Si masturba ai giardini  <br/>Denunciato 49enne

Si masturba ai giardini
Denunciato 49enne

Un cittadino srilankese di 49 anni è stato denunciato dagli agenti delle Volanti della Questura di Verona con l'accusa di atti osceni in luogo pubblico. L'uomo aveva cominciato a masturbarsi nei ...

QUOTAZIONE
Masi sbarca in Borsa    <br/>Boscaini soddisfatto

Masi sbarca in Borsa
Boscaini soddisfatto

L'Amarone debutta in Borsa e Masi Agricola, che si quota sul mercato Aim dedicato alle pmi, raccoglie in fase di collocamento 29,6 milioni di euro e si presenta sul mercato con un flottante del 20% e una capitalizzazione pari a circa 148 milioni di euro. "Siamo molto soddisfatti dei risultati ottenuti" ha commentato Gianni Franco Papa, responsabile della divisione di Corporate & Investment Banking di Unicredit che ha curato il collocamento delle azioni sul mercato. "Masi non è solo la più grande IPO di una società sull'Aim, ma è anche l'unica che è stata interamente sottoscritta da investitori istituzionali, con ampia partecipazione degli esteri". Con l'ingresso di Masi Agricola AIM Italia, il mercato di Borsa Italiana dedicato alle PMI, conta 67 società.
COMMERCIO
Nuovo centro commerciale      <br/>a Caselle: è protesta

Nuovo centro commerciale
a Caselle: è protesta

No all’apertura di un nuovo centro commerciale a Caselle di Sommacampagna. Si è costituito un comitato di residenti che protesta contro questa ipotesi e ora interviene anche la Confcommercio As.Co. Verona. In una lettera inviata al sindaco Graziella Manzato, l'associazione si dice contraria all'insediamento di una nuova struttura di vendita superiore a 2.500 metri quadrati paventata dall’amministrazione comunale. “Se realizzata, darebbe un definitivo colpo mortale ai negozi di vicinato ed alle medie strutture di vendita che offrono un servizio non solo al consumatore della frazione, ma anche alle altre località vicine”, si legge nella missiva firmata da Paolo Arena e Giorgio Sartori, rispettivamente presidente e direttore generale della principale organizzazione del terziario di mercato. “Una grande struttura di vendita, per vivere ha la necessità di erodere fatturato alle imprese del terziario di mercato che insistono in un raggio di decine e decine di chilometri”, incalzano Arena e Sartori, che confutano l’affermazione del primo cittadino secondo cui “il centro commerciale assicurerebbe la creazione di 250 posti di lavoro”: “la grande distribuzione - scrivono - sta, purtroppo, liberando posti di lavoro, anziché generarne di nuovi”. Nella lettera si toccano anche i temi viabilità e impatto ambientale: “sarà pur vero, com’è stato affermato, che le opere di compensazione potranno risolvere alcuni problemi di viabilità della zona, ma è altrettanto vero che un centro commerciale è, di per sé, un grande attrattore di traffico di cui la frazione Caselle non ci pare senta la necessità”.  “Alla luce di queste considerazioni, dopo il recente incontro che non ha dato i risultati sperati - concludono Arena e Sartori - chiediamo che si apra una riflessione attraverso un confronto strutturato con la scrivente Organizzazione”.  
TRAGEDIA
Trovata morta donna      <br/>scomparsa a Verona

Trovata morta donna
scomparsa a Verona

E' stata trovata morta la donna di 37 anni calabrese scomparsa da domenica pomeriggio nei pressi della Casa di Cura Santa Giuliana sulle Torricelle. Il corpo è stato trovato da un agricoltore in un campo nelle vicinanze della clinica che ha allertato i Carabinieri che poi hanno avvertito il fratello il quale ne aveva denunciato la scomparsa. Secondo quanto si è appreso la donna, negli ultimi tempi, soffriva di una forte depressione e quindi ha deciso di toglersi la vita.
MUSICA
Fedez a Villafranca    <br/>Concerto da sold out

Fedez a Villafranca
Concerto da sold out

Venerdì 17 Luglio il rapper piu' discusso del momento approda al Castello scaligero di Villafranca. E si profila un concerto da tutto esauritoFedez (Federico Leonardo Lucia), nasce a Milano il 15 ottobre 1989. Cresce nell’hinterland milanese, tra Rozzano e Corsico. Fin da giovanissimo partecipa a gare di freestyle. Nel 2006 incide il suo primo EP, “Fedez”, con DJ S.I.D. e Cidda, nel 2007 il secondo, “Pat-a-Cake”.Nel 2011 autoproduce l’album “Penisola che non c’è” e il mixtape “Tutto il contrario”. Nello stesso anno esce il secondo album “Il mio primo disco da venduto”, prodotto da Best Sound e Tanta Roba, etichetta discografica di Gué Pequeno e di DJ Harsh che vede la partecipazione di molti artisti della scena rap italiana, come Gué Pequeno, Entics, Marracash, J-Ax, Jake la Furia e i Two Fingerz.Nel 2012 partecipa all’album “Hanno ucciso l’uomo ragno 2012” (dove duetta con Max Pezzali nel brano Jolly Blu). Nello stesso anno, sul suo canale Youtube FedezChanneL (seguito da oltre 6 milioni di utenti) pubblica Zedef Chronicles, tre video nei quali il rapper racconta storie della sua vita quotidiana.Nel gennaio 2013 viene pubblicato su iTunes Store il singolo “Si scrive schiavitù si legge libertà” seguito dal secondo singolo “Dai cazzo Federico”. Il terzo singolo,“Cigno nero”, vede la partecipazione di Francesca Michielin. Successo straordinario: 30 milioni di visualizzazioni del videoclip.A maggio 2013 riceve una nomination agli MTV Awards nella categoria Super Man. Da settembre 2014 fa parte della giuria dell’ottava edizione di X-FACTOR (Sky Uno), accanto a Morgan, Mika e Vittoria Cabello.Il 5 settembre e’ uscita la nuova serie web “ZEDEF CHRONICLES 2”, docufiction in 10 puntate della durata di circa 12 minuti.
Ladri al ristorante     <br/>Razzia in via Marconi

Ladri al ristorante
Razzia in via Marconi

Sono questi due ragazzi di 21 anni appena, rumeni, gli autori di una serie di furti avvenuti ...

