Lite familiare, paura   <br/>e 5 Volanti al Porto

Lite familiare, paura
e 5 Volanti al Porto

Momenti di paura in tarda serata nel quartiere di Porto San Pancrazio per una movimentata operazione della Polizia, intervenuta in un condominio popolare per sedare una violenta lite familiare.I ...

INCIDENTE
Ubriaco fradicio esce   <br/>di strada, denunciato

Ubriaco fradicio esce
di strada, denunciato

La Polizia municipale è intervenuta in via Mameli per effettuare i rilievi di un incidente stradale, senza feriti. Coinvolto un automobilista veronese di 50anni che, alla guida della sua macchina in via Mameli, nella manovra di svolta in via Monte Ortigara, ha perso il controllo del veicolo andando a sbattere contro un muro di recinzione. L’automobilista, sottoposto ad alcoltest, è risultato positivo con alcolemia attorno a tre grammi di alcol per litro di sangue, sei volte il tasso consentito. Gli agenti hanno perciò accertato le sanzioni previste con il ritiro della patente, il sequestro dell’auto e la denuncia all’autorità giudiziaria. A carico dell’automobilista anche responsabilità amministrative per i danneggiamenti a manufatti e segnaletica stradale, provocati con la sua auto nell’incidente e, per guida senza cinture.
MANIFESTAZIONE
Renzi a casa. Decine di    <br/>pullman dal Triveneto

Renzi a casa. Decine di
pullman dal Triveneto

Si chiama Sovranità, prima gli italiani, il nuovo soggetto politico che vuole aggregare tutte le comunità di matrice sociale e identitaria. Un soggetto ora attivo nel Triveneto che dopo l'esperienza di Milano sarà di nuovo al fianco della Lega Nord sabato, nella grande manifestazione di protesta contro il governo promossa dal carroccio in piazza del popolo, tradizionalmente teatro di raduni e cortei della sinistra italiana. Stando ai coordinatori della manifestazione sarebbero 350 i pullman in partenza dal Triveneto, oltre 150 solo dal Veneto per un evento che vuole aggregare chi è contro un governo, dicono gli esponenti del carroccio, della disoccupazione, dell'invasione, delle nuove tasse, dell'uccisione del made in italy. Fortissima in particolare la presenza dei militanti veronesi del carroccio che riempiranno oltre 10 pullmann in partenza dalla città e della Provincia. A presentare la manifestazione Marcello Ruffo, consigliere di circoscrizione della Lista Tosi e il coordinatore provinciale dei giovani padani, Vito Comencini.
AUTOBUS
Picchia autista: 8 mesi     <br/>E Atv aumenta controlli

Picchia autista: 8 mesi
E Atv aumenta controlli

Condanna di otto mesi ad un extracomunitario che ha aggredito l'autista di un autobus di linea interrompendone il servizio. L'episodio è solo uno dei 41 casi di aggressioni, ingiurie o minacce, segnalati l'anno scorso da conducenti o controllori dell'Atv. "Il problema è sentito, noi forniamo assistenza legale ai nostri dipendenti" ha spiegato il presidente di Atv, Massimo Bettarello. "Nel caso specifico siamo soddisfatti perchè il giudice aveva chiesto sei mesi, è arrivata una condanna di otto ed è un segnale importante da dare". "Purtroppo" gli fa eco il direttore generale Zaninelli "gli strumenti che abbiamo a disposizione sono pochi. Ma la linea è quella in particolare di denunciare chi deturpa o imbratta senza motivo le nostre vetture. Sono infatti in aumento anche gli atti vandalici o di bullismo all'interno dei nostri autobus, episodi che cerchiamo di contenere denunciando sempre più frequentemente i responsabili".
BANCA
Popolare: Banco rispetta  <br/>requisiti chiesti da Bce

Popolare: Banco rispetta
requisiti chiesti da Bce

Il Banco Popolare rispetta ampiamente i ratio patrimoniali minimi richiesti dalla Banca Centrale Europea. Lo comunica in una nota l'istituto veronese dopo che la Bce ha comunicato la propria definitiva decisione riguardante i requisiti minimi che il Banco deve rispettare, fissandoli nel 9,4% per quanto riguarda il Common Equity Tier 1 ratio (Cet1 ratio) e nel 10,5% per il Total Capital Ratio. Al 31 dicembre 2014 il Cet1 ratio risulta pari all'11,9% e il Total capital ratio al 14,6%. Il CET1 ratio calcolato sulla base delle regole che saranno in vigore al termine del periodo transitorio (c.d. CET1 ratio fully phased) è stimato pari all'11,3% e all'11,5%, considerando gli impatti attesi dalla già deliberata incorporazione della controllata Banca Italease.
Maroni dà ragione a Tosi  <br/>Serve accordo in Veneto

Maroni dà ragione a Tosi
Serve accordo in Veneto

"Le affermazioni di Roberto Maroni tagliano la testa al toro". Così Flavio Tosi segre...

ELEZIONI
Regionali, Tosi convoca   <br/>Liga 5 marzo per liste

Regionali, Tosi convoca
Liga 5 marzo per liste

Flavio Tosi tira dritto per la sua strada e convoca il Consiglio nazionale della Liga Veneta il 5 marzo a Padova per decidere liste e candidati alle prossime elzioni regionali.Una decisione subito contestata dal governatore Luca Zaia: "Al di là delle norme e dei regolamenti dello statuto, quando si costruisce una squadra e si fanno delle scelte si deve partire dal punto di riferimento, ovvero dal candidato presidente". La mossa di Tosi di fatto conferma come il sindaco di Verona intenda alzare il tiro della contrapposizione in nome dell'autonomia della Liga. Per nulla intimorito dal consiglio federale che affronterà lunedì a Milano la grana veneta, con una mail il segretario regionale del Carroccio aveva convocato ieri il consiglio della Liga per "discutere e deliberare eventuali alleanze, le liste e la loro composizione, così come previsto dallo statuto". "Non si possono non rilevare, senza nota di polemica - continua Zaia - che le scelte fin qui fatte sono state compiute a prescindere dal candidato presidente. Non pongo una questione di poltrone, nomi o veti, cosa che non ha mai caratterizzato la mia storia amministrative, bensì della governabilità, unica preoccupazione che ho, visto e considerato che il giorno dopo le elezioni i cittadini chiedono al loro governatore conto di problemi quali il lavoro, il sociale, la sanità, l'occupazione giovanile e per nulla dei fatti che riguardano le segreterie". Su come si possa uscire dall'attuale stallo nel Carroccio veneto Zaia non ha una soluzione da indicare. "Con il buonsenso - taglia corto - che al momento non c'è. Viviamo una situazione kafkiana". E per non lasciare dubbi lancia un messaggio preciso al 'rivale' Tosi: "vado avanti per la mia strada, chi mi ama mi segua"
FIERA
Vinitaly lancia Expo,    <br/>ambasciatore nel mondo

