I LUOGHI DELL'ABBANDONO - TELENUOVO

Profughi, Veneto attiva   <br/>controlli sanitari

Profughi, Veneto attiva
controlli sanitari

“Controllare scrupolosamente gli aspetti igienico sanitari dei migranti di Mare Nostrum che arrivano in Veneto e delle strutture che li ospitano è un dovere che abbiamo nei confronti dei cittadin...

CANTIERI
Viale della Repubblica,   <br/>verso la riapertura

Viale della Repubblica,
verso la riapertura

Su iniziativa dell’assessore al Patrimonio Pierluigi Paloschi, la Giunta comunale ha deciso di accogliere la proposta di accordo con la ditta che sta realizzando un parcheggio privato in viale della Repubblica, il cui cantiere è fermo da mesi. “La ditta presenterà una variante per diminuire il numero di posti auto da realizzare -spiega Paloschi- impegnandosi a concludere i lavori entro 18 mesi e confermando altresì di riaprire la strada, con il ripristino della viabilità, entro il 12 agosto prossimo, anzichè entro il 18 settembre, come si era inizialmente convenuto. “L’Amministrazione comunale non poteva fare diversamente –conclude Paloschi- perché per legge il titolo edilizio, una volta scaduto, deve venire prorogato per due anni qualora la ditta, come in questo caso, lo richieda. La penale verrà riapplicata a partire dal momento in cui il cantiere ripartirà”.
AEROPORTP
Catullo: deliberato  <br/>aumento di capitale

Catullo: deliberato
aumento di capitale

L’Assemblea Straordinaria degli azionisti di Catullo spa, società di gestione degli aeroporti di Verona e Brescia, riunitasi in data odierna, ha deliberato l’aumento di capitale finalizzato a sostenere lo sviluppo infrastrutturale degli aeroporti di Verona e Brescia secondo il piano industriale e come previsto dal progetto del sistema aeroportuale del Nord-Est.L’aumento di capitale in via scindibile, a pagamento, prevede l’emissione di un massimo di 1.497.922 nuove azioni ordinarie da offrire in sottoscrizione in opzione ai soci, in proporzione alle azioni possedute, al prezzo di 31,71 euro per azione (22 euro a titolo di capitale, 9, 71 euro a titolo di sovrapprezzo) per un controvalore di 47.499.106 euro. Al termine dell’operazione prevista entro il 30 ottobre 2014, sarà una realtà concreta il polo aeroportuale del Nord-Est, che permetterà rilevanti sinergie tra gli aeroporti gestiti per rispondere in modo adeguato alla domanda attuale e futura di traffico del territorio. La costituzione del sistema integrato di aeroporti nel Nord - Est Italia, che attribuisce ad ogni scalo un indirizzo prevalente di sviluppo in relazione sinergica con la rete degli altri aeroporti con cui costituisce un sistema, è destinato ad assumere un rilievo strategico per l’area e l’intero Paese, con importanti benefici per la mobilità e per l’economia.
INTERVENTO
Storione ferito salvato  <br/>da Polizia Provinciale

Storione ferito salvato
da Polizia Provinciale

Gli agenti della Polizia provinciale sono intervenuti per la cattura e successiva liberazione di un esemplare di storione cobice adulto, finito accidentalmente nelle acque di derivazione dell'Adige, in località Revoltante nel comune di Cavarzere. Lo storione era finito in un particolare sifone che preleva l’acqua per le irrigazioni, L’intervento è avvenuto a seguito di una segnalazione.Le operazioni di cattura e recupero del pesce si sono svolte utilizzando un guadino (retino) in dotazione alla pattuglia, e chiudendo momentaneamente la saracinesca del sifone per permettere l’abbassamento del livello dell’acqua.Lo storione è stato velocemente analizzato, e quindi liberato nelle acque del fiume. I risultati delle analisi hanno permesso di verificare che al pesce, lungo circa 120 cm. dal muso alla pinna caudale, e del peso di circa 8 kg, non era stato inserito alcun microchip; presentava una ferita dovuta probabilmente al suo passaggio all’interno del tubo che preleva le acque dal fiume.
CARABINIERI
Rumeno arrestato, era   <br/>ricercato per sequestro

Rumeno arrestato, era
ricercato per sequestro

Era ricercato per sequestro di persona e altri reati il rumeno 27enne arrestato dal nucleo investigativo provinciale dei Carabinieri di Verona in un casolare di Castelnuovo del Garda. L'uomo, Ovidiu Danut Loghin, soprannome "Bidu", era irreperibile dal giorno della condanna (lo scorso 14 aprile) e dovrà rispondere del reato di sequestro di persona a scopo di estorsione in concorso ai danni di un suo connazionale. A carico dell’arrestato ci sono però anche precedenti di polizia per reati che vanno dalla rapina, alle armi, agli stupefacenti, per lesioni, per rissa e per violenza privata.Gli investigatori ora stanno cercando di ricostruire la rete di contatti, che ha consentito al rumeno di nascondersi per oltre tre mesi rimanendo nel territorio veronese.
Le stelle della danza   <br/>brillano su Verona

Le stelle della danza
brillano su Verona

Solo il maltempo ha evitato il sold out al debutto per "il galà delle stelle della danza&q...

