Ritrovato a Dolcè uomo   <br/>scomparso ieri da casa

Ritrovato a Dolcè uomo
scomparso ieri da casa

È stato ritrovato oggi pomeriggio in buone condizioni, ma in stato confusionale, E.M. 45 anni, di Sant'Anna d'Alfaedo di cui non si avevano più notizie da ieri mattina, quando era stato visto l'u...

MEDICINA
Medicina Oggi, puntata   <br/>sul rene e il caldo

Medicina Oggi, puntata
sul rene e il caldo

In estate è fondamentale bere acqua. Anche se non si ha sete. Altrimenti, specie gli anziani, rischiano di andare incontro a problemi seri ai reni. Se ne parlerà nella prossima puntata di Medicina Oggi, lo speciale di Telenuovo che ha questa volta ospite il prof. Antonio Lupo, numero uno della nefrologia veronese. Il rene dell'anziano, anche quando sta bene, non è un rene giovane capace di adattarsi a problemi di disidratazione o di pressione. Non è un caso infatti che la maggiorparte di insufficenze renali acute, il quadro più grave dei danni regali, si verificano proprio in soggetti anziani. E l'estate è il periodo più difficile dell'anno. L'intera intervista al prof. Lupo andrà in onda domani sera, alle 20.05 e domenica alle 12.40 nel corso di "Medicina Oggi".
LIBRI
'All'armi siam leghisti'  <br/>Domani Salvini a Verona

'All'armi siam leghisti'
Domani Salvini a Verona

Il segretario della Lega Nord Matteo Salvini sarà domani sera a Bovolone, all'Hotel-Ristorante "Da Gianni", per la presentazione del libro "All'armi siam leghisti", come e perchè Matteo Salvini ha conquistato la destra, scritto dal giornalista Antonio Rapisarda. Tra gli ospiti oltre a Salvini e Rapisarda l'eurodeputato leghista Lorenzo Fontana e il giornalista Pietrangelo Buttafuoco. Inizio ore 21.
LESSINIA
L'85° Rav di Montorio al     <br/>l'ecomuseo delle trincee

L'85° Rav di Montorio al
l'ecomuseo delle trincee

Toccare con mano un pezzo di storia. Camminare tra le pareti di quelle «case» di roccia e fango che hanno vissuto le angosce e le speranze di giovani uomini, proprio come loro. In occasione del Centenario della Grande Guerra, la sezione scaligera dell'Associazione Nazionale Alpini e il suo circolo culturale "M.Balestrieri" hanno organizzato una gita particolare per gli uomini dell'85° Reggimento Addestramento Volontari "Verona". Sabato mattina una delegazione del Reggimento, attualmente comandato dal Colonnello Marco Simonini, visiterà l'Ecomuseo delle trincee della Lessinia, inaugurato ad agosto dello scorso anno dopo i lavori di restauro curati da circa 200 volontari coordinati da Flavio Melotti, consigliere della sezione veronese dell'ANA e ideatore del progetto. Ben 100 volontari in ferma annuale del primo blocco 2015, accompagnati dal Capitano Pierluigi Signor, potranno percorrere le trincee di Malga Pidocchio, prendendo coscienza di come fossero le «case» dei soldati dell'epoca. Ad accompagnarli, oltre a Melotti, ci saranno anche gli alpini del Gruppo Storico VI° Alpini battaglione «Verona» con le divise e le buffetterie dell'epoca. Sarà Melotti a illustrare le peculiarità dei camminamenti e dei manufatti utilizzati per proteggere i soldati dagli attacchi nemici, con i gradini di sparo e le cartucciere in parete recuperate dopo anni di abbandono. Un progetto che la sezione veronese dell'ANA con il presidente Luciano Bertagnoli e il suo predecessore Ilario Peraro, ha sposato fin da subito coinvolgendo tutti i propri associati nelle varie riunioni di zona e di gruppo. Nonostante la Lessinia non sia stata un teatro di guerra nel conflitto del '15-'18, anche sui monti veronesi è risuonato il rumore dei cannoni. «Tutto il sistema viabilistico degli alti pascoli che conosciamo ancora oggi, è stato creato proprio in quegli anni, con il fondamentale contributo anche delle donne - spiega Melotti -. È importante conoscere la propria storia, per evitare di commettere gli errori del passato». Un messaggio che la sezione veronese dell'ANA tramanda anche ai numerosi gruppi scolastici che in questi mesi visiteranno l'Ecomuseo.
AMBIENTE
Stop ai cartoni selvaggi  <br/>Amia potenzia raccolta

