FUNERALI
Addio a Giulia e Sonia      <br/>'Un giorno ci rivedremo'

Addio a Giulia e Sonia
'Un giorno ci rivedremo'

Un dolore senza fine. Inconsolabile. Impossibile da descrivere per la mamma e il papà di Giulia De Mori. Perchè in fondo, sopravvivere al proprio figlio è innaturale, inconcepibile. Tutta la comunità di Trevenzuolo stamattina si è stretta intorno a loro, e al piccolo Lorenzo, fratello di Giulia, per l'ultimo saluto alla 19enne, morta nella notte tra domenica a lunedì in un terribile incidente stradale a Povegliano, sulla Provinciale 24. Insieme a lei, a perdere la vita anche Sonia Zanca di Bonferraro, anche lei 19 anni, il cui funerale è stato celebrato oggi pomeriggio a Bonferraro. Unite come sorelle nel cammino di tutti i giorni, legate nella morte. Una cerimonia straziante nella chiesa di Trevenzuolo, stipata in ogni ordine di posto, con molti amici costretti a salutare Giulia da lontano. La domanda che si ripete durante la celebrazione è sempre la stessa: perché?Ma la risposta non c'è. Ci sono solo le testimonianze degli amici che con la voce distorta dal dolore e il viso segnato dal pianto, ricordano la voglia di ballare di Giulia, la sua voglia di cantare a squarciagola, incurante degli sguardi altrui. Testarda, sempre alla ricerca di un abbraccio, una personalità vulcanica. Parole che spingono verso un conforto ancora impossibile da abbracciare.Usano le parole di una canzone dei Modà, gli amici di Giulia. Probabilmente il suo gruppo preferito. Ci aspettiamo ancora di vederti arrivare, dicono tra i singhiozzi. Hai sempre fatto festa, ti sei sempre divertita, continua a farlo, noi lo faremo con te. Nonostante questo vuoto immenso, indescrivibile. Ciao....semplicemente ciao...
FUNERALE
Trevenzuolo in lutto   <br/>per l'addio a Giulia

Trevenzuolo in lutto
per l'addio a Giulia

Chiesa gremita a Trevenzuolo, questa mattina, per i funerali di Giulia De Mori, la 19enne morta nella notte tra sabato e domenica nell'incidente a Povegliano costato la vita anche all'amica e coetanea Sonia Zanca.La chiesa parrocchiale non è riuscita a contenere tutti gli amici accorsi per stringersi attorno alla famiglia di Giulia: c'erano gli ex compagni dell'Istituto "Bolisani" di Isola della Scala, dove in luglio Giulia aveva conseguito il diploma di maturità; gli insegnanti e la comunità di Trevenzuolo, con il sindaco.In paese, proprio di fronte alla casa della ragazza, da poco è andato a vivere il 22enne che era alla guida dell'auto toccata dalla Bmw condotta da un commercialista di Povegliano, che secondo le prime ricostruzioni dei Carabinieri ha invaso la corsia opposta per evitare di investire un gatto.L'uomo al momento è l'unico indagato dalla Procura, che ipotizza l'acusa di omicidio colposo.Invece oggi alle 16 saranno celebrati i funerali di Sonia Zanca, che viveva nella frazione di Sorgà.Sempre nel pomerigigo, alle 15, anche Monteforte d'Alpone si fermerà per l'ultiomo saluto a Valeriano Bolla, il 26enne morto la sera di venersì scorso in sella alla sua moto a poca distanza da casa.
FURTO
Rubano rame, condannati   <br/>ma tornano in libertà