VENETO
Immigrazione, Zaia: Roma    <br/>ci tratta come colonia

Immigrazione, Zaia: Roma
ci tratta come colonia

"Roma continua a trattarci come una colonia, scaricando sui nostri territori le sue contraddizioni e le sue inefficienze": a dirlo il governatore veneto Luca Zaia sulla gestione dei flussi di migranti. "Senza tener conto di carenze logistiche drammatiche, scaricando tutto il peso sui poveri sindaci già alle prese con l'impossibilità di dare risposte ai veneti - aggiunge Zaia, a commento dei prossimi arrivi in Veneto di migranti provenienti dai centri di accoglienza - per colpa di uno Stato che sequestra le risorse, con una organizzazione a dir poco borbonica, altre decine e decine di profughi sono in arrivo in questo ore in Veneto". "La maggior parte di loro, come sempre - aggiunge -, scomparirà senza lasciare tracce, ce li ritroveremo in qualche situazione di clandestinità se non peggio".
CARITAS
Immigrazione, in arrivo   <br/>decine di migranti

Immigrazione, in arrivo
decine di migranti

Dai centri di accoglienza temporanei sono in arrivo in Veneto alcune decine di migranti sbarcati in Italia provenienti dalle coste maghrebine. Lo si apprende dalla Caritas che, al momento, non è in grado di dare numeri puntuali e la distribuzione per località dei migranti.
CONFAGRICOLTURA
Crisi pesche, produttori   <br/>veronesi manifestano

Crisi pesche, produttori
veronesi manifestano

E' in corso in piazza Monte Citorio, a Roma, la distribuzione di pesche organizzata da Agrinsieme, coordinamento tra Confagricoltura, Cia, Confcooperative e Lega delle cooperative, che ha come obiettivo la sensibilizzazione dei cittadini e del mondo politico verso la gravissima situazione di crisi che attraversa il comparto della frutta estiva.Alla manifestazione sta partecipando anche una delegazione di Confagricoltura Verona, guidata dal presidente della sezione frutticoltori Andrea Foroni, coltivatore a Villafranca di pesche e nettarine. "Andiamo a Roma per dire ai politici che non vogliamo la carità, ma una equa remunerazione del prodotto. Quella di quest'anno è stata una stagione tremenda. Prima c'è stato il caldo eccessivo, che ha causato un anticipo della maturazione dei frutti e quindi la sovrapposizione con la produzione di altri paesi come la Spagna. Poi sono arrivati il maltempo e la grandine, che hanno danneggiato le pesche. In questo contesto il colpo da ko lo ha assestato la grande distribuzione, acquistando i prodotti spagnoli lavorati e confezionati a 70 centesimi al chilo. Il risultato è che noi siamo costretti a svendere le nostre pesche e nettarine all'Est europeo a 15 centesimi al chilo e la frutta non di prima qualità a 2 centesimi al chilo all'industria".Molti gli agricoltori che stanno lasciando le pesche sugli alberi, a fronte di costi di raccolta che si aggirano sui 10 centesimi al chilo e sono quindi di gran lunga superiore ai ricavi. Ora la speranza è negli aiuti attesi dall'Unione europea, che tuttavia saranno solo un palliativo a fronte di perdite notevoli.
Centomila euro per   <br/>il mobile veronese

Centomila euro per
il mobile veronese

Centomila euro per il mobile veronese, li ha stanziati la Camera di Commercio per sostenere la ...

FESTIVAL LIRICO
Arena, domani la sesta   <br/>di Un ballo in maschera

Arena, domani la sesta
di Un ballo in maschera

Domani, giovedì 31 luglio 2014, sesta rappresentazione di "Un ballo in maschera" di Giuseppe Verdi, opera che ha inaugurato con successo il Festival 2014 all’Arena di Verona lo scorso 20 giugno.La nuova produzione del melodramma in tre atti, su libretto di Antonio Somma, è proposta con regia, scene e costumi ideati da Pier Luigi Pizzi, lighting design di Vincenzo Raponi e coreografia di Renato Zanella. Sul podio dell’Orchestra dell’Arena il giovane direttore veronese Andrea Battistoni.In scena ritroviamo Virginia Tola nel ruolo di Amelia, Stefano Secco in Riccardo, Dalibor Jenis nei panni di Renato e Natalia Roman in Oscar, il giovane paggio di Riccardo, mentre vediamo Elena Gabouri nella maga Ulrica.Completano il cast Davit Babayants nei panni del congiurato Silvano, Alessandro Guerzoni in Samuel, Victor Garcia Sierra in Tom, Antonio Feltracco come giudice e Saverio Fiore come servo di Amelia.Impegnati Orchestra, Coro, Corpo di ballo e Tecnici della Fondazione Arena di Verona, insieme a mimi e comparse. Ultima replica l'8 agosto con inizio alle ore 20.45.
ALLUVIONE
Maltempo a sud del Baldo      <br/>caduti 200 mm di pioggia

Maltempo a sud del Baldo
caduti 200 mm di pioggia

200 millimetri d'acqua. È la quantità di pioggia caduta in questi ultimi tre giorni nell'area meridionale del Baldo, tra Caprino, Costermano, Rivoli, Cavaion e Affi. L'equivalente di 3 mesi di precipitazioni, particolarmente intense la scorsa notte. Fortunatamente non si sono segnalati danni a persone, ma gli allagamenti in garage e scantinati sono stati numerosi, tali da richiedere il prolungato intervento dei vigili del Fuoco, al lavoro da ieri sera, e fino a questa mattina con 20 uomini e 8 mezzi.Una delle zone maggiormente colpite dalle precipitazioni è la strada che porta all'agriturismo Val del Tasso. L'omonimo torrente è infatti esondato mandando sott'acqua l'unica via d'accesso alla struttura. I tecnici del comune si sono da subito adoperati per mettere in sicurezza gli argini del fiumiciattolo, ma il flusso d'acqua è rimasto imponente per lunghe ore.L'esondazione non solo ha eroso la strada che porta all'agriturismo, ma ha anche danneggiato le tubature che forniscono l'acqua potabile, causando quindi un grande disagio agli ospiti della struttura. Il livello del torrente ha continuato a variare nel corso della giornata, ma la situazione, dopo la nottata, è sembrata tornare sotto controllo.Disagi anche a Caprino, in località Boi, dove il nubifragio ha causato l'allagamento di un garage, dove il livello dell'acqua ha raggiunto oltre due metri. Qui i Vigili del Fuoco hanno lavorato per oltre 12 ore, aiutanto i proprietari dello stabile a svuotare la rimessa.Le previsioni non sembrano dare buone indicazioni sull'arrivo del sole. Nelle prossime ore sono attese forti precipitazioni, con una possibile pausa solo nella giornata di giovedì. Pausa che sarà bruscamente interrotta da altri forti temporali. Tanto da far decidere al centro funzionale decentrato della protezione civile del Veneto di dichiarare lo stato di attenzione per il rischio idrogeologico su tutto il territorio, con la possibilità che cambi in stato di allarme a livello locale. Con l'estate che continua a farsi desiderare.
CARABINIERI
Il camionista maniaco      <br/>rischia fino a 10 anni