Stop ai cartoni selvaggi
Amia potenzia raccolta

In centro storico non ci saranno più pile di cartone fuori dai negozi. Lo ha deciso Amia che per risolvere la questione, anche da un punto di vista di decoro urbano, ha potenziato il sistema di raccolta del cartone. Come? Facendo girare lungo le vie del centro, sette giorni su sette, 365 giorni l’anno, questo camionicino dedicato esclusivamente a questo servizio. Gli imballaggi quindi non saranno più di intralcio, soprattutto in quelle strade come via Mazzini, Via Cappello e Corso Santa Anastasia, ma anche piazza Bra e piazza Erbe, dove è intenso il passaggio di turisti."Gli imballaggi - spiega il presidente di Amia, Andrea Miglioranzi - non devono essere esposti prima del passaggio del nostro operatore ma contemporaneamente al suo transito nei pressi dell’attività. Il servizio è attivo anche di domenica perché abbiamo tenuto conto delle aperture domenicali".Il rinnovato servizio di raccolta del cartone è in funzione dallo scorso 4 maggio dalle 8 alle 16 e ogni zona del centro storico ha un orario prestabilito per la consegna degli imballaggi. "L’impegno prioritario di Amia – prosegue – è quello di garantire e assicurare alla nostra meravigliosa città pulizia, igiene e decoro. Grazie ad una serie di servizi attivati, anche recentemente, come questo della raccolta domiciliata su segnalazione, è riconosciuta a livello nazionale come una delle città più pulite".
Bollani, Zilli, Smith:   <br/>Verona Jazz e Rumors

Bollani, Zilli, Smith:
Verona Jazz e Rumors

Sono stati presentati questa mattina dal consigliere comunale incaricato alla Cultura i festiva...

AGRICOLTURA
Banca Popolare, 20 mln   <br/>per danni grandine

Banca Popolare, 20 mln
per danni grandine

In seguito al maltempo che ha colpito duramente questa settimana le Aziende Agricole della provincia di Verona, la Banca Popolare di Verona (Gruppo Banco Popolare) offre un concreto supporto alle imprese che hanno subito danni, mettendo a disposizione un plafond complessivo di 20 milioni di euro a tassi di particolare favore.I finanziamenti speciali concessi sono destinati a far fronte ai danni subiti sulle colture e attrezzature funzionali alla normale attività, al fine di permettere quanto prima il ripristino della stessa.«Era necessario intervenire tempestivamente per sostenere un comparto che già l’anno scorso ha risentito delle pessime condizioni climatiche. – spiega Giordano Simeoni Responsabile della Direzione della Banca Popolare di Verona – un modo concreto per rimanere al fianco delle imprese del primo settore che conferma l’attenzione del nostro Istituto verso le emergenze del territorio».
STUDIO
Banca di Verona, bando  <br/>per 59 borse di studio

Banca di Verona, bando
per 59 borse di studio

Banca di Verona Credito Cooperativo di Cadidavid ha aperto il bando di concorso per le borse di studio riservate ai figli dei propri soci o clienti. Quest'anno a questa iniziativa l'istituto di credito ha destinato 24.950 euro, grazie ai quali verranno erogati assegni destinati a ben 59 studenti meritevoli che si saranno diplomati o laureati. Per chi termina il ciclo di studi superiori, ed è già cliente o lo diventa entro il 30 giugno, sono destinati premi che vanno da 200 a 250 euro, per chi consegue nei prossimi mesi la laurea di primo livello gli assegni vanno da 300 a 400 euro, per chi invece ottiene la laurea di secondo livello hanno un minimo di 500 euro ed un massimo di 700. Tutte le informazioni sono disponibili sul sito www.bancadiverona.it
SERVIZI SOCIALI
Al Bano lunedì a Verona  <br/>per la Le.Viss

Al Bano lunedì a Verona
per la Le.Viss

Lunedì (inizio ore 9) al Circolo Ufficiali di Castelvecchio l'appuntamento con “C.S.E. a scuola” giornata conclusiva della quarta edizione del progetto di sensibilizzazione al dono di cellule staminali emopoietiche promosso dall’associazione Leucemia Vissuta - LE.VISS. All’incontro, ad ingresso libero ed aperto a tutta la cittadinanza, sarà presente come ospite d'onore Albano Carrisi. La leucemia è una tra le prime malattie che sono state curate con l’utilizzo di cellule staminali, ottenute mediante trapianto di midollo osseo che contiene le cellule staminali del sangue. Sostenere attivamente la ricerca e la conoscenza di questa malattia è l’obiettivo principale del progetto che, sulla base dell’esperienza raccontata nel libro “Ha ragione Vincenzo”, punta ad accrescere il coinvolgimento e l’interesse dei giovani sul problema.
Verona, la Spagna    <br/>è più vicina

Verona, la Spagna
è più vicina

Verona da vivere per lavoro o per svago. La Camera di Commercio, l’Aeroporto Valerio Catullo e ...

COMUNE
Burraco, il 27 il 10°   <br/>torneo per i quartieri

Burraco, il 27 il 10°
torneo per i quartieri

Mercoledì 27 maggio, alle ore 15, al Circolo Ufficiali di corso Castelvecchio, si svolgerà il decimo e ultimo Torneo di Burraco per i quartieri. L’iniziativa è promossa dall’assessorato al Decentramento del Comune, in collaborazione con “Circolo Burraco Victoria” e “Circolo Cittadino Verona Bridge”, con la finalità di sostenere i progetti socio-sanitari delle organizzazioni di volontariato cittadine: Lilt, Abeo, gruppo sostegno Dba, Caritas baby hospital. In particolare, la raccolta fondi del 10° Torneo sarà devoluta a Caritas baby hospital. Le iscrizioni, con quota individuale di 5 euro, si possono effettuare preventivamente, chiamando il numero 349-3192927 dalle ore 9 alle 18, o direttamente in sala, prima dell’inizio del torneo, fino ad esaurimento dei posti disponibili.
REGIONALI
Firme false Forza Nuova  <br/>Indaga Procura Venezia