Rubano rame, condannati
ma tornano in libertà

Dopo il furto in appartamento di domenica sera, sventato dalla Polizia, con principale bottino una grossa pentola di rame, l'“oro rosso” è tornato di nuovo protagonista di un nuovo colpo avvenuto questa notte.Come in molti altri casi, fondamentale è stata l’attenzione ed il senso civico di un residente di Via Astico che, notando intorno alle 4 dei movimenti sospetti in strada, si è rivolto prontamente al 113. In particolare, era stato avvistato un individuo che, con dei tubi in spalla, presumibilmente rubati, faceva la spola tra due palazzi.Giunti sul posto e seguendo le indicazioni che il residente continuava accuratamente a fornire tramite la Sala Operativa, gli agenti delle Volanti hanno cominciato a setacciare l’isolato ed in pochi istanti sono riusciti ad scovare un primo ladruncolo, nascosto tra le sterpaglie incolte del cantiere edile e con addosso una minima parte della refurtiva, mentre il complice è stato rintracciato poco dopo, celato tra i cespugli dei giardini del condominio attiguo al cantiere, insieme al resto del rame rubato.Dopo aver recuperato l’ingente quantità di rame trafugato, approssimativamente intorno ai 5 quintali, e aver perquisito l’auto utilizzata dai ladruncoli, una Range Rover con targa irlandese, gli Agenti hanno tratto in arresto due rumeni senza fissa dimora, rispettivamente di 34 e 44 anni.Nel giudizio per direttissima di questa mattina, ai due rumeni sono stati applicati 1 anno e 4 mesi di reclusione e 600 euro di multa, pena sospesa.
RITROVAMENTO
Vigili del fuoco trovano     <br/>cadavere nel Camuzzoni

Vigili del fuoco trovano
cadavere nel Camuzzoni

I Vigili del Fuoco di Verona, coadiuvati dai sommozzatori di Venezia, questa notte alle 3 hanno recuperato un cadavere all'altezza della centrale elettrica di via Basso Acquar. Il corpo era di Francesco Rinaldi, 71 anni, residente a Buttapietra. La segnalazione ai Vigili del Fuoco è arrivata dalla Questura di Verona.
RITROVAMENTO
Vigili del fuoco trovano     <br/>cadavere nel Camuzzoni

Vigili del fuoco trovano
cadavere nel Camuzzoni

I Vigili del Fuoco di Verona, coadiuvati dai sommozzatori di Venezia, questa notte alle 3 hanno recuperato un cadavere all'altezza della centrale elettrica di via Basso Acquar. Il corpo era di Francesco Rinaldi, 71 anni, residente a Buttapietra. La segnalazione ai Vigili del Fuoco è arrivata dalla Questura di Verona.
MIGRANTI
Altri 94 profughi    <br/>in arrivo a Verona

Altri 94 profughi
in arrivo a Verona

Continua ad aumentare di giorno in giorno il cointeingente di profughi a Verona. Sono 457 i migrantiprofughi fatti arrivare oggi in Veneto; la prefettura di Venezia sottolinea che 94 sono stati destinati a Verona, 92 a Padova e altri 92 a Treviso. 89 a Venezia e 90 a Vicenza.
ESEQUIE
Schianto Povegliano,   <br/>domani i due funerali

Schianto Povegliano,
domani i due funerali

Due comunità in lutto domani si fermeranno per l'ultimo saluto alle vittime 19enni dell'incidente nella notte tra sabato e domenica a Povegliano.Alle 10:30 nella chiesa di Trevenzuolo saranno celebrati i funerali di Giulia De Mori, alle 16 a Bonferraro le esequie di Sonia Zanca.Intanto la Procura ha iscritto nel registro degli indagati Marco Bovo, il conducente 45enne della Bmw che si è scontrata con la macchina su cui viaggiavano le due ragazze: è accusato di omicidio colposo.
SANITÀ
Legnago: Nuova Pediatria     <br/>Un sogno lungo 36 anni

Legnago: Nuova Pediatria
Un sogno lungo 36 anni

Se ne parlava nel 1978 a Legnago: unire la pediatria dell'Ospedale all'ostetricia e alla ginecologia, da sempre posizionati su due blocchi diversi. Un progetto che Legnago aspettava da 36 anni, un sogno diventato realtà grazie ad un contributo regionale di 2 milioni di euro contenuto nella delibera che il consigliere dell'Ncd Conta ha consegnato ieri al direttore generale dell'Ulss 21 Massimo Piccoli. "Una grande soddisfazione per noi perchè questa è un'opera che la comunità di Legnago aspettava da tempo e che finalmente realizziamo. Legnago vuole crescere, stiamo diventando una squadra sempre più importante per diventare centro d'eccellenza della sanità veronese e veneta" ha detto il dg dell'Ulss 21. Un grande segnale per l'ospedale legnaghese, sempre più su nella classifica della qualità delle prestazioni erogate. Che ha chiuso il bilancio a meno 500 mila euro, raggiungendo l'obiettivo della perdita programmatica grazie a tagli, in sei mesi, e a una rivisitazione complessiva delle spese per 8 milioni di euro. Un reparto che avrà a capo Federico Zaglia, medico con esperienze internazionali cresciuto nella grande scuola della pediatria di Borgo Trento, diretta da Paolo Biban. Toccherà a lui creare un reparto modello innovativo nelle cure che possa diventare sostegno dei due centri cittadini oltre che punto di riferimento di tutta la bassa, veronese, padovana e rodigina. Lavori che al Mater Salutis potrebbero iniziare già per fine anno, a breve infatti la presentazione dei progetti. Poi dopo 36 anni a Legnago potrà partire l'operazione nuova pediatria.
INDIPENDENZA
Mostra 'patente' veneta,   <br/>denunciato veronese