Il camionista maniaco
rischia fino a 10 anni

Sceglieva le vittime all'interno di un noto centro commerciale del veronese. Tutte molto simili: donne minute, capelli scuri, in gonna o in mini. Quando uscivano cariche con la spesa le seguiva e mentre caricavano le borse in macchina arrivava alle spalle per molestarle. Molestie pesanti, non un semplice palpeggiamento. Per questo un camionista portoghese di 36 anni Ramos Caldeira, è in carcere a Montorio con l'accusa di violenza sessuale, reato per il quale è prevista una pena tra i cinque e i dieci anni. A dare l'allarme gli stessi responsabili del centro commerciale che hanno fornito ai Carabinieri di San Martino e del radiomobile tutte le immagini delle telecamere della videosorveglianza che riprendevano l'uomo mentre seguiva le malcapitate vittime. Un'indagine chiusa lo scorso fine settimana quando i militari hanno visto e fermato l'uomo sempre nello stesso centro commerciale. Nel camion, alcuni degli abiti ripresi dalle telecamere nelle precedenti violenze e il tachigrafo che lo collocavano a Verona nei giorni delle denunce. Almeno tre gli episodi di violenza tra maggio e giugno che i Carabinieri hanno ricostruito a Verona. Ma non sarebbero le uniche. L'uomo durante l'interrogatorio di convalida ha confessato un quarto episodio a Bologna, ma gli investigatori pensano che i casi effettivi di molestie siano molti di più.
COLDIRETTI
Maltempo, fino al 60% <br/>dei raccolti danneggiati

Maltempo, fino al 60%
dei raccolti danneggiati

Dalle vigne devastate alle grandinate ai campi di pomodori agli ortaggi allagati, il maltempo continua a colpire duramente le campagne italiane, con danni che in diversi casi interessano fino al 60% cento dei raccolti. E' quanto emerge da un monitoraggio effettuato dalla Coldiretti sugli effetti delle piogge che hanno segnato i primi mesi estivi. C'è inoltre forte attesa per la vendemmia, appesa alle condizioni meteo dei prossimi giorni, anche se già si devono fare i conti con un aumento dei costi di produzione. Ai danni diretti, evidenzia la Coldiretti, si sommano inoltre quelli indiretti provocati dal calo dei prodotti stagionali, come la frutta e la verdura.
INCIDENTE
Schiacciato dal trattore   <br/>Tragedia a Presina

Schiacciato dal trattore
Tragedia a Presina

Tragedia sul lavoro nel pomeriggio nella bassa veronese. Un uomo di 51 anni, Roberto Zeminian, è morto schiacciato da un trattore a Presina di Albaredo d’Adige. La vittima abitava vicino al luogo dell'incidente ed era dipendente di un'azienda florovivaistica della zona. Zeminian stava tagliando l'erba sul ciglio di un canale quando l'argine ha ceduto facendo ribaltare il trattore in acqua. L'uomo ha quindi cercato di saltare dal mezzo ma è finito schiacciato. Sul posto per i soccorsi e i rilievi del caso i Vigili del fuoco di Legnago, quelli di Verona, il 118, i carabinieri di Ronco e Legnago e i tecnici dello Spisal.
TURISMO
Cicloturismo, Lessinia   <br/>tra i itinerari veneti

Cicloturismo, Lessinia
tra i itinerari veneti

Il Veneto, prima regione turistica d'Italia con circa 63 milioni di presenze l'anno, realizzerà una campagna di valorizzazione dei percorsi 'slow' in bici e a cavallo, presenti nel suo territorio. "In una regione dove si mescolano bellezza, cultura, storia, bontà e ospitalità - sottolinea l'assessore Marino Finozzi - nell'ultimo lustro abbiamo compiuto in questo segmento un grosso salto di qualità, con la collaborazione di enti locali e associazioni di categoria, individuando nell'ambito della Rete Escursionistica Veneta, itinerari di particolare interesse per cicloturismo e turismo equestre e dando vita ad un sistema a rete di percorsi, integrabile ed aggiornabile nel tempo. Per lo "slow bike", in particolare, - spiega - abbiamo creato Veneto Bike, individuato sette escursioni e quattro itinerari, cui si sono aggiunti percorsi in mountain bike nelle Dolomiti e nella montagna veneta. Per il turismo a cavallo abbiamo individuazione percorsi turistici di valenza regionale denominati "Ippovia del Piave", "Ippovia del Brenta", "Ippovie delle Prealpi Trevigiane e Bellunesi", cui si aggiungono le ippovide del Delta del Po, dell'Altopiano di Asiago, della Lessinia e delle Dolomiti. Con un curioso tempismo - chiosa Finozzi - la nostra decisione si sovrappone alla recente "incursione" a cavallo a Venezia di una turista straniera che testimonia, battute a parte, che ci troviamo davanti ad un settore di nicchia che mira a qualificare il Veneto come area territoriale con una pluralità di offerte turistiche sempre più orientate al turismo lento di esplorazione del territorio. Questo tipo di visitazione a misura d'uomo - sottolinea l'assessore - permette inoltre di destagionalizzare e delocalizzare i flussi turistici, offrendo un servizio di qualità anche a nuovi ospiti". Per le azioni di valorizzazione, la Giunta ha messo a disposizione 225 mila euro, complessivi, indicando le macroattività da realizzare, avvalendosi della collaborazione della Società Veneto Promozione. Saranno in sostanza realizzati materiale informativo e divulgativo in più lingue per i turisti e gli operatori di settore; attività di informazione sulle attività turistiche, naturalistiche, ambientali e paesaggistiche per l'identificazione degli itinerari anche mediante l'utilizzo di app, gps e altre tecnologie avanzate. Saranno pure organizzati educational per i tour operator specializzati, meeting e incontri per operatori e giornalisti del settore, oltre alla partecipazione a fiere specializzate in Italia e all'estero. Saranno infine adottati software di gestione delle prenotazioni e sistemi di rilevazione dei turisti negli itinerari.
SANITÀ
Zaia: Aziende sanitarie      <br/>in attivo di 4,3 milioni