Firme false Forza Nuova
Indaga Procura Venezia

Firme false per appoggiare la lista elettorale di Forza Nuova: la Procura di Venezia ha aperto un fascicolo sulla base della segnalazione pervenuta dalla Commissione elettorale. Nei giorni scorsi, come riporta il Gazzettino, il sostituto procuratore Walter Ignazitto ha fatto porre sotto sequestro tutta la documentazione utile, con l'obiettivo di accertare eventuali reati, come la violazione di quanto previsto nella legge elettorale. Le firme ritenute false appartengono a decine di avvocati del Foro di Venezia, i cui nominativi sarebbero stati utilizzati all'insaputa dei diretti interessati. Ad insospettirsi è stato il cancelliere del Tribunale incaricato di raccogliere le liste dei vari movimenti politici. Ha incrociato i legali nei corridoi del Palazzo di giustizia e ha chiesto loro conferma. Accertato che non sapevano nulla delle firme e che anzi molti di loro hanno esplicita simpatia per partiti di segno opposto, ha segnalato la circostanza, facendo aprire l'inchiesta. Il magistrato avrebbe già raccolto il nominativo della persona che ha autenticato le firme a Portogruaro. La lista di Forza Nuova non è stata ammessa alle elezioni regionali dalla Commissione elettorale perchè quest'ultima ha ritenuto non valide 800 delle circa 1800 firme presentate.
CRONACA
Mortale Dolcè, vittima  <br/>studiava a Verona

Mortale Dolcè, vittima
studiava a Verona

Studiava a Verona ed era una stella del tamburello Alice Magnani, la ragazza trentina di 22 anni morta ieri sera in un tragico incidente sulla statale del Brennero, a Dolcè. Poco dopo le 20, in prossimità di una semicurva, la Hyunday Getz su cui viaggiava la giovane si è scontrata frontalmente con una Bmw. Sulla zona al momento dell'incidente pioveva e l'asfalto era viscido per la pioggia. Nell'impatto la ragazza è morta sul colpo e i Vigili del Fuoco hanno potuto solo estrarre il corpo dalle lamiere. Alice Magnani frequentava l'Università di Scienze Neurologiche a Verona e giocava invece vicino a casa, a Sabbionara. Pur affetta da una malattia invalidante aveva vinto molti titoli e nel 2013 aveva ricevuto anche la medaglia d'oro al valore sportivo.
PROTESTA
Sky esclude Morosin,  <br/>sciopero dalla fame

Sky esclude Morosin,
sciopero dalla fame

Michele Favero, primo consigliere di Indipendenza Veneta, Cesare Busetto e Andrea Iacopini, rispettivamente vice primo consigliere e responsabile comunicazione per i contenuti digitali del movimento, dopo l’esclusione del loro candidato governatore per il Veneto Alessio Morosin dal confronto in programma questa sera a Sky Tg 24, ma in generale per la disparità di trattamento della maggior parte degli organi di stampa regionali, dal pomeriggio hanno iniziato lo sciopero della fame.Mentre una rappresentanza di Indipendenza Veneta si sta preparando a manifestare in maniera assolutamente pacifica questa sera in Piazza Ferretto a Mestre, bavaglio alla bocca e cartelli di protesta, Alessio Morosin è partito alla volta degli studi di Sky Tg 24 a Milano: “Busserò e chiederò di entrare, se non lo faranno, invito tutti i media, giornali esteri in primis, a una conferenza stampa”.
REGIONALI
Anche candidati veronesi <br/>a Vicenza da Renzi

Anche candidati veronesi
a Vicenza da Renzi

Il premier anticipa di qualche giorno la fine del tour di Moretti nei comuni capoluogo (la candidata del Partito Democratico toccherà Verona lunedì 25) e lancia la volata finale in una grande manifestazione regionale organizzata a Vicenza, dando la carica ai suoi "Se facciamo 6 a 1 ho detto ero contento in quanto avremmo recuperato 2 regioni rispetto a prima: ma non ho mai detto che qui non ce la faremo. Mi auguro anzi credo che alla fine faremo 7 su 7. E non parliamo male di Zaia, parliamo dei nostri programmi: noi siamo l'Italia che prova a trovare soluzioni, non siamo l'Italia che grida arrabbiata". Presenti per il Pd veronese Silvio Gandini e la capolista Anna Maria Bigon che, di ritorno da Vicenza, commenta "Vincere in Veneto e' possibile. Sono ancora più convinta, dopo l'incontro con il premier, che la vittoria in regione sia a portata di mano. Il Governo sta lavorando molto: riforme, ripresa economica e lavoro restano i nostri obiettivi. Eppoi abbiamo Alessandra Moretti, che ha dimostrato competenza, generosità e capacità in una campagna elettorale straordinaria che ha toccato tutti i comuni del Veneto. Insieme possiamo farcela".
REGIONE
Scontro Tosi-Zaia   <br/>sulla sanità veneta

