Rapina via Mazzini,   <br/>caccia ai boss banda

Rapina via Mazzini,
caccia ai boss banda

A una settimana dalla rapina da tre milioni di euro in via Mazzini continuano le indagini per individuare i capofila dell'organizzazione criminale che sta dietro ai banditi arrivati dall'est euro...

SICUREZZA
False generalità ai CC   <br/>pregiudicato in cella

False generalità ai CC
pregiudicato in cella

È stato fermato per un normale controllo assieme a quattro connazionali, tutti provenienti dal nord ovest. Durante le verifiche dei militari del Nucleo Operativo e Radiomobile di Verona emergono alcuni dubbi sulla genuinità della patente rumena di uno dei cinque, così tutto il gruppo viene accompagnato in caserma per degli accertamenti più approfonditi. Dopo le verifiche di rito quattro su cinque vengono congedati dalla caserma mentre proseguono gli accertamenti sul documento che ha inizialmente destato dubbi e sul titolare dello stesso. Ben presto, non appena arrivano i primi riscontri dal foto segnalamento del rumeno, emergono i numerosissimi alias e le varie identità che lo stesso negli anni ha utilizzato. Anche l’analisi sullla patente, svolta da parte della Sezione Investigazioni Scientifiche del Comando Provinciale, porta dopo poco a risultati positivi: la patente è falsa, ma assolutamente idonea a trarre in inganno, dal momento che si tratta di un falso molto ben confezionato. BACESCU OCTAVIAN Alin, o meglio CUMPANASOIU Mircea Marian, classe ’87 e domiciliato a Torino, viene così arrestato per false attestazioni sulla propria identità ad un Pubblico Ufficiale nonché uso di atto falso. Nel corso delle indagini è emerso altresì che lo stesso non è nuovo a reati di questo tipo: sono già dieci le condanne sotto cinque generalità differenti che lo hanno colpito dal 2005 ad oggiQuesta mattina compare in direttissima per la convalida di fronte al Giudice Marzio Bruno Guidorizzi. L’arresto viene subito convalidato e vengono altresì concessi i termini a difesa, rinviando l’udienza al 7 luglio prossimo. Nel frattempo custodia cautelare in carcere per il rumeno visti i numerosi precedenti specifici ed il concreto ed evidente pericolo che lo stesso commetta reati della stessa tipologia.
INIZIATIVE SOCIALI
Grande Sfida, ventesimo   <br/>anno di festa e novità

Grande Sfida, ventesimo
anno di festa e novità

Il ventesimo anniversario della Grande Sfida perché di sfida si tratta, un appuntamento di solidarietà e condivisione diventato ormai tradizione per Verona. Cultura, Sport, arti e dialogo si sono riunite tutte insieme per l’abbattimento delle barriere. Tutti infatti possono rendersi utili, in un modo o nell’altro e lo fanno con così tanta passione ed entusiasmo nonostante i problemi della vita di tutti i giorni. Sanno regalare sempre un sorriso, cosa non scontata e trasmettere quella serenità che talvolta manca e per questo in occasione del ventennale è stata lanciata una bellissima campagna chiamata “Anch’io sono capace” dove persone con disabilità sono state inserite nei negozi del centro storico per affiancare i commercianti nelle varie attività, dall’abbigliamento alla cucina. Un esperimento che ha suscitato successo non solo tra i ragazzi della grande sfida ma anche tra gli stessi negozianti. L’abbattimento delle cosiddette barriere passa proprio da tutto questo.
FILM
Fango e Gloria   <br/>a Villafranca

Fango e Gloria
a Villafranca

Allo storico Caffè Fantoni il vicesindaco di Villafranca Nicola Terilli e l’assessore alla Cultura Maria Cordioli hanno presentato uno tra gli eventi in programma per celebrare il centenario della Grande Guerra: una proiezione gratuita del film di Leonardo Tiberi “Fango e Gloria”, realizzato con il sostegno della Regione Veneto, l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica e il patrocinio della Presidenza del Consiglio e del Ministero della Difesa. L'iniziativa è per giovedi' 7 maggio, alle 20.45, nell'aula magna dell'istituto Anti di via Magenta. Alcune tra le scene piu' significative del film che racconta fatti, storie e volti della Prima Guerra Mondiale sono state girate proprio a Villafranca, oltre che nel centro di Verona e in altre zone del territorio scaligero
IGIENE
Topi e cibo scaduto,    <br/>sequestro ditta a Roncà

Topi e cibo scaduto,
sequestro ditta a Roncà

La Guardia di Finanza di Arzignano ha sequestrato in un capannone a Roncà 51 tonnellate di merce alimentare, in parte anche deperibile.Le Fiamme Gialle sono intervenute alla "Frutta e vegetables Import&Export", anche l'azienda - che ha sede legale in provincia di Vicenza - è stata sequestrata.Nel capannone c'erano trappole per topi, con ratti morti; gravissime le carenze igieniche e sanitarie.I proprietari, due cittadini bengalesi, rischiano l'accusa di di violazione della norma sul corretto stoccaggio, conservazione e distribuzione di merci alimentari di provenienza estera.
Verona Legend Cars,   <br/>tre giorni di emozioni

Verona Legend Cars,
tre giorni di emozioni

Il fascino 'classic' si sposa alle auto di nuova generazione con 'Verona Legend Cars', il nuovo...