Vinitaly lancia Expo,
ambasciatore nel mondo

"Vinitaly ed Expo sono l'uno consecutio dell'altro, una coppia fantastica che consente azioni straordinarie per il futuro del settore vitivinicolo". Così il presidente di Veronafiere, Ettore Riello, presenta a Roma la 49ª edizione della rassegna internazionale del vino e dei distillati che si terrà a Veronafiere dal 22 al 25 marzo. Il numero delle aziende rappresentate si stabilizza sopra i 4.000 espositori, per un totale di 91.000 metri quadri occupati. Il ministro delle Politiche agricole Maurizio Martina, intervenuto alla presentazione, osserva come Vinitaly "è un appuntamento importantissimo per il sistema nazionale vitivinicolo, legato alla grande occasione di Expo". "In questi 10-12 mesi si è fatto molto per il vino, sotto il profilo della semplificazione e della promozione sui mercati esteri. Il testo unico sul vino è il nostro prossimo obiettivo credo che nelle prossime settimane potremo accelerare molto. E si va avanti con un piano coordinato tra tre ministeri a favore dell'internazionalizzazione del Made in Italy. Proprio oggi abbiamo fatto una riunione al Mise". L'attenzione di Vinitaly rispetto agli incontri con i buyer esteri si conferma con un aumento del 34% degli investimenti per coinvolgere delegazioni di operatori da Europa, Usa, Asia e Sudafrica. Il 49° Vinitaly sarà accompagnato al solito da eventi come Operawine, che riunisce cento grandi produttori nazionali, Enolitech, il salone internazionale delle tecniche per viticoltura e olivicoltura e Sol& Agrifood, dedicato al meglio della produzione oleicola e agroalimentare italiana. "Affrontiamo il 2015 con ottimismo - sottolinea il direttore generale di Veronafiere, Giovanni Mantovani - Abbiamo fatto un sondaggio tra realtà rappresentative del settore e ne è emerso che nel 2014 si è registrata una crescita del fatturato delle cantine italiane pari al 5% rispetto al 2013 e soprattutto il 55% di queste esprime fiducia per il 2015".
AGGRESSIONE
Gang marocchina pesta     <br/>pizzaiolo di 21 anni

Gang marocchina pesta
pizzaiolo di 21 anni

Un’aggressione in puro stile “Arancia Meccanica”. Calci, pugni e schiaffi solo per rubare uno smartphone. Vittima un pizzaiolo 21enne di Casaleone, pestato a Cerea, nella notte tra sabato e domenica, da una gang composta da cinque 17enni marocchini. La cui furia spietata è stata fortunatamente bloccata da una pattuglia dei carabinieri. Accade tutto lo scorso week end. L’aggressione comincia di fatto qui, all’interno della discoteca “Caribe Disco Latino”. I ragazzini prendono di mira il 21enne e soprattutto il suo telefonino di ultima generazione. Quando la vittima esce, sono circa le 3.30, viene attaccata dal gruppetto. Volano calci e pugni. Il pizzaiolo prova a reagire e in qualche modo soprende i suoi aguzzini, che a quel punto lo bloccano e lo trascinano di peso qui, in via Borghetto. A riparo da eventuali occhi indiscreti, il pestaggio riprende. Uno dei 17enne utilizza anche una di queste sedie di ferro del bar li vicino. Il malcapitato è sanguinante, esausto, quando in suo soccorso arriva un’auto dei carabinieri, in zona per pattugliamento. I militari dell’Arma bloccano il pestaggio riuscendo ad arrestare due dei cinque aggressori. In tre riescono a scappare e a far perdere, almeno per ora, le tracce."E' un episodio che nessuno vorrebbe rivivere - spiega il comandante dei carabinieri di Legnago, il capitano Francesco Provvidenza - ma pensiamo che si tratti di un fatto isolato. Però è comunque una vicenda grave, anche perchè ai due ragazzi fermati, che erano incensurati, sono stati disposti gli arresti domiciliari. Decisione presa per la gravità del fatto, per un rischio di reiterazione del reato e per non aver collaborato nell'individuazione degli altri tre complici".Un episodio che sconcerta la gente di Cerea. Un pestaggio del genere mai si era verificato in paese. Che negli ultimi tempi, dicono i cittadini, è sempre meno sicuro.E del problema non fa mistero il sindaco di Cerea, Marconcini, che deve comunque fare i conti con forze ridotte per combattere il fenomeno."E' innegabile - spiega Paolo Marconcini - che ci sia un aumento della microcriminalità, a Cerea così come nel resto della Bassa. Da parte nostra, cerchiamo con la Polizia Locale di mettere in atto tutte le strategie per arginare la problematica. Inoltre siamo in costante contatto con la stazione dei carabinieri, che ci informa sempre sugli episodi che avvengono sul nostro territorio".Infine, non è escluso che alcuni di questi ragazzi della gang marocchina siano già stati coinvolti in episodi simili anche a Verona.
Incendio a Tregnago,  <br/>intossicate due anziane

Incendio a Tregnago,
intossicate due anziane

Due donne sono rimaste intossicate dal fumo sprigionato da un incendio scoppiato in un'abitazio...