Scontro Tosi-Zaia
sulla sanità veneta

Scontro sui numeri della sanità veneta tra i candidati alla presidenza della Regione Veneto, in particolare tra Luca Zaia e Flavio Tosi, in un confronto a quattro su Sky al quale hanno partecipato anche Alessandra Moretti e Jacopo Berti. Per Zaia i dipendenti che gravitano attorno al mondo della sanità sono 95.300, un comparto che non applica ticket regionali, l'irpef regionale e che ha abbattuto le liste di attesa per visite ed esami. "Siamo la sanità - ha detto - più virtuosa" con un bilancio in attivo e un potere di attrazione nei confronti dei pazienti di altre regioni. Numeri diversi quelli riportati da Tosi. "I dipendenti - ha precisato - sono 60.000, gli ospedali 49 e non 75 e il tasso di ospedalizzazione è di 7 giorni, ma si tratta della stessa media nazionale". Per migliorare la sanità la ricetta del sindaco di Verona è quella di risparmiare risorse attraverso la razionalizzazione dell'apparato burocratico.
CRONACA
A22, ladri inseguiti    <br/>a folle velocità

A22, ladri inseguiti
a folle velocità

Folle inseguimento sulla A22 lungo la carreggiata sud. Una banda di topi d'appartamento che nella notte ha messo a segno almeno due furti in altrettante abitazioni a Bressanone è stata intercettata e inseguita dalla Polizia. L'allarme per il personale della Stradale di Trento è scattato dopo una segnalazione di una Bmw X5 in viaggio a velocità sostenuta verso TrentoGli agenti si sono subito mobilitati, intercettando il Suv all'altezza di San Michele all'Adige: ma alla vista della pattuglia gli uomini a bordo della Bmw anziché fermarsi hanno pigiato ancor più sull'acceleratore, dando il là ad un inseguimento durato oltre un centinaio di chilometri.Di fronte al persistere dei fuggitivi, lanciati a velocità folle, la Stradale di Trento ha allertato i colleghi di Verona, che si sono mobilitati intercettando a loro volta la vettura.I ladri, vistisi a questo punto braccati hanno preferito abbandonare la macchina e tentare la fuga a piedi tra i campi. Hanno così bloccato la vettura in corsia di sorpasso, scendendo e fuggendo: due dei tre occupanti sono riusciti a far perdere le loro tracce, mentre il conducente è stato bloccato dagli agenti, dopo una colluttazione nella quale un poliziotto è rimasto contuso: si tratta di un 21enne moldavo irregolare in Italia e senza fissa dimora. Per di più, anche senza patente.A bordo dell'X5, risultata poi rubata in una delle case visitate dalla banda a Bressanone, è stato trovato anche il resto della refurtiva: preziosi, ma anche motoseghe ed altri attrezzi da giardinaggio, due biciclette e addirittura carne congelata.Il 21enne è stato trasferito a Trento dove gli sono stati contestati i reati di ricettazione, guida senza patente, lesioni, dopodiché è stato arrestato e condotto in carcere a Verona.
INCIDENTE STRADALE
Dolcè, tragico frontale  <br/>morta ragazza 22enne

Dolcè, tragico frontale
morta ragazza 22enne

Poco dopo le ore 20 di giovedì 21 maggio, i vigili del fuoco sono intervenuti per un grave incidente stradale lungo la SS 12 nel comune di Dolcè. L’incidente ha coinvolto due autovetture in Via Brennero, purtroppo a causa dello scontro una giovane ragazza 22enne della provincia di Trento ha perso la vita. I vigili del fuoco di Bardolino accorsi sul posto hanno estratto dalle lamiere dell’automobile la vittima. L’intervento è tuttora in corso per la messa in sicurezza dei veicoli e del luogo. Sul posto il 118 e la polizia stradale per la ricostruzione della dinamica dell’incidente.
DROGA
34enne stroncato     <br/>da overdose eroina

34enne stroncato
da overdose eroina

La droga torna ad uccidere a Verona. Un 34enne è stato stroncato da un'overdose di eroina. Il corpo dell'uomo è stato notato da un passante nella zona dei bastioni di Porta Palio, l'area dell'ex zoo in Circonvallazione Oriani; sul posto sono intervenuti i Carabinieri.
INCIDENTE
Guasto al paracadute    <br/>Muore giovane militare

Guasto al paracadute
Muore giovane militare

Era di stanza a Montorio, al 4° Reggimento Alpini Paracadutisti, il caporalmaggiore Fabio Comini, 26 anni, marchigiano, morto oggi durante un'esercitazione alla Folgore di Pisa. Aveva al suo attivo una 30a di lanci e missioni in AfghanistanA provocare il drammatico incidente, accaduto verso le 12, è stata la mancata apertura del dispositivo di emergenza del paracadute in dotazione al militare
ALLERTA METEO
Maltempo, allagamenti     <br/>ad Asparetto di Cerea

Maltempo, allagamenti
ad Asparetto di Cerea

Vale fino alle 24 di oggi l'allerta meteo emessa ieri dal centro funzionale decentrato della Protezione Civile regionale per il maltempo. Le piogge intense del pomeriggio hanno causato sinora fortunatamente pochi disagi: ad Asparetto di Cerea, due strade in prossimità della campagna si solo allagate e sono state chiuse dai Vigili Urbani.
CRIMINALITA'
Furti senza fine   <br/>Rabbia in Valpolicella