Zaia: Aziende sanitarie
in attivo di 4,3 milioni

I conti consuntivi economici delle aziende sanitarie del Veneto hanno chiuso l'esercizio 2013 con un attivo di 45.777.572 euro, cifra che scende, pur rimanendo estremamente positiva, a 4.310.471 euro secondo la rigida configurazione assunta dal tavolo di monitoraggio dei conti della sanità presso il Ministero dell'Economia (noto ai più come "tavolo Massicci") che non rileva gli utili maturati dalle Aziende Sanitarie, pari nel Veneto a 41.467.101 euro. Sono questi i numeri che attestano anche per il 2013 la "promozione" dei conti della sanità veneta, contenuti nella delibera di presa d'atto dei conti economici consuntivi 2013 delle Aziende Sanitarie, della Gestione Sanitaria Accentrata e del Consolidato del Servizio Sanitario Regionale Veneto, presentata dall'assessore alla sanità Luca Coletto e approvata nel corso della seduta della Giunta regionale, tenutasi ieri. "Sono numeri - spiega Zaia - che presentiamo con orgoglio ai nostri cittadini, che pagano le tasse e che possono vedere che in Veneto si usano bene i loro soldi per il servizio pubblico più sentito dalla gente, ma anche all'Italia intera, come dimostrazione che, se si vuole davvero, gestire una sanità in utile senza far mancare niente ai cittadini si può. Si deve e si dovrà - aggiunge - perché se ce la fa il Veneto non vedo perché non ce la possano fare tutte le altre Regioni"."Si dovrà - osserva Zaia - perché finalmente il criterio dei costi e fabbisogni standard, che di fatto qui già applichiamo nella nostra gestione, è stato fissato in modo definitivo nella Costituzione e nel Patto Nazionale della Salute e sarà il criterio informatore con il quale determinare, ad esempio, che una siringa o un pasto in ospedale devono costare uguale ovunque. Significa abbattere gli sprechi, tagliare i rami secchi, eliminare i privilegi, gestire il personale in maniera oculata, evitando che, come accade in certe Regioni da anni, si usi la sanità come un ammortizzatore sociale e non come un'azienda che produce servizi". "Per uno come me - che settimanalmente combatte ai tavoli romani per evitare imboscate e tagli indiscriminati e orizzontali - aggiunge l'assessore Coletto - è una grossa soddisfazione. Per il quarto anno consecutivo chiudiamo i conti della sanità in attivo, e non sono stati anni qualunque, ma un lungo periodo di sottovalutazione del fabbisogno, di interventi a spot tutti rivolti a tagliare indiscriminatamente, di carte in tavola che sono cambiate un giorno sì e un giorno no". "L'orgoglio - aggiunge Coletto - è aver raggiunto il risultato senza tagliare un servizio indispensabile che sia uno alla gente, tanto che anche quest'anno il Veneto è tra le poche Regioni d'Italia promosse a pieni voti per la capacità di erogare completamente i Livelli Essenziali di Assistenza, che sono un diritto costituzionalmente riconosciuto alla gente. Molti, ancora troppi, non hanno saputo farlo, eppure spendono cifre enormi rispetto alle nostre, dimostrando così che non è assolutamente vero che dove si spende di più si cura di più e che è vero l'esatto contrario". Tecnicamente i dati aggregati delle Aziende sanitarie presentano una risultato d'esercizio aggregato complessivo negativo per 162.331.898 euro. Le Aziende in utile hanno risultati positivi per 41.467.101 euro, quelle con risultati d'esercizio negativi registrano perdite per 203.798.998 euro, ampiamente coperti dalla gestione sanitaria accentrata della Regione, che chiude con un risultato positivo di 208.109.469 euro.
METEO
L'estate 2014? Una delle       <br/>più anomale di sempre

L'estate 2014? Una delle
più anomale di sempre

L'estate 2014 in Italia sara' ricordata certamente come una delle piu' "anomale" degli ultimi anni. "Giugno e luglio fino ad oggi sono stati caratterizzati da una forte dinamicità dell'atmosfera con perturbazioni ed instabilità che hanno portato precipitazioni oltre la media stagionale e (poche) brevi e intense irruzioni di aria calda di origine subtropicale", e' il commento di Marina Baldi ricercatrice del Cnr-Ibimet. Concorda anche Flavio Galbiati del centro Epson-Meteo.it che sottolinea come il mese di luglio appena trascorso ha visto una percentuale di giorni di pioggia sopra la media stagionale: "Al Nord a luglio sono stati 21 giorni su 28, al Centro sono stati registrati ben 14 giorni su 28, mentre al sud e' andata meglio, si sono registri 9 giorni su 28 di pioggia". Non va meglio neanche sul fronte delle temperature, decisamente lontane dalla media stagionale estive: "a Milano i giorni registrati con le temperature massime di 30 gradi a luglio - si evince dal grafico del centro Epson Meteo.it - nell'anno 2013 sono stati 21 i giorni a 30 gradi mentre nel 2014 si sono registrati solo 4 giorni con temperature estive su 30 gradi. Neanche nella Capitale si e' sentita l'aria estiva: a Roma nel 2013 sono stati 26 i giorni con il termometro che tocca i 30 gradi mentre nel 2014 si sono registrati solo 11 giorni con la colonnina di mercurio che ha sfiorato la temperatura massima di 30 gradi." Brutte notizie anche per i prossimi giorni dove, secondo gli esperti, avremo " Solo a fine giornata di mercoledi' - spiegano dal centro Epson-Meteo.it- i primi segnali di miglioramento, da giovedì episodi di instabilità decisamente più localizzati".
EXPO
Vinitaly all'Expo:     <br/>"Un assaggio d'Italia"