INCIDENTE
Moto contro auto,   <br/>ferito 30enne

Moto contro auto,
ferito 30enne

Un trentenne residente a cerea è rimasto ferito dopo essersi scontrato con la sua moto con un camion.L'incidente è avvenuto questa mattina sulla Strada Regionale 10, tra Cerea e Legnago.Il motociclista è stato soccorso dai sanitari del 118 e trasportato con l'elicottero di Verona Emergenza all'ospedale di Borgo Trento.
Ragazza scomparsa   <br/>L'appello su Facebook

Ragazza scomparsa
L'appello su Facebook

E' scomparsa due giorni fa, il 28 giugno. Alle 16.20 si è allontanata dalle vicinanze dell'Ospedale Villa Santa Giuliana, sulle Torricelle, e da quel momento non è più stata vista. L'appello, che riportiamo integralmente, è apparso sulla pagina Facebook del fratello. "ATTENZIONE!!! HO BISOGNO URGENTE DELLA COLLABORAZIONE DEL MAGGIOR NUMERO DI PERSONE. CONDIVIDETE E FATE CONDIVIDERE PER FAVORE.Dalle ore 16.20 del 28 giugno mia sorella Maria Teresa nota a tutti come Mity si è allontanata dalle vicinanze dell'Ospedale Villa Santa Giuliana situato sulle alture della città Verona in via Santa Giliana numero 3. Allego foto della planimetria di zona e foto segnaletica. Altezza 170 cm peso 48 kg capelli e occhi castani. Indossa occhiali e probabilmente jeans e maglietta blu. Chiunque avesse informazioni contatti immediatamente le forze dell'ordine.un grazie a chi vorrà essere d'aiuto".
ASSESSORI
Paternoster: De Berti    <br/>e Coletto ottima scelta

Paternoster: De Berti
e Coletto ottima scelta

"Tenacia, serietà e capacità, sono queste le qualità dei due neo eletti assessori veronesi a cui rivolgo un grande in bocca al lupo".Con queste parole il segretario provinciale della Lega Nord, Paolo Paternoster, si è complimentato con Luyca Coletto ed Elisa De Berti, noninati dal governatore Luca Zaia nella nuova giunta della Regione Veneto."Non me l'aspettavo, è stata una soprresa, ovviamente molto piacevole" ha detto l'assessore De Berti che dovrà dimettersi da sindaco di Isola Rizza per l'incompatibilità tra le due cariche."Sono pronta a mettermi al lavoro - ha aggiunto - su due settori importanti come i lavori pubblici e le infrastrutture, che sono strategici per il nostro territorio".Luca Coletto, confermato alla sanità con l'integrazioone del nuovo assessorato al welfare, ha sottolineato che "questa continuità credo sia un segnale del buon lavoro svolto durante la precedente legislatura. Il Veneto è indubbiamente all'eccellenza della sanità".
4 nuovi assessori: Bozza   <br/>Lana, Caleffi, Ambrosini

4 nuovi assessori: Bozza
Lana, Caleffi, Ambrosini

Dopo settimane di attesa, il sindaco di Verona, Flavio Tosi ha nominato i quattro nuovi assesso...

MUSICA
Spandau Ballet in Arena,   <br/>sale la febbre dei fans

Spandau Ballet in Arena,
sale la febbre dei fans

La data è fissata da mesi sul calendario di migliaia di fans. Lunedì 6 luglio gli Spandau Ballet terranno il loro concerto in Arena.La band inglese guidata da Tony Hadley nelle precedenti tappe italiane del "Soul Boys of the Western World Tour" ha già registrato il tutto esaurito a Milano, Torino, Padova, Firenze e Roma.Il gruppo simbolo del pop più raffinato degli anni '80 ha un legame speciale con l'Italia e per la prima volta Tony Hadley, Steve Norman, John Keeble, Martin e Gary Kemp suoneranno nel più grande teatro all'aperto del mondo.
MIGRANTI
Profughi, in arrivo   <br/>altri cinquecento

Profughi, in arrivo
altri cinquecento

Sono giunti oggi in Veneto altri 100 migranti provenienti dalle coste di sbarco. 20 sono stati accolti presso le strutture già. predisposte in questa provincia. Poiché, sottolinea una nota delle prefettura, gli arrivi sul territorio italiano proseguiranno incessantemente nelle prossime ore, dal Ministero dell'Interno è stato preannunciato che dai porti siciliani e calabresi, dovrebbero partire, con destinazione Veneto, altre 500 persone, appena completate le operazioni di sbarco e di prima accoglienza.
POLEMICA
No allo smantellamento  <br/>di Polizia Provinciale