Furti senza fine
Rabbia in Valpolicella

Da qualche tempo la vita nella Valpolicella è diventata difficile. C’è paura e un senso di insicurezza dilagante, nonostante la presenza delle forze dell’ordine e i pattugliamenti anche notturni. Un ricorso a inferriate, allarmi, telecamere, sistemi vari senza precedenti per proteggersi dai ladri mai così scatenati come nell’ultimo periodo. Proprio per questo la gente della Valpolicella, e dunque Negrar, Corrubio, San Pietro in Cariano e zone limitrofe ha formato un gruppo su Facebook “Stop ai ladri!” Furti in Valpolicella. Gli utenti iscritti sono più di 3500 con la possibilità di segnalare eventuali movimenti o persone sospette. A nessuno piace parlare di Ronde, o giustizia privata, piuttosto di cittadini volontari stanchi di una situazione che non sembra avere fine.
SFILATA DI MODA
Serata di moda  <br/>Sanmicheli in passerella

Serata di moda
Sanmicheli in passerella

Hanno vissuto un anno difficile per il brutto incidente sull’A4 durante una gita lo scorso Marzo ma adesso è il momento di festeggiare perché il brutto momento è alle spalle. L’Istituto SanMicheli si è presentato colorato a festa nella splendida cornice del Giardino Giusti per la tradizionale sfilata che ha coinvolto undici classi dell’indirizzo moda. Undici temi diversi per l’appunto dalle prime alle quinte che hanno portato sul palco 80 abiti. Mesi e mesi di duro lavoro fatto di progetti, tagli, tessuti, cuciture e infine produzione. Hanno lavorato e poi sfilato, loro stessi, ragazzi e ragazze e il pubblico ha apprezzato notevolmente. Una serata voluta fortemente e preparata nei minimi dettagli, tecnici e non solo. E poi loro, i protagonisti, visibilmente emozionati hanno rotto il ghiaccio una volta saliti sul palco. L’attesa ha lasciato spazio alla spontaneità, ai colori, alla musica. Un modo per gettare alle spalle un annata complicata e fare festa in grande stile.
VIOLENZA
Baby gang pesta 23enne     <br/>arrestati tre minorenni

Baby gang pesta 23enne
arrestati tre minorenni

Giovanissimi, violenti, spregiudicati e senza alcun rispetto per la legge. E’ lo spietato identikit di tre ragazzini, due diciassettenni e una quindicenne, membri di una baby gang arrestata dai carabinieri di Verona. Due originari del nord Africa e uno del Ghana, ma italiani a tutti gli effetti, essendo figli di immigrati e nati nel nostro paese. Sono accusati di rapina aggravata e lesioni personali per aver picchiato e derubato un 23enne, fuori dalla discoteca Alter Ego, sulle Torricelle. Accade tutto tra sabato e domenica scorsi, alle 4 del mattino. La vittima, ubriaca, esce dal locale e per smaltire la sbornia decide di coricarsi su questa panchina. Improvvisamente si sente frugare nelle tasche e attorno a se nota 4/5 giovani che lo stanno derubando di orologio, portafogli e telefonino. Il ragazzo, seppur stordito, tenta di reagire ma è in quel momento che scatta violenta l’aggressione, durata almeno un paio di minuti. Volano calci, pugni e schiaffi a ripetizione. Dopo aver picchiato il giovane, la baby gang si nasconde dentro ad un boschetto e quindi se ne va come se nulla fosse lungo la strada. Li ad aspettarli ci sono però i carabinieri che fanno scattare le manette.Il 23enne picchiato, infatti, aiutato da un amico, riconosce i suoi aggressori e tenta anche di prendere la sua rivincita. Ma i militari evitano che la zuffa degeneri ulteriormente. All’appello, però, mancano ancora un paio di complici. I tre delinquenti della baby gang vengono portati in carcere a Treviso. Il giudice convalida l’arresto e dispone per i due maschi l’affidamento in due comunità di Verona e San Bonifacio. Nonostante sia la più piccola, solo 15 anni, la ragazzina rimane invece in carcere perchè il giudice vede nella sua aggressività, acuita dall’uso di droga, un serio pericolo di reiterazione del reato e quindi un potenziale rischio per la società. All’arrivo in carcere la baby criminale non trova di meglio da fare che prendere a calci due agenti di polizia penitenziaria"Sono dei minorenni, è vero - ha spiegato il capitano Luca Mariano, comandante del Norm dei carabinieri di Verona - ma non bisogna esitare nel chiamarli delinquenti, perchè è ciò che sono. Come sottolineato da voi, la ragazzina, che riteniamo essere la mente del gruppo, una volta arrivata al carcere di Treviso ha creato non pochi problemi agli agenti. Ecco perchè dei tre è l'unica ad essere ancora dentro".Messi insieme, i tre hanno una lunga sfilza di precedenti, da far impallidire i peggiori criminali: rapina, lesioni, furto aggravato, ricettazione e violenza sessuale.
POLITICA
Veneto partita difficile   <br/>ma Pd vuole vincere

Veneto partita difficile
ma Pd vuole vincere

"Veneto è la partita più difficile" ma il Pd "è in un a fase che non vuole perderne una": lo ha detto Matteo Renzi, oggi a Vicenza per un incontro elettorale a sostegno di Alessandra Moretti. Renzi ha esordito dicendo "siamo un partito di fantasisti. Mi chiamano dal Veneto dicendo che qua sono convinti che si vince 6 a 1. Non puoi dirlo, ma io ho detto che se da tre passano a uno sono contento. Alessandra ha la partita più difficile, magari poi si perde in toscana non so. È normale che questa sia una partita molto complicata".
POLITICA
Salvini: Io squallido?   <br/>Renzi complice