Vinitaly all'Expo:
"Un assaggio d'Italia"

L'annuncio era stata dato proprio dal Ministro Alle politiche agricole durante l'ultima edizione di Vinitaly ma la certezza è arrivata da Roma, dal Palazzo delle esposizioni, solo nelle ultime ore. Una conferenza stampa, cui hanno partecipato anche presidente e direttore di Veronafiere, Ettore Riello e Giovanni Mantovani, per annunciare che all' Expo di Milano, dal primo maggio 2015, un'area all'interno del Padiglione Italia sarà dedicata al vino grazie alla collaborazione tra ministero e veronafiere. 2 mila metri quadri per raccontare una storia che parla di Italia: "Vino a taste of Italy" "Quello che abbiamo presentato oggi rappresenta secondo me la potenza che il settore vitivinicolo italiano può far vedere al mondo", ha detto il Ministro Martina durante la presentazione. "Sono molto contento di quello che siamo riusciti a fare -ha proseguito Martina- perchè abbiamo trovato una sintesi perfetta tra tradizione, innovazione, territori, realtà d'impresa, beni pubblici. E non sarà solo un'occasione commerciale perchè parlare di vino è anche parlare di storia italiana". E nemmeno nella forma sarà una semplice esposizione commerciale. Il padiglione sarà un percorso multisensoriale all'interno del quale il visitatore sarà chiamato ad immergersi per conoscere la lunga tradizione del vino italiano attraverso la vista, l'olfatto, il gusto, l'udito. Ci sarà un percorso multimediale, una zona dedicata alle degustazioni, varie installazioni che permetteranno di conoscere i profumi del vino. E ancora una cantina web per gli acquisti e una terrazza, dedicata agli incontri e ancora una volta agli assaggi. Un padiglione, lo ha definito il ministro Martina, tra i più evocativii e simbolici della tradizione italiana.Non fosse altro per il fatto che il settore, che ha segnato una crescita del sette per cento, ha un export che vale cinque miliardi di euro.
CARABINIERI
Preso il violentatore     <br/>seriale del parcheggio

Preso il violentatore
seriale del parcheggio

I Carabinieri del radiomobile in collaborazione con i militari della stazione di San Martino Buon Albergo hanno arrestato un camionista portoghese, responsabile di almeno tre violenze sessuali nel veronese. L'uomo, Ramos Sideiro Miguel Caldeira, 36 anni, ha molestato pesantemente tre donne al parcheggio di un noto centro commerciale di Verona, palpeggiandone le parte intime e andando anche oltre. Un comportamento filmato dalla telecamere di sorveglianza del centro commerciale che ha subito allertato i Carabinieri. L'uomo seguiva le vittime appena queste uscivano dal centro commerciale e andavano a prendere l'auto munite di borse della spesa. Non appena le donne caricavano in macchina le borse l'uomo arrivava alle loro spalle, allungando pesantemente le mani. Gli episodi del veronese si riferiscono al maggio e giugno scorso, ma il camionista potrebbe essere autore di altre violenze, o non denunciate o commesse in altre città italiane. Non a caso l'uomo, durante l'interrogatorio di convalida, ha confessato spontaneamente un quarto episodio avvenuto sempre nel parcheggio di un centro commerciale di Bologna. NON SEMPLICI PALPEGGIAMENTI. "Il reato di violenza sessuale è molto ampio" ha spiegato il comandante del radiomobile Luca Mariano. "Nel caso specifico non stiamo parlando della semplice mano morta sull'autobus. L'uomo era un seriale, sceglieva sempre lo stesso tipo di vittima: capello scuro, fisico minuti, vestita con una gonna o con una mini". "Gli episodi avevano destato molta preoccupazione anche tra i responsabili del centro commeciale" ha aggiunto Mariano "e siamo convinti che ci ciano altri episodi simili ai tte denunciati
CONTROLLI
Trasporto animali, 21    <br/>sanzioni da Polstrada

Trasporto animali, 21
sanzioni da Polstrada

Nei controlli in Veneto sul trasporto con mezzi degli animali vivi, la polizia stradale ha accertato 21 le violazioni comminando sanzioni amministrative per 12 mila euro. L'ispezione riguardava il trasporto degli animali diretti ai macelli accertando tra l'altro, secondo le disposizioni dell'Ue, se siano state seguite le regole per ridurre al minimo lo stress a cui sono sottoposti gli animali. Le pattuglie della polstrada si sono piazzate in 10 aree con controlli mirati lungo le strade maggiormente interessate dal transito di animali vivi. Le violazioni sono state per di più riconducibili ad irregolarità nelle condizioni di trasporto degli animali e della documentazione prevista dalla normativa si settore. Nessun autotrasportatore denunciato invece per maltrattamento di animali.
TRAFFICO
Non c'è il sole, turisti   <br/>invadono la città

Non c'è il sole, turisti
invadono la città

Una colonna di automobili infinita, a bloccare tutta la bretella in direzione Verona. Colonna anche in autostrada e sulla Gardesana. E se si leggono le targhe delle macchine in fila ci si rende subito conto che si tratta di un esodo da maltempo. Tutti turisti, tedeschi in gran parte, che hanno lasciato le spiaggie del lago per una visita al centro storico di Verona, complice ovviamente questa ostinata e prolungata mancanza di sole.Disagi notevoli alla viabilità con l'intasamento del traffico che ha praticamente bloccato le circonvallazioni fino a Corso Porta Nuova. Esauriti tutti i principali parcheggi a pagamento.
EVENTO
Einaudi, delirio in     <br/>Arena sotto la pioggia

Einaudi, delirio in
Arena sotto la pioggia

Un vero e proprio delirio in Arena per lo spettacolo di Ludovico Einaudi accompagnato da una memorabile orchestra. La serata è cominciata sotto un diluvio che non ha però fatto desistere gli spettatori rimasti fino all'ultima nota ad applaudire uno degli eventi più attesi dell'estate areniana.
CARABINIERI
Accoltellato a Lugagnano      <br/>Prognosi resta riservata