SALUTE
A Verona in diretta    <br/>si parla d'insonnia

A Verona in diretta
si parla d'insonnia

Oltre un milione di persone in Veneto, 13 milioni in Italia. soffrono di insonnia, apnee notturne, sindrome delle gambe senza riposo. A questo tema è dedicata la puntata di "Verona in diretta", in onda alle 19.23 su Telenuovo.Con Simonetta Chesini sara' in studio il dott. Gianluca Rossato, neurologo, responsabile del Centro di medicina del Sonno dell'ospedale di Negrar e un paziente del suo reparto. Come sempre, avrete la possibilita' di partecipare da casa, per informazioni e consigli, telefonando allo 045 8054328
LEGA NORD
Tosi: Sabato sarò a Roma    <br/>e voglio fare il sindaco

Tosi: Sabato sarò a Roma
e voglio fare il sindaco

Il sindaco di Verona, Flavio Tosi, ospite a “Porta a porta”, ha fugato gli ultimi dubbi sulla sua partecipazione alla manifestazione organizzata sabato a Roma dalla Lega Nord contro il governo Renzi.Le sue incertezze avevano scatenato l'ira del segretario federale Matteo Salvini.“Avevo da mesi – ha spiegato Tosi a Bruno Vespa - l'impegno di partecipare all'inaugurazione di un'importante fiera dedicata allo sport, siccome ci sono state polemiche non da parte della Lega, ma da parte di personaggi ben pagati vengono solo a fare passerella farò salti mortali per essere presente e non prestare il fianco a polemiche penose”.Quanto alla lite con il governatore Zaia sulle candidature e sulle liste da schierare in Veneto, Tosi ha ribadito il sillogismo calcistico: “Il punto è che c'è un presidente che vuole far lui la squadra al di là dell'allenatore e dei giocatori”.Tosi ha ricordato per l'ennesima volta che nel suo ruolo di segretario nazionale della Liga Veneta “il segretario ha competenza sulle liste per logica e per statuto. In 5 anni di governo Zaia non ho mai detto una parola sulle scelte e non è mai stata messa in discussione la ricandidatura di Zaia, al di là degli impegni e delle promesse con il sottoscritto”.“Io sono coerente – ha aggiunto -, le liste per le regionali sono sempre state state stabilite a livello regionale. E' successo anche in Emilia, non capisco perché adesso non si debba fare così in Veneto”.Per Tosi “la questione non è la candidatura di Zaia. Da Milano qualcuno ha detto che le liste non si decidono in Veneto, ma a Milano. Io difendo l'autonomia del Veneto”.“La Liga Veneta – ha continuato - ha stabilito che si presenti la lista della Liga più una lista di civiche. Su questo ha competenza la Liga Veneta senza ingerenze. E non sto parlando del nome delle liste o di chi si candida, ma chi ha competenza.Infine la domanda sulla sua candidatura alle prossime regionali: “Tosi non si candita in nessuna lista perché mi sono candidato per spirito di servizio alle Europee, ha preso 100mila voti e ho rinunciato al seggio europeo per fare il sindaco di Verona”E sull'eventuale appoggio con la Lista Tosi al governatore uscente: “La Liga Veneta ha deliberato che la candidatura sia quella di Zaia con la Lega e una serie di liste civiche. Poi è entrata un'ingerenza dall'esterno”.
LEGA NORD
Salvini: Se litighi   <br/>la gente si arrabbia

Salvini: Se litighi
la gente si arrabbia

"Se litighi, specie in momenti come questi, alla gente girano le palle, è l'ultima cosa da fare in un partito. Essere da tre giorni sui giornali con la Lega che litiga fa girare le palle anche a me": lo ha detto Matteo Salvini, a Radio Padania, tornando sulle polemiche tra Tosi e Zaia. "Tutto è partito quando Tosi ha cominciato a mettere in discussione Zaia e a dire apriamo a Passera o ad Alfano. Io non voglio avere a che fare con Alfano e Passera, è una questione di coerenza" ha aggiunto Salvini. "Io non ho questioni con nessuno, Tosi lo ho sostenuto come sindaco e come segretario nazionale del Veneto - ha spiegato il segretario federale della Lega - spero che la sua sia una cosa passeggera e finisca lì. Perchè noi stiamo con Zaia". "Altra cosa che non sopporto - ha concluso - è l'accusa di milanocentrismo, che non sta in cielo nè in terra, non esiste proprio e chiunque in Lega lo sa. Io non ho mai messo becco nelle liste. Ma la coerenza non è in discussione".
SAN BONIFACIO
Ferroli: riapre il   <br/>tavolo con i sindacati

Ferroli: riapre il
tavolo con i sindacati

Dopo l’ennesima manifestazione degli operai davanti ai cancelli dello stabilimento, la Ferroli ha annunciato che a breve riprenderanno le trattative con i sindacati. L’azienda chiarirà durante il tavolo negoziale quanto ci sia di vero nelle voci che vedrebbero altre aziende interessate al’attività dello stabilimento di termomeccanica. “Siamo contenti”, hanno dichiarato i rappresentati di Fiom Cgil. “Proabilmente la decisione è il risultato delle mobilitazioni delle ultime settimane”.
SERVIZI SOCIALI
Famiglie per le famiglie  <br/>Un aiuto per i minori

Famiglie per le famiglie
Un aiuto per i minori

Famiglie che si aiutano per evitare che i figli vengano allontanati dal luogo in cui sono nati e cresciuti. E’ “Una famiglia per una famiglia”, il nuovo progetto, già operativo, realizzato dall’assessorato ai Servizi sociali e presentato durante un convegno oggi in gran guardia. L’iniziativa, che vede la collaborazione della fondazione della comunità veronese, cattolica assicurazioni e fondazione paideia di torino, prevede l’affiancamento di una famiglia di supporto ad una fragile, per aiutarla a superare le difficoltà. Ogni anno, a Verona, sono 1900 quelle seguite dai servizi sociali.
CONCERTO
Il Volo in Arena,   <br/>rinvio al 21 settembre

Il Volo in Arena,
rinvio al 21 settembre

Dopo la vittoria a Sanremo con Grande Amore, Il Volo rappresenterà l'Italia all'Eurovision Song Contest, a Vienna il 19, 21 e 23 maggio. E così l'annunciato concerto-evento all'Arena previsto per il 21 maggio è posticipato al 21 settembre.Oltre a Verona, il trio sarà il 24 giugno all'Auditorium Parco della Musica di Roma, l'11 luglio in Piazza Unità d'Italia a Trieste, il 12 agosto al Gran Teatro Puccini di Torre del Lago (Lucca), il 22 agosto al Teatro Antico di Taormina. Grande Amore, già al vertice della classifica di iTunes, è entrato al n.1 della classifica Fimi/Gfk dei singoli più venduti. Il video del brano ha totalizzato numeri record: oltre 8 milioni di visualizzazioni su Vevo/Youtube in meno di due settimane. L'Ep "Sanremo Grande Amore" (Columbia/Sony Music), stabile al n.1 degli album più venduti su iTunes, raccoglie celebri brani della storia del Festival ai quali il Volo ha donato una veste nuova, reinterpretandoli in chiave contemporanea e internazionale. Nella tracklist Grande amore, Ancora, Vacanze romane, Canzone per te, Piove, Romantica e L'immensità.
DROGA
Spaccio di cocaina,     <br/>arrestati tre giovani

