Presepi all'Arena  <br/>Fino al 25 gennaio

Presepi all'Arena
Fino al 25 gennaio

Da sabato 29 novembre fino a domenica 25 gennaio, negli arcovoli dell’Arena, si terrà la 31ª Rassegna internazionale del Presepio nell’arte e nella tradizione, organizzata da Verona per l’Arena i...

MEETING INTERNAZIONALE
Endoscopia chirurgica   <br/>Verona all'avanguardia

Endoscopia chirurgica
Verona all'avanguardia

I risultati ottenuti nel trapianto di fegato, le più recenti innovazioni della chirurgia endoscopica e la presentazione ufficiale della Barrett Unit, nuovo fiore all'occhiello della sanità veronese e veneta. Sono stati questi i temi principali del meeting internazionale coordinato dal responsabile dell'endoscopia chirurgica d'urgenza dell'ospedale di Borgo Trento, dr. Luca Rodella, di aggiornamento sulle malattie digestive che ha riunito nei giorni scorsi al centro marani medici e specialisti arrivati da ogni parte. Il concetto di ospedale senza dolore, è uno dei credo dell'azienda ospedaliera veronese. E i nuovi metodi di sedazione oggi aiutano moltissimo nell'accettazione di esami prima tradizionalmente fastidiosi. L'esofago di Barrett è una complicanza di una malattia molto comune, l'esofagite da reflusso. Non trattato, può trasformarsi in tumore. L'endoscopia chirurgica veronese, che ha attivato da anni collaborazioni internazionali, è all'avanguardia per una serie di interventi endoscopici innovativi e una squadra, la Barret Unit appunto, che unisce più reparti e specializzazioni. Endoscopia, non più straordinaria fonte di diagnosi è stato detto, ma sempre più alternativa reale e concreta alla chirurgia.
NAZIONALE FEMMINILE
Tosi incontra   <br/>delegazione Uefa

Tosi incontra
delegazione Uefa

Il Sindaco Flavio Tosi ha incontrato, oggi pomeriggio in Gran Guardia, il vicedirettore generale FIGC Francesca Sanzone, la delegata Uefa Renata Tomasova e i rappresentanti della Federazione calcio olandese, a Verona per l’incontro di calcio femminile Italia-Olanda, che si terrà questa sera allo stadio Bentegodi.
POLIZIA
Assicurazione falsa     <br/>e ubriaco: denunciato

Assicurazione falsa
e ubriaco: denunciato

Un automobilista di 27 anni di nazionalità marocchina è stato denunciato all'autorità giudiziaria per i reati di guida in stato di ebbrezza e uso di documenti assicurativi falsi. Dovrà rispondere anche delle violazioni amministrative per aver guidato un veicolo radiato dal Pra e non assicurato, oltre che per essersi messo al volante nonostante la patente ritirata. Il giovane era stato fermato dalla Polizia municipale domenica mattina attorno alle 5 in corso Milano per un controllo, durante il quale gli agenti avevano accertato un tasso alcolemico particolarmente elevato, circa tre volte superiore a quello consentito. All'automobilista era stata così ritirata la patente e l'auto, una Ford Focus, era stata affidata ad un amico, come previsto dal codice della strada. Nei giorni successivi gli agenti avevano però approfondito le verifiche su quell'auto fino a scoprire che i documenti assicurativi erano stati falsificati e che l'auto era stata radiata dal Pubblico registro automobilistico poiché intestata probabilmente ad un prestanome, connazionale residente nel milanese. La pattuglia aveva perciò iniziato ad effettuare dei controlli mirati in diversi punti della città, e martedì pomeriggio l'auto era stata individuata nuovamente in circolazione, sempre con il 27enne al volante. A questo punto sono scattate le ulteriori sanzioni per la guida con patente ritirata. Il veicolo sarà sottoposto a confisca.
EMBARGO
Embargo, Zaia in Russia:    <br/>Lì  per nostre imprese