No allo smantellamento
di Polizia Provinciale

Oggi, in Sala Rossa al Palazzo Scaligero, il presidente Antonio Pastorello ha illustrato le conseguenze pratiche dovute allo smantellamento del Corpo di Polizia Provinciale.I 7.800 cacciatori veronesi, che svolgono regolare attività venatoria attraverso gli Ambiti, saranno i primi a subire le conseguenze dell'abolizione della Polizia Provinciale, che non farà più attività di vigilanza e contrasto al bracconaggio.Il 20 giugno è entrato in vigore del D.L. 19.6.2015 n. 78 “Disposizioni urgenti in materia di Enti Locali”, che all’art. 5 sopprime il ruolo ma soprattutto le funzioni dei Corpi di Polizia Provinciale. Una scelta con cui, con decretazione d’urgenza, si sentenzia la soppressione non del Corpo di Polizia Provinciale, ma di tutte le sue funzioni e della sua professionalità. Nei prossimi giorni il presidente Pastorello invierà una lettera ai parlamentari veronesi affinché il decreto sia modificato in sede di conversione, favorendo il mantenimento delle specificità e della professionalità degli operatori di Polizia Provinciale.L’art. 5 del decreto stabilisce infatti che il personale appartenente ai Corpi Polizia Provinciale transiti nei ruoli degli enti locali per lo svolgimento delle funzioni di polizia municipale (è vietato agli enti locali reclutare personale per lo svolgimento di queste funzioni fino al completo assorbimento delle Polizia Provinciali). Pertanto la Polizia Provinciale viene smembrata e assegnato il personale nei vari Comuni con mansioni diverse. Chi provvederà ad esercitare la vigilanza per la tutela del territorio e dell’ambiente, chi tutelerà la fauna dai bracconieri, che opererà la vigilanza sulle strade provinciali? Per la specializzazione delle sue funzioni, la Polizia Provinciale ha sempre svolto un ruolo di fondamentale interesse per la collettività, referente primaria e in taluni casi unica per ciò che riguarda il campo ambientale, ecologico, ittico e venatorio (D. Lgs. 112/98 in materia di salvaguardia del suolo, delle acque e del paesaggio sia per il diverso ambito territoriale). La Polizia Provinciale è da sempre l’unica Forza di Polizia che effettua attività di controllo e vigilanza sulla caccia: quando nessuno svolgerà più queste funzioni i bracconieri avranno campo libero per perpetrare i loro abusi, che aumenteranno in maniera esponenziale. Non vi saranno più controlli nelle oasi faunistiche ed aree protette, che saranno sottoposte a continue razzie ed in breve le specie protette saranno a rischio di estinzione. Oggi i Comuni e le Polizie Municipali sono oberati dagli innumerevoli compiti attributi, identificabili nel più ampio concetto di sicurezza urbana e, disponendo di risorse umane sempre limitate, è ovvio che vengano privilegiate attività più propriamente legate al contesto urbano e meno specialistiche, quali la polizia ambientale. Con la soppressione della Polizia Provinciale e delle sue funzioni tutti i cittadini resteranno senza tutela: non sarà più possibile richiedere un intervento per gli spari vicini ad un’abitazione o ad una strada, quando bracconieri privi di rispetto per il prossimo danneggiano frutteti o coltivazioni, quando in ore notturne e fuori periodo sparano ponendo a repentaglio anche l’incolumità delle persone.Chi si occuperà di vigilare sui depositi incontrollati di liquami che inquinano le falde acquifere, chi interverrà in caso di interramento di rifiuti pericolosi, di scarichi maleodoranti o di cave estrattive abusive, chi vigilerà sul rispetto delle aree protette ed opererà il sequestro di costruzioni abusive?Presidente – Pastorello: “Oggi lanciamo l'allarme per il grande rischio che corre il nostro territorio a causa dello smantellamento della Polizia Provinciale. Il lavoro di questo Corpo ci ha assicurato fino ad oggi un'attenta opera di prevenzione dei reati ambientali: bracconaggio, sversamento di liquami inquinanti nelle falde, rifiuti pericolosi, cave abusive. Il decreto legge 78 spazza via queste vigilanze, per questo chiederemo ai parlamentari veronesi di trovare una soluzione in sede di conversione del decreto a tutela del territorio della nostra provincia. Ci rivolgiamo, inoltre, alla Regione affinché si faccia carico dell'emergenza nella maniera opportuna. Stando così le cose, diventa inutile anche l'inasprimento delle pene voluto dal Governo per punire gli ecoreati, dal momento che non ci sarà più nessuno a vigilare e ad assicurare il rispetto della legge. Sappiamo che tutti i nostri agenti saranno assorbiti dai Corpi di Polizia Municipale dei diversi Comuni, i quali tuttavia non hanno le risorse necessarie per assicurare il servizio che sta svolgendo la Polizia Provinciale”.Consigliere Sardelli: “È importante sottolineare anche la grandissima professionalità della Polizia Provinciale che, in questi anni, oltre a svolgere un lavoro di controllo ha avuto anche un compito sociale, di protezione dell'ambiente. Senza questo importante contributo non sappiamo a cosa andremo incontro. Vorremo capire chi dovrà svolgere il lavoro di controllo portato avanti sin qui dalla Polizia Provinciale, dal momento che, come già detto, i Corpi della Municipale non ne hanno la forza”.Comandante – Maggio: “Siamo molto demoralizzati perché con questo decreto legge vengono smantellati non solo i Corpi, ma anche le funzioni della Polizia Provinciale. Pare quasi che il nostro operato fosse considerato un vezzo che la Provincia ha deciso di darsi senza una reale utilità. Tutti i nostri agenti verranno smistati singolarmente nei vari Comuni e, in questo modo, sarà impossibile portare avanti il lavoro di controllo su un territorio sovra comunale, come è stato svolto negli anni passati. Per diverso tempo sono stata un agente di Polizia Municipale e so che i Comuni, oberati dagli incarichi, non possono non concentrare la loro opera di vigilanza sui centri urbani. Sarà pertanto impossibile, per questi enti, mantenere il controllo delle zone periferiche del territorio o seguire delle materie molto tecniche come la tutela ambientale. La collettività si troverà, quindi, totalmente orfana di funzioni di tutela del territorio e di vigilanza dell'attività ittica e venatoria”.
FURTO
Ladri entrano in camera       <br/>da letto:35enne derubata

Ladri entrano in camera
da letto:35enne derubata

Sono le 3.30 dello scorso giovedì. Siamo in Vicolo Porta Vescovo. Due delinquenti albanesi, entrambi ventenni, entrano da una di queste due finestre al piano rialzato. Piombano, nel cuore della notte, nella stanza di una donna di 35 anni, medico. I rumori la svegliano e così si trova, terrorizzata, faccia a faccia con quei due malviventi, di certo non li con buone intenzioni. Un vero e proprio incubo ad occhi aperti per la ragazza che, nonostante lo shock, riesce a urlare con tutte le sue forze. Quanto basta, evidentemente, per mettere in fuga i due albanesi che nel frattempo erano riusciti a rubare un pc portatile, un ricettario in bianco, una borsa e appena 40 euro in contanti. Del furto e delle urla della vittima si accorge una vicina, anche lei 35enne, che ha il sangue freddo di chiamare il 112. Una pattuglia dei carabinieri è li a due passi e infatti interviene nel giro di pochissimi secondi, individuando uno dei due delinquenti. Il quale reagisce, si oppone all’arresto con calci e pugni, costringendo il militare a successive medicazioni. In suo soccorso arriva per il collega di pattuglia che lo aiuta a fermare Xevair Deda. Nel giro di un paio di minuti arriva un’altra auto dei carabinieri che in via Barana arresta il complice Florian Ndoj. Avevano tentato di sbarazzarsi della merce rubata, ma senza successo. Sono entrambi incensurati, senza fissa dimora né domicilio. Il gip ha convalidato l’arresto, disponendo la custodia cautelare nel carcere di Montorio. Sono accusati di furto aggravato in abitazione, resistenza a pubblico ufficiale e lesioni personali.
FURTI
Rubano rame a Dolcè  <br/>Arrestati due rumeni

Rubano rame a Dolcè
Arrestati due rumeni

I Carabinieri della Stazione di Peri hanno proceduto all’arresto per furto aggravato di MIHAILESCU Mihai (31enne) e BALASEL Gigi (31enne). I due stranieri, entrambi di nazionalità romena, si erano introdotti all’interno di un’azienda di Volargne (VR) per rubare 2.320 kg di cavi e bobine in rame nonché un cavo in fibra ottica della lunghezza di 200 metri, danneggiando in tal modo gli impianti di produzione. I carabinieri di Peri, allertati a seguito dell’attivazione del sistema di sicurezza, intervenivano immediatamente sul posto e, unitamente a personale della polizia locale di Dolcé e all’equipaggio radiomobile, riuscivano a rintracciare e bloccare i due stranieri all’interno di una cava. La merce asportata, del valore di 15mila euro circa, veniva recuperata e restituita al legittimo proprietario. Gli arrestati, dopo aver trascorso la notte nelle camere di sicurezza dell’Arma di Caprino Veronese, in mattinata odierna sono stati condotti davanti all’Autorità Giudiziaria di Verona. Per MIHAILESCU Mihai, alla luce dei precedenti, sono stati disposti gli arresti domiciliari, mentre al complice incensurato è stato imposto il divieto di accesso e dimora nella Regione Veneto.
ARRESTO
Tenta furto in villa    <br/>Rumeno in manette