Spaccio di cocaina,
arrestati tre giovani

Tre arresti e la chiusura per setti giorni di un bar frequentato abitualmente da spacciatori sono la conclusione di un'operazione contro lo smercio di droga nel veronese compiuta nei giorni scorsi dai Carabinieri di Sant'Ambrogio di Valpolicella. I militari dell'Arma, dopo servizi di osservazione e controllo, supportati da segnalazioni e testimonianze degli stessi cittadini, hanno arrestato all'interno di un bar di Sant'Ambrogio, il 'Gran Caffè', un 39enne del posto, sorpreso mentre spacciava 4 grammi di cocaina. Il Questore ha successivamente emesso un ordinanza di chiusura per sette giorni del locale, ritenuto luogo d'incontro abituale di individui con precedenti penali e di polizia. Proseguendo l'attività, in un altro locale pubblico di Pescantina gli investigatori hanno arrestato in flagranza di reato altre due persone, un 52enne veronese e un 43 albanese, intenti a spacciare. Le perquisizioni nei loro confronti hanno permesso di di sequestrare 20 dosi di cocaina (53 grammi) e 680 euro in contanti.
RICERCA
Cancro del pancreas, <br/>terapie mirate

Cancro del pancreas,
terapie mirate

Da oggi non si parlerà più solo di cancro del pancreas, ma di quattro differenti tipi di neoplasie del pancreas da trattare in modi diversi. A renderlo noto uno studio internazionale a cui i ricercatori di Arc –Net, centro di ricerca applicata sul cancro dell’università e azienda ospedaliera universitaria integrata di Verona, hanno contribuito e pubblicato il 26 febbraio su Nature (DOI: 10.1038/nature14169).Il team di Arc - Net, diretto dall’anatomopatologo Aldo Scarpa, in collaborazione con la biobanca del centro diretta da Rita Lawlor, gli scienziati dell’Istituto del pancreas diretto da Claudio Bassi e dell’Oncologia universitaria diretta da Giampaolo Tortora e con l’Unità di diagnostica molecolare dei tumori dell’azienda ospedaliera universitaria di Verona, ha scoperto le alterazioni genetiche del cancro del pancreas. “Grazie al sequenziamento dell’intero genoma dei primi 100 adenocarcinomi del pancreas - spiega Scarpa - abbiamo scoperto le alterazioni del Dna caratteristiche di queste neoplasie, sia in termini di mutazioni strutturali dei cromosomi che di mutazioni di geni responsabili della loro insorgenza. Riusciamo per la prima volta a classificare questo cancro terribile in quattro sottogruppi molecolari”.Il riconoscimento di questi sottogruppi è possibile grazie ad analisi molecolari che sono già disponibili e saranno introdotte nella routine diagnostica dei pazienti trattati nell’Istituto del pancreas e nell’Oncologia universitaria entro la fine del 2015. Un passo in avanti nella ricerca contro il cancro con ricadute immediate e già disponibili in termini di applicazioni terapeutiche personalizzate.Le neoplasie del pancreas sono oggi tra le più letali, ma da oggi fanno meno paura. Questo lavoro del gruppo scaligero è stato realizzato grazie ai finanziamenti del Miur nell’ambito del progetto di sequenziamento genoma tumori del pancreas come contributo italiano all’International cancer genome consortium. Lo studio è stato inoltre finanziato dall’Airc con il progetto 5x1000 “Diagnosi precoce del cancro del pancreas” e dalla Fondazione italiana malattie del pancreas (Fimp-onlus) nell’ambito delle ricerche sulla “Trasformazione delle informazioni del genoma in applicazioni diagnostiche e cliniche” finanziato dal Ministero della Salute.
REGIONALI
Zaia a Prima Serata:    <br/>Serve squadra blindata

Zaia a Prima Serata:
Serve squadra blindata

“Penso che sia plausibile che un presidente che conosce i problemi del Veneto possa dire che se andiamo a governare dobbiamo essere blindati e avere una squadra assolutamente su misura”. Lo ha detto il presidente del Veneto, Luca Zaia, ospite a “Prima Serata”, il talk-show prodotto dal Consorzio Reti Nord Est, in onda su Telenuovo, Tva Vicenza e Antenna 3 Veneto. Rispondendo a una domanda sulla lite con Flavio Tosi per le liste alle prossime regionali, Zaia ha spiegato che “altri al mio posto avrebbero nicchiato, dicendo che l'importante è vincere, invece io ne faccio una questione di governabilità e di futuro”. “Ricordo a tutti che chi vince avrà una maggioranza di sette consiglieri e basterà che quattro non votino una delibera per andare sotto. Quindi è fin troppo evidente che ci vorrà una squadra blindata” ha continuato Zaia aggiungendo: “Bisogna avere basi chiari per la governabilità. Nella disputa sulle liste e all'appello allo statuto fatto da Tosi pongo una questione di metodo. Io non mi fido di Tosi? Se il segretario non si fida del suo presidente, nello statuto c'è scritto che posso anche mandare a quel paese chi dice certe cose”. “Perché cambiare statuto? Non è un derby tra Lombardia e Veneto e così si è creato un clima da separati in casa. E' come andare a fare un matrimonio e invece di andare dal prete si passa una giornata intera dall'avvocato. Il matrimonio si fa per amore” ha proseguito Zaia.“Qui tutti studiano la formazione, ma il campionato inizia fra tre mesi ed io andò in campo cercando di segnare i gol” ha concluso.
TEATRO
Lo Stabile del Veneto <br/>diventa nazionale