Embargo, Zaia in Russia:
Lì per nostre imprese

Il presidente del Veneto, Luca Zaia, è rientrato oggi dalla Russia, dove ha incontrato il vice primo ministro, Arkady Dvorkovich, e il vicepresidente del comitato industria della Duma, Pavel Dorokhin, nonostante il parere contrario alla missione ricevuto il giorno prima della partenza dal dipartimento per gli affari regionali della Presidenza del Consiglio dei ministri. Lo ha reso noto lo stesso Zaia, spiegando come la risposta del Governo sia arrivata in risposta alla richiesta di assistenza avanzata dalla Regione Veneto alla Farnesina. "Non siamo mica in guerra - ha commentato Zaia - e, di fronte all'invito giunto da due autorevoli personalità russe di incontrarci in occasione della fiera del mobile, nonostante l'embargo non potevamo rinunciare a mantenere vivo un substrato di rapporti fondamentali per gli imprenditori di una regione come la nostra, primo partner commerciale italiano della Federazione Russa. La ritengo quindi una disobbedienza da poco, e fatta con il paracadute, ed invece la prima forma di rispetto nei confronti delle nostre imprese". Nei voli da e per Mosca, Zaia ha incontrato del resto numerosi imprenditori veneti. "Si può davvero dire che in fiera si parlasse veneto, perché è forte la necessità di continuare questo business. E gli importanti rappresentanti russi che ho incontrato hanno mostrato piena disponibilità a ragionare, di fronte alla mia volontà di continuare le relazioni, nel rispetto dei migliaia di imprenditori veneti che lavorano lì e che, disperati, mi hanno ringraziato. Del resto, mi sembra che l'Italia sia l'unica nazione che ha preso sul serio l'embargo e mi chiedo dove si voglia andare a parare. Ripeto: non spetta a me fare politica internazionale ed entrare nel merito della questione ucraina - ha concluso -: è solo che sono convinto che il dialogo e la diplomazia debbano continuare il loro corso".
Auto in fiamme alla  <br/>Bassona: nessun ferito

Auto in fiamme alla
Bassona: nessun ferito

Intervento dei vigili del fuoco poco dopo le 14 alla Bassona dove un'auto ha preso fuoco. La co...

POLITICA
Regionali, Zaia: Senza   <br/>la Lega non si governa

Regionali, Zaia: Senza
la Lega non si governa

"Il venti per cento raccolto in Emilia Romagna è importantissimo, per una Lega che un anno fa era data per dispersa, non pervenuta. Oggi, dunque, le preoccupazioni sono altre e il segnale è che senza Lega non si governa". Il presidente del Veneto, Luca Zaia, è tornato sui temi politici in vista del consiglio federale del suo partito di domani, "dove spero che si parli anche di elezioni regionali". "La Lega - ha aggiunto - è un partito che rappresenta il popolo, né di destra, né di sinistra: la formula vincente è questa, perché, quando assume una colorazione politica, la Lega finisce il senso di esistere. Nel mood imperante, la si dipinge come un partito di estrema destra, mentre Renzi, poco tempo fa, mi ha salutato con un 'ciao, compagno', a testimonianza che un inquadramento nei vecchi schemi dipende solo da dove si guarda la Lega".
GIUSTIZIA
Dopo 6 mesi, domani    <br/>chiude inchiesta Mose

Dopo 6 mesi, domani
chiude inchiesta Mose

A meno di sei mesi dallo "tsunami" degli arresti, con gli ultimi tre patteggiamenti domani di fatto si chiude la vicenda giudiziaria dell'inchiesta Mose, a Venezia, almeno quella relativa ai nomi "eccellenti". Dal 4 giugno scorso, quando scattavano, su firma del Gip di Alberto Scaramuzza, 25 ordinanze cautelari, i principali indagati sono usciti di scena attraverso patteggiamenti, a cominciare dall'ex governatore e parlamentare di Fi Giancarlo Galan (2 anni e 10 mesi e 2,6 milioni di risarcimento), anche se i suoi legali hanno tenuto aperta la strada del ricorso in Cassazione. Alle casse dello Stato arriveranno quasi 20mln di euro a risarcimento dell'intrigo di "malaffare" portato alla luce dalla procura lagunare e ruotante attorno all'allora presidente del Consorzio Venezia Nuova Giovanni Mazzacurati, considerato il "dominus" di una rete di pagamenti, attraverso fondi neri, a politici, funzionari dello Stato e professionisti, in cambio di garanzie di fondi per l'opera a difesa di Venezia dalle acque alte. Domani mattina, in accordo con la procura, cercheranno di cristallizzare la loro posizione giudiziaria Renato Chisso, ex assessore veneto alle Infrastrutture; Enzo Casarin, il factotum di Chisso in Regione, e Federico Sutto, uomo di fiducia di Mazzacurati. Oltre ai tre, restano da definire solo alcune posizioni marginali. Resta aperto invece il capitolo riguardante l'ex sindaco di Venezia Giorgio Orsoni, visto che nei mesi scorsi l'ipotesi di patteggiamento era stata respinta dal Gip.
MEDICINA
Verona partecipa alla  <br/>Giornata del Parkinson

