Scippi alle anziane,   <br/>arrestato 19enne

Scippi alle anziane,
arrestato 19enne

Un 19enne veronese, Alberto Signorato, è stato arrestato dai Carabinieri della stazione di Bardolino con l'accusa di essere il responsabile di numerosi furti ai danni di donne anziane. I militari...

RAGGIRO
Truffa dello specchietto  <br/>Arrestati due balordi

Truffa dello specchietto
Arrestati due balordi

Due pluripregiudicati italiani sono stati arrestati in flagranza dai Carabinieri di Peschiera con l'accusa di truffa aggravata ai danni di un anziano.Si tratta di Giuseppe Fiasché, 39 anni, di Cosenza, e Francesco Di Giovanni, 22enne napoletano, entrambi residenti a Noto (Siracusa), bloccati dai militari mentre stavano cercando di spillare soldi ad un anziano automoblista dopo avergli fatto credere di avere rotto lo specchietto della loro macchina.I due truffatori chiedevano 250 euro a titolo di risarcimento del danno e la vittima del raggiro, pur convinto di non avere nessuna responsabilità, ha concordato una somma di 70 euro.L'arrivo dei carabinieri ha sventato l'imbroglio. Il giudice del tribunale di Verona ha convalidato l'arresto, rinviando il processo a febbraio e disponendo per gli imputato l'obbligo di presentazione alla Polizia Giudiziaria nel paese di residenza.
VERONAFIERE
Mantovani nominato vice <br/>all'European Chapter UFI

Mantovani nominato vice
all'European Chapter UFI

Un altro prestigioso riconoscimento per l’attività nazionale e internazionale di Veronafiere. Il direttore generale Giovanni Mantovani è stato eletto , per il triennio 2014-2017, Primo Vicepresidente del Chapter Europeo di UFI – the Global Association of the Exhibition Industry.Mantovani sovraintenderà, insieme al Chairman Gerald Bose, CEO di Koelnmesse, le attività dei 314 associati UFI europei sia in termini di sviluppo strategico che di nuove iniziative e ricerche.La nomina è stata ufficializzata nel corso del Seminario annuale Europeo UFI, tenutosi a San Pietroburgo.Il mandato triennale di Mantovani avrà inizio a fine ottobre, dopo l’Assemblea GeneraleUFI prevista nel corso del Congresso di Bogotá (29 ottobre-1 novembre 2014).UFI-the Global Association of the Exhibition Industry è l'associazione che raggruppa i principali organizzatori ed enti fieristici e le associazioni nazionali ed internazionali del settore. Ad oggi UFI conta 630 membri provenienti da 83 paesi che rappresentano 4.500 manifestazioni, 150 milioni di visitatori, 700.000 espositori e 40 milioni di superfice netta espositiva.«Ringrazio tutti i soci della fiducia accordatami che rappresenta per me motivo di orgoglio anche perché espressione dell’apprezzamento per il lavoro svolto sia a Veronafiere, come direttore generale, sia nell’ambito dell’intero comparto a livello internazionale. Questo nuovo incarico rappresenta per me una grande responsabilità nonché un ulteriore stimolo a potenziare sempre di più l’impegno per la valorizzazione del sistema fieristico mondiale. Insieme ai colleghi, lavoreremo per sostenere gli associati nello sviluppo di una sempre maggiore collaborazione tra gli enti di tutto il mondo con l’obiettivo di favorire lo scambio di idee e la condivisione di strategie per un sempre più concreto ed armonico sostegno alle imprese ” - afferma Giovanni Mantovani. UFI, fondata nel 1925, è oggi l’associazione mondiale che raggruppa i principali organizzatori fieristici, centri espositivi e congressuali, associazioni di settore e partner industriali.Tutti i membri UFI - 630 da 83 Paesi a rappresentare 4.500 manifestazioni, 150 milioni di visitatori, 700.000 espositori e 40 milioni di superfice netta espositiva - sono riconosciuti a livello internazionale per il loro alto standard qualitativo.L’associazione è divisa in Chapter continentali. Quello europeo si riferisce alla grande Europa, non solo agli Stati UE: ha 314 membri che rappresentano il 49% degli associati.UFI rappresenta un’opportunità di dialogo e confronto tra i professionisti del settore fieristico internazionale e svolge un ruolo importante nella promozione delle manifestazioni come strumento di marketing molto efficace.Con sede a Parigi e uffici regionali a Hong Kong e in Kuwait, la missione di UFI è rappresentare e servire il settore fieristico internazionale.UFI nasce infatti con l’obiettivo di far conoscere le potenzialità del sistema fieristico come motore trainante dell’economia europea e mondiale, di promuovere il valore unico delle fiere ed educare i professionisti del settore fieristico.
MUNICIPALE
Week end di controlli  <br/>identificate 25 persone

Week end di controlli
identificate 25 persone

Il Comandante Luigi Altamura ha presentato questa mattina il bilancio delle numerose attività svolte, nel corso del fine settimana, dagli agenti della Polizia municipale. Un uomo di 43 anni veronese senza fissa dimora è stato denunciato all'Autorità giudiziaria per falsa attestazione sull'identità, porto abusivo d'arma e ricettazione, dopo essere stato controllato lo scorso lunedì mentre viaggiava su un bus senza biglietto. Agli agenti della Polizia municipale, chiamati dal personale Atv, l'uomo aveva dichiarato di essere senza carta d'identità ed aveva invece mostrato quella che sosteneva essere del figlio. Dagli accertamenti è emerso però che l'uomo stava usando un documento rubato. Perquisito, è risultato in possesso non solo del suo documento personale, ma anche di due coltelli con lama lunga una decina di centimetri. L'uomo è stato perciò denunciato in stato di libertà. I coltelli e la carta d'identità rubata sono stati posti sotto sequestro. Sabato mattina una donna di 35 anni di nazionalità nigeriana è stata invece fermata all'interno degli uffici dell'Anagrafe, dove si era recata per pratiche di residenza; la donna è infatti risultata in possesso di un passaporto in parte falsificato. Il documento è stato perciò sottoposto a sequestro e la donna segnalata all'Autorità giudiziaria. Venerdì pomeriggio la Polizia municipale ha inoltre sequestrato due smartphone contraffatti che due giovani di nazionalità rumena tentavano di vendere ai passanti, in zona stazione, per 30 euro. Privi di imballaggio, confezione e caricabatterie, i telefonini avevano lo stesso codice Imei, il numero identificativo univoco dell'apparecchio. I venditori, provenienti dalla periferia milanese, sono stati denunciati per ricettazione e vendita di prodotti contraffatti. Un altro venditore irregolare è stato fermato ieri mattina in pieno centro. Si tratta di una 37enne veronese che tentava di vendere piante in vaso in via della Scala, avvicinando i passanti e chiedendo cinque euro per l'acquisto senza essere però in possesso dell’autorizzazione al commercio. La merce è stata sequestrata e la donna multata, come previsto dalle norme di settore. Sono state infine complessivamente 20 le persone sanzionate, durante questo fine settimana, per attività di accattonaggio nei principali incroci cittadini, sulle circonvallazioni più esterne come via Pasteur e via San Marco e in quelle del centro, come corso Porta Nuova e via Quattro Novembre ma anche a Castelvecchio, via Mazzini e via Roma. Tutti i mendicanti sono stati controllati ed allontanati ed è stata loro contestata la violazione al regolamento di Polizia urbana. È proseguito anche il presidio ai giardini Chiarelli e in zona piazza Isolo, per contrastare il fenomeno di degrado: da giugno ad agosto sono stati 156 i controlli effettuati in zona dai Vigili di quartiere e 17 gli interventi del personale Amia per rimuovere rifiuti vari, cartoni e vestiti abbandonati in zona. 
ESTORSIONE
Estorcevano denaro     <br/>Nei guai tre ristoratori