Accoltellato a Lugagnano
Prognosi resta riservata

Si erano presi a male parole già altre volte, frequentatori abituali di questo bar, il Ni Hao di Lugagnano di Sona. Prima qualche sfottò, poi qualche parola di troppo. Diverbi da bar. E rancori che da qualche giorno covavano secondo gli investigatori tra un croato cinquantanne e un marocchino di trent'anni entrambi residente in zona. Rancori sfociati in una lite che è scoppiata fuori da questo bar ieri sera, erano da poco passate le 22. I due uomini si sono affrontati a pugni. Ha avuto la meglio il croato. Il marocchino è tornato a casa, ha preso un coltello ed è tornato al bar per riaffrontare l'avversario, colpito da una coltellata al torace. E poi è scappato, gettando il coltello durante la fuga. Il croato è stato subito soccorso e trasportato dal 118 all'ospedale di Bussolengo prima e a Borgo Trento poi. L'allarme per le sue condizioni, subito molto gravi, è leggermente rientrato questa mattina quando in medici hanno confermato le riserve sulla prognosi ma hanno anche chiarito che l'uomo non è più in pericolo di vita. Un'indagine rapidissima quella dei Carabinieri di Villafranca che già ieri in tarda serata, dopo aver sentito alcuni testimoni, hanno rintracciato nel comune di Sona l'aggressore, pluripregiudicato. Che si è fatto arrestare senza opporre resistenza ed è ora rinchiuso nel carcere di Montorio con l'accusa di tentato omicidio
INCIDENTE
Si ribalta grosso Tir   <br/>disagi in tangenziale

Si ribalta grosso Tir
disagi in tangenziale

Un grosso Tir con rimorchio si è ribaltato intorno alle 14 in tangenziale Sud. Stando alle prime ricostruzioni, il conducente del mezzo avrebbe frenato bruscamente nel tentativo di non tamponare un'auto che si era posizionata davanti a lui. Nessuno è rimasto ferito, ma lo sversamento sull'asfalto di decine di litri di gasolio ha costretto a chiudere lo svincolo in entrata per la Tangenziale e a deviare il traffico in autostrada al casello di Verona Est.
MATTONI PRESTIGIOSI
Villa Canossa nel mirino    <br/>di investitori cinesi

Villa Canossa nel mirino
di investitori cinesi

Dimore dalla storia secolare, immobili di prestigio, ville d'epoca. Sono i nuovi obiettivi degli investitori cinesi pronti a comprare senza badare a spese. Nel mirino è finita anche Villa Canossa a Grezzano di Mozzecane, favoloso stabile del quindicesimo secolo. Secondo le stime dell'ambasciata legate al 2013 i cinesi hanno investito oltre 2 miliardi di dollari in Italia. E il dato è destinato ad espandersi, perché, dicono, il fenomeno ha un potenziale enorme. Le richieste principali arrivano dal centro-nord della Cina, da Pechino in particolare ma non solo. Verona ma più in generale anche il Veneto stuzzicano l'appetito di danarosi investitori, visto che anche tre ville padovane rientrano nei mattoni italiani preferiti dai cinesi. La tendenza si è sviluppata in tutta l'Italia, che, per il momento non sembra reggere il confronto con altri colossi europei. Le dimore di casa nostra risultano competitive però rispetto a quelle di alta gamma di Shangai o Pechino. L'alta qualità della vita seduce eccome, per questo Villa Canossa, che sorge imponente e isolata nella campagna rappresenta un eccellente punto di investimento. La vita, la storia, il fascino di un'illustre famiglia che qui insediò la propria residenza fa poi il resto. Nella prima metà del Cinquecento i marchesi commissionarono a Michele Sanmicheli, autore anche del loro superbo palazzo di città, il disegno della dimora. Grezzano divenne una delle più sfarzose sedi patrizie: ampie distese di verde solcate da canali con un grandioso bosco attorno al palazzo dove si davano grandi feste e cacce alle quali partecipavano la nobiltà veronese e mantovana. Adesso tocca ai cinesi, decisi a sferrare l'assalto a una delle ville più importanti del nostro territorio.
MALAVITA
Zona Tribunale, danni    <br/>alle auto e furti

Zona Tribunale, danni
alle auto e furti

Una tendenza che è tornata prepotentemente alla ribalta. Verona e la provincia nel mirino di ladri o semplici disturbatori, il più delle volte giovanissimi che si divertono a creare scompiglio. Urla nel cuore della notte, specchietti della automobili manomessi, in qualche caso anche tentativi di furti nella abitazioni. Nessuno dei residenti ha voluto rilasciare dichiarazioni, ma la paura, senza creare allarmismi, c'è. Il sospetto è che si tratti sempre dello stesso gruppo. Sono giovani come detto, non italiani, e piuttosto arroganti. Transitano tra Via Grioli e Via Maggi, nei pressi del tribunale, insultano passanti e residenti e sono sempre pronti allo scontro. L'invito da parte della Questura che sta monitorando attentamente la zona è quello di evitare di esporsi o di replicare a questi giovani per evitare di incorrere in problemi.
MUNICIPALE
Guida scooter rubato  <br/>arrestato spacciatore