Verona partecipa alla
Giornata del Parkinson

Sabato 29 novembre si terrà in tutta Italia la Giornata Nazionale del Parkinson. Anche Verona, dove da anni è operativo un “Centro Parkinson e Disordini del Movimento” partecipa all’evento con un incontro che si terrà dalle ore 10 nell'aula magna di via Bengasi 7, vicino al Policlinico. L’incontro, al quale parteciperanno i medici specialisti degli ospedali veronesi, è legato al “Progetto di ricerca sulla qualità della vita nei pazienti con malattia di Parkinson e nei loro familiari”.“Il 2 per cento delle persone oltre i 70 anni mostra segni più o meno gravi di parkinsonismo – spiega il prof. Michele Tinazzi, direttore del centro – e nel Veneto si stima che siamo vicini ai 20.000 casi, il 25 per cento dei quali a Verona e provincia. Negli ultimi anni la gestione terapeutica del paziente, grazie all’utilizzo di nuovi farmaci, è nettamente migliorata, e nell’ambito dell’Azienda Ospedaliera veronese il centro ha rivolto particolare attenzione all’attività clinica-assistenziale non solo attraverso i più moderni approcci diagnostici ma anche in collaborazione con l’area di Scienze Motorie e con la Medicina Fisica e Riabilitazione della nostra Università”.
Giovane perde il braccio  <br/>reimpiantato a Peschiera

Giovane perde il braccio
reimpiantato a Peschiera

10 ore di intervento chirurgico per ridare a un ragazzo di 25 anni la speranza di una vita norm...

SOLIDARIETÀ
Campagna cibo per tutti   <br/>Caritas per le famiglie

Campagna cibo per tutti
Caritas per le famiglie

La Caritas Diocesana Veronese rilancia la Campagna “Cibo per tutti. Dona anche oggi il tuo pane quotidiano” con l’intento di rispondere concretamente alle sempre crescenti necessità che le famiglie della Diocesi di Verona si trovano ad affrontare in questo periodo di crisi prolungata. In particolare si è evidenziato un aumento delle famiglie che hanno difficoltà a soddisfare i bisogni primari, come le spese per gli alimenti, per il vestiario, per la cura della persona e per la salute, per l’istruzione dei figli. Sono in aumento anche le richieste di forniture alimentari, sotto forma di “borse della spesa”, presso i centri di ascolto e le opere segno della rete Caritas.Il sistema di raccolta e re-distribuzione solidale delle eccedenze alimentari e le donazioni dirette di beni da parte di aziende e privati non risultano sufficienti per soddisfare le crescenti necessità giornaliere, tanto che Caritas a cominciare da questo periodo forte d’Avvento torna a chiedere ad ognuno e a tutte le comunità di dare una mano concretamente a chi fa fatica nella vita.L'iniziativa riguarda quindi tutti, soprattutto la raccolta dei prodotti alimentari invenduti di supermercati, mercati e piccoli negozi, in modo che le grandi quantità di alimenti che vengono buttati via quando non possono essere più venduti , essendo ancora commestibili, non siano sprecati e non alimentino i cassonetti invece delle persone.La Campagna “Cibo per tutti. Dona anche oggi il tuo pane quotidiano” quindi continuerà anche per tutto il 2015 e sarà consolidata in vista anche della prossima apertura dei due Empori della Solidarietà a Villafranca e Verona.
GIUSTIZIA CIVILE
Produttività Tribunali  <br/>Verona 1° in Veneto

