività possono determinare per la sicurezza dell’ambiente e per la salute di persone e animali”. Il provvedimento prevede il divieto di utilizzo e sparo di materiali esplodenti, fuochi d’artificio e oggetti similari ad una distanza inferiore a 200 metri da luoghi di ricovero, cliniche, ospedali, case di cura e di riposo, scuole (limitatamente agli orari delle lezioni scolastiche); in presenza di animali domestici nonché in direzione degli stessi presenti sulla pubblica via, nei luoghi aperti al pubblico dei centri abitati; ad una distanza inferiore di 200 metri dal canile comunale di via Campo Marzo 20 e da spazi verdi pubblici destinati ai cani; in aree naturalistiche e oasi protette in cui viene tutelata la fauna selvatica. È vietato inoltre condurre in qualsiasi momento animali d’affezione in luoghi dove vengono effettuati spettacoli pirotecnici autorizzati. L’inosservanza delle disposizioni, ai sensi dell’art. 7 bis del D.Lgs. n. 267/2000, è soggetta alla sanzione amministrativa da un minimo di 25 euro ad un massimo di 500 euro, oltre alla denuncia all’Autorità giudiziaria in caso il fatto assuma rilievo penale.
EVENTI
Sabato 20 la sfilata dei  <br/>Babbi Natale in moto

Sabato 20 la sfilata dei
Babbi Natale in moto

Si terrà sabato 20 dicembre la tradizionale “Sfilata del Babbo Natale in moto”, organizzata dal motoclub The Ghost di Villafranca in collaborazione con il Comune di Verona. La manifestazione, giunta alla 17ª edizione, è inserita nel Calendario Turistico Nazionale della Federazione Motociclistica Italiana ed ha lo scopo di raccogliere fondi per varie associazioni del territorio veronese che operano nel sociale e di sensibilizzare sull’importanza della guida sicura. Durante la manifestazione non è prevista infatti la somministrazione di alcun tipo di sostanze alcoliche e sarà presente l’A.C.A.T. Verona - Associazione Club Alcologici Territoriali. Il programma della manifestazione prevede: alle 20 arrivo dei motociclisti nel comune di Verona, a Madonna di Dossobuono, per proseguire poi in via Mantovana, via della Chiesa, stradone Santa Lucia, viale Piave, Porta Nuova, corso Porta Nuova e arrivo in piazza Bra alle 20.15 per la foto di rito sotto la stella. In piazza Bra inoltre è prevista l’esibizione di due gruppi musicali e la distribuzione gratuita di caramelle, bevande analcoliche e prodotti tipici locali. Verrà anche distribuito un risotto dalla Riseria Ferron, il cui ricavato andrà a comporre l’offerta devoluta in beneficenza.
ALL STAR GAME
Il 17 gennaio le stelle  <br/>del basket a Verona

Il 17 gennaio le stelle
del basket a Verona

Si terrà a Verona, sabato 17 gennaio al PalaOlimpia, l’edizione 2015 del Beko All Star Game, organizzata da Lega Basket e RCS Sport. L’evento è stato presentato oggi a Palazzo Barbieri dal Sindaco Flavio Tosi e dal presidente Lega Basket Fernando Marino. Presenti il direttore Generale Rcs Sport Paolo Bellino ed il responsabile dell'area tecnica della Scaligera Basket Giorgio Pedrollo. “Un appuntamento sportivo di grande rilievo per gli appassionati di questo sport e non solo – dichiara il sindaco Tosi – che potranno ammirare nella nostra città, in uno degli eventi cestistici più importanti del 2015, una selezione dei migliori giocatori di basket italiani e stranieri del nostro campionato, per una serata di spettacolo unica ed emozionante”.
PROVINCIA
Alta Velocità, vertice   <br/>sul caso Ancap