Estorcevano denaro
Nei guai tre ristoratori

Amici, colleghi di lavoro e anche coinquilini, visto che vivono insieme in una casa di Oppeano. Nicola Marcelli, cuoco, Mose' Severi e Fabio Romitti, titolari di un locale di Verona in via Seminario, Pane e Vino. Arrestati tutti e tre con l'accusa d'estorsione nei confronti di una 33enne di Bussolengo alla quale avrebbero sottratto circa 50mila euro in pochi mesi, da giugno ad agoosto. Prima la promessa di sanare una posizione aperta con Equitalia, una cartella esattoriale di 11milaeuro, millantando conoscenze. Poi le continue minacce per ricevere soldi. Disperata la donna si è rivolta ai carabinieri che hanno arrestato i tre, cogliendoli sul fatto: stavano ricevendo altri 4000 euro dalla 33enne, in un parcheggio poco fuori Bussolengo. Ora Marcelli, Romitti e Severi sono ai domiciliari
Due turisti stranieri  <br/>rischiano sul Baldo

Due turisti stranieri
rischiano sul Baldo

Scendendo dal Rifugio Telegrafo sul monte Baldo, due escursionisti, un tedesco di 33 anni e una...

MEDICINA
Zaia contro Giannini    <br/>''No al numero chiuso''

Zaia contro Giannini
''No al numero chiuso''

“La riforma dell’Università con l’abolizione del numero chiuso e dei quiz-lotteria per accedervi, da sostituire con criteri di merito legati al curriculum di studio, sta facendo una brutta fine: non riesce ad andare oltre l’#statetranquillilafaremo sparato in piazza in campagna elettorale per le europee dal Ministro Giannini. Un Ministro che promette ma non fa, non dico la riforma ma almeno la convocazione del promesso tavolo tecnico per studiarne le modalità; il mondo accademico che per ora non è andato oltre la pur comprensibile segnalazione di problemi logistici, un summit con il prevedibile nulla di fatto finale. Siamo di fronte ad uno stand by che danneggia gli studenti e non depone a favore di un futuro migliore orientato alla qualità reale e al merito”.Lo sottolinea il Presidente della Regione del Veneto Luca Zaia rispetto al futuro della promessa abolizione del numero chiuso e dei quiz d’accesso alle Università, tema sul quale si è registrato un vertice conclusosi con un nulla di fatto.“Il 3 settembre ad esempio – incalza Zaia – 85.000 studenti delle professioni sanitarie, tra cui infermieristica, ostetrica, fisioterapista, tecnici di laboratorio nelle varie branche, si giocheranno al lotto 25.540 posti e a seconda di quanti indovineranno come si chiamava il cavallo bianco di Garibaldi, sarà deciso chi merita di studiare per la professione che ha scelto e chi no. Non è così che si formano i professionisti migliori, così vanno avanti solo i più fortunati ed è una profonda ingiustizia, che mina di fatto il diritto costituzionale allo studio per tutti. Serve selezione vera – attacca Zaia – tutti ai nastri di partenza con uguali possibilità e chi sgarra con gli esami, ad un certo punto è fuori. Questo è quello che chiedo dal novembre 2013, questa è la promessa del Ministro Giannini, questo è quello che ragazzi e famiglie si aspettano per non finire nel business milionario dei tutor privati e dei viaggi della speranza all’estero”.“Le preoccupazioni logistiche espresse dai Rettori – aggiunge il Governatore – sono fondate, ma non irrisolvibili: Se il Governo crede all’importanza della formazione universitaria italiana dimostri che i finanziamenti strutturali ad alcune scuole non erano lo strumento per consentire al Premier di andarle a visitare con la fanfara, ma una piccola parte di una strategia vera a favore della nostra istruzione; trovi i soldi per mettere a disposizione delle Università nuovi spazi, anche recuperandone tra i beni demaniali inutilizzati, e nuovi docenti se ne servono. Non è così difficile, basta usare in modo virtuoso e selettivo i criteri della spending review, tagliando magari atenei troppo simili a catene di montaggio lauree, e cominciando a sostenere quelli virtuosi per gestione, qualità dell’insegnamento e severità delle valutazioni come Padova, Verona e Venezia, e quelle Regioni come il Veneto che si pagano un centinaio di borse di studio l’anno per gli specializzandi in medicina”.
ALLAGAMENTI
Nubifragio, Monteforte      <br/>ancora sotto acqua

Nubifragio, Monteforte
ancora sotto acqua

Monteforte d'Alpone finita sotto acqua. Non c'è pace per il paese dell'est veronese: il nubifragio di questa notte ha provocato nuovi allagamenti di garage e scantinati, in particolare nella zona di via De Gasperi (già pesantemente colpita dall'alluvione del 2010) e nell'area del campo sportivo. Il Tramigna ha tenuto, ma questa volta ha rotto un progno secondario.Disagi anche a Soave, per l'allagamento di alcune strade, sul lago di Garda tra Bardolino e Lazise, e a Sommacampagna, dove sono stati necessari interventi dei vigili del fuoco.
INCIDENTE
Schianto contro auto    <br/>gravi due motociclisti

Schianto contro auto
gravi due motociclisti

Sono ricoverati all'ospedale di Peschiera del Garda due motociclisti che questa notte si sono schiantati a Salionze contro un'automobile. Le dinamiche sono ancora in fase di accertamento. Sul posto sono intervenuti i sanitari di Verona Emergenza che hanno riscontrato sui centauri alcune fratture alle gambe e numerose altre escoriazioni.
Allagamenti a Monteforte      <br/>FOTOGALLERY

Allagamenti a Monteforte
FOTOGALLERY

Le prime immagini degli allagamenti che hanno colpito nuovamente Monteforte d'Alpone.In pochiss...