TRASPORTI
A novembre torna il volo      <br/>Verona-Londra Ryanair

A novembre torna il volo
Verona-Londra Ryanair

Ryanair ha annunciato oggi il lancio della nuova rotta da Verona a Londra Stansted, che partirà il prossimo 4 novembre con tre frequenze settimnanali e grazie alla quale la compagnia irlandese prevede di trasportare 200 mila passeggeri all'anno.Il nuovo collegamento va ad aggiungersi alle due rotte già annunciate per la programmazione invernale da Verona a Bruxelles e Palermo, portando a tre il numero di rotte Ryanair offerte dall'aeroporto Catullo nell'inverno 2015/2016.Per festeggiare il lancio della nuova rotta per Londra, Ryanair ha messo a disposizione posti in vendita a prezzi che partono da 29.99 euro per viaggiare verso la capitale britannica a novembre. Questi posti a tariffe basse sono disponibili per la prenotazione entro la mezzanotte dell'11 maggio.
ELEZIONI
Civiche per la Moretti  <br/>con Simeoni e lo chef

Civiche per la Moretti
con Simeoni e lo chef

Sono scese in campo le due liste civiche che affiancano la corsa di Alessandra Moretti alla presidenza del Veneto. Una lista è formata da esponenti della cosiddetta società civile, e comprende tra gli altri l'olimpionica di salto in alto Sara Simeoni, il cantautore Massimo Bubola, lo chef Piero Battistoni, il medico Girolamo Fracastoro.La seconda lista è invece formata soprattutto da amministratori locali, tra i quali il sindaco di Lavagno, Simone Albi.La presentazione ufficiale si è tenuta in piazza Bra.
AEROPORTO
Dal 2 giugno nuovo volo  <br/>low-cost Verona-Madrid

Dal 2 giugno nuovo volo
low-cost Verona-Madrid

Iberia Express inaugura una nuova destinazione in Italia. La low cost del Gruppo Iberia ha presentato oggi il Verona-Madrid, la nuova rotta che inizierà il prossimo 2 giugno. La rotta Verona-Madrid opererà durante tutta la stagione estiva con tre frequenze settimanali: il martedì, giovedì e sabato. Le partenze da Verona sono alle 15:05 o 21:00 e da Madrid alle 12:15 o 18:10, a seconda dei giorni. I biglietti per Madrid sono già acquistabili attraverso il sito iberiaexpress.com, Iberia.com e nel resto dei canali del Gruppo Iberia. Questa destinazione è attualmente offerta a un prezzo di lancio di 39 per tratta, tasse incluse, acquistando entro il 30 giugno. Grazie a questa nuova rotta, i passeggeri possono raggiungere, via Madrid, col Gruppo Iberia altre 14 destinazioni nazionali come: Tenerife, Gran Canaria, Santiago di Compostela, Siviglia, Alicante, Bilbao e molte altre. Inoltre, è possibile volare per due destinazioni in Africa e cinque in America Latina. Oltre a Verona, Iberia Express inaugurerà a giugno anche un'altra destinazione italiana: Napoli. I biglietti per quest'altra rotta sono in vendita a partire da 49 per tratta, acquistando andata e ritorno. In totale, il Gruppo Iberia offre voli diretti su 10 destinazioni italiane: Bologna, Firenze, Napoli, Milano, Roma, Torino e Venezia; a questi, per la stagione estiva si aggiungono Catania, Olbia e Verona.
Profughi, in arrivo 560 <br/>Oltre 100 nel veronese

Profughi, in arrivo 560
Oltre 100 nel veronese

Non si fermano gli arrivi in Veneto e quindi nel veronese.In queste ore sono annunciati altri 5...

INCIDENTE
Cade con il parapendio,   <br/>illeso sul monte Baldo

Cade con il parapendio,
illeso sul monte Baldo

A causa della presenza di nebbia, un pilota svizzero di parapendio di 32 anni, ha perso l'orientamento ed è finito tra gli alberi con la vela, sospeso a 7-8 metri dal suolo, non distante dal Rifugio Kira sul Monte Baldo. Scattato l'allarme attorno alle 16, il 118 ha inviato l'elicottero di Trento, poiché quello di Verona emergenza era impegnato in un'altra missione, che ha sbarcato il tecnico del Soccorso alpino dell'equipaggio a circa 1.200 metri di quota, per poi volare a imbarcare un tecnico della Stazione di Riva per collaborare alle operazioni, mentre sul posto si trovava già un soccorritore della Stazione di Ala, residente a Malcesine. Dopo essere risaliti lungo il tronco, i soccorritori hanno assicurato il pilota, che era illeso, liberandolo dai vincoli e calandolo a terra. Una squadra del Soccorso alpino di Verona, formata da sette persone, stava sopraggiungendo in caso di ulteriore supporto all'intervento.
INCIDENTE
Schiacciato da trattore    <br/>muore un agricoltore

Schiacciato da trattore
muore un agricoltore

Ancora un incidente mortale in campagna. Oggi pomeriggio tra Selva di Progno e Campofontana, in Lessinia, è morto un uomo di 68 anni ribaltandosi con il trattore sul quale stava lavorando. Per cause ancora in fase di accertamento, il mezzo si è rovesciato schiacciando l’agricoltore. Per lui, in pensione da un paio d'anni, sono stati inutili i tentativi di rianimazione.
VIA MAMELI
Ammalati e pericolanti   <br/>platani da abbattere