Guida scooter rubato
arrestato spacciatore

La Polizia municipale ha arrestato ieri uno scooterista di 20 anni di nazionalità marocchina per resistenza a pubblico ufficiale. Il giovane dovrà rispondere anche di guida senza patente e detenzione di sostanze stupefacenti a fini di spaccio, oltre ad una serie di violazioni amministrative commesse durante la fuga. Il giovane, alla guida di uno scooterone Yamaha è stato individuato ieri, alle 12.30, in via dal Cero, mentre trasportava un passeggero senza casco. Avvicinatisi al veicolo gli agenti hanno intimato l’alt, ma il conducente anzichè fermarsi è scappato verso via Galliano e poi in zona stadio, dove ha fatto scendere al volo il passeggero, continuando poi la sua fuga. Raggiunto dagli agenti motociclisti ha abbandonato lo scooter ed è saltato oltre una recinzione, fuggendo a piedi. Pochi minuti dopo un altro equipaggio lo ha però intercettato in via Negrelli, dove aveva cercato di nascondersi. Accompagnato al Comando per accertamenti, gli agenti hanno scoperto numerosi precedenti penali. Il giovane risultava infatti senza patente, lo scooterone rubato e sotto la sella erano nascosti circa 67 grammi di marijuana. Dichiarato in arresto e comparso questa mattina davanti all’autorità giudiziaria, che ne ha convalidato l’arresto, il giovane è stato rimesso in libertà ed è stato disposto a suo carico l’obbligo di firma per tre giorni la settimana alla stazione dei Carabinieri di Pescantina, dove risiede. Oltre agli aspetti penali gli agenti hanno contestato anche una serie di violazioni amministrative commesse durante la fuga, per complessivi 650 euro circa di sanzioni per velocità pericolosa, mancata precedenza agli incroci, circolazione su pista ciclabile, contromano in corso Milano, passaggio con semaforo rosso e perdita di controllo del veicolo. Sempre ieri la Polizia municipale ha denunciato all’autorità giudiziaria un secondo scooterista senza patente: un 22enne di nazionalità marocchina fermato in via Adigetto alla guida di un Mbk Booster non assicurato, senza carta di circolazione al seguito, mentre viaggiava in contromano. Oltre mille euro le sanzioni amministrative a suo carico, oltre al sequestro dello scooter e alla denuncia penale.
GREGGE
Pecore maltrattate   <br/>interviene la Municipale

Pecore maltrattate
interviene la Municipale

La Polizia municipale è intervenuta ieri mattina in zona Bassona in supporto a due guardie eco-zoofile dell’Organizzazione Internazionale Protezione Animali e ad un veterinario dell’Ulss 20, impegnati nel controllo di un gregge di pecore presente all’interno di un recinto, in un’area agricola. Gli animali, circa una settantina, sono apparsi subito in condizioni non ottimali poiché le piogge di sabato avevano reso il fondo impraticabile e molto fangoso e perchè non avevano a disposizione né acqua né cibo, visto che tutta la vegetazione raggiungibile era già stata brucata. Avvisato il magistrato di turno, gli agenti sono entrati nella proprietà per disattivare il recinto elettrificato e liberare il gregge su un’area più vasta. Sul posto sono state recuperate anche le carcasse di tre capi. Grazie alle targhette identificative degli animali il medico veterinario è riuscito a individuare il proprietario del gregge ed il responsabile della sua custodia. Quest’ultimo, un 42enne veronese, è stato convocato sul posto per ricevere alcune prescrizioni sulla gestione degli animali. La posizione delle persone coinvolte è ora al vaglio del personale tecnico dell’Ulss 20 e delle guardie eco-zoofile intervenute.
METEO
Maltempo, fino mercoledì   <br/>stato di attenzione

Maltempo, fino mercoledì
stato di attenzione

In riferimento alla situazione meteorologica attesa, il Centro Funzionale Decentrato della Protezione Civile del Veneto ha dichiarato lo STATO DI ATTENZIONE per rischio idrogeologico su tutto il territorio regionale, con possibilità di STATO DI PREALLARME/ALLARME a livello locale, in presenza di formazione di fenomeni temporaleschi a seconda della loro intensità.La dichiarazione ha validità dalle ore 14 di oggi, lunedì, fino alle ore 24 di mercoledì 30 luglio prossimo.Dal pomeriggio – sera di oggi e fino alla giornata di mercoledì sono previste frequenti precipitazioni a prevalente carattere di rovescio o temporale, con possibili fenomeni localmente intensi e quantitativi localmente consistenti.
AGGRESSIONE
Lugagnano, uomo    <br/>ferito a coltellate

Lugagnano, uomo
ferito a coltellate

Prima la lite, poi l'accoltellamento. E' successo a Lugagnano di Sona dove un marocchino ha ferito a coltellate un croato con cui aveva litigato qualche giorno prima. I Carabinieri di Villafranca sono però riusciti a rintracciare e arrestare l'aggressore. Il croato ferito all'addome non sarebbe in pericolo di vita.
CONTROLLI
Finanza, ancora droga     <br/>sequestrata a Veronetta

Finanza, ancora droga
sequestrata a Veronetta

Lo scorso fine settimana i “Baschi Verdi” hanno sequestrato complessivamente 7 piante di marijuana, 147 grammi circa di hashish, 2.6 grammi tra semi e foglie di marijuana e 2 bilancini di precisione. Questo il risultato dei controlli antidroga esercitato nei quartieri di Veronetta e Porto San Pancrazio.
SPORT
La Bentegodi ne piazza 6 <br/>alle finali di pesistica

La Bentegodi ne piazza 6
alle finali di pesistica

La sezione Pesistica della Fondazione Bentegodi di Verona ha qualificato sei atleti per le finali dei campionati juniores di pesistica, che si terranno a Ostia il 27 e 28 settembre. Si tratta di Alex Le Favi, Enrique Taietta, Andrea Schio, Davide Faggioni, Elisabetta Grigolo e Maria Lucia Roggero. Ora per i sei atleti e per lo staff tecnico bentegodino (Claudio e Bruno Toninel, Fausto Tosi, Nicola Agnolini, Elena Fava e Fabio Garonzi), si prospetta un’estate impegnativa con la speranza che oltre alla “quantità” dei risultati, già abbondantemente raggiunta, si possa aggiungere anche la “qualità” delle prestazioni sulla pedana tricolore, con la conquista di qualche medaglia e la salita sul podio di un atleta veronese, per confermare e rafforzare la positiva tradizione pesistica scaligera.
BILANCIO
Quadrante Europa cuore    <br/>pulsante della logistica