Mostra 'patente' veneta,
denunciato veronese

I carabinieri della stazione di Tombolo (Padova) hanno denunciato questa mattina un 51enne di Cerea che ha esibito una patente falsa, rilasciata dalla 'Confederazione Veneta'. L'uomo aveva richiesta l'intervento dei militari dopo aver raccontato di essere stato ingiuriato da alcuni cittadini 'di colore'. Nell'atto dell'identificazione l'uomo ha però mostrato la patente falsa. Per giustificarsi ha anche spiegato di essere appartenente alla 'Serenissima Repubblica Veneta' proferendo ingiurie contro lo Stato italiano e le massime cariche dello Stato. L'uomo ha poi raggiunto la caserma in sella alla sua bici che recava un cartello con la scritta "Tanko sì - Indipendenza W.S.M.".
MUNICIPALE
Ubriachi, causano   <br/>due incidenti

Ubriachi, causano
due incidenti

La Polizia municipale di Verona è intervenuta per due incidenti causati dalla guida in stato di ebbrezza dei conducenti: un tamponamento in via Dal Cero e un frontale in via Castel San Felice.In via Dal Cero il conducente di una Land Rover Sport, risultato positivo all’alcoltest con valori molto al di sopra del consentito, ha tamponato una Peugeot: l’automobilista è stato denunciato per guida in stato di ebbrezza e la Land Rover è stata posta sotto sequestro. Il successivo incidente è avvenuto in via Castel San Felice, dove un autocarro che procedeva in salita si è scontrato frontalmente con una Volkwagen Tiguan che stava scendendo. Il conducente dell’autocarro, anch’esso denunciato per guida in stato di ebbrezza, è risultato positivo all’alcoltest con valori di 2,64 grammi per litro di sangue, a fronte di un limite massimo ammesso di 0,5. Entrambi gli incidenti fortunatamente non hanno riportato feriti.
FURTI
Razzia di profumi,    <br/>arrestate cinque madri

Razzia di profumi,
arrestate cinque madri

Cinque donne romene sono state arrestate dai Carabinieri della stazione di Bussolengo con l'accusa di furto aggravato. In manette sono finiste cinque madri di famiglia, tutte ultraquarantenni, lavoratrici stagionali in agricoltura, che prima di tornare in patria hanno fatto incetta di cosmetici al centro commerciale Auchan. La loro intenzione era di portare regali ai parenti al ritorno in patria. Le donne però sono state sorprese dalla vigilanza privata che ha allertato i Carabinieri è scattato l'arresto in flagranza. All'udienza di convalida il giudice ha condannato le donne a sei mesi di carcere, con sospensioone della pena.
INCENDIO
Auto in fiamme  <br/>al casello di Vr Nord

Auto in fiamme
al casello di Vr Nord

Vigili del fuoco impegnati nei pressi del casello di Verona Nord per spegnere l'incendio ad un'auto.La centrale del 115 è stata allertata da alcuni automobilisti che hanno anche inviato immagini dell'auto in fiamme; la situazione comunque si presenta sotto controllo e non si segnalano problemi a persone, anche se il traffico procede molto a rilento.
CONTROLLI
Piazza Erbe, irregolari    <br/>18 banchi su 30