Produttività Tribunali
Verona 1° in Veneto

Il Tribunale di Verona è il più produttivo del Veneto ma è anche quello con il miglior rapporto tra numero di magistrati e abitanti. Lo dice la ricognizione del Ministero della Giustizia effettuata sui 139 tribunali italiani, 7 quelli veneti. Lo studio, che ha preso in considerazione anche numero di cause, durata delle stesse e carico di lavoro dei "togati", rivela che a Verona i procedimenti che hanno superato i tre anni sono 2.671, pari ad una percentuale del 16,9, la più bassa di tutto il Veneto. Tutto questo a fronte di una forza di 46 magistrati che coprono un bacino di utenza di 19.577 abitanti l'uno. Il Tribunale più lento in Veneto è quello di Belluno, che ha però anche la sproporzione più notevole tra magistrati e popolazione, seguito da quello di Rovigo.
SCHIANTO
Moto investe pedone      <br/>incidente in tangenziale

Moto investe pedone
incidente in tangenziale

Singolare incidente, questa mattina alle 6, sul raccordo tra la Strada Regionale 12 e la Strada Provinciale 5 che porta a Bussolengo. Un motociclista di 45 anni ha travolto un pedone 34enne che si trovava inspiegabilmente in mezzo alla strada. L'impatto è stato violento, ma nessuno dei due è rimasto ferito gravemente. Motociclista e pedone sono comunque stati portati in ospedale per medicazioni e accertamenti. Sul posto, per i rilievi, sono intervenuti gli agenti della Polizia Municipale.
POLITICA
Tosi: Leader sarà deciso     <br/>da primarie centrodestra

Tosi: Leader sarà deciso
da primarie centrodestra

"Salvini leader del centrodestra? Saranno le primarie a stabilirlo". Lo ha detto Flavio Tosi della Lega Nord, sindaco di Verona, al Agorà oggi su Rai3. E su una sua eventuale candidature alle primarie del centro destra Tosi ha aggiunto: "Direi che le primarie sono vere se ci sono più candidati che rappresentano tutte le varie sensibilità e linee di pensiero all'interno del centrodestra; quindi, se ci saranno le primarie, ci saranno Tosi, Salvini, immagino ci sarà Fitto, probabilmente anche Berlusconi. Berlusconi come Salvini avrebbe ottime chance di vincerle, come magari qualche altro esponente del centrodestra".
PROVINCIA
Giorgetti a Pastorello:  <br/>Mezzo mlione per scuole

Giorgetti a Pastorello:
Mezzo mlione per scuole

“Pastorello denuncia la situazione finanziaria disastrosa in cui si trovano le province e minaccia di ricorrere alla Magistratura? Io preferisco dare risposte concrete.”Così l’assessore regionale ai lavori pubblici Massimo Giorgetti commenta il grido d’allarme lanciato dal Presidente della Provincia che ha spiegato di non riuscire a garantire nemmeno i servizi essenziali.“Il Governo è riuscito nell’arduo compito di dare alla luce la peggiore delle riforme possibili, creando degli ibridi , le province appunto, che non hanno autonomia finanziaria adeguata a dare risposte ai cittadini ,ma che di fatto esistono e sono composte da amministratori capaci. A questo punto sarebbe stato più saggio sopprimerle del tutto ed evitare questo inutile rimbalzo di responsabilità”.“In questo bailamme - prosegue Giorgetti - la Regione Veneto continua ad essere a disposizione delle amministrazioni locali, andando a coprire le voragini lasciate dallo Stato. Già domani in Giunta porterò tre milioni di euro di contributi alle province del Veneto per la messa in sicurezza dei plessi scolastici". "In particolare - aggiunge - la Provincia di Verona beneficerà di 500.000 euro che serviranno a dare soluzione alle criticità strutturali di tre istituti scolastici superiori. Abbiamo in questo modo dato risposta alle richieste che la Provincia ci aveva posto.”“Le scuole beneficiarie del contributo regionale - conclude Giorgetti - sono la succursale dell’Istituto Sammicheli in via Selinunte a Verona, il Liceo Montanari in vicolo Stimmate a Verona ed il Liceo Da Vinci in via Gandhi a Cerea e gli interventi in programma sono tutti volti alla messa in sicurezza degli edifici.
CENTRODESTRA
Tosi: Avanti alleanza  <br/>Lega-Forza Italia-Ncd

Tosi: Avanti alleanza
Lega-Forza Italia-Ncd

"Il rapporto della Lega Nord con Forza Italia e Ncd sarà di alleanza. Stiamo governando la Giunta regionale insieme e quindi con tutto il centrodestra ci riproporremo, insieme anche a delle liste civiche, perché c'è anche chi non vuole votare nessuno dei partiti tradizionali e magari vuole votare liste civiche che abbiano un riferimento popolare, liberare, di centrodestra i cui colori saranno poi i colori della coalizione di governo della regione". Così Flavio Tosi preannuncia la riconferma della colazione di governo in vista delle elezioni regionali in Veneto della prossima primavera.
LA POLEMICA
Fiere, Tosi: Nessuna    <br/>guerra Verona-Padova