Salvini: Io squallido?
Renzi complice

"Renzi dice che io sono squallido sul tema dell'immigrazione? Se sono questi gli argomenti che usa per vincere in Veneto vuol dire che è alla canna del gas... Ma se io sono squallido lui è totalmente incapace o complice, decida la gente cosa è meglio". Lo ha detto Matteo Salvini a radio Padania.
REGIONALI
Moretti: Voglio essere     <br/>il sindaco del Veneto

Moretti: Voglio essere
il sindaco del Veneto

"Voglio essere il sindaco del Veneto, non la presidente del Veneto, anche perché i primi cittadini saranno i miei primi interlocutori". A dirlo Alessandra Moretti, candidata per il centrosinistra alla guida del Veneto, nel corso dell'incontro a Vicenza con Matteo Renzi. Moretti ha ricordato che nel corso della campagna elettorale è andata "in tutti gli oltre 570 comuni del Veneto, mi mancano solamente i principali 4 capoluoghi di provincia. Ho iniziato lo scorso 16 gennaio, all'inizio sembrava una missione impossibile invece ce l'ho fatta". "Un giornale ha scritto che sono sola - ha aggiunto - invece in questi mesi ho ricevuto tanti abbracci e dimostrazioni di affetto". "In questo periodo - ha spiegato Alessandra Moretti - mi sono caricata sulle spalle la delusioni dei veneti e delle venete. Ma questa nostra sfida è rivolta ai giovani, soprattutto a quelli che cercano un lavoro e che sognano una casa e una famiglia, in una parola una speranza". "Se riparte il Veneto - ha concluso, riferendosi al comparto economico - riparte anche l'Europa, questa è sempre stata una regione punto di riferimento non solo a livello nazionale. Dopo 20 anni di promesse non mantenute è ora di cambiare".
MOSTRA
Dario Fo pittore     <br/>racconta Maria Callas

Dario Fo pittore
racconta Maria Callas

Si aprirà domani ad AMO Arena Museo Opera di Verona la mostra "Dario Fo dipinge Maria Callas". Fino al 27 settembre saranno esposte le opere realizzate dal Premio Nobel tra il 2013 e quest'anno e dedicate al grande soprano, che debutto nel 1947 proprio all'Arena di Verona. "Mi definisco un attore dilettante e un pittore professionista" ha detto Dario Fo che alla pittura ha dedicato gran parte delle sue energie. La mostra, promossa dalla Fondazione Arerna di Verona con il patrocinio del Comune e organizzata da Arthemisia Group, propone 70 opere raccontate dai visitatori dallo stesso Dario Fo, che sala dopo sala rivela i retroscena che hanno ispirato le sue opere. Attraverso un percorso cronologico che ripercorre di anno in anno gli avvenimenti della vita della Callas, il Premio Nobel cede alla tentazione di raccontare la Diva, ironica e sarcastica qual era, narrando come nel quadro "I Ravanelli" il celebre episodio in cui sul palco della Scala, al termine di una ripresa di "Traviata", nel dicembre 1954."Le fu lanciato - ha spiegato Dario Fo - in segno di disapprovazione un mazzo di ravanelli da un ammiratore di Renata Tebaldi. A causa della miopia Maria Callas scambiò i ravanelli per fiori che raccolse con gratitudine inchinandosi in segno di riconoscenza, e solo successivamente li addentò in segno di scherno". Dario Fo, che l'anno prossimo compirà 90 anni, ritrae anche il leggendario dimagrimento del soprano greco, attraverso una serie di dipinti, come "Allegoria dei viaggi di Gulliver", nel quale la Callas è presentata nei panni di una gigantessa, e poi "Alla fine del dimagrimento". In "Isola di Torcello" Fo racconta attraverso la tela una gita organizzata da Titta Meneghini per conquistare la giovane appena arrivata in Italia dall'America, mentre in "Maria e Meneghini - Ormai eravamo amanti" rievoca la vita sentimentale del futuro marito. Nel quadro "Maria e Aristotele si amano" viene dipinta la tragica passione per l'armatore greco Aristotele Onassis, passando per l'incontro con Luchino Visconti in una biografia a colori che offre un resoconto della storia delle lirica del Novecento. Il Premio Nobel omaggia infine anche Verona: numerose le opere nelle quali è riprodotta l'Arena.
CELEBRAZIONI
Domani in Questura   <br/>la Festa della Polizia

Domani in Questura
la Festa della Polizia

Domani in Questura di Verona, si terrà la celebrazione per il 163° anniversario della fondazione della Polizia di Stato.Alla presenza del Questore Gagliardi, delle massime autorità cittadine e dei familiari delle Vittime del Dovere, sul piazzale esterno della Questura 10.00 avrà luogo la cerimonia di deposizione di una corona di alloro, in onore dei Caduti della Polizia di Stato.La cerimonia proseguirà poi all’interno dell’Aula Magna “Giuseppe Cimarrusti” con il saluto del Questore e la premiazione dei poliziotti che si sono distinti in operazioni di polizia e di soccorso.
VENETO
Maltempo, allerta   <br/>fino a stasera