NEL CANALE
Tragedia a Bovolone,    <br/>annega bimbo di 2 anni

Tragedia a Bovolone,
annega bimbo di 2 anni

Stava giocando, oppure si è allontanato dal controllo della madre ed è scivolato nel fossato che costeggia la sua abitazione, morendo annegato.E' successo a Bovolone, in una zona di campagna, fuori dall'abitato del paese. La vittima è un bambino moldavo di soli due anni: il corpo è stato recuperato nel primo pomeriggio dopo che le ricerche scattate in mattinata non avevano dato esito.La madre aveva dato l'allarme ed erano intervenuti i vigili del fuoco che avevano scandagliato il canale.Solo più tardi un passante ha notato il corpo del piccolo, trascinato dalla corrente ad un chilometro dal luogo dove sarebbe avvenuta la scomparsa.Il corpicino è stato riportato a riva, ma ormai per il bambino non c'era più niente da fare.
MALAVITA
Rapina a Gazzolo,    <br/>presi due banditi

Rapina a Gazzolo,
presi due banditi

I Carabinieri della Compagnia di San Bonifacio hanno arrestato un albanese ed un rumeno accusati di aver fatto parte della banda che il 3 gennaio 2013 compì una rapina in villa a Gazzolo d’Arcole, picchiando brutalmente il figlio dei proprietari, Francesco Ambrosi, che era rientrato a casa, soprendendo due malviventi. Uno dei banditi sparò un colpo di pistola, ferendo il giovane alla gamba. In carcere sono finiti un albanese di 29 anni ed un rumeno 45enne, raggiunti da un’ordinanza di custodia cautelare: avrebbero collaborato alla rapina, ma le indagini dei Carabinieri continuano per individuare i banditi che hanno materialmente compiuto il colpo.
AUTOSTRADA
Verona Est, entrata   <br/>chiusa fino alle 6

Verona Est, entrata
chiusa fino alle 6

Dopo i lavori sulle rampe in uscita, il casello di Verona Est dell'autostrada resterà chiuso in entrata fino alle 6 di domani verso ogni direzione per il rifacimento della pavimentazione di svincoli e piazzali. Come entrate alternative, oltre alla viabilità cittadina si consigliano: in direzione Milano percorrere la Tangenziale Sud di Verona e uscire a Borgo Roma oppure ad Alpo e raggiungere il casello di Verona Sud; in direzione Venezia entrare sulla Tangenziale Sud in direzione Vago, quindi innestarsi sulla Porcilana in direzione Belfiore, al termine di questa, portarsi sull'entrata del casello di Soave.
INCENDIO
Fiamme a Montorio,    <br/>evitati danni a chiesa

Fiamme a Montorio,
evitati danni a chiesa

Attimi di paura a Montorio per l’incendio ad alcune sterpaglie, provocato dal caldo. L’intervento tempestivo dei vigili del fuoco ha impedito che le fiamme potessero estendersi ad alcuni pini della piazza e di conseguenza minacciare la chiesa parrocchiale.Il lavoro dei pompieri invece ha permesso di spegnere prontamente le fiamme che stavano cominciando a insidiare le piante che si trovano accanto alla chiesa.
VU' CUMPREA'
Ugl Polizia, permesso   <br/>di soggiorno a punti

Ugl Polizia, permesso
di soggiorno a punti

Il fenomeno dei vù cumprà è in aumento, soprattutto nelle località turistiche, e per contrastarlo il sindacato UGL della polizia di Stato propone l'introduzione del permesso di soggiorno a punti.Gli immigrati il regola con il permesso e trovati a fare gi venditori ambulanti abusivi in spiaggia siburebbero una decurtazione dei punti e come avviene per la patente, una volta finito il bonus di punti, il permesso di soggiorno non sarebbe piùà valido e gli immigrati dovrebber tornare nel loro paese. "ll 95% dei venditori abusivi - spiega Mauro Armelao, segretario generale regionale UGL Polizia di Stato Veneto- è in possesso di regolare permesso di soggiorno e quindi non potrà mai essere espulso dal nostro territorio nazionale. Extracomunitari che magari in ferie o liberi dal proprio lavoro, corrono in spiaggia a vendere con i propri amici per cercar di “arrotondare”. "A questi soggetti - continua il sindacalista - solo una contravvenzione si potrà fare perchè non in possesso di una regolare licenza per vendere e nulla di più, contravvenzione che chissà se mai pagheranno. Secondo il nostro parere ci vorrebbe un permesso di soggiorno a punti, proprio come la patente di guida". Armelao spiega come funzionerebbe: "Ti trovo a vendere in spiaggia e hai un permesso di soggiorno per fare un altro lavoro? bene ti decurto X punti dal permesso. Commetti un reato? Ti decurto X punti dal permesso in base alla gravità legata alla pena prevista dal nostro codice penale. Una volta terminati i punti te ne ritorni al tuo paese perchè in Italia non hai rispettato le regole e per 5 anni non ci puoi far ritorno". "Sicuramente - conclude - servirebbe come deterrente e si inizierebbe così a far rispettare quelle che sono le nostre leggi".
MALTEMPO
Allerta meteo, fino  <br/>a lunedì pomeriggio

Allerta meteo, fino
a lunedì pomeriggio

Il Centro Funzionale Decentrato della Protezione Civile del Veneto, alla luce delle condizioni meteo attese, ha diramato lo Stato di Attenzione per Rischio Idrogeologico su tutto il territorio del Veneto a partire dalle 14 di domani, domenica 31 agosto, fino alle 14 di lunedì 1 settembre.L’arrivo di una perturbazione attesa come piuttosto intensa potrebbe infatti provocare precipitazioni diffuse con locali temporali, grandinate e raffiche di vento anche di notevole intensità.
DENUNCIA
Coltellate in strada,    <br/>lite tra fratelli

Coltellate in strada,
lite tra fratelli

I controlli a Veronetta sono stati rafforzati, la presenza delle forze dell'ordine è costante, con una postazione fissa della Polizia, dopo la linea dura annunciata dal Questore Gagliardi, ma gli agenti sono impegnati a garantire sicurezza in tutto il territorio veronese.Così gli agenti delle Volanti questa notte sono intervenuti, allertati da numerosi residenti di Via Pellico che hanno chiamato il 113 per segnalare una violenta rissa in strada. Arrivati sul posto, i poliziotti hanno trovato due giovani fratelli pakistani che avevano smesso di litigare, ma erano feriti alle braccia e perdevano molto sangue.I poliziotti hanno trovato nelle vicinanze un lungo coltello da cucina ancora indanguinato; uno dei due fratelli, un 28enne residente a Verona è stato denunciato a piede libero per lesione personali aggravate dall’uso del coltello.
GOVERNO
Sblocca Italia, Tosi:    <br/>Al Veneto solo briciole

Sblocca Italia, Tosi:
Al Veneto solo briciole

"Credo che i festeggiamenti del Pd veneto e veronese siano una cortina fumogena per cercare di nascondere la realtà: cioè che il Veneto nel provvedimento Sblocca Italia, è rimasto a bocca asciutta, ha avuto solo l'elemosina o le briciole (120 milioni di euro su 3 miliardi e 400 milioni stanziati)". Lo afferma, in una nota, il sindaco di Verona Flavio Tosi che aggiunge: "eppure nel giugno scorso, all'assemblea degli industriali di Vicenza e Padova, il Presidente Renzi aveva testualmente affermato '…io vi dico qui che entro il mese di luglio siamo in condizioni di andare a non sbloccare, perché come sapete tra Milano e Venezia ci sono due pezzi di alta velocità che sono già fatti, la Padova Venezia e la Milano Bergamo ma noi abbiamo bisogno di collegare da Bergamo a Padova, di intervenire in modo rapido, di utilizzare i fondi europei anziché spezzettarli in mille rivoli per grandi progetti che servono e nel decreto infrastrutture Sblocca Italia che stiamo preparando'". "In realtà si sarebbe dovuto procedere con la realizzazione della Tav, già ultimata fino a Brescia, da Brescia a Verona e poi fino a Padova - aggiunge Tosi -. Come temevamo, è stata disattesa in maniera clamorosa una promessa fatta dal Presidente del Consiglio davanti a 3mila industriali, perché finanziare solo il progetto nella tratta Verona-Padova non significa finanziare l'opera in quanto il costo del progetto è un ventesimo del costo dell'opera. Credo che il Pd veneto, invece di cantare una vittoria che altri, da Napoli a Bari, da Palermo, Messina e Catania, oggi possono cantare, dovrebbero chiedere a tutte le forze politiche dell'opposizione una mano per far cambiare rotta al Governo".
AUTOSTRADE
Sabato da bollino rosso,    <br/>traffico intenso