Tenta furto in villa
Rumeno in manette

Un 26enne rumeno è finito in manette per il tentativo di furto all’interno di una villetta disabitata di Borgo Roma. A scoprire le mosse dell’uomo gli stessi parenti dell’ex proprietario che hanno notato il ladro mentre parlava con fare sospetto al telefono cellulare nei pressi di un furgone parcheggiato vicino all'abitazione.Proprio quando l’uomo si è intrufolato nella villa per mettere a segno il furto, scavalcando la recinzione della villa, è scattato l’allarme al 113 cittadino da parte di uno dei tre familiari testimoni; immediato l’intervento sul posto di una Volante del vicino Commissariato di Borgo Roma. Gli agenti al loro arrivo hanno ricevuto in consegna il ladruncolo poco prima individuato e bloccato dai menzionati familiari; durante il controllo l’uomo è stato trovato in possesso di tre bottiglie di liquore prelevate e la cui porta laterale era stata forzata. Addosso al ladro i poliziotti hanno trovato 8 lame di taglierino e 7 spatole che sono state opportunamente sequestrate.Anche il furgone attorno al quale era stato visto armeggiare è stato sequestrato. Il rumeno, incensurato, è stato tratto in arresto con l’accusa di “tentato furto aggravato” e, dopo le formalità di rito, accompagnato, in stato di detenzione, alla propria abitazione in attesa del rito per direttissima: convalidata la misura precautelare ed il differimento del rito processuale al prossimo 23 novembre per la richiesta dei termini a difesa; nel frattempo il rumeno è stato rimesso in libertà.
REGIONE
La nuova giunta Zaia    <br/>Ecco tutte le deleghe

La nuova giunta Zaia
Ecco tutte le deleghe

Il presidente del Veneto, Luca Zaia, ha presentato questa mattina per la prima volta all'aula del Consiglio regionale la composizione della nuova Giunta, definendo questo atto "doveroso, corretto e rispettoso".Un esecutivo di 10 membri, con età media di 45 anni, e tre donne. Insieme al vicepresidente, Gianluca Forcolin, compongono la nuova Giunta: Giampaolo Bottacin (tra le deleghe: ambiente e specificità della provincia di Belluno), Federico Caner (a cui, tra le altre, è spettata la nuova delega dell'attuazione del programma di governo), Luca Coletto (confermato alla sanità, a cui sono stati affiancati i servizi sociali, facendo nascere l' assessorato al welfare), Cristiano Corazzari (39 anni, il più giovane, assessore tra l'altro alla cultura e allo sport), Elisa De Berti (lavori pubblici e infrastrutture), Elena Donazzan (l' altra confermata, all'istruzione e al lavoro), Manuela Lanzarin (no profit e flussi migratori), Roberto Marcato (commercio) e Giuseppe Pan (agricoltura e pesca). Nessuno - ha concluso Zaia - deve pensare a gettare la spugna e a fare per cinque anni il curatore fallimentare del Veneto: cercheremo di continuare il lavoro impostato, pur sapendo che non siamo usciti dalla crisi".
L'INSEDIAMENTO
Venturi guida Agsm,  <br/>sostegno all'Arena

Venturi guida Agsm,
sostegno all'Arena

"Agsm non sarà più sponsor del Verona". Lo ha annunciato poco fa in conferenza stampa il neo presidente dell'azienda veronese Fabio Venturi."E' finito un percorso di marketing commerciale dopo 4 anni" ha spiegato Venturi "Quello che dovevamo dare abbiamo dato, quello che dovevamo ricevere abbimo ricevuto. E' finito un ciclo con grande e reciproca soddisfazione"."Il budget era di 250 mila euro. Il Comune" ha continuato Venturi "ci ha chiesto 2 milioni, 2 milioni e mezzo all'anno per tre anni. Dedicheremo parte delle risorse a sostenere la Fondazione Arena. La cifra che stanzieremo sarà più sostanziosa rispetto a quello che davamo per il Verona. Potremo operare con "art bonus" che permette di recuperare il 60 per cento dell'investimento. L'Arena è uno stadio Bentegodi pieno tutte le sere. Il Comune ha lasciato ad Agsm l'utile del 2014".
REGIONE
De Berti e Coletto nella    <br/>squadra di Zaia

De Berti e Coletto nella
squadra di Zaia

Luca Zaia ha scelto la sua squadra per guidare la regione. Tra i dieci assessori ci sono due veronesi. Confermato alla Sanità Luca Coletto ma la vera sospresa è la nomina di Elisa De Berti come assessore esterno ai lavori pubblici. 41 anni, avvocato e fino ad oggi sindaco di Isola Rizza, era arrivata settima su nove candidati della lista della Lega Nord Veronese, con 1170 preferenze. Molto lontana dal più votato, Alessandro Montagnoli che aveva raccolto oltre 5500 consensi. La nomina ad assessore regionale è incompatibile col ruolo di sindaco e così adesso Elisa De Berti dovrà dimettersi e Isola Rizza sarà costretta a tornare alle urne.
VIGILI DEL FUOCO
Giostra sospesa in aria    <br/>salvati due ragazzi

Giostra sospesa in aria
salvati due ragazzi

I vigili del fuoco di Verona sono intervenuti, poco dopo le 23.30 di domenica, a Villafranca di Verona per soccorrere due persone rimaste bloccate all'interno della gabbia di una giostra del luna park allestito nelle vicinanze del castello scaligero in occasione della festa del paese,I due giovani erano saliti sull'attrazione Ejiection Seat, una fionda meccanica che sparava una capsula metallica a decine di metri di altezza: all'inizio tutto bene ma nella fase finale dell'oscillazione qualcosa è andato storto e la gabbia è rimasta bloccata a circa 20 m di altezza. I vigili del fuoco, intervenuti con tre automezzi e nove unità, hanno raggiunto la capsula, imbragato gli occupanti e solo dopo hanno sbloccato le sicurezze che matentevano ancorati gli stessi ai seggiolini. Le operazioni di soccorso si concludevano riportando a terra con autoscala i malcapitati. I giovani, affidati alle cure del Suem 118, venivano precauzionalmente trasposrtati all'ospedale di Bussolengo per un controllo sanitario.Il lavoro dei vigili del fuoco si è protratto fino alle ore 02.00 per effettuare alcuni controlli sulla giostra.Sul posto anche polizia locale, carabinieri e sindaco del paese.
INTERVENTO
Cade in montagna    <br/>Arriva soccorso alpino

Cade in montagna
Arriva soccorso alpino

Poco prima delle 11, il 118 ha allertato il Soccorso alpino di Padova per un'incidente accaduto nella palestra di roccia di Rocca Pendice. Mentre i compagni lo stavano calando da una via nella zona delle Numerate alte, infatti, G.B., sessantenne di Este (PD), forse per un errore nella manovra, è volato, cadendo per 3 metri fino a una cengia e da lì per altri 7 fino a quella sottostante. Tre soccorritori, ai quali si sono poi uniti il medico e il tecnico del Soccorso alpino dell'equipaggio dell'elicottero di Verona emergenza, gli hanno prestato le prime cure e, dopo averlo imbarellato, lo hanno spostato in un luogo accessibile all'eliambulanza, che lo ha recuperato con un verricello, per poi trasportarlo all'ospedale di Padova con un possibile politrauma.
RECUPERO CERVO
Cervo nel progno    <br/>salvato dai pompieri