Maltempo, allerta
fino a stasera

Vale fino alle 24 di oggi l'allerta meteo emessa ieri dal centro funzionale decentrato della Protezione Civile regionale Le previsioni Arpav indicano tempo molto instabile con cielo molto nuvoloso e la possibilità di piogge a carattere di rovescio o temporale anche intenso.
SENTENZA
Laura Roveri: Disgustata     <br/>Sganzerla si vendicherà

Laura Roveri: Disgustata
Sganzerla si vendicherà

“Condannato a sette anni e sei mesi per tentato omicidio premeditato, di cui non si farà un giorno di galera”. Laura Roveri, che un anno fa rischiò la vita dopo essere stata accoltellata dal suo ex fidanzato Enrico Sganzerla in una discoteca di Vicenza, ha affidato a Facebook il commento della sentenza con cui oggi il tribunale di Vicenza ha condannato il commercialista 43enne di Cerea. Laura Roveri, che ha 25 anni ed ora è candidata alle regionali in una lista civica a sostegno di Alessandra Moretti, si è detta “disgustata”. “Se ne torna rilassato a casa a controllare la mail sul tablet e a guardare il calcio in tivù” ha detto di Sganzerla. “E' stato inoltre disposto il dissequestro del proprio telefono cellulare e del coltello. Così, se dovesse sbucciare altra frutta” ha aggiunto Laura Roveri riferendosi alla tesi della difesa secondo la quale Sganzerla teneva in auto il coltello con cui la aggredì perché la sua dieta prevedeva che si sbucciasse della frutta a metà giornata.“Questa persona – ha continuato – è a casa. Libera di organizzare una vendetta, una rivalsa, un ultimo atto di violenza nei miei confronti. Questo individuo tra una manciata di mesi ce lo troveremo tutti in circolazione”. “Questa è l'amministrazione della nostra giustizia, questo è il modo in cui lo Stato italiano tutela le sue donne. E io non posso dire alle donne che mi chiedono aiuto di credere ce saranno protette e tutelate da questo sistema” ha concluso Laura Roveri.
INCIDENTE
Esce di strada, muore    <br/>74enne a Lazise

Esce di strada, muore
74enne a Lazise

Un 74enne di Laziese è morto dopo essere uscito di strada con la sua auto sulla Gardesana Orientale, nei pressi dell'Hotel "Casa Mia" a Lazise. L'uomo con la sua Opel stava arrivando da Peschiera ed era diretto a casa, dopo avere invaso la corsia opposta è uscito dalla carreggiata finendo la corsa in un fossato. Inutili terminando la corsa nel fossato attiguo alla strada regionale. L'anziano è morto nonostante i tentativi di rianimarlo da parte dei sanitari del 118. Sul posto una pattuglia della Polizia Stradale di Bardolino.
SPACCIO
Traffico di droga, due      <br/>minorenni in cella

Traffico di droga, due
minorenni in cella

A bordo di un taxi straniero con la droga in tasca. E' successo l'altra notte sulle regionale 11, dove i Carabinieri di Bussolengo hanno fermato l'auto con a bordo tre passeggeri. Uno dei tre, tutti stranieri, un marocchino di 20 un algerino di 16 e un turco di 17, non appena sceso ha cercato di disfarsi di una bustina ma la mossa è stata vista dai militari che ad un successivo controllo hanno rinvenuto 18 grammi di hashish e 18 mila euro in contanti. I due minorenni sono in carcere a Treviso. Il tassista, invece, si è rivelato completamente estraneo ai fatti: gli arrestati avevano scelto il mezzo pubblico austriaco per raggiungere Verona senza destare sospetto.
MALTEMPO
Grandine e vento,    <br/>danni nel veronese

Grandine e vento,
danni nel veronese

Il consorzio di difesa degli agricoltori per l'assicurazione agevolata in agricoltura, Condifesa Verona, segnala danni elevati alle colture nell’area pedemontana a nordest di Verona: da Montorio a Cancello, Pigozzo, Mizzole funestate da vento, acqua, ma soprattutto un’insidiosa grandine del diametro di un centimetro. Danni pesanti per il temporale di ieri si rilevano anche nell’area di Tregnago e Mezzane, zone molto vocate per le ciliegie e l’albicocco oltre che per la vite come pure a San Giovanni Ilarione. La tempesta ha poi valicato il confine vicentino. Più lievi i danni rilevati in Valpolicella dove la bufera non aveva ancora acquistato forza.“La grandine colpisce a macchia di leopardo – commenta il Presidente di Condifesa Codive Verona, Luca Faccioni – ma sappiamo per certo che albicocchi, vigne, ciliegi e olivi hanno subito pesanti danni in alcune aree. In alcune zone le piante sono state completamente defogliate dalla violenza della grandine e del vento che ha abbattuto a terra i frutti. Torno a ribadire all’agricoltore che il danno da evento atmosferico non è più considerato una calamità poiché è possibile assicurarsi con il contributo pubblico. Studiato appositamente per integrare il costo del premio assicurativo: ipotizzando che un chilo di frutta valga 50 centesimi alla produzione, il premio assicurativo medio si attesta sui 5, di cui solo due a carico dell’agricoltore, grazie al contributo pubblico. Una modalità di prevenzione e sostegno al reddito aziendale che è stata inserita da quest’anno nel Piano di sviluppo rurale”.
CONDANNA
Tentato omicidio: sette         <br/>anni e mezzo a Sganzerla