Sabato da bollino rosso,
traffico intenso

In questo ultimo fine settimana di agosto da bollino rosso, Viabilità Italia, il "Centro di coordinamento nazionale per fronteggiare le situazioni di crisi in materia di viabilità" segnala circolazione stradale regolare, con traffico in progressiva intensificazione. Di seguito si segnalano le situazioni più rilevanti registrate lungo la rete autostradale: •sulla A/4 Venezia-Trieste, code tra Villesse e Bivio A/23 e rallentamenti con code a tratti tra Bivio A/23 e San Giorgio di Nogaro, in direzione ovest, per traffico intenso; inoltre si registrano code in ingresso alla Barriera di Trieste Lisert, in direzione ovest;•sulla A/22 Brennero-Modena, code tra il Confine di Stato e Vipiteno, tra Carpi e innesto A/1, e rallentamenti tra Chiusa e Rovereto Nord, in direzione sud, per traffico intenso;•sulla A/14 Bologna-Taranto, code a tratti, tra Bologna Borgo Panigale e Bivio A/14-Diramazione per Ravenna e tra Bologna Casalecchio e innesto A/14, in direzione sud, per traffico intenso; •sulla A/23 Palmanova-Tarvisio, code tra Udine Sud-Tangenziale e Allacciamento A/4 Torino-Trieste, in direzione sud, per traffico intenso; •sulla A/1 Milano-Napoli, code tra Barberino del Mugello e Roncobilaccio, in direzione nord, per un incidente in via di risoluzione; inoltre code alla barriera di Milano Sud in ingresso alla città; •sulla A/26 Genova Voltri-Gravellona Toce, code tra Ovada e il Bivio con la A/10, in direzione sud, per un incidente ormai in via di risoluzione. Il tempo, secondo quanto riferisce Viabilità Italia sarà stabile fino al pomeriggio di domenica, quando un peggioramento interesserà le regioni settentrionali, con possibilità di brevi rovesci temporaleschi lungo la dorsale appenninica, su tutte le zone alpine e prealpine, con occasionali sconfinamenti sulla Pianura Padana. Anche nella mattina di domenica 31 agosto 2014 il tempo sarà generalmente soleggiato. Dal pomeriggio si avrà un peggioramento delle condizioni meteorologiche al settentrione, specie nei settori di nord-est. Il rientro dalle vacanze interesserà anche le stazioni ferroviarie, saranno circa 800mila i viaggiatori che si muoveranno con le Frecce e gli altri treni nazionali durante quest'ultimo weekend di agosto. Il maggior flusso di passeggeri è previsto nelle stazioni di Roma e Milano, dove sono attesi, rispettivamente, 170mila e 220mila viaggiatori.
LAVORO
Giunta Verona assume     <br/>38 educatori per nidi

Giunta Verona assume
38 educatori per nidi

La Giunta comunale nell’ultima seduta ha deciso l’assunzione a tempo determinato di 15 educatori di asilo nido e di 23 insegnanti di scuola dell’infanzia. “Si tratta di garantire i servizi educativi e materno/infantili per l’anno scolastico 2014/2015 –spiega l’assessore all’Istruzione Alberto Benetti- mediante l’incremento delle assunzioni di personale a tempo determinato, in attesa che giunga a termine la selezione pubblica, già indetta, per l’assunzione di 8 educatori di asilo nido a tempo parziale di 18 ore settimanali e, per quel che riguarda le scuole dell’infanzia, in attesa del concorso di prossima pubblicazione per l’assunzione di 13 nuovi insegnanti”.
MATRIMONI
A Palazzo Barbieri   <br/>festeggiate nozze d'oro