Ammalati e pericolanti
platani da abbattere

"I platani ultracentenari siti all’incrocio tra via Mameli e via Cesiolo, malandati, sofferenti e purtroppo pericolosi sono un nodo da sciogliere senza dubbi e incertezze" dichiara il Presidente di Amia Andrea Miglioranzi.E prosegue: "Amia ha eseguito monitoraggi capillari e ripetuti ma anche perizie di stabilità negli ultimi dieci anni e gli esiti sono molto preoccupanti. Oltre alla criticità in termini di stabilità, ad aggravare la situazione è anche l’altissima vulnerabilità dell’area che ospita le nostre piante. Una fascia ad altissima frequentazione, sia per il normale traffico veicolare e pedonale, sia per la presenza delle scuole medie Fraccaroli che vedono il transito di tanti bambini e genitori. Concretamente, non ci sono più i margini di sicurezza sufficienti per permettere il loro mantenimento; tanto che insieme ai tecnici del Comune di Verona, di concerto con le Associazioni quali Legambiente di Verona, Italianostra, Verona Inalberata e WWF Verona abbiamo deciso una graduale e progressiva eliminazione e sostituzione dei tanto cari ma cagionevoli platani"."Il progetto – chiarisce Miglioranzi – prevede che un platano venga eliminato; uno messo in sicurezza e “ricostruito” (la chioma) allo scopo di mantenerlo in vita il più a lungo possibile, in quanto memoria di un contesto paesaggistico-sociale di oltre cento anni; l’ultimo platano, in condizioni estremamente critiche sarà eliminato e successivamente sostituito con un nuovo esemplare della medesima specie. Entro la fine di quest’anno è prevista anche la riqualificazione dell’incrocio con la creazione di un’aiuola dedicata al platano, nel frattempo ricostruito e messo a dimora"."I nostri intendimenti – conclude il Presidente – oltre alla priorità assoluta che riguarda la sicurezza dei cittadini veronesi sono: abbellire il paesaggio, curare al meglio il verde e magari anche migliorarlo, valorizzare l’immagine della nostra città a beneficio di tutti. Questi platani, al centro della nostra attenzione, non sono solo strategici alleati per la vita del pianeta ma rappresentano un patrimonio, uno stretto legame con il nostro passato storico, culturale, ambientale ed emozionale".
INSEGNANTI
Sciopero scuola, in Bra     <br/>protesta con inno Mameli

Sciopero scuola, in Bra
protesta con inno Mameli

Un flash-mob accompagnato dall'inno di Mameli. Così gli insegnanti di Verona hanno manifestato davanti al municipio, sulle scalinate di Palazzo Barbieri, unendosi simbolicamente alla protesta nazionale del mondo della scuola contro la riforma annunciata dal governo Renzi. Nella giornata di sciopero centinaia di docenti delle scuole primarie e secondarie si sono ritrovati in piazza Bra, accanto all'Arena, alcuni di loro in compagnia anche dei figli, animati da palloncini colorati e cartelli sui quali venivano spiegate le motivazioni della protesta.Un centinaio di insegnati invece hanno partecipato ai raduni a Milano e Bologna.
ARRESTI
Furti nel rodigino,   <br/>arresto con incidente

Furti nel rodigino,
arresto con incidente

Quattro persone sono state arrestate dai Carabinieri di Legnago nell'ambito di un'indagine per furti. Si tratta di Giampaolo Moretti, 56 anni, di Padova, Ahmed Belegrouh (48), residente a Legnago, e le sorelle Franca (54), e Simonetta (44) Floriani, residenti rispettivamente a Vicenza e a Legnago. L'indagine è iniziata dopo numerose segnalazioni di furti e truffe agli anziani, soprattutto nel rodigino. Sulla base degli elementi raccolti, i militari hanno puntato l'attenzione sugli indagati, già noti alle forze dell'ordine. I quattro sono stati tenuti sotto controllo per un periodo e poi sospettati di aver compiuto, il 30 aprile scorso, due furti a Salara. I militari dell'Arma che li stavano pedinando, non riuscendo ad intervenire in tempo, hanno deciso di fermare il gruppetto mentre si stava allontanando dalla zona. A quel punto il conducente del mezzo, Belegrough, ha tentato di fuggire a piedi ma è stato immobilizzato dopo una breve colluttazione con gli investigatori. In quel frangente, Simonetta Floriani è balzata dal sedile del passeggero a quello di guida, allontanandosi con l'auto dopo aver tamponato quella dell'Arma. La corsa è finita quando, durante l'inseguimento, la donna ha perso il controllo del mezzo, sbattendo contro un'auto in sosta. Tutti e quattro gli indagati sono stati così arrestati, a vario titolo, per furto aggravato, resistenza e violenza a pubblico ufficiale, guida senza patente e rapina impropria. Il gip Rovigo, Carlo Negri, ha convalidato gli arresti e e confermato il carcere ad eccezione di Simonetta Floriani, posta ai domiciliari.
IMMIGRATI
In arrivo in  Veneto    <br/>altri 113 profughi

In arrivo in Veneto
altri 113 profughi

La prefettura di Venezia ha reso noto la distribuzione nelle sette province regionali dei 113 profughi trasferiti nelle scorse ore in Veneto. A Verona saranno 15, a Treviso, a Venezia 23, a Vicenza 20, a Padova 15, a Belluno 10 e a Rovigo 4. A seguito della circolare del Ministero dell'Interno del 4 maggio scorso, precisa la nota, che assegna a ciascuna provincia 80 migranti, di questo contingente (e cioè 560 persone per l'intero territorio veneto) i primi 50 arriveranno presumibilmente nella giornata di domani e saranno così ripartiti: a Verona e Padova 10 ciascuna, a Treviso 12, a Venezia 11, a Vicenza 7.
SCIENZA
Il dna adesso arriva     <br/>con il kit portatile