Lo Stabile del Veneto
diventa nazionale

Lo Stabile del Veneto è Teatro Nazionale. Il Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo lo ha annunciato nel pomeriggio, rendendo noto l'elenco dei sette teatri cui ha attribuito la qualifica prevista dalla nuova normativa della prosa. Angelo Tabaro, Presidente del Teatro Stabile del Veneto, ha espresso la propria soddisfazione nell'apprendere "la decisione appena comunicata, della quale voglio ringraziare il Ministero e il suo Direttore Generale per lo Spettacolo dal vivo, Salvatore Nastasi. E' il riconoscimento della dimensione metropolitana che lo Stabile del Veneto ha assunto in una regione di grandissima tradizione e cultura teatrale: proprio oggi abbiamo annunciato, infatti, l'entrata - decisa alla fine dello scorso mese di gennaio - del Teatro Stabile di Verona a rafforzare la nostra compagine, conferendole un radicamento sul territorio e una potenzialità culturale che ha pochi eguali nel nostro Paese". La decisione del Ministero giunge come una conferma della qualità del progetto dello Stabile, rivolto al potenziamento dell'offerta verso il pubblico e alla valorizzazione dei talenti e delle risorse del territorio "facendo al contempo sì che - come ha sottolineato Massimo Ongaro, Direttore dello Stabile - il nostro Teatro si candidi a diventare interlocutore privilegiato per grandi progettualità che garantiscano apertura verso il mondo. Un compito nel quale siamo felici di avere assieme a noi il Teatro Stabile di Verona, il cui direttore, Paolo Valerio ha da subito creduto alla bontà di una scelta innovativa che mette insieme teatro pubblico e teatro privato".
REGIONALI
Tosi: Con Bossi in   <br/>Veneto decideva la Liga

Tosi: Con Bossi in
Veneto decideva la Liga

Lo ha sfidato per anni ma ora Flavio Tosi riconosce la lealtà di Umberto Bossi che, quando era a capo della Lega "rispettava l'autonomia del Veneto". "Quando c'era Bossi - ha detto oggi Tosi, intervenendo su Radio"4 a 'La Zanzara' - per il Veneto decideva la Liga". Ai tempi del senatur, ha riconosciuto Tosi, "le liste per le elezioni regionali le decideva la Liga per il Veneto e la Lega lombarda per la Lombardia. Il segretario entrava su qualche dettaglio irrilevante". "Invece adesso Salvini - ha attaccato il sindaco di Verona - vuole decidere tutto a Milano, c'è stata un'ingerenza lombarda che ha detto che la Liga veneta non serve a nulla perché le decisioni sulle liste si prendono tutte a Milano. Ma la stessa cosa non è stata applicata né in Lombardia, né in Emilia Romagna". E sul governatore veneto Tosi ha concluso: "non ho mai messo in discussione la candidatura di Zaia. Tutte le cose stavano andando lisce e tranquille fino a quando c'è stata questa ingerenza lombarda. Salvini in pratica ha detto che la Liga Veneta non serve a nulla".
CONTROLLI
Sicurezza, arrivati    <br/>rinforzi contro crimine

Sicurezza, arrivati
rinforzi contro crimine

Il nuovo piano sicurezza inaugurato alcuni giorni fa e voluto espressamente dal questore di Verona, Danilo Gagliardi, in seguito ad alcuni episodi di microcriminalità che hanno destato le preoccupazioni dei residenti della zona dello Stadio vede aggiungersi un ulteriore e prezioso strumento di supporto nel controllo del territorio. Da Padova sono arrivate le pattuglie del Reparto Prevenzione Crimine, dotate di nuovi mezzi, le nuove Lancia Delta, e di modernissime strumentazioni in grado, fra le altre cose, di effettuare controlli a terminale direttamente su strada. Le pattuglie, già operative sul territorio, si sono divise tra la zona dello Stadio e quella di Veronetta, procedendo al controllo di 40 persone (di cui 27 stranieri), 15 veicoli e 4 esercizi pubblici dove in passato si erano riscontrate irregolarità o la presenza di pregiudicati.All’esito di uno di questi accertamenti, un veronese di 18 anni, fermato a San Massimo, in Via Brigata Aosta, è stato trovato in possesso di una bustina di plastica trasparente contenente circa 5 grammi di hashish.Al giovane è stata contestata la violazione, mentre la sostanza è stata sottoposta a sequestro.
POLIZIA
Arrestato l'orco      <br/>travestito da maestro

Arrestato l'orco
travestito da maestro

E' agli arresti domiciliari e sarà interrogato nei prossimi giorni il 72enne arrestato dalla Squadra Mobile di Verona con l'accusa di violenza sessuale su due scolari di una scuola elementare. Gli investigatori a causa della delicatezza dell'indagine, hanno comprensibilmente fatto trapelare pochissimo della vicenda. L'uomo, hanno spiegato gli investigatori, è una sorta di maestro di sostegno, un insegnante che forniva aiuto con lezioni singole o di gruppo ad alunni che rimanevano leggermente indietro con il piano di studi. I due episodi sarebbero scollegati tra loro e riguarderebbero due classi diverse. Se il primo è stato evidenziato dal racconto di un minore alla madre, che si è poi subito rivolta alla Polizia, il secondo è emerso dall'attività investigativa e dalla delicatezza di ottenere informazioni delle agenti della Questura che si occupano di minori. Gli episodi contestati all'anziano maestro si riferiscono a un periodo tra l'ottobre e il dicembre scorso. Gli abusi sarebbero stati consumati in orari di lezioni.
MONTAGNE RUSSE
Gardaland svela  <br/>la nuova attrazione