Cervo nel progno
salvato dai pompieri

Mattinata movimentata per i vigili del fuoco di Verona, che intorno alle ore 10:40 sono stati allertati per il recupero di un cervo, di circa un anno di vita, finito nel progno in località Mizzole nel comune di Verona.L'animale era caduto e non riusciva a risalire.I pompieri, con l'ausilio di una rete per recupero animali, dopo vari tentativi sono riusciti a trarre in salvo il cervo e lo hanno affidato alle cure della cooperativa Verde Blu. Sul posto anche agenti di polizia locale e polizia provinciale.
SINGAPORE
Mistery Box di bronzo      <br/>per gli chef veronesi

Mistery Box di bronzo
per gli chef veronesi

Ancora un importante riconoscimento internazionale per il team cuochi scaligeri che ha conquistato la medaglia di bronzo all'Angliss Professional Chefs Challenge che si è tenuto nei giorni scorsi all'Hotel Mandarin Du di Singapore. La squadra veronese, formata da Andrea Mantovanelli (Team Chef) e Luca Fasoli - Team Manager il pluridecorato e giudice internazionale Fabio Tacchella, si è classificata al nono posto ma ha ottenuto un punteggio tale da arrivare all'attribuzione della prestigiosa medaglia. Singolari le regole della competizione, che hanno messo a dura prova l'abilità degli chef in concorso. I cuochi hanno infatti dovuto aprire una mistery box dal contenuto sconosciuto e solo una volta visti gli ingredienti principali da utilizzare hanno potuto pensare e produrre i due piatti da portare in gara: quattro "starter" caldi di pesce e quattro secondi "maincourse" (piatti completi formati da carni, verdure, e amidi come pasta, riso o patate). La squadra veronese ha preparato una trilogia di antipasti formata da: Tonno bonito marinato al lime, con salsa di panna acida, crumble di olio extravergine al pistacchio e miele, mela scottata all'aceto di sidro e schiuma di lime e sale marino, frittella di capasanta ripiena di gel d'arancia e cipolla agrodolce cotta a bassa temperatura e pan di spugna al limone e infine tagliatelle di calamaro all'arancia con tartare di astice e zabaione gratinato alla salsa di papaia con finta maionese di mango. I piatti "maincourse" erano invece: sella di agnello in crosta di pistacchi e agrumi, on jus de viande al vino rosso e origano, tagliata di pollo con emulsione di porri e origano fresco e infine polpettina di maialino ripiena pomodoro con panure alle erbe e pistacchi, spuma di sedano e peperone croccante. Per la cronaca ai primi tre dell'Angliss sono arrivate le squadre di Singapore, Canada e Thailandia.
LAGO DI GARDA
Lazise, ruba nel     <br/>campeggio: arrestato

Lazise, ruba nel
campeggio: arrestato

I Carabinieri di Lazise hanno arrestato un ragazzo marocchino di 35 anni che era entrato in un campeggio rubando macchine fotografiche, telefoni cellulare, tablet e denaro contante dalle tende di quattro turisti del Nord Europa. Uno di loro ha fronteggiato il ladro che si è però difeso con un coltello. Nella fuga, le telecamere di sicurezza hanno ripreso il rapinatore che è stato immediatamente riconosciuto. Il marocchino si trova al momento in carcere a Montorio.
ENGAZZA'
Appartamenti non idonei     <br/>profughi da sgomberare

Appartamenti non idonei
profughi da sgomberare

I due appartamenti di Engazza, che da circa un mese ospitano 23 profughi, possono accogliere al massimo 6 persone. Lo ha stabilito l’Ulss 21 che ha effettuato un’ispezione nelle due case messe a disposizione dalla proprietaria, Mirella Pavan, alla cooperativa Assistenza Serena. I tecnici dell’azienda sanitaria di Legnago hanno riscontrato irregolarità strutturali, in grave conflitto con l’abitabilità, ma anche igienico sanitarie, con una sostanziale carenza di pulizia. Una situazione della quale era stato profeta il sindaco di Salizzole, Mirk Corrà, che si era opposto all’accoglienza così massiccia dei migranti, in una sola struttura, risultata ora inadeguata. La conseguenza dei risultati consegnati dall’Ulss 21 sarà un provvedimento di sgombero che Corrà firmerà lunedì e che costringerà l’allontanamento di 17 profughi."Sto aspettando le carte, dopodichè firmerò il provvedimento per lo sgombero. Sicuramente si poteva evitare di arrivare a questo punto. La situazione profughi deve sicuramente essere risolta. Noi sindaci dobbiamo collaborare e trovare un accordo con la Prefettura di Verona. Questa non è la maniera, perchè scavalcare i primi cittadini per andare direttamente dai privati porta sempre a queste situazioni".Corrà non si dice assolutamento contrario all’accoglienza di chi fugge da zone di guerra, quanto semmai a massicci assembramenti in singoli luoghi. E’ necessario un affidamento più capillare sulla provincia, dice il sindaco di Salizzole, affinchè le comunità non ne sentano il peso. Il primo cittadino spera anche che questo caso scoraggi i privati cittadini dall’offrirsi per ospitare i profughi, attirati magari da un facile guadagno."Mi auguro che la gente ci pensi due volte. Dico ai privati di stare molto attenti, perchè quando poi scattano i controlli, è possibile andare incontro a eventuali sanzioni. Rischiando così di passare da un guadagno ad una perdita".Il caso di Engazzà, al di la dello sgombero, potrebbe concludersi con alcune pesanti sanzioni per non aver rispettato gli obblighi strutturali e igienico sanitari.
INAUGURAZIONE
Presidio Slowfood  <br/>all'oratorio di S.Zeno

Presidio Slowfood
all'oratorio di S.Zeno

Classico taglio del nastro, stamattina a Verona, per l'apertura dell'oratorio di S.Maria della Giustizia Vecchia, chiesetta trecentesca di fronte a S.Procolo, a pochi passi dalla basilica di S.Zeno. Di proprieta' dell'Ater, restaurata poco tempo fa, è sede di un progetto nato dalla collaborazione tra varie associazioni, enti e cooperative sociali. Questa preziosa testimonianza storica diventa cosi' tutti i giorni un museo aperto al pubblico, spazio commerciale per artigianato e per le eccellenze enogastronomiche del veronese, con i presidi sloowfood. Come è stato sottolineato stamane all'inaugurazione, l'oratorio di S.Zeno è soprattutto un'importante opportunita' di lavoro per persone con disabilita'
EVENTO
Motori e turismo: raduno     <br/>Goldwing a Borghetto