Tentato omicidio: sette
anni e mezzo a Sganzerla

E' stato condannato a sette anni e sei mesi di carcere Enrico Sganzerla, il commercialista di Cerea che il 12 aprile dell'anno scorso in una discoteca a Vicenza aveva accoltellato l'ex fidanzata Laura Roveri, 25 anni di Nogara.Il Tribunale di Vicenza ha riconosciuto Sganzerla, 43 anni, colpevole di tentato omicidio; l'imputato aveva chiesto il rito abbreviato.
LAVORO
Vigili: c'è l'accordo <br/>tra Comune e sindacati

Vigili: c'è l'accordo
tra Comune e sindacati

Come richiesto delle tre sigle sindacali confederali Cgil, Cisl e Uil, si è tenuto oggi pomeriggio, a Palazzo Barbieri, alla presenza del Sindaco e dell’assessore al Personale Enrico Toffali, un incontro per trovare un accordo sulla gestione degli orari e sull’organizzazione del lavoro della Polizia municipale. “Le parti – spiega Toffali - si erano già dichiarate più volte disponibili a trovare un’intesa per migliorare i servizi svolti dagli agenti, si è giunti quindi ad una bozza di accordo complessivo, che viene incontro alle necessità e ai disagi manifestati in questi ultimi mesi dai lavoratori. In tal senso l’Amministrazione comunale si è resa disponibile, oltre alla migliore definizione di taluni istituti richiesti dai dipendenti (ad esempio la programmazione ferie, la distribuzione dei buoni pasto, l’impiego del personale nelle giornate feriali, festive e durante i grandi eventi, i cambi di turno) ad aumentare l’importo della progettualità speciale di oltre 150 mila euro, passando quindi dai 230 mila euro dell’anno scorso ai 380 mila euro di quest’anno e dell’anno prossimo, dato che il progetto è biennale. Un grande sforzo economico, che tiene conto delle importanti funzioni svolte dalla Polizia municipale, del lavoro notturno e delle turnazioni sulle 24 ore”.
BILANCIO
Profughi, furti, tagli         <br/>Un anno in Polizia

Profughi, furti, tagli
Un anno in Polizia

E’ stato l’anno della paura di ritrovarsi la casa depredata dai ladri. L’anno in cui quasi settecento migranti sono arrivati a bussare alle porte dell’ufficio immigrazione, in attesa di essere classificati come profughi, come rifugiati. L’anno delle mobilitazioni sindacali, con migliaia di lavoratori per strada sotto le più diverse bandiere a rivendicare un diritto perduto. Dodici mesi vissuti nelle stanze della Questura come una sfida da vincere. O almeno da affrontare con la consapevolezza, pero, di avere meno risorse e un personale da centellinare. Eppure il bilancio è positivo. Lo dice il Questore Gagliardi che prima di affrontare qualsiasi altra voce vuole dire il suo grazie ai cittadini. Perchè le segnalazioni, al 113, sono aumentate in modo esponenziale. Oltre diecimila, Duemila in più rispetto allo scorso anno. E proporzionalmente sono aumentati così gli interventi. Quasi 12mila.Una collaborazione che non è riuscita ad evitare quello che è l’unico reato in aumento sul territorio.E non solo su quello veronese. I furti in appartamento, la vera costante dell’ultimo annoAnche se, spiega Gagliardi, l'aumento si è registrato in Porvincia. In città il numero è rimasto sotto controllo. E il veronese resta comunque un territorio meno colpito rispetto ai confinanti. E inutile dire che uno dei fronti più caldi è quello dell’immigrazione. Quasi settecento i migranti arrivati e registrati dalla Questura negli ultimi mesi. Un superlavoro. Ma una situazione sotto controlloL’ufficio immigrazione, dice il Questore, verrà potenziato e attualmente si stanno studiando soluzioni per poterlo fare senza danneggiare altri settori. Il resto del quadro pare rassicurante. Meno denunce, meno fermi, più interventi. E ancora, una situazione, all’ombra del Bentegodi, che pare decisamente meno tesa rispetto a qualche anno fa. E il ringraziamento del questore gagliardi, dopo i cittadini, va agli uomini della Polizia. Volanti, Squadra Mobile, il cui capo, Della rocca, è stato proprio nelle ultime ore promosso primo dirigente, polfer, polstrada. Un lavoro immane quello svolto dalla Polizia. Che è riuscito a fronteggiare i tagli. E si parla, in Italia, in cinque anni, di quasi 20mila uomini in meno.

Sondaggio

All'inizio della campagna elettorale chi vedi tra i favoriti?

Tutti i sondaggi

Telenuovo Verona
tasto 11 - oggi in tv

  • Informazione

  • Rosso & Nero

  • TgVeneto

  • TgVerona (1' ed)

  • Verona in diretta

  • Studionews

  • L'Opinione

  • TgVerona (2' ed)

  • La rivincita delle bionde

    commedia (Usa 2001) di Robert Luketic con Reese Witherspoon e Luke Wilson
  • Film 2' serata

  • Informazione

  • Film della notte

L'Opinione
ON AIR
21.05.2015
Verona in Diretta
ON AIR
21.05.2015
TgGialloblù
ON AIR
22.05.2015
TgVeneto
ON AIR
22.05.2015
Rosso & Nero
ON AIR
22.05.2015