Il dna adesso arriva
con il kit portatile

Si chiama 'Dna Field Lab' il primo prototipo sviluppato per permettere il sequenziamento del Dna fuori dall'ambiente controllato del laboratorio, un kit che porta le analisi molecolari direttamente sul campo, cambiando il volto di quello che finora è stata l'esplorazione della biodiversità e dei suoi protagonisti. Il progetto è stato realizzato dal Muse di Trento e dall'Università di Verona in collaborazione con Oxford Nanopore Technologies e Biodiversa Trento. Grazie alla nuova strumentazione e ai protocolli sviluppati per l'estrazione, purificazione, amplificazione e sequenziamento del Dna a temperatura ambiente, il kit consente il sequenziamento sul campo, in tempo reale, di qualsiasi materiale biologico, in qualsiasi parte del mondo. Il primo test è stato effettuato durante una conferenza stampa da Michele Menegon, ricercatore del Muse, e Massimo Delledonne, professore ordinario di genetica dell'Università di Verona, in collegamento Skype dalla Tanzania con i colleghi di Trento. Dal monte Rungwe, nella parte meridionale del paese africano, i ricercatori hanno inviato al Muse, per la prima volta direttamente dal campo tramite uno smartphone, la sequenza della doppia elica di un animale selvatico. I campi di applicazione di questo laboratorio portatile si estendono da quello medico, ai controlli doganali fino alle analisi sulla sicurezza alimentare.
REGIONALI
Zelger: Ecco perché  <br/>mi candido con Zaia

Zelger: Ecco perché
mi candido con Zaia

Il consigliere comunale della Lista Tosi, Alberto Zelger, ha presentato la sua candidatura alle elezioni regionali con la Lista Zaia. "Ho accettato - ha spiegato - perché il Comune e la Regione gestiscono due ambiti completamente diversi: nel primo si amministrano risorse e servizi per i veronesi secondo un preciso programma di governo, approvato dagli elettori nel 2012. Nel secondo si propone un’azione amministrativa e legislativa più ampia, che prevede interventi di ben altra portata e significato. Ho scelto Flavio Tosi per quanto riguarda Verona, condividendo il suo programma di governo prima nel 2007 e poi nel 2012. Sono stato eletto dai veronesi con questo mandato, e a questo resterò fedele".Zelger ha sottolineato di aver seguito con attenzione le iniziative di Flavio Tosi a livello nazionale con la Fondazione Ricostruiamo il Paese, ma non ne condivide i presupposti, per vari motivi, in particolare alcune scelte che riguardano le tematiche familiari."Di fronte a questo scivolamento di Tosi verso le posizioni radicali - ha concluso Zelger - ritengo inopportuno favorire la sua elezione a presidente della Regione Veneto, perché qualora riuscisse ad essere eletto, potrebbe emanare leggi regionali ben più pericolose dei provvedimenti che può fare un sindaco; ancor più se dovesse diventare un leader nazionale. Alludo a leggi per il riconoscimento delle coppie arcobaleno, per il fine vita, per le adozioni alle coppie omosessuali, per l’aborto come diritto umano, per la promozione dell’ideologia del “gender” nelle scuole, con politiche che toglierebbero risorse alla famiglia naturale per assegnarle a tutte le altre combinazioni affettive, comprese quelle omosessuali, che attengono alla sfera privata e non danno alcun contributo al bene comune. Per tutti questi motivi ritengo di non dover appoggiare Flavio Tosi nella sua corsa elettorale per la Regione. Io sono stato eletto nella sua lista per amministrare le risorse e i servizi a beneficio dei veronesi, non per promuovere iniziative contro la famiglia naturale, a favore dell’eutanasia o di altri progetti di stampo radicale. Continuerò ad essere fedele al mio mandato in ambito amministrativo nel Comune di Verona, ma non sono disponibile a seguire Tosi in altri ambiti".
QUESTURA
Rubano telefonino,   <br/>minorenni nei guai

Rubano telefonino,
minorenni nei guai

Condanna a sei mesi per tre ragazzini minorenni che la sera del primo maggio hanno derubato una diciotenne in una nota discoteca del veronese. Ad intervenire le Volanti, che hanno identificato i tre, tutti italiani. Alla giovane era stato portato via anche il portafoglio.
CRONACA
Furto in via Pacinotti     <br/>Ci pensa superpoliziotto

Furto in via Pacinotti
Ci pensa superpoliziotto

Non solo la rincorsa di pomeriggio ai banditi che avevano assaltato la gioielleria di via Mazzini, portando via tre milioni di euro in gioielli. Ma di notte pure una rapina in via Pacinotti, con violenta colluttazione. Al centro dei due episodi di cronaca, accaduti tra il 30 aprile e la notte del primo maggio, c'è uno stesso agente delle Volanti. Lo ha reso noto oggi pomeriggio la Questura spiegando il tentativo di furto ad una azienda di abbigliamento gestita da cinesi in Zai. La banda, due due bosniaci e un albanese, era entrata all'interno dell'azienda, ma uno dei banditi è stato visto armeggiare da un residente che ha chiamato il 113. Immediato l'intervento della Volante. Alla vista dei poliziotti, però, i banditi (tre) non si sono arresi e hanno affrontato gli agenti (quattro, ma divisi) a colpi di cacciavite e piede di porco. Una collutazione violenta conclusasi con l'arresto non senza fatica dei tre malviventi. Due dei quattro agenti intervenuti hanno riportato contusioni guaribili in cinque e quindici giorni.
EVACUAZIONE
Bomba Arsenale, si va    <br/>verso maxi-evacuazione