A Palazzo Barbieri
festeggiate nozze d'oro

Questa mattina, nel corso della tradizionale cerimonia che si svolge in sala degli Arazzi, il sindaco di Verona Flavio Tosi ha premiato 150 coppie di coniugi che hanno festeggiato il 50° anniversario di matrimonio nei mesi di aprile e maggio. Questo l’elenco dei coniugi: Franco Rossi-Franca Zenaro; Tarcisio Zivelonghi-Alessandra Righetti; Francesco Zampieri-Fernanda Salvoro; Gianni Marcon-Rosalba Zandonella Garofolo; Vittorio Scalese-Concetta Donadio; Silvano Maoli-Luigina Sandri; Giorgio Piva-Cesarina Baetta; Graziano Monti-Licia Papi; Valeriano Benedetto Meche-Diana Santangelo; Radames Zamboni-Silvana Braga; Luigi Franco Agnoli-Bruna Ambra; Rolando Caceffo-Anna Businaro; Roberto Martino-Leonilla Begali; Silvio Farinazzo-Elsa Martini; Alberto Ferrari-Delia Udali; Lorenzo Formenti-Anna-Maria Peroni; Italo Baielli-Adriana Censi; Gioacchino Balsamo-Maria Anna D'anna; Lino Lovo-Angelina Zantedeschi; Giuseppe Guglielmi-Vittorina Ambrosi; Roberto Finetto-Franca Varani; Romano Luigi Zampini-Luciana Zingarlini; Renato Rotta-Viviana Dal Corso; Paolo Policante-Vittoria Ferrari; Orlandino Taviani-Clara Lavarini; Attilio Rosina-Anna-Maria Zancolli; Domenico Zivelonghi-Enrichetta Campagnari; Valerio Veneri-Lucia Bovo; Alberto Albazzi-Teresina Bonazzi; Dino Perinelli-Mariella Castellani; Orlando Natali-Adriana Pellizzato; Luciano Anesi-Franca Tomizioli; Fortunato Alda'-Maria Belloni; Giulio Vanni-Marcella Marmodoro; Arrigo Brentegani-Anna Maria Pizzolato; Livio Marchi-Angela Montaguti; Giancarlo Signorini-Bruna Scandola; Renzo Piccoli-Pia Tesa; Francesco Ciccarello-Maria Scibetta; Franco Franceschetti-Laura Castello; Sante Bertolazzi-Adriana Battistoni; Franco Bortolasi-Maria Grazia Pigozzi; Luigi Melchiori-Anna Pia Splendori; Remigio Bertucco-Elda Bellorio; Renzo Martini-Bruna Dusi; Armando Ambrosi-Dolores Moratelli; Edoardo Salbego-Maria Guglielmi; Giuseppe Rossini-Carla Guantieri; Luigi Giaretta-Angela Cacciatori; Renzo Saccomani-Carmela Beverari; Salvatorico Palmas-Luisa Marino; Luigi Zampieri-Luciana Berzacola; Abdyl Varvarica-Aferdita Varvarica; Luigi Soriato-Graziella Marchesini; Leonardo Del Vecchio-Giuseppina Galasso;Ernesto Soncin-Maria Rigo; Luigi Disaro'-Maggiorina De Gaspari; Arturo Recchia-Rosanna Aldegheri; Silvano Bassi-Anna Maria Formigoni; Luciano Patuzzo-Fernanda Rossignoli; Raffaello Buttorini-Graziella Cacciatori; Sergio Oliosi-Giovanna Bellorio; Armando Petronio-Maria Masullo; Renato Xumerle-Maria Biondani; Enzo Balestra-Luciana Bonizzato; Silvio Bazzoni-Ida Fiorentini; Alberto Meritano-Graziella Camielli; Agostino Segala-Lucia Pennisi; Guerrino Venturi-Adriana Voltolini; Gaetano Turri-Luigina Masotto; Pierantonio Caliari-Maria Teresa Pasini; Umberto Corradi-Paolina Moratelli; Mario Pasti-Milla Mantovani; Walter Fusari-Rosalia De Giovanni; Antonio Mazzi-Maria Cazzola; Giovanni Veronese-Nazarena Zorzella; Luciano Zangrandi-Bruna Colognato; Giancarlo Montresor-Dina Campara; Sergio Paolini-Anna Ketmaier; Alberto Donati-Loredana Farnea; Luciano Nicolis-Roberta Trentini; Bruno Gobbi-Teresa Tezza; Adriano Vantini-Carla Misturini; Attilio Gottardi-Mirella Carli; Giovanni Sante Righetti-Giancarla Padovani; Renzo Bertoli-Maria Teresa Ferraro; Franco Annechini-Ivana Fitta'; Livio Scamperle-Rita Antonia Bonato; Luciano Boner-Maria Sartori; Antonio Giuseppe Fiocco-Rosetta Modesti; Erminio Grigoli-Luciana Filippi; Igino Campara-Livia Comerlati; Vincenzo Stornello-Maria Maddalena Boreani; Angelo Bellamoli-Lina Lavarini; Giancarlo Dal Negro-Lina Santini; Franco Legnami-Rossana Fiore; Gianfranco Bonfante-Rolandina Pasqualetto; Renato Zanoni-Rita Maria Valbusa; Gian Maria Candiani-Nella Toffali; Gaetano Bussola-Maria Cugildi; Alberto Bazza-Mirella Zanetti; Fausto Siddi-Agostina Tusacciu; Gaetano Reali-Elena Regolini; Mario Fante-Ottavia Zanoni; Angelo Mario Bertolaso-Angela Scatolin; Antonio Belluzzo-Rina Baraldi; Aldo Biasi-Maria Giovanna Tramonte; Umberto Bernardocchi-Laura Girardi; Alberto Pavanati-Renata Rinaldi; Giuseppe Martini-Maria Antonietta Bragastini; Antonio Zerpelloni-Maria Recchia; Giuseppe Righetti-Annalisa Perusi; Gino Vittorio Cortese-Mirella Pasetto; Giuseppe Carli-Anna-Maria Bruni; Bruno Scartozzoni-Anna Maria Veronese; Enzo Giorietto-Loredana Allegri; Raffaello Tosi-Iole Borchia; Mario Tessari-Rita Mazzi; Pierluigi Schena-Anna Peretti; Ferdinando Lorenzini-Graziella Corsi; Giuseppe Contro-Maria Marchiotto; Franco Peretti-Silvia Teresa Tommasi; Romeo Tosi-Palmira Zamboni; Bruno Magnabosco-Domenica Zerbato; Raffaello Dal Bon-Franca Rossetti; Giuseppe Pampalone-Luciana Veronese; Mario Brunelli-Fernanda Marani; Giuseppe Armani-Paola Barbiero; Enzo Talamioli-Graziella Caloi; Cosimo Pugliese-Anna Baldini; Aldo Cuomo-Angelina Caronna; Luigi Spada-Anna Maria Andreoli; Luigi Bonfante-Ornella Fascinelli; Antonio Cafazzo-Rosita Chiara Mitrione; Gianfranco Toffaletti-Adriana Tomasi; Luciano Petito-Maria Luisa Veneri; Avelino Perusi-Maria Gecherle; Silvio Zambaldo-Clara Albrigi; Antonino Zambon-Sonia Fraccaroli; Alessandro Castellani-Maurizia Romanelli; Silvano Zampieri-Luciana Leso; Giuseppe Tosoni-Gabriella Giaracuni; Remigio Marzolo-Mariella Rigobello; Rino Colato-Robertina Zanolo; Alberto Viviani-Edda Govigli; Damiano Milan-Rosa-Maria Carmassi; Gianfranco Vesentini-Annabella Naletto; Enzo Venturi-Vittoria Volpato; Antonio Tonini-Rosanna Rita Contri; Luigino Mattiolo-Rosetta Livellini; Natale Olivieri-Adriana Belloni; Luigi Zavater-Maria Lodovica Venturini; Gian Carlo Chemello-Maria Vomiero; Paolo Filippo Verdari-Maria Teresa Brunelli; Riccardo Riolfi-Bruna Garavello; Corrado Moschini-Jole Masiero; Amedeo Malavasi-Edda Baschera; Paolo Biasi-Vilma Brigatti; Bruno Bianchini-Renata Righetti; Benito Magalini-Giuseppina Benetton.
DROGA
Corrieri in A4 <br/>fermati dalla Stradale

Corrieri in A4
fermati dalla Stradale

Nella prima serata di ieri l’intervento della Polizia Stradale di Verona Sud ha condotto all’arresto di un “corriere” della droga in trasferta.Intorno alle 21.00 una pattuglia della Stradale, dopo averla notata in transito sull’A4 e averle intimato l’alt presso l’aerea di parcheggio San Lorenzo Est, ha fermato una Audi A3 sospetta. Procedendo al controllo del mezzo, occupato da due giovani italiani, gli agenti hanno trovato, occultati sotto il sedile del passeggero, un involucro rettangolare avvolto con cellophane, contenente sostanza resinosa di colore marrone ed una seconda busta trasparente contenente una esigua quantità di sostanza resinosa anch’essa di colore marrone. Le analisi di laboratorio hanno poi confermato trattarsi di oltre 100 grammi di hashish.Interrogato a riguardo, il passeggero ha ammesso di essere il proprietario della droga nascosta e di averla acquistata a Verona da un nordafricano. Trovato anche in possesso di oltre 2000 euro in contanti, dei quali non ha saputo giustificare la provenienza, l’uomo, M.F., 26enne originario della provincia di Belluno, è stato tratto in arresto per detenzione di sostanza stupefacente a scopo di spaccio.Processato questa mattina per direttissima, una volta convalidato l’arresto, si è visto applicare la misura dell’obbligo di dimora nell’attesa del rinvio del processo, stante la richiesta dei termini a difesa.
LESSINIA
Premio speciale per il    <br/>Film Festival Lessinia

Premio speciale per il
Film Festival Lessinia

La Laguna chiama l'altopiano dei Monti Lessini. Al 'Film Festival' della Lessinia è stato assegnato, nell'ambito delle iniziative riconosciute dalla Mostra del Cinema del Lido, un premio speciale "per i suoi vent'anni di attività artistica viva e feconda per le nostre Terre" su segnalazione di "Log to green, sustainability vision", e nell'ambito delle attività del "Green Drop Award", premio collaterale dedicato all'ambiente e alla cooperazione fra i popoli istituito da Green Cross Italia. Il Film Festival della Lessinia, con la direzione artistica di Alessandro Anderloni, è tra più longevi del Veneto e festeggia quest'anno l'anniversario dei vent'anni. Un traguardo importanteper la rassegna cinematografica internazionale dedicata alle montagne e alle terre lontane di ogni angolo del mondo che si sta svolgendo al Teatro Vittoria di Bosco Chiesanuova (Verona). Fino al 31 agosto nove giorni di proiezioni, presentazioni culturali, incontri con i registi, mostre fotografiche, una programmazione di film per bambini e ragazzi. Una edizione da record quella del 2014, con 83 opere cinematografiche in programma delle quali 25 anteprime italiane.
POLIZIA MUNICIPALE
Chievo-Juve, viabilità    <br/>da bollino rosso