Gardaland svela
la nuova attrazione

A Gardaland è quasi tutto pronto. Oblivion - The Black Hole, il primo Dive Coaster in Italia e il più lungo d’Europa primeggia, con la sua imponenza, la caduta in picchiata verticale e lo scintillante bianco dei suoi binari, su tutte le attrazioni del Parco.Ma se il percorso è ormai concluso, sono ora i dettagli della tematizzazione ad incuriosire, in attesa di conoscere che cosa riserverà questa attrazione a livello emozionale. Oltre alla caduta in picchiata verticale in un misterioso buco nero e alle incredibili inversioni, un plus di questa sensazionale attrazione è la tematizzazione dell’area e la ricchezza di effetti speciali: dal percorso interattivo che precede l’accesso all’attrazione per arrivare sino all’imbarco e, quindi, all’esperienza vera e propria sulle montagne russe. Sarà uno straordinario, incredibile viaggio che, idealmente, attraverserà un misterioso condotto spazio-temporale, una sorta di collegamento tra il pianeta Terra e un altro spazio, un altro tempo.Il colore bianco dei binari - del tutto originale per delle montagne russe - è stato scelto per armonizzare l’attrazione con la vasta area tematica - comprende anche Space Vertigo e Flying Island - e per offrire un’atmosfera stile base NASA. I temerari che sfrecceranno a bordo dei velocissimi treni, pensati e realizzati quasi fossero veicoli spaziali, vivranno un viaggio che si sogna sin da bambini. Chi non ha mai pensato, anche solo per un attimo, di diventare un’astronauta? Chissà se su Oblivion - The Black Hole viaggerà anche la Samantha Cristoforetti del futuro, pronta a vivere la fantastica emozione di un “lancio” nello spazio…Ma oltre all’ispirazione spaziale, lo sguardo degli Ospiti sarà attratto dal fulcro dell’esperienza su Oblivion - The Black Hole: il “buco nero” che ha un campo gravitazionale così potente da risucchiare ogni cosa al suo interno. E infatti, accanto all’imboccatura del tunnel, appariranno alcuni singolari elementi, completamente distorti e risucchiati; l’effetto è quello del “trascinamento” all’interno del condotto, quasi ad esserne letteralmente “inghiottiti”: parte del tetto di un saloon, un mulino, un carretto, un serbatoio dell’acqua, 3 antenne televisive e il furgoncino di una troupe giunta sul posto per documentare lo strano fenomeno... tutto apparirà deformato dalla potente forza gravitazionale generata dal “buco nero”.Ma non finisce qui, perché un’altra avvincente caratteristica di Oblivion - The Black Hole è il percorso interattivo che precede la salita a bordo del nuovo rollercoaster. La linea di attesa sarà, essa stessa, un’esperienza indimenticabile.Il percorso, infatti, inizia all’interno di un tecnologico centro di addestramento dove, attraverso software avanzati che arricchiscono la percezione sensoriale, sarà possibile calarsi nell’adrenalinica esperienza che conduce al treno. Effetti speciali, suoni, giochi di luce e innumerevoli LED screen di ultima generazione faranno da “apripista” al travolgente e sensazionale viaggio. Ma saranno davvero tutti in grado di salire a bordo? Per fugare ogni dubbio, i temerari visitatori, durante l’attesa, affronteranno test e supereranno prove; una voce guida indicherà loro ogni azione che dovranno o potranno compiere. Una missione in perfetto stile NASA: dalla sensazione di essere lanciati all’interno di un tunnel, alla prova di equilibrio, agli sconvolgenti effetti ottici in 3D per poi passare all’imbarco vero e proprio, all’interno della stazione. Lo shuttle Oblivion - The Black Hole è pronto ad accogliere tutti i passeggeri.Poi, tra cielo e terra, con colpi di scena e ostacoli improvvisi, lo straordinario ed emozionante rollercoaster porterà i passeggeri più temerari a precipitare da un’altezza vertiginosa, a folle velocità, in una caduta in picchiata verticale verso l’oblio, attraverso il misterioso condotto spazio-temporale per giungere in una nuova dimensione. E il contatto con la realtà svanirà inspiegabilmente.“Siamo partiti dal concept un anno fa, passando dalla fase creativo-progettuale fino alla realizzazione di alcune importanti sculture che ora stiamo posizionando nell’area. Per questo progetto è stato necessario coinvolgere specifiche figure professionali: architetti, progettisti, scultori, tecnici audio e video, falegnami, pittori, esperti nella lavorazione del ferro… un’organizzazione corale di tante aziende per la realizzazione di questa grande nuovissima area” - racconta Gianluca Ghedini, Creative Manager Gardaland Division.42,5 metri di altezza, 87 gradi di inclinazione e una velocità di 100km/h: sono questi i numeri di Oblivion - The Black Hole, il primo Dive Coaster in Italia e il più lungo d’Europa.Solo per veri temerari, dai 140 cm di altezza ai 99 anni!
FURTO
Zai, sparite nella notte  <br/>35 tonnellate di zinco

Zai, sparite nella notte
35 tonnellate di zinco

Restiamo alla cronaca per un furto davvero insolito, non fosse altro che per la quantità rubata. Nella notte dalla sede della Zincol di via Roncisvalle, in zona industriale, sono sparite qualcosa come 35 tonnellate di zinco. Il furto è stato segnalato dai responsabili della ditta, leader tra le zincherie italiane e tra le prime in Europa. Oltre alle Volanti, sul posto è intervenuta anche la Scientifica e gli investigatori della Squadra Mobile. Lo zinco è un metallo molto ricercato il cui prezzo è notevolmente salito negli ultimi mesi, il furto non è il primo che accade in Veneto e il danno stimabile da una prima valutazione sarebbe intorno ai 60/65 mila euro.
VIGILI DEL FUOCO
Vigasio, salvo l'uomo    <br/>incastrato sotto camion

Vigasio, salvo l'uomo
incastrato sotto camion

E' salvo l'uomo incastrato ieri a Vigasio sotto un camion a causa di un incidente stradale. Decisivo l'intervento dei Vigili del Fuoco che grazie all'intervento di due mezzi, tra cui un'autogru, ha estratto il conducente dell'auto dalle lamiere contorte permettendone i soccorsi. Sul posto anche la Polizia Locale di Vigasio, il Suem e l'elicottero del 118.
INCIDENTE
Investe motociclista  <br/>e fugge, caccia a pirata