Bomba Arsenale, si va
verso maxi-evacuazione

Con tutta probabilità l’operazione slitterà a giugno dopo il voto per le regionali e i vari eventi che ci saranno in città come il derby e la Straverona. Intanto però mercoledì il tavolo tecnico in prefettura deciderà tempi e modalità per la rimozione dell’ordigno della seconda guerra mondiale ritrovato durante gli scavi all’ex Arsenale. Una bomba inesplosa lunga poco meno di un metro e mezzo rimasta a terra per quasi settant’anni. I militari stanno continuando intanto a presidiare l’area dopo l’interruzione dei lavori: si andrà infatti verso una maxi-evacuazione che potrebbe coinvolgere un’area piuttosto vasta. Si va da una zona di sicurezza di 500 metri ad un più estesa vicina al chilometro. Come detto infatti la bomba verrà disinnescata sul posto e poi rimossa e spostata in un luogo idoneo per farla brillare.
CARABINIERI
Maxisequestro, Verona   <br/>crocevia della droga

Maxisequestro, Verona
crocevia della droga

L'arresto del corriere albanese con 16 chili di cocaina conferma la posizione di Verona, da sempre crocevia della droga. Il carico era destinato ovviamente ad un mercato molto più ampio rispetto a quello veronese, come ha confermato il comandante del Nucleo Operativo Radiomobile di Verona, Luca Mariano: "Il quantitativo sequestrato fa pensare ad un traffico a livello di nordest. Anche perchè siamo convinti che lo stupefacente sequestrato fosse solo una parte di quello transitato per Verona" Il valore all'ingrosso della droga sequestrata è di circa 650 mila euro. L'albanese arrestato, Celo Bledar, 37 anni, è incensurato. Ma proprio la presenza di un corriere dell'est fa capire che a grossi livelli lo spaccio è in mano a un tipo di malavita molto organizzata: "Siamo di fronte ad un salto di qualità nel mercato dei grossi quantitativi" spiega Mariano "le bande dell'est difficilmente fanno uso delle droghe che vendono. Significa che abbiamo gestioni più lucide dello spaccio. Lo spaccio al dettaglio, invece, è in mano ai nordafricani, che molto spesso sono a loro volta dei tossicodipendenti". L'indagine è già partita, da chiarire anche la posizione dei proprietari e degli affittuari del garage dove era nascosta la droga e parte del carico di stupefacenti.
PROTESTE
Sciopero dei benzinai    <br/>in autostrada

Sciopero dei benzinai
in autostrada

48 ore di sciopero dei benzinai nelle aree di servizio. Dalle 22 di questa sera fino alle 22 di mercoledì 6 maggio saranno sospesi i servizi di erogazione dei carburanti in autostrada -comprese tangenziali e raccordi. Sono stati individuati gli impianti autostradali che, secondo la turnazione prestabilita, garantiranno il rifornimento all’utenza in transito. Nel territorio veronese saranno regolarmente aperti i distributori di Povegliano Est (A22) e Scaligera Est (A4).
ELEZIONI
Coletto torna in corsa:   <br/>Difendere diritto salute