Fiere, Tosi: Nessuna
guerra Verona-Padova

"Tra di noi non c'è una guerra delle fiere. In questo momento, in cui non c'è una unica holding delle fiere, si sta sul libero mercato. Le fiere sono enti economici e può essere che una manifestazione per qualche anno si svolga in una fiera e poi in qualche altra. Il fatto che chi gestisce e proponeva una fiera che stava a Padova abbia deciso di rivolgersi alla fiera di Verona, è perché ha valutato, nel libero mercato, che poteva essere più competitiva come appeal la piazza veronese".Così il sindaco di Verona Flavio Tosi commenta la concorrenza in atto tra la fiera della sua città e quella di Padova.?"Se arriverà un coordinamento tra le tre fiere principali di Verona, Vicenza e Padova, ben venga, perché così, anziché farsi concorrenza gli uni con gli altri, si cerca di fare sinergia", ha spiegato Tosi.
ARRESTI
Tentano furto accanto   <br/>a caserma Carabinieri

Tentano furto accanto
a caserma Carabinieri

Hanno sfidato la sorte tentando di rubare in un magazzino accanto alla caserma dei carabinieri di Peschiera del Garda, ma è andata male ai due ladruncoli che sono stati arrestati. Protagonisti due romeni, poco più che trentenni ed entrambi pregiudicati. Sono stati colti in flagranza di reato in un deposito di attrezzi confinate con la caserma dell'Arma. I militari, da una finestra, hanno visto gli intrusi introdursi nell'area privata e così sono usciti e, fatti pochi metri a piedi, sono entrati in azione. Per i due ladri è stata una sorpresa: i militari li hanno bloccati mentre si accingevano ad asportare numerosi tubi di rame per un peso di oltre cento chili. Poche ore dopo i romeni sono stati giudicati per rito direttissimo presso il Tribunale di Verona, che ha convalidato l'arresto condannandoli a due mesi di reclusione, con pena sospesa e remissione in libertà.
GESTO DISPERATO
Donna tenta il suicidio,  <br/>Carabinieri la salvano

Donna tenta il suicidio,
Carabinieri la salvano

Il tempestivo intervento dei Carabinieri è stato determinante per salvare una donna 39enne della provincia di Modena, che dopo aver vagato tutta la notte ha parcheggiato la sua auto sul lido di Cisano a Bardolino e con la vista sullo specchio acqueo ha ingerito un intero flacone di psicofarmaci. I militari vedendola adagiata sui sedili priva di sensi l’hanno immediatamente accompagnata al pronto soccorso dell’ospedale Pederzoli di Peschiera del Garda, dove il pronto intervento dei sanitari le ha salvato la vita. Il gesto estremo sarebbe stato determinato da una crisi sentimentale.
DEGRADO
Via dei Mutilati, ecco  <br/>lavori riqualificazione

Via dei Mutilati, ecco
lavori riqualificazione

Sono iniziati i lavori per la riqualificazione della piazzetta tra via dei Mutilati e via Manin, da tempo in degrado a causa dei problemi di sicurezza determinati dalle cattive frequentazioni dell’area. Lo rende noto l’assessore all’Arredo urbano Luigi Pisa, che ha illustrato oggi l’intervento, che sarà realizzato a spese dei privati per un importo di circa 50 mila euro. “Dopo innumerevoli segnalazioni da parte di cittadini e residenti esasperati – spiega Pisa - finalmente siamo riusciti a risolvere le pesanti problematiche di ordine pubblico in un luogo importante del centro storico cittadino, grazie all’intervento congiunto di Fondazione Arena, Accademia Filarmonica di Verona e Boxer Center Car, società proprietaria dell’ex garage Fiat del Fagiuoli, oggi sede del supermercato Despar. I privati quindi, in collaborazione con il Comune di Verona, interverranno a riqualificare l’area di proprietà comunale, concessa in gestione alla Fondazione Arena, tramite i seguenti interventi: recinzione dello spazio pubblico; sistemazione dell’area verde, con demolizione di una delle due scalinate esistenti inutilizzate e conseguente ampliamento dell’aiuola; sistemazione dei marciapiedi in pietra; asfaltatura dell’area”. Il progetto, redatto dal settore Arredo urbano del Comune, ha avuto il riscontro positivo da parte della Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici di Verona.
SICUREZZA
Valgatara, residenti     <br/>bersagliati dai furti