Alta Velocità, vertice
sul caso Ancap

C'era la ricollocazione della Ancap, azienda che produce porcellane e che occupa 150 persone, al centro del vertice sull'alta velocità che si è tenuto in Provincia. Il tracciato dell'alta velocità Brescia-Verona passerebbe infatti all'interno della sede aziendale che è a cavallo tra i comuni di Sona e Sommacampagna. I due Comuni avevano proposto cinque possibilità: due a Sona e tre a Sommacamagna. La scelta è ricaduta su un’area all’interno del comune di Sona, che meglio risponde alle esigenze di sostenibilità di costi, tempi e attività produttiva (per la quale è necessaria la presenza di infrastrutture essenziali). La scelta dovrà ora essere formalizzata per il recepimento nella delibera del CIPE.
LAVORO
Crisi: assunzioni   <br/>in aumento, ma a termine

Crisi: assunzioni
in aumento, ma a termine

Le imprese veronesi assumono di più in questo fine d'anno rispetto al 4° trimestre dell'anno scorso. Il Sistema informativo Excelsior di Unioncamere stima 4.170 nuovi contratti di lavoro in provincia, il 20% in più rispetto allo stesso trimestre dell'anno precedente. Il saldo tra assunzioni e cessazioni, però, è ancora in rosso, così come accade nel complesso del Paese. Tra ottobre e dicembre 2014, la differenza tra 4.170 lavoratori assunti e i 7.090 lavoratori in uscita dalle aziende è di -2.920 unità, comunque in miglioramento rispetto alle -3.990 di un anno prima. "E' probabile che qui a Verona incida la stagionalità di alcuni comparti dell'economia scaligera: il turismo e i dolci da ricorrenza." Il 74% delle assunzioni programmate a Verona è attribuito alle imprese di servizi, ma il dato è in calo del 6% rispetto al 3/o trimestre. Aumenta quindi il peso dell'industria (costruzioni comprese) pari al 26%. Tra i comparti dei servizi, prevalgono i servizi alle persone, con 720 assunzioni, pari al 23% del totale provinciale. Seguono le attività del commercio, che risentono della stagionalità positiva legata alle feste di fine anno, con 600 assunzioni (19%) e quelle del turismo e della ristorazione (530 unità, 17%). Nell'industria, il comparto che concentrerà una parte significativa delle assunzioni è quello della metalmeccanica ed elettronica (130 unità) che pesa per il 4%. IL 28% dei nuovi assunti avrà meno di 30 anni, 7 punti in meno rispetto al trimestre precedente.
AEROPORTO
Bruxelles e Palermo,    <br/>Ryanair torna a Verona

Bruxelles e Palermo,
Ryanair torna a Verona

Ryanair, la compagnia aerea più utilizzata in Italia, ritornerà all’aeroporto di Verona con due nuove rotte dall'1 aprile 2015 per Bruxelles (Zaventem) e Palermo che permetteranno di trasportare oltre 175mila clienti da e per il "Catullo". Lo hanno annunciato oggi il presidente dello scalo veronese, Paolo Arena, e il responsabile vendite e marketing di Ryanair Italia, John Alborante. l’Aeroporto di Verona. "Abbiamo lavorato - ha detto Arena- per definire un nuovo progetto di sviluppo con Ryanair, che portasse risultati positivi per l’aeroporto e per il territorio, oltre che per la compagnia aerea". Con il ritorno a Verona, il "Catullo" diventa il venticinquesimo scalo dove la compagnia low cost è operativa in Italia. "Per festeggiare la nostra programmazione estiva da Verona e le due nuove rotte - ha spiegato Alborante - , stiamo mettendo a disposizione posti in vendita a tariffe agevolate per viaggiare su tutto il network europeo a gennaio, febbraio e marzo, prenotabili entro la mezzanotte di del dicembre". "Questi - ha aggiunto Paolo Arena - sono i solidi presupposti per crescere insieme e quindi continueremo a dialogare per sviluppare tutto il sistema aeroportuale del Garda". "La stagione estiva - ha concluso - è estremamente importante per Verona in termini di concretizzazione di performance positive di traffico e quindi siamo lieti di questa decisione. Lavoreremo con grande determinazione perché altri risultati si aggiungano nel medio termine.”
ANFITEATRO
14 milioni e tre anni   <br/>restauri per l'Arena