Coletto torna in corsa:
Difendere diritto salute

L’assessore alla sanità Luca Coletto ha ufficializzato la sua prossima candidatura alle regionali.Alla conferenza di presentazione sono intervenuti il segretario provinciale della Lega Nord, Paolo Paternoster, il senatore Paolo Tosato e il segretario della sezione "Borgo Roma Ca di David - Ugo Zuanetti" della Lega Nord Alessandro Cappiotti."La Salute è un diritto da difendere e da sempre il mio impegno, va in questa direzione. Negli ultimi cinque anni grazie al mio mandato in Regione ho potuto portare avanti obiettivi e necessità dei cittadini veneti e veronesi – commenta Coletto. Il mio impegno è quello di continuare a lavorare con trasparenza, chiarezza e concretezza per poter mantenere il Veneto Regione virtuosa, in campo sanitario e Verona grande punto d’eccellenza". "Le nostre liste d'attesa rispondono ai tempi previsti in una media tra l'80 e il 90% - scandisce l’assessore Luca Coletto - abbiamo una medicina d’eccellenza e conti in attivo da 5 anni, oltre ad essere l’unica regione in Italia senza l’addizionale Irpef. Ma ora tutto ciò è messo a repentaglio dalle mazzate del Governo Renzi, che vuole imporre nuovi tagli al fondo veneto destinato alle cure. Così si calpesta il diritto costituzionale alla salute per consegnare il Paese al sistema delle assicurazioni private ed ora più che mai ribadisco il mio forte no. Mi candido per portare avanti il mio lavoro e per far si che le cose cambino definitivamente. Il Veneto deve poter godere di quanto gli spetta e non può continuare a pagare le spese di chi non sa gestire quanto ha a disposizione”.In merito ai tagli imposti dal Governo Renzi, che arriveranno a 2,7 miliardi l’anno per tre anni da qui al 2017, l’assessore spiega come a tutti gli incontri istituzionali in materia il Veneto abbia sempre ribadito il suo dissenso: “Niente costi standard, l’unico strumento per incidere effettivamente sugli sprechi, niente distinzioni tra virtuosi e spreconi, niente che vada a mettere ordine dove si buttano i soldi. Per non parlare dell’ultima versione di questo testo, del quale deve avere paura persino il Governo perché dopo tanti annunci sul fatto che erano tutti d’accordo (meno il Veneto), proprio in settimana, lo stesso, ha rinviato la Stato-Regioni che avrebbe dovuto formalizzarlo, ci sono persino tagli agli stipendi dei medici! Sono nascosti nel burocratese del paragrafo C.2 della cosiddetta “intesa” dove si scrive: "...le risorse relative al trattamento accessorio liberate a seguito delle riorganizzazioni correlate al rispetto degli standard ospedalieri, sono portate permanentemente in riduzione dell’ammontare complessivo dei fondi annualmente destinati al trattamento accessorio". Non esiste proprio e poi davanti al nostro no, io e il Preidente Zaia, veniamo accusati di strumentalizzazione politica? Sono ora più che mai determinato a difendere il diritto alla salute, non solo dei veneti, ma di tutti gli italiani, perché è vicinissimo il momento dell’insostenibilità. Basti pensare che la previsione del Def al 2020, che non è lontano, dedica alla sanità il 6,6% del Pil, quando l’Oms ci dice che sotto il 6,5% comincia a diminuire l’aspettativa di vita per la gente. Le persone devono essere informate e devono sapere che come assessore alla Sanità mi batto ancora una volta per i tagli, che sono lineari e sui costi standard, e sulla base dei quali il Veneto non dovrebbe dare un euro avendo bilanci, ripeto, in attivo da 5 anni. Ma niente di buono in arrivo per chi fa buona gestione se non un altro meno 240 milioni anche per il 2015; l’appropriatezza delle prescrizioni incide in forma punitiva sulle tasche dei medici, sanzionati economicamente, e dei cittadini, che dovrebbero pagarsi di tasca la presunta prescrizione inappropriata. Il metodo giusto è invece quello veneto della collaborazione grazie alla quale, ad esempio, la spesa farmaceutica è in discesa da tempo e nel primo semestre 2014 ha raggiunto un bel meno 28 milioni; si dovrebbe incidere sulle strutture per acuti con meno di 40 posti letto, ma il Veneto di questo tipo non ne ha; si vogliono tagliare le centrali del 118, ma il Veneto ha l’organizzazione più razionalizzata ed efficiente d’Italia; si vogliono tagliare le voci per acquisti di beni e servizi, ma anche qui abbiamo raschiato il fondo del barile, e ulteriori tagli porterebbero solo disoccupazione tra le aziende fornitrici; in Veneto gli acquisti centralizzati sono una realtà da tempo. In questi 5 anni di Governo Zaia come Lega Nord abbiamo inoltre ridotto i tempi di intervento sulle emergenze sanitarie; ho messo online i risultati delle analisi cliniche per ben 5 milioni di veneti per un risparmio da 72 milioni di euro. Sono riuscito nell’intento di aprire gli Ospedali veneti per le visite specialistiche di notte e di istituire unità speciali negli ospedali per infarti, ictus e tumori. Inoltre proprio a Verona è sorto in questi anni, grazie al lavoro di squadra fatto con i medici e tutto lo staff che ruota attorno, un polo d’eccellenza che l’Europa intera ci invidia per tecnologia, avanguardia e professionalità medica. Parlo del centro “Polo Confortini” di Borgo Trento fiore all’occhiello per Regione Veneto e non solo. Mi sono poi battuto per gli ospedali dismessi della provincia perché fossero riconvertiti e pronti ad erogare i principali servizi sanitari. Tanti i risultati raggiunti ma altrettanti sono quelli che vorrei portare avanti se il 31 maggio venissi riconfermato”.
DROGA
Albanese con 16 chili    <br/>di cocaina nel garage

Albanese con 16 chili
di cocaina nel garage

Un cittadino albanese incensurato di 37 anni è stato arrestato dai Carabinieri del Nucleo radiomobile di Verona e della stazione di Parona che hanno sequestrato 16 chili di cocaina. I militari sono intervenuti in seguito alla segnalazione di un residente, allarmato dal continuo andirivieni di persone dell’est europeo nel garage di un condominio nel quartiere di Borgo Milano. Pensando che si trattasse di una banda di ladri, il cittadino ha chiamato i carabinieri che al loro arrivo hanno fermato un’auto appena uscita da quel palazzo. La perquisizione sotto il sedile posteriore ha permesso di scoprire sette panetti di cocaina del peso di un chilo ciascuno; nel garage sono stati recuperato altri nove panetti per un totale di 16 chili di cocaina che sul mercato dello spaccio avrebbe fruttato almeno 650mila euro. Per l’albanese, arrivato in Italia con un visto turistico, il giudice ha convalidato la custodia cautelare in carcere con l’accusa di detenzione e traffico di sostanze stupefacenti.
ELEZIONI REGIONALI
Problemi di firme      <br/>Forza Nuova fuori

Problemi di firme
Forza Nuova fuori

Forza Nuova non potrà partecipare alle elezioni regionali del prossimo 31 maggio. La candidatura di Sebastiano Sartori alla presidenza del Veneto è infatti stata rigettata per problemi di regolarità sulla raccolta firme.
INCIDENTE
Tamponamento a Cadidavid    <br/>Camionista incastrato

Tamponamento a Cadidavid
Camionista incastrato

I vigili del fuoco sono intervenuti per un incidente sulla Statale 12 tra mezzi pesanti a località Cadidavid. I pompieri hanno operato in Via Belfiore con due automezzi tra cui l’autogru e sette operatori ed hanno estratto dalla cabina l’autista rimasto incastrato a causa del tamponamento tra l’autoarticolato e l’autotreno; poi i due mezzi pesanti sono stati mezzi in sicurezza. Il ferito è stato prontamente preso in cura dal personale del 118, è trasportato in ospedale. Sul posto per i rilievi la Polizia stradale.
SPETTACOLI
Zucchero, è già corsa      <br/>al biglietto