Investe motociclista
e fugge, caccia a pirata

La Polizia municipale è alla ricerca dell'Audi che ieri pomeriggio verso le 17.30 è rimasta coinvolta in un incidente stradale in stradone Porta Palio insieme ad un motociclista veronese di 46 anni. L’uomo è stato poi trasportato all'ospedale per accertamenti e cure,ed è stato dimesso con una prognosi di venti giorni. Dai primi accertamenti degli agenti è emerso che l'auto è ripartita da una sosta sul lato della strada, effettuando un'inversione di marcia verso Porta Palio. A seguito di questa manovra lo scooterista, che viaggiava verso Castelvecchio, è caduto restando ferito.L'automobilista, dopo essersi fermato, è ripartito allontanandosi senza prestare assistenza e scambiare i dati con la controparte. Un altro incidente stradale è avvenuto ieri alle 15.30 in via San Pietro Incarnario: in questo caso un'auto ha danneggiato una Fiat Punto in sosta proseguendo poi la marcia senza fermarsi. Dalle informazioni raccolte dai testimoni gli agenti hanno individuato a San Martino Buon Albergo la Volkswagen Polo coinvolta. Il conducente è stato poi individuato alle 17 dai Carabinieri. A carico dell'uomo sono in corso accertamenti da parte della Polizia municipale.
BILANCIO
Dai veronesi 49 milioni    <br/>di tasse allo Stato

Dai veronesi 49 milioni
di tasse allo Stato

La Giunta comunale di Verona, guidata dal sindaco Flavio Tosi, ha approvato oggi la delibera relativa al bilancio di previsione 2015. L'assessore alle Finanze, Pierluigi Paloschi, ha spiegato che “il bilancio pareggia a 536 milioni, di cui 293 milioni per la parte corrente, 97 milioni per spese in conto capitale, 62 milioni per rimborso prestiti e 83 milioni per spese conto terzi". Rispetto al bilancio dello scorso anno sono stati effettuati tagli alle spese degli assessorati per complessivi 5 milioni 200 mila euro."La riduzione dei trasferimenti statali - ha aggiunto Paloschi - sarà pari quest’anno a 12 milioni, compensati in parte dai 4 milioni di maggiori utili della mulitutility Agsm e dai 2 milioni dell’addizionale Irpef". “Per quel che riguarda le entrate dei tributi – ha concluso - nel 2015 sono previste entrate da Imu e Tasi per 138 milioni di euro, 33 dei quali andranno riversati allo Stato. Se a questi aggiungiamo i 16 milioni che pagano le categorie D i cittadini veronesi verseranno allo Stato complessivamente 49 milioni di euro”.
LAGO DI GARDA
Nudisti al lago?    <br/>Incremento per turismo

Nudisti al lago?
Incremento per turismo

Si fa sempre più concreta l'ipotesi di creare aree specifiche per nudisti soprattutto nella zona del Lago di Garda ma non solo. L'assessore regionale ai servizi sociali ed ex sindaco di Garda Davide Bendinelli prende posizione: "Deve essere letta come una forma di incremento per il turismo. Se il nudismo non sfocia in atteggiamenti di esibizionismo maniacale non penso che crei problemi: chiaro l'idea deve essere sviluppata tenendo conto del rispetto da portare verso tutti".
REGIONE
Salvini: Dopo Zaia bis   <br/>farà il governatore

Salvini: Dopo Zaia bis
farà il governatore

"Tosi potrà fare il governatore dopo il secondo mandato di Zaia. A me importa solo la conferma di Zaia alla guida del Veneto. Non ci sono due anime, ci sono solo i militanti veneti che vogliono eleggere Zaia". Lo afferma il segretario della Lega Nord, Matteo Salvini, a margine della presentazione della manifestazione della Lega Nord in programma sabato a Roma.
REGIONALI
SALVINI: TOSI NON E'  <br/>FUORI DALLA LEGA

SALVINI: TOSI NON E'
FUORI DALLA LEGA

"Il sindaco di Verona, Flavio Tosi, non è fuori della Lega e non rischia". Lo afferma il segretario del Carroccio, Matteo Salvini, rispondendo con due perentori "no" a chi gli chiede se l'esponente veronese "sia fuori dal partito o rischi di esserlo".
INCENDIO
Fumo e fiamme sul treno      <br/>Paura e disagi

Fumo e fiamme sul treno
Paura e disagi

Paura e pesanti ritardi questa mattina sulla linea Milano-Venezia a causa di un incendio scoppiato sul treno "Freccia Bianca" partito alle 10 da Porta Nuova e diretto nel capoluogo veneto. Il fumo ha invaso una carrozza ed il convoglio è stato fermato nella stazione di San Bonifacio, dove tutti i passeggeri, soprattutto pendolari, sono stati fatti scendere. Sul posto i Vigili del fuoco, impegnati a domare le fiamme che hanno interessato un'altra carrozza, senza causare danni a persone.Il treno bloccato a San Bonifacio è stato il "Frecciabianca 9711", sulla linea Venezia-Milano, che ha interrotto la sua corsa per la presenza di fumo nella terza carrozza, quella che ospita il corner bar. "La richiesta di questo imprevisto stop - informa una nota di Trenitalia - è stata fatta dal capotreno per verificare l'origine del fumo, avviare i necessari interventi, incluso quello richiesto ai Vigili del Fuoco. I primi riscontri porterebbero all'origine dell'evento a un surriscaldamento di alcune componenti elettriche proprio del corner bar e, successivamente, di pannelli contigui: tutti elementi ignifughi, come del resto l'intera carrozza". Tutte le carrozze del treno sono ancora in garanzia e saranno condotte a Venezia per le verifiche tecniche con la ditta costruttrice. I circa 130 viaggiatori hanno quindi proseguito il viaggio con un altro 'Frecciabianca', che ha però dovuto attendere il ripristino della circolazione sulla linea, interrotta per consentire l'intervento in sicurezza dei Vigili del Fuoco.
DIFFAMAZIONE
Veneti ubriaconi, pm   <br/>archivia accusa Toscani

Veneti ubriaconi, pm
archivia accusa Toscani

Le pesanti affermazioni di Oliviero Toscani contro i veneti saranno archiviate. Secondo il pubblico ministero non può reggere l'accusa di diffamazione per il fotografo e pubblicitario milanese che era stato denunciato per diffamazione da cinque cittadini veronesi dopo le dichiarazioni rilasciate a "La Zanzara" su Radio 24, quando aveva sostenuto che "i veneti sono un popolo di ubriaconi e alcolizzati atavici", facendo riferimento in particolare a padri, madri e nonni.La querela era stata presentata alla Procura della Repubblica di Verona dall'avvocato Andrea Bacciga, ma come spiega Laura Tedesco sul "Corriere di Verona", il pm Marco Zenatelli ha chiesto l'archiviazione, in quanto non ci sono elementi per sostenere il rinvio a giudizio, tenuto conto che nelle frasi di Toscani si avvalora uno stereotipo.Insomma si tratta di affermazioni che rilanciano un luogo comune (quello del veneti ubriaconi), limitate all'ignoranza di chi le enuncia e non meritano di avere rilevanza penale.Inoltre il magistrato sottolinea che il reato di diffamazione è rappresentato dall'offesa di una determinata persona e non può essere ravvisato nelle offese a più persone che appartengono a una categoria. Infine viene esclusa anche l'aggravante della legge Mancino, che punisce la discriminazione razziale.
TALK-SHOW
Il governatore Zaia    <br/>alle 21 a 'Prima serata'