Chievo-Juve, viabilità
da bollino rosso

Le squadre in campo, agenti e ufficiali della Polizia Municipale in strada. 40. Per Chievo-Juve la partita che inaugura il campionato di serie A. Da gestire viabilità e traffico, ma non solo. In partite così di cartello non preoccupa solo il grande afflusso di tifosi ospiti ma anche i fenomeni irregolari legati al commercio abusivo di merchandising o di alimentari vari. La task force della Municipale entrerà in azione dalla mattina, particolare attenzione sarà riservata alle tangenziali, dove non si può lasciare la macchina, nemmeno in prossimità delle uscite, e a veicolare il grosso dei tifosi nei parcheggi a disposizione: i tre dello stadio, piazzale guardini, dove verranno indirizzati gli autobus dei calcio club, porta palio e stazione.
TERRORISMO
Zaia: Senza chiarezza     <br/>No a nuove moschee

Zaia: Senza chiarezza
No a nuove moschee

Il presidente del Veneto, Luca Zaia, chiede che non venga dato il permesso di apertura di nuove moschee in Italia finchè non sarà fatta chiarezza dalle indagini sulle cellule islamiche scoperte nel Paese. "Finché i 'casini' non saranno chiariti - aggiunge Zaia -, sono contrario all'apertura di nuove moschee, che non sono un problema in quanto tali, ma in quanto non sono previste garanzie per i cittadini. Se anziché una moschea, si parlasse di aprire un tempio buddista, il cittadino non si preoccuperebbe"Il vero tema - ragiona Zaia - è infatti legato al fatto che, purtroppo, a torto o a ragione, l'Islam viene associato ad una certa idea, sulla base della quale dubbi e paura sono giustificati nei cittadini". "Hanno ragione anche le forze di polizia - prosegue -, quando denunciano di essere sotto organico. E vorrei sentire adesso quelli che definivano esagerati i miei allarmi, quando le cose sono andate proprio così: oggi governano loro e non possono fare finta di non sentire gli appelli". Zaia ha dunque invitato gli imam a prendere le distanze dai proclami di violenza. "Non vedo sbagliata - ha concluso - l'idea di un incontro, che probabilmente riuscirò ad organizzare per la prossima settimana, con chi è qui".
TERREMOTO
Il sismologo: In Italia   <br/>10mila scosse all'anno

Il sismologo: In Italia
10mila scosse all'anno

“Sono ben 10.000 gli eventi sismici registrati ogni anno in Italia". Lo afferma Riccardo Azzara, ricercatore dell’INGV  in occasione della Settimana del Pianeta Terra, organizzata dalla Federazione Italiana di Scienze della Terra.A scendere in campo ricercatori per spiegare ad adulti e bambini , cosa è un terremoto , perché ci sono i terremoti , come convivere e soprattutto come comportarsi. "Negli ultimi 17 anni - spiega Azzara - abbiamo avuto 4 forti terremoti che hanno prodotto circa 400 vittime , decine di migliaia di sfollati e danni stimati in diversi miliardi di Euro. Per non parlare delle aree in cui la sismicità, pur non presentandosi sotto forma di evento sismico distruttivo, ha comunque prodotto scosse avvertibili e danneggiamento per lunghi periodi, come, ad esempio, nelle aree del Pollino o dell'Umbria. In Italia oggi più di 300  “orecchi elettronici” appoggiati sul terreno ad ascoltarne ogni minimo movimento e a dare la possibilità di individuarne il luogo di provenienza, costituiscono la Rete Sismica Nazionale”. “Pochi sanno che appena venti anni fa, poco prima del Terremoto dell'Umbria-Marche (quello del 1997 che danneggiò la Basilica di San Francesco ad Assisi, facendo tre vittime) c'erano poco più di settanta stazioni sismiche – prosegue il sismologo - e che alle soglie del nuovo millennio queste non arrivavano nemmeno a cento; in meno di quindici anni si è registrato un incremento quasi del trecento per cento. Ciò ha contribuito a far crescere il livello di conoscenza della sismicità nazionale, dei meccanismi che regolano le modalità di rilascio dell'energia sismica, del collegamento fra lo scuotimento del terreno e le caratteristiche geologiche superficiali. La mole di dati sismologici è sempre crescente, numerose sono le modalità di accesso ai dati anche per chi non fa parte della comunità scientifica.“Il terremoto è un fenomeno complesso che manifesta la vitalità del Pianeta e non può, né deve, essere evitato, dicono i sismologi. E per riuscire a convivere con un fenomeno che non può essere evitato bisogna, innanzitutto, imparare a conoscerlo. La definizione di rischio ambientale, quello sismico ne è solo un caso particolare, introduce, infatti, il contributo della pericolosità, della vulnerabilità e dell'esposizione. Nel caso dei terremoti la prima individua la probabilità che un determinato livello di scuotimento del terreno prodotto da un terremoto possa essere superato in un lasso di tempo, generalmente fissato a 50 anni. La vulnerabilità sismica è la valutazione della propensione di una struttura a subire un danno a fronte di un evento sismico di una data intensità. L'esposizione è la valutazione della possibilità di subire un danno economico o la perdita di vite umane a seguito di un evento sismico”. “Degli aspetti di pericolosità si occupano i sismologi – conclude Azzara - della vulnerabilità gli ingegneri, la valutazione relativa al valore esposto è compito di esperti finanziari o assicurativi. È evidente che, dei tre elementi costituenti il rischio, si può intervenire direttamente solo sugli ultimi due. Una efficace prassi di riduzione del rischio, indirizzata specificatamente alla prevenzione, deve passare attraverso la riduzione della vulnerabilità e la minor esposizione di valore. La costruzione di nuovi edifici secondo le normative antisismiche vigenti, l'adeguamento antisismico dell'edificato esistente, sono i passi imprescindibili per rendere le costruzioni in grado di resistere a un terremoto. La sola esistenza di normative avanzate non basta, però, a garantire che la mitigazione del rischio ottenga successo. Una efficace prassi di riduzione del rischio è essenzialmente un processo di crescita culturale della società che prende piena consapevolezza del significato di pericolosità, lo fa proprio e attiva forme di convivenza con i fenomeni naturali che, in quanto tali, non possono essere impediti. In questo quadro entra in gioco il ruolo sociale dello scienziato, l'importanza di trasmettere nella maniera più ampia e chiara possibile le conoscenze raggiunte, in modo da concretizzare la presa di coscienza della pericolosità dei territori e rendere automatica l'attivazione di meccanismi di autodifesa. Sismologi e geologi da anni si impegnano nella divulgazione scientifica, nella didattica nelle scuole, nell'informazione in tutte le sue forme. Il futuro della mitigazione del rischio passa necessariamente attraverso l'alfabetizzazione sismologica di una parte sempre crescente di cittadini, a cominciare dai bambini, i cittadini del futuro. Se il nostro lavoro di sismologi riuscirà a far crescere loro con una consapevolezza diversa da quella con cui siamo cresciuti tutti noi, nei prossimi decenni, forse, ci toccherà sempre meno di dover assistere quasi impotenti alle conseguenze disastrose di un evento sismico e il nostro lavoro di ricerca avrà ottenuto un valore aggiunto: quello di aver contribuito a una società migliore”.
AEROPORTO
Catullo, nuovo volo   <br/>verso Catania