Motori e turismo: raduno
Goldwing a Borghetto

Rombano i motori nella splendida cornice di Borghetto sul Mincio a due passi da Valeggio per il 32esimo raduno internazionale dedicato alle moto Honda GOldwing, provenienti da tutto il mondo. In tutto 700 equipaggi, circa 1500 persone per una tre giorni che ha lasciato il segno. Venti nazioni in un’atmosfera d’altri tempi, ricca di storia e tradizione che ha promosso il territorio valeggiano e tutta la sua gastronomia. Un impatto fondamentale per il turismo. Le ammiraglie su due ruote provenienti da Russia, Svezia, Norvegia, ma anche Scozia e Stati Uniti hanno potuto apprezzare le bellezze del territorio grazie alle escursioni organizzate durante il giorno ma anche la sera. Una tre giorni appassionante che ha superato di gran lunga le aspettative degli organizzatori. Le moto partecipanti, tutte addobbate con i colori nazionali, hanno sfilato per il territorio salutando e ringraziando per l’ospitalità ricevuta.
INTERVENTO SQUADRA MOBILE
Compiva estorsioni  <br/>Arrestato brasiliano

Compiva estorsioni
Arrestato brasiliano

Gli uomini della Squadra Mobile sono intervenuti per arrestare un cittadino brasiliano colpevole di una serie di estorsioni e rapine, compiute nel dicembre del 2006 a Milano. Già condannato in primo grado nel 2009 ed in Appello nel 2014, il brasiliano è stato colpito dal definitivo ordine di carcerazione emesso dal Tribunale di Milano lo scorso 8 giugno. Così gli Agenti della Mobile si sono subito messi all’opera per rintracciare in condannato che si sospettava potesse trovarsi nella provincia di Verona. Ed infatti, dopo una serie di ricerche ed appostamenti, i poliziotti lo hanno individuato in città in un’abitazione di Via Legnago e lo hanno fermato. Dopo la procedura di fotosegnalamento in Questura, C.R.R., 29enne originario di Salvador de Bahia, è stato condotto al carcere di Montorio dove dovrà scontare 4 anni e 2 mesi di reclusione.
CARABINIERI
Rubano ferro e legno     <br/>Tre in manette

Rubano ferro e legno
Tre in manette

I carabinieri di Vigasio e Isola della Scala hanno arrestato tre persone, un italiano e un rumeno di 51 anni, e un altro rumeno di 46. Sono stati sorpresi all'interno di un capannone dismesso e utilizzato in passato per l'allevamento avicolo a smontare e accatastare ferro e legno per un peso complessivo di dieci quintali.
DOPO LA STRAGE
Attentato Tunisia, voli     <br/>a rischio da Verona?

Attentato Tunisia, voli
a rischio da Verona?

Dopo l'agghiacciante attentato dei terroristi in Tunisia crollano le prenotazioni con destinazione nel paese nord-africano e si moltiplicano nelle ultime ore le disdette per pacchetti vacanze già acquistate. I tour-operator attendono indicazioni dalla Farnesina che già sconsiglia le partenze. Confermati intanto dall'aeroporto di Verona quattro voli charter di Neos, Meridiana e NuvolAir in programma lunedì con destinazione l'isola tunisia di Djerba e Monastir .
NUOVA MODA
Manovre pericolose   <br/>Polizia pattuglia lago

Manovre pericolose
Polizia pattuglia lago

Il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha inviato una segnalazione riguardante la preoccupante diffusione dell’utilizzo da parte degli acquascooter delle scie delle navi come trampolino di lancio per pericolose esibizioni arrivando anche a sconsiderate gare di velocità con le navi fino a tagliarne la rotta di prua. Il fenomeno, rilevato ormai quotidianamente soprattutto nel basso lago, si sta diffondendo come una vera propria moda del momento, tanto da venire diffusa con leggerezza su facebook con foto e video. Proprio per questo motivo, la Squadra Nautica di Peschiera, forte delle sue tre motovedette e due moto d’acqua, sta intensificando ulteriormente i servizi di prevenzione per monitorare e reprimere questa nuova e pericolosissima moda.
INTERVENTO
Squadra Nautica salva   <br/>barca in avaria

Squadra Nautica salva
barca in avaria

La stagione estiva sta entrando nel pieno e le attività turistiche sul Lago di Garda si fanno sempre più intense. A vegliare sulla sicurezza dei natanti è la consueta presenza degli esperti poliziotti della Squadra Nautica di Peschiera, che nell’ultimo mese si sono particolarmente distinti in due operazioni che danno la misura di quanto diversi possano essere i rischi della navigazione. Gli Agenti di pattuglia nel tratto costiero tra Peschiera e Sirmione hanno ricevuto una segnalazione di emergenza dal titolare di un cantiere navale. Un suo dipendente era in pericolo: salpato dal Porto di Dusano con rotta per Peschiera, la sua imbarcazione aveva improvvisamente perso potenza ed un incendio si era poi sviluppato nel vano motori, costringendolo a buttarsi in acqua. Il ragazzo, un 25enne di Lasize, si trovava da solo ed in balia dei flutti a circa 2 miglia da Punta Grò. Repentinamente i poliziotti si sono diretti verso il luogo dell’incidente ed in pochi minuti lo hanno raggiunto. Mentre una motovedetta della Guardia Costiera, sopraggiunta contemporaneamente, si occupava di recuperare il ragazzo, gli Agenti sono saliti a bordo del mezzo in avaria, tenendo sotto controllo l’incendio, scongiurando ulteriori danni e mettendo in sicurezza il natante. Messo in salvo sulla motovedetta della Squadra Nautica, il ragazzo notevolmente infreddolito è stato avvolto in una coperta e condotto dagli Agenti al porto di Peschiera e da lì direttamente al pronto soccorso, dove dopo gli opportuni accertamenti è stato dimesso con tre giorni di prognosi.Nell'altro intervento i poliziotti della Squadra Nautica si sono trovati a dover affrontare un fenomeno nuovo e “di tendenza” ma dall’altissimo grado di rischio.Intorno a mezzogiorno è giunta la chiamata di soccorso da parte del Comandante di traghetto di linea che pochi istanti prima aveva avuto una collisione con due acquascooter. Lo scontro aveva disarcionato i due piloti i quali, però, erano risaliti subito a bordo, sordi ai tentativi di soccorso del Comandante, e si erano allontanati. Ed il motivo di tanta fretta è subito parso evidente agli Agenti, una volta ascoltato il racconto del Comandante. I ragazzi a bordo delle moto d’acqua, infatti, non rispettando minimante le norme di navigazione, avevano seguito a lungo la scia del traghetto, sfruttandola per compiere evoluzioni e salti sull’acqua e pericolosamente vicino all’imbarcazione. Talmente vicino che , alla fine, come prevedibile, una manovra sbagliata ed un’onda più forte delle altre hanno fatto collidere uno dei due acquascooter contro il traghetto.Dopo lunghe e attente ricerche nei porti e sui tratti di costa, gli Agenti sono riusciti ad individuare la moto d’acqua descritta dal Comandante, la quale infatti, ormeggiata presso una ditta di noleggio di Lazise, risultava danneggiata. Proseguendo nelle indagini, i poliziotti hanno poi rintracciato anche il pilota, un 28enne austrico in villeggiatura che è stato multato.
FURTI
Trezzolano presa      <br/>d'assalto dai ladri