Zucchero, è già corsa
al biglietto

E' già corsa al biglietto per le dieci date in Arena di Zucchero “Sugar” Fornaciari. Dopo aver già portato sul palco veronese sette date del suo “Chocabeck tour”, Zucchero tornerà in Arena il prossimo anno il 16, 17, 18, 20, 21, 23, 24, 25, 27 e 28 settembre del 2016. Il bluesman emiliano, che ha sempre considerato l’Arena “uno dei più bei posti del mondo per fare musica”, ha deciso di lasciare libero il palco nei giorni di pausa per far esibire giovani artisti emergenti.La corsa ai biglietti (sono più di 100mila quelli a disposizione) è iniziata da martedì 28 aprile: il costo va dai 34,50 euro (più prevendita) per la gradinata non numerata, agli 80,50 euro (più costi di prevendita) della poltronissima numerata, passando per i 74,75 euro della poltrona numerata e i 59,80 euro per la gradinata numerata (sempre con costi di prevendita aggiuntivi).
ELEZIONI
Donne veronesi  <br/>schierate con Bigon

Donne veronesi
schierate con Bigon

Donne veronesi a sostegno della candidatura di Anna Maria Bigon.Con lo slogan "un nuovo genere di politica in Veneto", questa mattina a Palazzo Barbieri si sono radunate rappresentanti di associazioni, amministratrici e attiviste che promuovono la presenza femminile in politica.Anna Maria Bigon, sindaco di Povegliano, avvocato, è in lista come consigliere nel partito Democratico a sostegno della candidata presidente Alessandra Moretti.Sono state illustrate le iniziative per favorire la parità uomo/donna e il potenziamento delle disponibilità economiche per i servizi sociali che alleviano i carichi familiari legati soprattutto alle donne.
AUTO
Torna la Mille Miglia <br/>con altri eventi

Torna la Mille Miglia
con altri eventi

Passerà per Verona nel pomeriggio di giovedì 14 maggio l’edizione 2015 della “Mille Miglia”.In attesa di quella data, si terrà l’8 e 9 maggio l’iniziativa “Aspettando le Mille Miglia”. La due giorni dedicata alle auto d’epoca prevede per venerdì 8 maggio lo spettacolo “Note d’autore”, che si terrà in Arena. Sempre dal pomeriggio di venerdì prenderà il via il Trofeo Luciano Nicolis, gara di regolarità classica aperta ai possessori di vetture d’epoca. A Villafranca si terranno le verifiche sportive e tecniche. Al termine della gara gli automobilisti si sposteranno in Fiera all’interno del salone dell’auto d’epoca Verona Legend Cars.
INCIDENTE
Rosaro, cade con la moto     <br/>muore 35enne

Rosaro, cade con la moto
muore 35enne

Un motociclista 35enne veronese è morto all'ospedale di Borgo Trento dopo una caduta in sella alla sia moto.L'uomo ha perso il controllo sulla Strada Provinciale 6 mentre saliva da Grezzana verso Rosaro, uscendo di strada sulla curva all'altezza della pizzeria Miravalle.Nella caduta il centauro ha subito la rottura dell'arteria femorale e dopo essere stato soccorso e rianimato dai sanitari del 118 è deceduto in serata all'ospedale senza riprendere conoscenza.
POLITICA
Moretti, uniti   <br/>otterremo fiducia

Moretti, uniti
otterremo fiducia

"Se saremo uniti i veneti lo capiranno e ci daranno fiducia". Lo ha detto Alessandra Moretti, sfidante del centrosinistra in Veneto alla poltrona di Luca Zaia, nel corso di un incontro elettorale del Pd a Mestre a cui ha partecipato il premier Matteo Renzi. "Siamo noi che dobbiamo avere il coraggio di cambiare - ha aggiunto - mettendo da parte le divisioni". Per Moretti sono due le sfide: "governare e riformare il Paese e far conoscere alla regione una alternativa a 20 anni di centrodestra". "Ora l'impossibile - ha concluso - è diventato davvero possibile, ovvero dare voce alla speranza e alla buona volontà".
POLITICA
Maroni, per Zaia prevedo   <br/>grande vittoria

Maroni, per Zaia prevedo
grande vittoria

"Prevedo una grande vittoria per Luca Zaia in Veneto. Per Flavio Tosi invece prevedo il terzo, quarto, in ogni caso un grande ridimensionamento". Così il governatore leghista Roberto Maroni durante l'inaugurazione di Pianeta Lombardia a Expo: "E' un peccato per lui che è un grande amministratore". "A Milano nel 2016 invece prevedo che vinceremo noi, che vincerà il centrodestra, perché l'eredità di Pisapia non c'è - ha aggiunto. Non abbiamo ancora un candidato ma vogliamo che vinca il nostro modello di amministrazione".
ARGOMENTO
Polemica Sanità,    <br/>Renzi precisa

Polemica Sanità,
Renzi precisa

"Non abbiamo mai detto che la sanità veneta non sia buona, abbiamo solo detto che dovrebbe avere qualche direttore dell'asl in meno": lo ha detto il premier Matteo Renzi in relazione alla polemica sui temi della sanità con il governatore del Veneto Luca Zaia. "Ci sono anzi delle cose che dobbiamo copiare. Non si va in una regione a pretendere di imporre un metodo". "Se avessimo anche in Calabria - ha concluso Renzi - gli standard di efficienza che ha il Veneto sarei entusiasta".
INCIDENTE
Due pedoni investiti     <br/>a Bardolino