Catullo, nuovo volo
verso Catania

Dal 2 ottobre Verona sarà collegata con Catania con un nuovo volo. L'investimento è della compagnia low-coast Volotea che dopo Bari e Palermo ha allargato le destinazioni. Per Valeria Rebasti, Commercial Country Manager Volotea in Italia: "decolliamo 7 giorni su 7 alla volta di Catania, una città con un’offerta turistica accattivante e un panorama naturalistico invidiabile. Allo stesso tempo, ci auguriamo che il nuovo collegamento possa incrementare il flusso turistico verso Verona”“L’ampliamento dell’offerta di Volotea dal Catullo è un risultato su cui lavoriamo da tempo con la compagnia aerea – ha commentato Paolo Arena Presidente di Catullo Spa, che gestisce gli aeroporti di Verona e Brescia. Anche Volotea ha contribuito ai risultati eccellenti dell’estate che hanno fatto segnare al Catullo +7% a luglio e sta facendo registrare nelle prime tre settimane di agosto +8,5%”. “Abbiamo instaurato con Volotea un solido rapporto di partnership – ha concluso Carmine Bassetti, Direttore Generale di Catullo Spa. Oggi Verona collega 46 aeroporti tra voli di linea e charter, lavoriamo per consolidare questo risultato nonostante la fluidità del settore”.
CONSORZIO AGRARIO
Agricoltura, a Legnago    <br/>per l'innovazione

Agricoltura, a Legnago
per l'innovazione

Oltre cinqumila imprenditori agricoli attesi a Legnago alla manifestazione organizzata dal Consorzio Agrario del Nordest che si terrà il 4 e 5 settembre a San Pietro di Legnago all’azienda agricola Bragadina, su una superficie di 30 ettari, tutti dedicati all’innovazione per un’agricoltura sempre più all’avanguardia. L’evento prevede, a partire dalle ore 14.30, visite guidate ai campi sperimentali del Consorzio, convegni e workshop tecnici, dimostrazioni di attrezzature e macchine di ultima generazione anche a guida satellitare, prodotti per la zootecnia e la vite. Una fiera agraria di fine estate rivolta ai soci e ai clienti delle sette province di riferimento del Consorzio (Verona, Vicenza, Venezia, Padova, Rovigo, Mantova e Brescia), società cooperativa con 9000 soci, 70.000 clienti, 115 agenzie commerciali, più di 500 collaboratori, 2 mangimifici, 33 magazzini di stoccaggio per la raccolta dei cereali, 1 cantina vinicola, 1 pastifico e un fatturato nel 2013 di 523 milioni di euro con previsioni incoraggianti per quello del 2014. “Questa manifestazione – sottolinea Federico Dianin, Presidente del Consorzio Agrario – è il proseguo dell’evento organizzato a fine Luglio a Padova in Prato della Valle che ha coinvolto oltre 2.000 agricoltori, con un’esposizione di macchine agricole dall’altissimo valore tecnologico. L’evento in programma – conclude il Presidente – è un modo per creare aggregazione e per presentare agli imprenditori agricoli, anche ai più giovani, le ultime novità di un settore che oggi in Italia è uno dei pochi a registrare dati positivi”.
FACEBOOK
E' febbre da terremoto    <br/>anche sui social forum

E' febbre da terremoto
anche sui social forum

Boom di contatti anche sui social forum per la scossa di terremoto che ha avuto come epicentro il lago di Garda, ma è stata avvertita nettamente in parte della provincia (soprattutto in Valpolicella) ed anche il città.La notizia del sisma, più intenso dei precedenti (4 gradi della scala Richter), ed il successivo aggiornamento, sulla pagina facebook TgVerona Telenuovo in tre ore hanno raggiunto oltre 38mila persone, registrando più di 300 condivisioni.
INDAGINE
Estorsione a una donna  <br/>Arrestati tre italiani

Estorsione a una donna
Arrestati tre italiani

Tre italiani sono stati arrestati dai Carabinieri della Compagnia di Peschiera con l'accusa di estorsione ai danni di una donna. I particolari dell'operazione saranno resi noti nelle prossime ore dai militari dell'Arma che hanno appena concluso l'ingaginei che ha fatto scattare le manette per i tre presunti ricattatori.
SISMA
Scossa di terremoto  <br/>Paura nel veronese

Scossa di terremoto
Paura nel veronese

La terra è tornata a tremare nel veronese. Una scossa di magnitudo 4 della scala Richter con epicentro il lago di Garda ad una profondità di 2,5 km. è stata registrata dalla rete Sismica Nazionale dell'INGV all'altezza di Torri del Benaco. La terra poi ha tremato anche tre minuti dopo (2,6 di magnitudo a 9 km. di profondità).La prima scossa, molto più intensa, è stata avvertita distintamente alle 19:49 non solo nella zona del lago, ma anche in Valpolicella, in particolare nella zona tra Negrar, Fane e Prun e nella zona ovest della provincia. Anche nei palazzi più alti della città il sisma è stato avvertito.Immediate le chiamate ai entralini dei vigili del fuoco di Verona, da parte di cittadini spaventati. Fortunatamente al momento non si segnalano danni.
SOCCORSO
Si blocca sul Baldo,  <br/>salvata 32enne vicentina

Si blocca sul Baldo,
salvata 32enne vicentina

Partita per un giro sul Baldo con il suo cane da Navene, una 32enne vicentina Creazzo a un certo punto ha lasciato il sentiero e ha cominciato a salire lungo un ripido pendio di sfasciumi, finché si è incrodata in un punto molto ripido. Dopo aver tentato di scendere, è scivolata e, impaurita, si è fermata. La ragazza ha chiamato il 118 che ha allertato la Stazione del Soccorso alpino di Verona. I soccorritori hanno quindi fatto attivare l'individuazione del luogo tramite GeoResQ, l'applicazione per localizzare persone che si perdono. Chi è infatti provvisto di uno smartphone, e si trova in un luogo con copertura telefonica sufficiente, è in grado di ricevere un messaggio con un link, spedito dalla centrale e può così, in pochi minuti, inviare le proprie coordinate precise. Una volta ottenuto il punto, in Val Marza, una squadra è partita per rintracciarla, preceduta da un soccorritore della Stazione di Ala, che vive a Malcesine e collabora spesso con Verona. In otto hanno visto e raggiunto la ragazza, superando anche alcuni tratti di I e II grado. Valutato però il rientro rischioso per la probabile caduta di sassi, l'escursionista è stata recuperata dall'elicottero di Verona emergenza con un verricello e trasportata alla piazzola della Protezione civile di Malcesine, mentre i soccorritori sono rientrati a piedi portando a valle il suo cane.
MALAVITA
Rissa e furto: arrestati    <br/>condannati, liberati