Trezzolano presa
d'assalto dai ladri

Settimana difficile per gli abitanti di Trezzolano, sopra le colline di Montorio, da quando i ladri hanno preso di mira la zona. Quattro appartamenti sono stati visitati dai malviventi, tra questi anche un Bed&Breakfast. Furti per lo più legati ad apparecchiature elettroniche, computer e telefoni cellulari. In quasi tutti i casi il modo di agire è sempre lo stesso: entrano nelle case di notte e con l'utilizzo di un particolare spray addormentano persone e animali e agiscono indisturbati. La denuncia arriva dagli stessi residenti che non si sentono più sicuri nemmeno in casa.
FESTIVAL
Shakespeare in villa,  <br/>prosa a tempo di rock

Shakespeare in villa,
prosa a tempo di rock

Se fosse vero che Shakespeare è stato a Verona, o che si è ispirato a storie del nostro territorio, allora è anche vero che le Ville Venete sono lo scenario ideale per rappresentare le sue opere. Da questo spunto nasce la rassegna “Shakespeare in Villa” organizzato dall’Istituto Regionale Ville Venete (IRVV) in collaborazione con i tre comuni che ne ospitano gli spettacoli: il Comune di Verona, il Comune di Illasi e il vicentino Comune di Montorso. Tre appuntamenti in altrettante Ville per consentire al pubblico di incontrare i protagonisti delle opere scespiriane attraverso proposte artistiche alternative, nelle quali la poetica del drammaturgo inglese si alterna con brani d’opera o situazioni musicali dal vivo.Il primo appuntamento è per venerdì 26 giugno nella seicentesca Villa Sagramoso di Illasi. Il programma inizia alle 18.30 con la visita guidata della villa (la prenotazione è obbligatoria e si richiede direttamente alla villa) e prosegue alle 19.30 con la conferenza ad ingresso libero dal titolo “Il Veneto di Shakespeare”, condotta dai professori Sergio Perosa e Gianni Moriani (entrambi dell’Università Cà Foscari di di Venezia), esperti dell’autore inglese.Alle ore 20.45 –sempre con ingresso libero e gratuito - sarà il momento dello spettacolo “U2-Macbeth”, proposto dalla compagnia di musical Soledarte. Se il video di Where the streets have no name fu girato dagli U2 a Los Angeles sul tetto di un edificio, perché non suonare la stessa canzone nella barchessa di una villa veneta? Accompagnare il dramma di Macbeth, dedicato alle lotte di potere, con la musica rock del gruppo irlandese suonata dal vivo dalla cover band dei fratelli Viglio, non è l’unica novità proposta nel musical di Soledarte. Infatti, anche il ruolo dei protagonisti è sovvertito con le streghe che diventano protagoniste, guidando un “gioco di ruolo” che non va come previsto. La regia dello spettacolo è di Solimano Pontarollo, le coreografie di Varhynia Ziliotto e la preparazione vocale di Debora Farina.Dopo lo spettacolo sarà possibile cenare al ristorante Le Cedrare (richiesta prenotazione), posto all’interno della villa e gestito dallo chef Marcantonio Sagramoso, il più giovane dei discendenti della nobile famiglia proprietaria della villa.Prossimo appuntamento con Shakespeare in Villa il 10 luglio a Villa La Mattarana di Verona, con lo spettacolo “Jago”. La rassegna “Shakespeare in villa” è inclusa nel “Festival delle Ville Venete 2015 – 8ª edizione”.
RASSEGNA
Amarone e Valpolicella  <br/>al Festival Ville Venete

Amarone e Valpolicella
al Festival Ville Venete

L'Arte dell'Amarone è lo spettacolo teatrale organizzato da Fondazione Aida, nell'ambito del Festival delle Ville Venete, in programma domenica 28 giugno alle ore 21.00 a San Pietro in Cariano. Attraverso racconti, aneddoti e momenti d'ironia, gli spettatori scopriranno l'unicità dell'Amarone. Unicità data anche dalla particolare modalità di produzione del vino. La Villa Rubinelli farà da scenografia naturale ad una rievocazione unica dei luoghi di origine e invecchiamento di questa eccellenza enologica.L'Amarone, un vino rosso passito secco è prodotto esclusivamente nella Valpolicella, in provincia di Verona, magnifica zona collinare di 240 km² adornata da ville di grande pregio, a testimonianza di un territorio ricco di storia dove la produzione di uva si stima essere ampiamente superiore ai 550.000 quintali. Questo vino, tra le eccellenze più importanti del Veneto, è un vero e proprio volano turistico ed economico e l'incontro in programma nell'ambito del Festival è un modo unico per conoscerne la sua essenza. Quello dedicato all'Amarone è il primo di cinque incontri che toccheranno altrettante località della Valpolicella. Musica, antropologia pop e ancora teatro negli altri appuntamenti.Si prosegue con la musica a Fumane, domenica 5 luglio, il Coro di Voci Bianche dell'Accademia d'Arte Musicale di Valpolicella, composto da trentatrè bambini, propone un concerto dove saranno eseguiti i Carmina Burana di Carl Orff, in una versione rivista e rielaborata da Marco Tonini, esperto di vocalità, compositore e direttore d'orchestra. Il soprano Elisabetta Zucca eseguirà Stetit Puella e In Trutina, accompagnata da 12 strumenti tra archi e fiati. Fa da scenario la meravigliosa Villa Selle Jenna. Al confine fra spettacolo e conferenza, la performance dell'antropologo Duccio Canestrini (Università di Pisa), inventore dell'antropologia pop che, giovedì 9 luglio, a Marano di Valpolicella presenta Terra Felix, il genius loci e lo spettacolo del territorio. La performance, che si tiene a Villa Nuvoloni, relazionerà sul tema del paesaggio e dell'incontro con la natura. Canestrini parlerà del genius loci, la misteriosa quintessenza di un territorio, cercando di capire dove nasce e come influenza le nostre vite. Legato alla Valpolicella anche Parole venete, con Pino Costalunga, un momento teatrale proposto da Fondazione Aida, in programma a Villa Brenzoni Bassani (Sant'Ambrogio in Valpolicella) sabato 18 luglio. Un viaggio ironico che ha come tema la parola nei dialetti del Veneto, ricchi di molteplici - e spesso curiose - sfumature. Miti d'acqua, da Le Metamorfosi di Ovidio - organizzato da Thiasos Teatro Natura - è l'ultimo spettacolo del ciclo, in calendario domenica 19 luglio nella neoclassica Villa Mosconi Bertani ad Arbizzano di Negrar. Sista Bramini e Camilla Dell'Agnola propongono una narrazione per voce e viola, accompagnando il pubblico in un mondo dove le passioni umane e quelle degli elementi naturali vivono ancora in un contatto fecondo di straordinari riflessi.FESTIVAL VILLE VENETEDa giugno a ottobre, le storiche Ville Venete aprono di nuovo le porte alle eccellenze culturali ed eno-gastronomiche: degustazioni; serate con grandi nomi del giornalismo e dello slow food; eventi musicali, teatrali e di danza; incontri e laboratori. Oltre cinquanta appuntamenti per un ricco calendario organizzato dall'Istituto Regionale Ville Venete (IRVV) in collaborazione con la Regione Veneto e la Regione Friuli Venezia Giulia.A testimonianza della qualità del programma del Festival, diversi eventi sono stati scelti per il calendario di Expo 2015, all'interno del progetto "Veneto-Mondo nuovo".Fiore all'occhiello della manifestazione, il Festival "Sorsi d'Autore": dal 20 giugno al 12 luglio, degustazioni delle eccellenze eno-gastronomiche del Veneto con ospiti d'eccezione come Corrado Formigli, Giuseppe Cruciani, Enrico Mentana, e l'ideatore e fondatore di Slow Food Carlo Petrini, nella splendida cornice delle Ville Venete (il link del programma è alla fine del comunicato). Da quest'anno, poi, a luglio debutterà "Sorsi Lab - incontri sensoriali con l'esperienza del vino".
COMUNE
Tributi: Dichiarazione  <br/>Tasi entro 30 giugno