Il governatore Zaia
alle 21 a 'Prima serata'

"Luca Zaia punta alla riconquista del Veneto". E' il titolo della puntata di "Prima serata", il talk-show del mercoledì sera che Telenuovo realizza con le altre televisioni del Consorzio Nordest, in onda alle 21:05.Il governatore leghista del Veneto, nel pieno della "battaglia" con Flavio Tosi sulle candidature per le prossime elezioni regionali, risponderà alle domande di sei giornalisti: Alessandro Russello, direttore del "Corriere del Veneto", Ario Gervasutti, direttore del "Giornale di Vicenza", Lillo Aldegheri di Telenuovo, Mino Allione ex direttore de "L'Arena", Alda Vanzan del "Gazzettino" e Renzo Mazzaro del Gruppo Finegil.
REGIONALI
Salvini: Con Tosi nessun  <br/>patto, venga a Roma

Salvini: Con Tosi nessun
patto, venga a Roma

"Alla manifestazione di sabato a Roma hanno aderito centinaia di sindaci, Tosi è un ottimo sindaco e immagino che ci sarà. Se non viene, non va bene. Con lui non c'era nessun patto per i ruoli politici dentro la Lega". Lo ha detto Matteo Salvini, segretario federale della Lega Nord, questa mattina ad Agorà, su Rai Tre.Quanto alle accuse lanciate da Pd e Ncd alla sua presunta compagna Elisa Isoardi per la trasmissione imbastita contro il comune di Verona, Salvini intervistato da Radio Capital ha dichiarato: "Non parlo di vita privata, ma è ridicolo pensare che la Rai aspetti la telefonata di un segretario di partito per occuparsi degli orti di Verona. Siamo alla follia. Semmai il problema è che il Pd vorrebbe TeleRenzi".
ABUSI SESSUALI
Violenza su alunni,    <br/>arrestato maestro

Violenza su alunni,
arrestato maestro

Un maestro di sostegno ultra settantenne è stato arrestato dalla squadra mobile di Verona con l'accusa di violenza sessuale su due scolari di una scuola elementare. All'uomo è stato notificato un ordine di custodia cautelare agli arresti domiciliari emesso dalla magistratura di Verona. L'indagato prestava la sua opera come collaboratore esterno alla scuola pubblica, assistendo nella didattica gli insegnanti. Le indagini, particolarmente difficili e delicate, sono state avviate dalla squadra Mobile dopo la denuncia presentata dai genitori delle piccole vittime, che hanno entrambi circa dieci anni. I ragazzini avevano raccontato a casa, con difficoltà, il malessere vissuto a scuola a causa delle violenze sessuali subite. I fatti sarebbero avvenuti all'inizio dell'anno scolastico, lo scorso ottobre, in momenti differenti. La Polizia, sulla base dei racconti dei ragazzi, ha poi raccolto una serie di elementi che hanno portato all'emissione del provvedimento restrittivo.
REGIONALI
Tosi: Candidarmi?     <br/>Attendo rispetto regole

Tosi: Candidarmi?
Attendo rispetto regole

"Io non escludo di morire neanche tra cinque minuti. Io aspetto di vedere chi rispetta le regole e chi no": a dirlo Flavio Tosi in risposta alla domanda se esclude di candidarsi in Veneto contro Luca Zaia, nel corso di una intervista a 'La telefonata di Belpietro' su Canale 5. "Io - ha detto Tosi riguardo al contrasto con Salvini - ho chiesto solo che sia rispettato lo statuto" sull'autonomia regionale sulle liste.Riguardo al suo futuro in Lega, Tosi ha detto che al momento "se non vengono prese decisioni diverse a Milano al consiglio federale, sono il segretario della Liga Veneta". "La questione - ha aggiunto - non è la candidatura di Zaia, nonostante gli accordi disattesi, che non è mai stata messa in discussione. Il problema è chi decide le liste: il consiglio della Liga Veneta o Milano? Da sempre in Lega le liste le decidono le regioni. E' avvenuto da altre parti ed è incomprensibile che per il Veneto debbano passare per Milano". Tosi ha ricordato che in consiglio della Liga Veneta, composto da 18 persone, 14 hanno votato un documento che ribadisce l'autonomia nelle scelte "al di là che Tosi sia segretario. Si vuole che sia rispettato lo statuto". "Perchè dovrei entrare in Ncd?" ha quindi detto Tosi riguardo alla ridda di voci - "ho visto alcune persone, no quelle indicate, ma per altri motivi" - sui suoi incontri di ieri a Roma. Ha infine ribadito che farà "l'impossibile" per essere sabato a Roma, nonostante i molti impegni istituzionali in agenda come sindaco. "Sarò presente in piazza come sempre" ha aggiunto, mentre per il palco non decide lui.

Sondaggio

Saresti favorevole all'utilizzo di mangimi sterilizzanti per Piccioni?

Tutti i sondaggi

Telenuovo Verona
tasto 11 - oggi in tv

  • Informazione

  • Rosso & Nero

  • TgVeneto

  • TgVerona (1' ed)

  • Verona in diretta

  • Studionews

  • L'Opinione

  • TgVerona (2' ed)

  • Il giorno della vendetta

    western (Usa 1958) di John Sturges con Anthony Quinn e Kirk Douglas
  • Film 2' serata

  • Informazione

  • Film della notte

L'Opinione
ON AIR
21.02.2015
Verona in Diretta
ON AIR
26.02.2015
TgGialloblù
ON AIR
26.02.2015
TgVeneto
ON AIR
26.02.2015
Rosso & Nero
ON AIR
26.02.2015