Due pedoni investiti
a Bardolino

Due pedoni sono stati investiti da un'auto a Bardolino. L'incidente è avvenuto a tarda sera sulla Gardesana, davanti al Camping “La Rocca”.Per cause ancora da accertare un'auto ha travolto un tragazzo di 24 anni di Colognola ai Colli e una 21enne di Illasi; in quel momento stava piovendo.La ragazza ha subito le conseguenze più gravi ed è stata trasportata al Polo Confortini dell'ospedale di Borgo Trento, mentre il 24enne ha subito una frattura alla gamba ed è stato trasferito alla Casa di cura Pederzoli di Peschiera assieme al conducente, un giovane di Buttapietra, rimasto sotto choc.Sul posto i sanitari di Verona Emergenza e i Carabinieri di Peschiera.
VIABILITA'
Wings For Life,    <br/>tutti i divieti

Wings For Life,
tutti i divieti

Oggi, domenica 3 maggio Verona ospita per il secondo anno “Wings for Life World Run”, la manifestazione sportiva che si svolge contemporaneamente in 35 Paesi, dislocati nei cinque continenti, con la finalità di sostenere la ricerca sulle lesioni al midollo spinale.Corsa unica nel suo genere, la Wings for Life World Run è una gara senza distanza prefissata, alla quale possono partecipare runner sia amatoriali che professionisti, con partenza in contemporanea in tutto il mondo alle ore 13 (ora italiana). Oltre alla corsa degli adulti, quest'anno vengon organizzate anche gare riservate ai ragazzi dai 6 ai 17 anni, suddivisi per categorie di età. Il ricavato delle iscrizioni sarà devoluto alla ricerca.Poichè la giornata avrà una numerosa partecipazione, dalle ore 12 alle 15 è prevista la chiusura temporanea della circolazione nelle strade del territorio comunale interessate dal passaggio degli atleti. I volontari del Galm assicureranno il loro supporto al personale di gara durante lo svolgimento della manifestazione.PercorsoPiazza Bra, corso Porta Nuova, circonvallazione Oriani, stradone Porta Palio, corso Castelvecchio, corso Cavour, corso Porta Borsari, piazza Erbe, via Cairoli, piazza Viviani, via Nizza, lungadige Rubele, via Ponte Nuovo, via Sottoriva, via Ponte Pietra, via Massalongo, corso Sant'Anastasia, via Rosa, via Garibaldi, Ponte Garibaldi, via Prato Santo, lungadige Matteotti, lungadige Campagnola, piazza Arsenale, lungadige Cangrande, Ponte del Risorgimento, via Pontida, via Lega Veronese, via Da Vico, viale Colombo (lato civici dispari), Ponte Catena, lungadige Attiraglio (accesso al pronto soccorso di Borgo Trento garantito con una corsia dedicata), viale del Brennero, via Dei Reti, via Valpolicella, via Preare (tra via Caovilla e lungadige Attiraglio).Attraversamenti consentiti Viene autorizzato l'attraversamento del percorso di gara nei momenti in cui non transitano i podisti, previa autorizzazione del personale di vigilanza, in corrispondenza delle seguenti intersezioni: viale Colombo - via Da Vico, direzione da viale Colombo a Ponte Catena, transito sulla semicarreggiata lato area verde; via Da Vico - via Pontida.Divieto di sosta con rimozione Dalle ore 8 alle 15 in corso Porta Nuova (nel tratto tra via dei Mutilati e piazza Bra e tra via Paglieri e piazza Bra, compresi ciclomotori e motocicli); piazza del Porto (per i quattro stalli di sosta in prossimità dei giardini), via Nizza lato civici pari (compresi ciclomotori e motocicli).Dalle ore 9 alle 19 viene spostata l'area taxi da piazza Bra a stradone Scipione Maffei.
REGIONALI
Tutte le liste, ecco    <br/>chi corre da solo

Tutte le liste, ecco
chi corre da solo

Movimento 5Stelle (cand. pres. Jacopo Berti)Silvana BELLADELLIManuel BRUSCOLucia BRUGNOLISamuele BAIETTAMarta VANZETTOClaudio OLIVETTISilvia MORETTOGiuseppe ALBERGHINIUlrica CASTAGNAForza Nuova (cand. pres. Sebastiano Sartori)Yari CHIAVENATOSilvia Castagna in RINALDIEmanuele TESAURONatascia GAZZODamiano SIGNORELLIStefania GEROSAFrancesco ALVERA'Indipendenza Veneta (cand. pres. Alessio Morosin)Lucio Amedeo CHIAVEGATOLuisa SINICOMassimiliano BERCHIONICaterina MAISTRELLOLuigi BOLDOMaria Teresa FILIPOZZIGiovanni ZORDANCristina GIACOMAZZIWilliam SERAFINIL’Altro Veneto Ora Possiamo! (cand. pres. Laura di Lucia Coletti)Sandro CAMPAGNOLAMarta CALDANALuca CECCHIPaola LORENZETTIMattia DA REDomenica SPURIO (detta Mimmy)Dennis Vincent KLAPWISK (detto Dennis)Simonetta VENTURINIDaniele SARTORI

Sondaggio

All'inizio della campagna elettorale chi vedi tra i favoriti?

Tutti i sondaggi

Telenuovo Verona
tasto 11 - oggi in tv

  • Informazione

  • Rosso & Nero

  • TgVeneto

  • TgVerona (1' ed)

  • Verona in diretta

  • Studionews

  • L'Opinione

  • TgVerona (2' ed)

  • Vignini Show

  • Film 2' serata

  • Informazione

  • Film della notte

L'Opinione
ON AIR
07.05.2015
Verona in Diretta
ON AIR
06.05.2015
TgGialloblù
ON AIR
07.05.2015
TgVeneto
ON AIR
06.05.2015
Rosso & Nero
ON AIR
06.05.2015