14 milioni e tre anni
restauri per l'Arena

Storica firma oggi a Milano per i lavori di restauro dell'Arena di Verona, che verranno finanziati da Unicredit e Cariverona per 14 milioni, in parti uguali. L'iniziativa è uno dei primi grandi interventi con l'uso del cosiddetto Art Bonus, previsto dalla normativa introdotta in estate a sostegno del mecenatismo culturale e che consente un consistente credito di imposta sull'importo della donazione (quest'anno è del 65%). L'accordo è stato siglato oggi all'Unicredit Tower di Milano alla presenza del sindaco di Verona Flavio Tosi, il presidente della Fondazione Cariverona Paolo Biasi, l'Ad Unicredit Federico Ghizzoni e il presidente Giuseppe Vita. L'erogazione nel triennio 2014-2016 verrà impiegata in particolare per opere e lavori di restauro, a partire dalla sigillatura dei gradoni per proteggerli dalle infiltrazioni, e interventi di ammodernamento dell'impiantistica elettrica, antincendio, e di sottoservizi e servizi igienici. La programmazione lirica della Fondazione Arena di Verona attira nell'Anfiteatro romano del primo secolo circa 700 mila visitatori l'anno, mentre sono circa 800 mila i turisti che visitano il monumento ogni anno. Secondo il sindaco di Verona, Tosi, stando a "stime minime" l'Arena ha un indotto di mezzo miliardo l'anno, "anche se il dato reale è di qualche miliardo". "L'Arena è uno dei due simboli, assieme alla Casa di Giulietta, per i quali Verona è nota nel mondo", ha ricordato Tosi segnalando che "il suo principale nemico è la pioggia". "Si scrive oggi una grande pagina di mecenatismo con l'intervento di una banca e una fondazione legatissime alla nostra città", ha detto il sindaco. Da parte sua Ghizzoni ha ricordato il "legame fortissimo, storico, di Unicredit con Verona dove siamo la prima banca, con una quota di mercato superiore al 25%. Per noi questa iniziativa ha anche un ritorno di natura economica, oltre che di immagine del gruppo". Non teme polemiche come quelle sull'intervento di Diego Della Valle per il Colosseo? è stato chiesto: "No. Non vedo l'ora di firmare", ha risposto Ghizzoni. Tosi ha infine ricordato di essere in attesa del via libera dal ministero al concorso di idee per fare la copertura dell'Arena, in teoria possibile dunque già "nell'arco di alcuni mesi". Se poi ci fosse l'autorizzazione "gli sponsor ci sono" e l'anfiteatro potrebbe venir utilizzato nel corso di tutto l'anno. A causa del maltempo, ha segnalato Tosi, quest'anno l'Arena solo quanto ai biglietti di giornata mancati ha incassato 2,5 milioni in meno. Con la copertura poi potrebbe anche venir chiesta una variazione della convenzione che oggi vieta ad esempio ogni evento sportivo, ha spiegato. "Sono i limiti della burocrazia italica - ha commentato -. In Italia c'è paura di fare scelte coraggiose".
CAMPUS
Santa Marta, completati    <br/>lavori per Università

Santa Marta, completati
lavori per Università

Sarà pronto entro gennaio il nuovo “campus” dell'Università di Verona realizzato all'ex Caserma Santa Marta dove è stato operato un intervento di recupero del complesso edilizio .Si tratta dell'antico stabilimento della Provianda di Santa Marta, costruito dagli austriaci tra il 1863 e il 1865 in un'area in cui, dal 1212, sorgevano una chiesa e l'annesso monastero.Prima dell'annessione di Verona all'Italia (nell'ottobre 1866) lo stabilimento era la base logistica e di rifornimento di pane per tutte le forze asburgiche delle province italiane dell'Impero Austroungarico.I lavori al silos di Ponente sono stati completati nel 2009, ora sono stati ultimati gli interventi di restauro all'ex panificio, dove sorgeranno spazi per studenti, personale docente, ricercatori e personale tecnico-amministrativo.Al piano interrato verranno ricavati otto laboratori didattici; il tutto per una spesa complessiva di 37 milioni di euro, arredi compresi.
LIRICA
Dal Senato un 'aiuto'   <br/>alla Fondazione Arena