Tributi: Dichiarazione
Tasi entro 30 giugno

In questi giorni numerosi contribuenti si sono rivolti all’Ufficio Tributi del Comune per chiedere notizie circa la dichiarazione Ta.S.I. La legge che ha istituito la Tassa servizi indivisibili ha previsto infatti che ogni volta che il proprietario e l'inquilino stipulano un contratto di locazione, ne diano notizia entro il 30 giugno dell'anno successivo agli uffici comunali, mediante apposita dichiarazione.Tale dichiarazione va presentata sia dai proprietari e dagli inquilini di unità immobiliari concesse in locazione con contratto a canone agevolato (il cosiddetto 3+2), sia dai proprietari e dagli inquilini di unità immobiliari concesse in locazione con contratto a canone libero o in comodato gratuito. I primi (contratto agevolato) devono consegnare il contratto di locazione o presentare apposita autocertificazione (reperibile sul portale web del Comune di Verona) all'ufficio Protocollo del Comune o all'Ufficio Tributi di via Adigetto 10, 4° piano (aperto al pubblico lunedì, mercoledì, venerdì dalle ore 9 alle 12,30).I secondi (contratto a canone libero) devono consegnare agli uffici competenti (Protocollo o Ufficio Tributi) il modello di dichiarazione IMU (valido anche per la Ta.S.I.) o in alternativa il modello disponibile presso l'ufficio Tributi o Protocollo, con le indicazioni del nome, cognome, data inizio e fine, dati registrazione, nell’apposito spazio “annotazioni”. Nel caso di impossibilità ad osservare la data del 30 giugno, non sono previste sanzioni.
DOPPIA EVASIONE
Evade dai domiciliari  <br/>Tosi: Riformare Codice

Evade dai domiciliari
Tosi: Riformare Codice

“Non ci sono parole, può accadere solo in Italia: è incredibile che una persona, a soli tre giorni di distanza dall'essere evasa dagli arresti domiciliari commettendo una sfilza di reati, rimandata dal magistrato ai domiciliari, sia evasa nuovamente e, cosa ancor più assurda, venga ancora rispedita a quegli arresti domiciliari di cui ha dimostrato di fregarsene. Occorre una riforma del Codice Penale che renda più severa la concessione di misure cautelari alternative al carcere e riduca i margini di discrezionalità nella loro applicazione”. Questo il commento del Sindaco di Verona sul rinvio ancora agli arresti domiciliari dello stesso pregiudicato, fornito di ben 34 precedenti penali, che domenica scorsa sempre evadendo dagli arresti domiciliari aveva rubato un'automobile, speronato una Volante della Polizia, ferito due agenti e messo in pericolo i passanti correndo a cento all'ora in pieno centro città. Sia chiaro: la mia polemica prima di tutto è contro chi approva le leggi e non si è ancora accorto che il nostro Codice Penale fa acqua da tutte le parti e spesso finisce per tutelare più i delinquenti che i cittadini. So benissimo che il magistrato è tenuto ad applicare le leggi votate dal Parlamento, ma credo che a volte, come in questo caso, si faccia cattivo uso dei propri margini di discrezionalità: come si può pensare che rispetti gli arresti domiciliari chi ne è già evaso due volte? L'inadeguatezza del nostro apparato legislativo è dimostrata anche da un altro fatto emerso oggi sulla stampa: un cittadino processato per aver dichiarato per anni un reddito falso allo scopo di pagare di meno un alloggio pubblico è stato assolto per un cavillo del Codice Penale che trasforma il reato in sanzione amministrativa quando la somma sottratta sia inferiore ai 4.000 euro e, benché il Pubblico Ministero avesse chiesto la condanna, il Magistrato giudicante ha valutato solo la somma sottratta in un anno e non nell'intero periodo dei 4 anni di minor affitto pagato. Non è certamente una sentenza che incoraggia il comportamento legale dei cittadini. Sarebbe sterile limitarsi a polemizzare e palleggiare le responsabilità tra politica e magistratura: occorre urgentemente che i Parlamentari veronesi si impegnino a sollecitare una riforma dei Codici e che gli stessi magistrati, che il diritto (e i suoi punti di debolezza) conoscono anche meglio della maggioranza dei parlamentari, si impegnino in proposte utili ad una giustizia più giusta.

Sondaggio

La storia ha visto Verona in vari contesti, quale pensi sia il migliore?

Tutti i sondaggi

Telenuovo Verona
tasto 11 - oggi in tv

  • Informazione

  • Rosso & Nero

  • TgVeneto

  • TgVerona (1' ed)

  • Antologia Totò

  • Studionews

  • L'Opinione

  • TgVerona (2' ed)

  • The man who cried

    drammatico (Gb/Fra 2000) di Sally Potter con John Turturro e Christina Ricci
  • Film 2' serata

  • Informazione

  • Film della notte

Rosso & Nero
ON AIR
30.06.2015
L'Opinione
ON AIR
30.06.2015
Verona in Diretta
ON AIR
26.06.2015
TgGialloblù
ON AIR
01.07.2015
TgVeneto
ON AIR
30.06.2015
INFORMAZIONE SULL'UTILIZZO DEI COOKIE PER QUESTO SITO. L'utilizzo dei cookies è finalizzato a rendere migliore l'esperienza di navigazione sul nostro sito. Se continui senza cambiare le tue impostazioni, accetterai di ricevere i cookies dal sito che stai visitando. In ogni momento potrai cambiare le tue impostazioni relative ai cookies: in caso le impostazioni venissero modificate, non garantiamo il corretto funzionamento del nostro sito. Alcune funzioni del sito potrebbero essere perse, non riuscendo più a visitare alcuni siti web. Per saperne di più, leggi l'informativa completa qui
ACCETTA