Rissa e furto: arrestati
condannati, liberati

Un marocchino 33enne è stato arrestato dagli agenti delle Volanti della Questura di Verona dopo una violenta lite avvenuta in mezzo alla strada. I poliziotti sono intervenuti in via Morando per sedare la rissa tra due nordafricani ubriachi, uno dei due è risultato pluripregiudicato e uando ha capito che sarebbe stato accompagnato in Questura per accertamenti ha colpito un agente e poi è stato bloccato dopo un inseguimento a piedi. Arrestato con l'accusa di violenza finalizzata alla resistenza a pubblico ufficiale, il marocchino è stato precessato per direttissima e condannato a 4 mesi di reclusione, pena sospesa. I poliziotti delle Volanti hanno arrestato anche un 43enne veronese con numerosi precedenti, sorpreso in flagranza mentre rubava all'interno di un'auto in via Roncisvalle. L'uono aveva anche un grosso coltello a serramanico con una lama di 21 cm., per questo è stato arrestato per tentato furto aggravato, possesso di armi e resistenza a pubblico ufficiale. Nel processo per direttisisma il giudice lo ha condannato a 8 mesi disponendo anche in questo caso la sospensione della pena.
DECRETO
Miozzi firma, Provincia <br/>al voto il 12 ottobre

Miozzi firma, Provincia
al voto il 12 ottobre

Oggi, il presidente della Provincia di Verona, Giovanni Miozzi, ha firmato il decreto per l'indizione delle elezioni provinciali, che si terranno domenica 12 ottobre dalle ore 8 alle 20. Il decreto, già pubblicato sul sito della Provincia, è operativo già da oggi. A questo primo atto amministrativo seguirà la raccolta delle firme necessarie alla presentazione delle candidature e delle liste, che devono essere consegnate domenica 21 e lunedì 22 settembre. Per la prima volta ci sarà l'elezione di secondo grado degli amministratori delle Province, che non verranno più eletti dai cittadini bensì dai sindaci e dai consiglieri comunali dei 98 comuni veronesi. Solo per questa prima tornata elettorale, potranno essere candidati (ma non votare) anche i consiglieri provinciali uscenti.
ARREDO URBANO
P. Isolo, intervento <br/>di Amia contro degrado

P. Isolo, intervento
di Amia contro degrado

L’assessore all’Arredo urbano Luigi Pisa ha partecipato questa mattina, insieme al presidente di Amia Andrea Miglioranzi, ad un sopralluogo in piazza Isolo per verificare le condizioni in cui versa la piazza e capire come intervenire. “Un sopralluogo conoscitivo – ha detto Pisa – per verificare l’effettivo stato di degrado della piazza, anche in seguito alle sollecitazioni degli ultimi giorni da parte dei residenti. Grazie all’ottima collaborazione con la nostra azienda municipalizzata Amia, si sta provvedendo, per quanto possibile, ad intervenire attraverso la posa di diserbante contro le erbacce, la sistemazione delle lastre di pietra danneggiate e la pulizia dalle scritte. Interventi che, vista la scarsità di risorse a disposizione, richiedono comunque uno sforzo in più, ma che l’Amministrazione comunale e Amia portano avanti al fine di migliorare il decoro della piazza e dare risposte concrete ai cittadini”.
UNIVERSITA'
Doccia gelata Sla,    <br/>Rettore: Meglio ricerca

Doccia gelata Sla,
Rettore: Meglio ricerca

Il 25 agosto, il sindaco di Padova Massimo Bitonci aveva nominato i rettori degli Atenei del Veneto a sottoporsi al rito della secchiata di acqua gelata contro la Sla, a cui si è sottoposto egli stesso così come altri numerosi personaggi pubblici in questo periodo. Il rettore dell'università di Verona, Nicola Sartor, risponde alla sfida lanciata dal sindaco di Padova dichiarando che "l'università di Verona è da anni impegnata in una ricerca capillare, proficua e costante sulla Sla, il cui valore è largamente riconosciuto". "Ritengo - ha spiegato Sartor - che la modalità intensa e continuativa di questo tipo di ricerca sia più efficace, per affrontare il problema e per la salute dei malati di Sla, che non il breve ed effimero effetto mediatico della secchiata". "Lo stile della ricerca universitaria, tanto più in campo medico investe a lungo termine risorse finanziarie e competenze scientifiche che puntano alla conoscenza e, soprattutto, alla cura della malattia, e non certo all'impatto del gesto mediatico momentaneo" ha concluso Sartor ricordando che uno dei progetti del dipartimento di Scienze Neurologiche e del Movimento dell'Università di Verona è stato finanziato proprio dall'Associazione italiana sclerosi laterale amiotrofica. Si tratta dello "Studio preclinico finalizzato all'identificazione di trattamenti farmacologici combinati in grado di rallentare la progressione di malattia nei pazienti con Sla" progetto multicentrico coordinato per Verona dalla neuroscienziata Marina Bentivoglio a cui ha collaborato Raffaella Mariotti, ricercatrice impegnata da anni in ricerche sperimentali sulla Sla.
NUOVI ARRIVI
Profughi, 42 in Veneto       <br/>5 a Verona. Lega attacca

Profughi, 42 in Veneto
5 a Verona. Lega attacca

"Gli altri paesi giustamente li respingono, noi invece gli accogliamo e tuteliamo chi arriva da fuori invece che i nostri cittadini". La Lega torna ad attaccare Europa e Governo per l'operazione "mare nostrum" e per i continui arrivi di profughi in Veneto: 450 quelli arrivati nelle ultime ore, altri 800 in arrivo nel mese di settembre. Una situazione sempre più preoccupante che per l'eurodeputato veronese Lorenzo Fontana "è il colabrodo dell'Unione Europea e il colabrodo del sistema di sicurezza italiano. Perchè queste persone non sappiamo chi sono, in che stato di salute arrivano e dove vanno. E l'Europa è totalmente assente sotto ogni punto di vista" conclude Fontana "non solo a livello di forze operative ma anche a livello economico". Quarantadue i profughi arrivati oggi in Veneto, cinque quelli smistati a Verona.

Graffa

Telenuovo Verona
tasto 11 - oggi in tv

  • Informazione

    Studionews
  • Rosso & Nero

  • TgVeneto

  • Studionews

    rubrica
  • L'Opinione

  • TgVerona

    all'interno il TgGialloblu
  • I giochi dei grandi

    drammatico (Usa/Canada 2004) di John Curran con Mark Ruffalo e Naomi Watts
  • Film di seconda serata

  • Informazione

    TgVerona, TgGialloblu
  • Film della notte


Ricette di Casa Telenuovo Avesani


Sondaggio

Via Galliano: giusto tagliare gli alberi per fare una nuova corsia..?

Tutti i sondaggi
L'Opinione
ON AIR
01.09.2014
TgGialloblù
ON AIR
30.08.2014
TgVeneto
ON AIR
01.09.2014
Rosso & Nero
ON AIR
01.09.2014
La Gran Torcolada
ON AIR
29.03.2014
Prima Serata
ON AIR
18.06.2014

BPV MUTUO YOU

 

 

auditeL GIUGNO 2014 telenuovo

TELENUOVO TGGIALLOBLU

Studionews Rete Nord Pubblicità

Promo palinsesto