Piazza Erbe, irregolari
18 banchi su 30

Sono state 30 le postazioni di vendita controllate dalla Polizia municipale durante la scorsa settimana al mercato di piazza delle Erbe, con verifiche su autorizzazioni e documentazione amministrativa, attività e modalità di vendita, correttezza della merceologia esposta, rispetto delle disposizioni inerenti il decoro del mercato e l’occupazione di suolo pubblico con ombrelloni aggiuntivi non consentiti. Diciotto le violazioni complessivamente accertate: 14 per vendita di articoli non previsti nel regolamento e per esposizione di merci sul banco con modalità non consentite; 4 per occupazione abusiva di suolo pubblico con ombrelloni aggiuntivi. L’ammontare complessivo delle sanzioni inflitte è pari a circa 12.900 euro. I controlli proseguiranno anche nelle prossime settimane.
PERICOLO
Casa di Giulietta libera    <br/>dal peso dei lucchetti

Casa di Giulietta libera
dal peso dei lucchetti

Migliaia di lucchetti dell'amore avevano messo in pericolo a Verona i cancelli in ferro della casa di Giulietta. Per evitare crolli pericolosi sui turisti che affollano il cortile gestito dal Teatro Stabile di Verona quest'ultimo oggi ha deciso di liberarsi dalle 'catene'. Per eseguire meglio l'operazione le cancellate sono state rimosse facendo così seguito alle "pulizie straordinarie" di tutti i lucchetti in città volute dal comando di polizia municipale. Proprio il Comune la scorsa settimana aveva proceduto a ripulire le pareti della Casa di Giulietta su cui centinaia di migliaia di turisti lasciano scritte e anche oggetti di dubbio gusto, come i cerotti e addirittura salvaslip.
TRAGEDIA
Morte in incidente, sono         <br/>di Trevenzuolo e Sorgà

Morte in incidente, sono
di Trevenzuolo e Sorgà

Sono Giulia De Mori, di Trevenzuolo, e Sonia Zanca di Bonferraro (frazione di Sorgà) le 19enni morte nell'incidente avvenuto questa notte verso le due a Povegliano.Le due ragazze stavano tornando da una serata trascorsa con due amici, uno di loro era alla guida e per cause in corso di accertamento da parte dei Carabinieri della Compagnia di Villafranca, l'auto su cui viaggiavano è andata a schiantarsi contro la Bmw guidata da un 45enne di Povegliano, Marco Bovo.Le due giovani, che erano sul sedile posteriore, sono morte sul colpo, mentre il conducente, Diego Menozzi (vicino di casa di Giulia De Mori), 22 tra pochi giorni, è stato trasportato all'ospedale ma è già stato dimesso.Le ragazze avevano passato la serata a Isola della Scala, per l'inaugurazione di un locale, l'incidente è avvenuto mentre si stavano dirigendo a Villafranca per mangiare una piadina.Le cause del tragico schianto sono al vaglio dei carabinieri, è stato riferito che il conducente della Bmw ha invaso la corsia opposta dopo una manovra azzardata per evitare un animale che gli avrebbe attraversato la strada.
INCIDENTE
Schianto in auto,   <br/>muoiono due 19enni

Schianto in auto,
muoiono due 19enni

Due ragazze di 19 anni hanno perso la vita in un incidente avvenuto a Povegliano.Secondo una prima ricostruzione le due giovani viaggiavano sul sedile posteriore di un’auto che è uscita di strada dopo avere compiuto una manovra per evitare un ostacolo, forse un animale.

Telenuovo Verona
tasto 11 - oggi in tv

  • Informazione

    Studionews
  • Rosso & Nero

  • TgVeneto

  • Studionews

    rubrica
  • L'Opinione

  • TgVerona

    all'interno il TgGialloblu
  • In caso di disgrazia - il cliente

    drammatico (Francia 1998) di Pierre Jolivet con Gérard Lavin e Carore Bouquet
  • Film di seconda serata

  • Informazione

    TgVerona, TgGialloblu
  • Film della notte

L'Opinione
ON AIR
17.09.2014
TgGialloblù
ON AIR
18.09.2014
TgVeneto
ON AIR
17.09.2014
Rosso & Nero
ON AIR
17.09.2014
L'Opinione
ON AIR
17.09.2014
L'Opinione
ON AIR
17.09.2014
TgVerona
ON AIR
17.09.2014
TgGialloblù
ON AIR
18.09.2014
TgVeneto
ON AIR
17.09.2014
Rosso & Nero
ON AIR
17.09.2014
ON AIR
07.04.2014

BPV MUTUO YOU

 

 



auditeL agosto 2014 telenuovo


I nuovissimi

I più visti della settimana

TELENUOVO TGGIALLOBLU

Studionews Rete Nord Pubblicità