Valgatara, residenti
bersagliati dai furti

"Se ci sentiamo bersagliati? Sì, e non è una novità". C'è un misto di timore e rassegnazione nelle parole degli abitanti di Valgatara, frazione di Marano di Valpolicella, dopo l'ondata di furti che ha interessato le contrade vecchie e nuove del paese. "E' una storia che si ripete" ci dice la titolare di un negozio all'entrata della frazione "ogni anno quando cambia l'ora, non appena arriva sera cominciano i problemi. In passato furono bande di albanesi ora chissà. Spesso sono però sempre gli stessi, presi e poi dopo un giorno rilasciati. Perchè i Carabinieri fanno quello che possono, ma non gli si può chiedere anche di tenere in galera i delinquenti". "E' innegabile che il problema esiste e non è solo del nostro comune" dice il sindaco di Marano, Giovanni Viviani. "Il fenomeno dei furti c'è sempre stato, anche in passato, la cosa negativa è che ti da la sensazione di essere un balia di estranei". Come comune non possiamo investire sulla sicurezza, non siamo neanche in grado di pagare gli straordinari all'unico vigile che abbiamo". Poche tracce della banda che ha imperversato nel quartiere nelle ultime settimane, 12 i furti di cui si hanno notizia, che per i più rassegnati, in paese, sono ormai ordinaria amministrazione.
IL CASO
Madonna senza testa    <br/>Sindaco: Atto vandalico

Madonna senza testa
Sindaco: Atto vandalico

Non ha dubbi il sindaco di Sant'Ambrogio Roberto Zorzi. La decapitazione della madonna di fontana vecia di Sant'Ambrogio al maso, una delle fontane più antiche della Valpolicella, non è frutto di un rito satanico come ipotizzato in un primo momento ma del gesto isolato di un vandalo. L'episodio ha creato stupore e rabbia nella comunità della Valpolicella, che dopo la scomparsa della madonna dal capitello in contrada maso, nella notte tra l'8 e il 9 novembre, si era anche riunita in preghiera. Ma il ritrovamento della statuetta qualche giorno dopo in un campo vicino ha in parte rasserenato gli animi, anche se il gesto sacrilego rimane, e alla madonna è stata mozzata la testa. Costruita nel 1935, e considerata opera di notevole qualità artistica, la statua negli anni ha subito altri atti vandalici, ma mai così gravi. E ora l'ennesimo restauro, affidati alla scuola d'arte locale, di una madonnina a cui i fedeli di Sant'Ambrogio sono molto legati.
RICICLO SUGHERO
Progetto Etico, Amia     <br/>sempre in prima fila

Progetto Etico, Amia
sempre in prima fila

C’è chi li colleziona perché ricordano un evento importante, chi li ricicla per tappare altre bottiglie e chi ama riutilizzarli per tanti usi creativi: da un semplice tappa si possono infatti ricavare grandi cose. Dalle eco-etichette per cura dell'orto, a fertilizzanti naturali fino a presepi e autentiche opere d'arte. Verona è salita sul podio ed è stata premiata come Comune Riciclone del sughero 2014 nell’ambito dell’iniziativa promossa da Legambiente e patrocinata dal Ministero dell’Ambiente, per aver raccolto quattro tonnellate di tappi in sughero nell’anno 2013, equivalenti a circa 67 mila bottiglie di vino stappate. Il tappo in sughero è la migliore chiusura per la conservazione delle caratteristiche del vino ed è anche quella più ecosostenibile. Infatti se abbandonato nell’ambiente si trasforma lentamente, senza inquinare; se viene raccolto è riciclabile al 100%. “Progetto Etico” si concretizza in Amia e grazie ad Amia nel Marzo 2012 grazie alla collaborazione tra Amorim Cork Italia (azienda leader nel settore della realizzazione manufatti in sughero e l’associazione Leviss – Leucemia vissuta (con finalità di solidarietà sociale. A tal proposito oltre alle varie cantine che hanno appoggiato e creduto nell'iniziativa il premio è andato al Comune di Sant'Ambrogio di Valpolicella tradizionalmente e ormai costantemente davanti a tutti in materia di riciclo. La sensibilizzazione di Amia e la forte campagna in questo senso sta portando risultati davvero importanti con sempre nuove idee, iniziative e creatività nel segno del rispetto ambientale.
VERONAFIERE
Taste of Christmas, oli   <br/>e vini campioni in scena