Quadrante Europa cuore
pulsante della logistica

Un utile netto di 945 mila euro (superiore del 58% rispetto al 2012). Canoni costanti nonostante la crisi (6,8 milioni di euro), 4400 addetti diretti e 7000 indiretti, 2333 camion che ogni giorno vengono trasferiti dalla strada sulla ferrovia con evidenti benefici ambientaliQuesti i principali dati contenuti nel bilancio 2013 del Consorzio Zai che sarà presentato domani mattina. Il Quadrante ha collegamenti ferroviari intermodali con l'Europa: ogni settimana 160 coppie di treni intermodali arrivano e partono per 25 destinazioni diverse con un trend di crescita che se confermato potrebbe portare ai 14000 treni nell'anno in corso. Notevoli anche gli investimenti (per circa 4 milioni di euro): si va dal completamento della viabilita? della nuova area logistica denominata “comparto P”, ai lavori di ristrutturazione di una piattaforma logistica di 8000 mq in uso ad un primario operatore logistico internazionale che potenziera? gli spazi direzionali e logistici e raddoppiera? le bocche di carico, fino alla riqualificazione della palazzina direzionale in affitto all'agenzia delle Dogane.
COMMERCIANTI
Confcommercio, Dalla Via  <br/>presidente a Legnago

Confcommercio, Dalla Via
presidente a Legnago

Nico Dalla Via è il nuovo presidente della delegazione legnaghese di Confcommercio As.Co. Verona. E’ stato eletto nei giorni scorsi dopo la prematura scomparsa di Marco Zerbinati, apprezzato e stimato ottico che per anni aveva ricoperto la carica con capacità, lungimiranza e grande attenzione alle problematiche del commercio e del terziario di mercato, contribuendo in maniera decisiva con il proprio impegno a fare aggregazione nella Pianura Veronese. Dalla Via, titolare della ditta Super Argo Srl resterà in carica per cinque anni e sarà coadiuvato dalla nuova vicepresidente Miriam Morini (“Al Chiosco Sas”) e da tutto il consiglio di Confcommercio Legnago.
VERONAFIERE
Expo 2015, il vino     <br/>si presenta a Roma

Expo 2015, il vino
si presenta a Roma

È in programma questa mattina, con inizio previsto alle 12.30, la diretta online da Roma con la presentazione ufficiale del concept del Padiglione del Vino Italiano ad Expo 2015. La conferenza stampa viene trasmessa in streaming sulla home page del sito web di Vinitaly (www.vinitaly.com). All’evento, che si svolge allo Spazio Open Colonna del Palazzo delle Esposizioni di Roma, intervengono: Maurizio Martina, Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali, Diana Bracco, Commissario generale di sezione per il Padiglione Italia, Riccardo Cotarella, Presidente del Comitato scientifico del Mipaaf per il Padiglione del Vino ad Expo 2015, Ettore Riello, Presidente di Veronafiere, Giovanni Mantovani, Direttore generale di Veronafiere e l’architetto Italo Rota, Direttore artistico del progetto.L’introduzione è affidata al critico d’arte Philippe Daverio, con la prolusione “Il Vino creatore della Storia, dell’Arte e del Paesaggio”. A moderare l’evento, Roberto Arditti, Direttore Affari Istituzionali Expo 2015.
COLDIRETTI
Maltempo, raccolti   <br/>rischio taglio del 20%

Maltempo, raccolti
rischio taglio del 20%

"La pioggia ed i temporali che non abbandonano la penisola in una estate da record per piovosità fanno prevedere un taglio dei raccolti, dal miele al pomodoro che nella pianura padana potrebbe raggiungere il 20%": e' quanto emerge da un monitoraggio della Coldiretti sugli effetti del maltempo eccezionale che ha segnato i primi mesi estivi. "A preoccupare - spiega Coldiretti - sono gli effetti del maltempo sul pomodoro destinato a passate, polpe e concentrato nel Nord Italia dove le precipitazioni sono state eccezionali e spesso accompagnate dalla caduta di grandine che ha colpito a macchia di leopardo in quasi tutte le regioni anche le colture orticole e frutticole. Attesa anche per la vendemmia che dipenderà molto dalle condizioni che si verificheranno nei prossimi giorni ma già adesso si conta un aumento dei costi di produzione per difendere viti e alberi da frutto". "Le api - sottolinea poi Coldiretti - non volano per la troppa pioggia e non riescono a raggiungere il nettare dei fiori indispensabile per la produzione di miele Made in Italy il cui raccolto rischia di essere ridimensionato". "Ai danni diretti sulle coltivazioni si sommano - sostiene l'associazione - quelli indiretti provocati dal calo di consumi dei prodotti stagionali come la frutta e verdura a causa delle condizioni climatiche non favorevoli. Dove le perturbazioni non sono state violente a beneficiare della pioggia sono state - conclude la Coldiretti - le coltivazioni di mais e riso che come è noto hanno bisogno di molta acqua".

Graffa

Telenuovo Verona
tasto 11 - oggi in tv

  • Informazione

    TgVerona, TgGialloblu
  • Amici animali

    documentario
  • TgVeneto

  • Hellas Verona - AltoAdige

    diretta calcio
  • TgVerona

    all'interno il TgGialloblu
  • Nelly e Mr. Arnaud

    sentimentale (Francia 1995) di Claude Sautet con Michel Serrault e Emmanuelle Béart
  • Film di seconda serata

  • Informazione

    TgVerona, TgGialloblu
  • Film della notte


Ricette di Casa Telenuovo Avesani


Sondaggio

Giusto rimuovere le panchine vicino a Piazza delle Poste..?

Tutti i sondaggi
L'Opinione
ON AIR
30.07.2014
TgGialloblù
ON AIR
31.07.2014
TgVeneto
ON AIR
29.07.2014
Rosso & Nero
ON AIR
11.07.2014
La Gran Torcolada
ON AIR
29.03.2014
Prima Serata
ON AIR
18.06.2014

BPV MUTUO YOU

 

 

auditeL GIUGNO 2014 telenuovo

I Nuovissimi

Promo palinsesto

Studionews Rete Nord Pubblicità