Dal Senato un 'aiuto'
alla Fondazione Arena

"Per Verona e' una bella notizia il voto favorevole della Commissione Bilancio del Senato all'emendamento presentato dal Senatore Marcucci del Pd che estende il credito d'imposta per chi sostiene le Fondazioni liriche e i Teatri di tradizione". Lo afferma il deputato del Pd, Gianni Dal Moro, che spiega: "Con questa modifica come affermato dal Ministro Franceschini sarà possibile utilizzare il credito d'imposta del 65% non solo per i finanziamenti a favore della realizzazione di nuove strutture o il restauro di quelle esistenti, ma anche per i finanziamenti alle produzioni di questa importante realtà musicale e artistica". "Questo emendamento che avuto il sostegno del Governo potenzia la portata dell'Art Bonus e fa compiere un ulteriore passo in avanti nel rapporto virtuoso tra pubblico e privato nella cultura avvicinando l'obiettivo dell'autonomia finanziaria delle Fondazioni lirico sinfoniche" aggiunge Dal Moro. "Ora mi auguro - conclude - che le forze economiche, finanziarie e imprenditoriali della nostra città e provincia sappiano cogliere questa grande opportunità per sostenere e rilanciare la nostra Fondazione Arena. E' un'occasione che Verona deve e può cogliere per sostenere uno dei principali motori cultuali e economici della nostra bella Verona".
TASSE
Tasi e Imu, contribuenti  <br/>over 65 pagano entro 31

Tasi e Imu, contribuenti
over 65 pagano entro 31

Il Comune di Verona informa che i contribuenti con più di 65 anni (proprietari della sola abitazione principale e di una pertinenza al 100 o al 50 per cento) che non abbiano ancora ricevuto a casa il modello F24 precompilato per il pagamento della Tasi, in scadenza oggi, possono pagare entro il 31 dicembre senza l’applicazione di sanzioni o interessi di mora per il ritardo. La Giunta comunale ha deciso inoltre che tale possibilità venga estesa a tutti i contribuenti ultra65enni, anche se in possesso di altre unità immobiliari oltre all'abitazione principale: per questi contribuenti sarà dunque possibile versare il dovuto Tasi ed il saldo Imu 2014 entro il 31 dicembre, senza applicazione di sanzioni ed interessi moratori. Se i dati riportati sul modello F24 o sulla scheda contribuente dovessero essere inesatti, si possono contattare gli uffici del settore Tributi ai numeri 045-8079582, o 8077654, oppure recarsi personalmente in via Adigetto 10, orario di apertura al pubblico dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 10.30.

Telenuovo Verona
tasto 11 - oggi in tv

  • Informazione

  • TgVeneto

  • Pomeriggio Hellas - Primavera GialloBlu

  • Informazione

  • Tg Verona

  • Nella rete del serial killer

    drammatico (Usa 2008) di Gregory Hoblit con Diane Lane e Billy Burke
  • Film di seconda serata

  • Informazione

  • Film della notte

L'Opinione
ON AIR
19.12.2014
TgGialloblù
ON AIR
20.12.2014
TgVeneto
ON AIR
20.12.2014
Rosso & Nero
ON AIR
19.12.2014
L'Opinione
ON AIR
19.12.2014
TgVerona
ON AIR
19.12.2014
TgGialloblù
ON AIR
20.12.2014
TgVeneto
ON AIR
20.12.2014
Rosso & Nero
ON AIR
19.12.2014
ON AIR
07.04.2014