Taste of Christmas, oli
e vini campioni in scena

A palazzo Forti, nel museo della Fondazione Arena di Verona, dal 28 al 30 novembre tre giorni di degustazioni, con il meglio dell'enogastronomia italiana che incontra la musica lirica in "Taste of Christmas". Veronafiere sarà tra i partner dell'iniziativa, con una selezione di 15 vini e 10 oli extravergine premiati al 21° Concorso Enologico Internazionale di Vinitaly e alla 12ª edizione del Sol d'Oro di Sol&Agrifood. Per i visitatori piatti a tema preparati da chef stellati, corsi di cucina interattivi e percorsi di assaggi per scoprire l'eccellenza wine&food italiana, proposta da ristoranti ed espositori. L'iniziativa è frutto dell'accordo tra Veronafiere e Brand Events, la società che da anni organizza il format del Taste Festival nelle principali città estere e in Italia, a Milano, Roma e, da quest'anno, anche Verona. "Da sempre siamo in prima linea nella promozione dell'agroalimentare made in Italy - spiega il direttore generale di Veronafiere, Giovanni Mantovani - grazie a manifestazioni quali Vinitaly e Sol&Agrifood. Questa nuova partnership ci permette di valorizzare le migliori produzioni delle nostre aziende espositrici, vincitrici dei due concorsi con cui ogni anno Veronafiere coinvolge 3mila vini e 250 oli extravergine da tutto il mondo".
REGIONE
Sicurezza, Zaia:    <br/>Serve pugno di ferro

Sicurezza, Zaia:
Serve pugno di ferro

"In tante città e periferie del Veneto in tema di sicurezza si respira una brutta aria. Per renderla più respirabile non c'è altra via che usare il pugno di ferro per difendere la gente per bene, le forze dell'ordine e chi lavora a contatto col pubblico". Il presidente del Veneto Luca Zaia ricorda oggi le recenti aggressioni ad autisti dei bus e ad agenti della Polfer per commentare "una situazione di ordine pubblico che va deteriorandosi e che richiede azioni più forti e presenza capillare delle forze dell'ordine per garantire la tanta gente per bene che non perde più occasione per dirci che non ne può più". "Le istituzioni - incalza Zaia - devono dare risposta ai cittadini, perché i loro diritti valgono di più delle fin troppe tutele che leggi eccessivamente permissive assegnano a chi delinque o comunque tiene comportamenti lesivi dei diritti altrui, a cominciare dal vivere in pace nelle aree pubbliche e in casa propria". "Fuori gli abusivi da qualsiasi suolo abusivamente occupato, dentro malfattori e prepotenti - prosegue Zaia - perché leggi e istituzioni chiamate ad applicarle non possono prescindere da una priorità assoluta: i diritti della gente per bene". "E' una questione di cultura della legalità che va scemando - conclude Zaia - e che mi preoccupa moltissimo, perché una società con poca legalità è una società malata, che lascia spazio inusitato a prepotenti, malviventi e persone poco o nulla rispettose del prossimo. E non mi riferisco solo ai reati tecnicamente intesi, ma anche a tanti altri comportamenti di inciviltà quotidiana verso cittadini e cosa pubblica".
CAPITELLO
Satanismo a S. Ambrogio,   <br/>mozzata statua Madonna

Satanismo a S. Ambrogio,
mozzata statua Madonna

La comunità di Sant'Ambrogio di Valpolicella è scossa dopo la scoperta che la statua della Madonna trafugata dal capitello alla Fontana Vecchia in via Maso è stata ritrovata decapitata.Le ricerche della testa mozzata finora non hanno dato esito e l'episodio non è riconducibile ad un atto vandalico, quanto piuttosto ad un rito satanico.Questa infatti è l'ipotesi considerata più verosimile in paese e sulla quale indagano i Carabinieri.
SPACCIO
Corriere della droga    <br/>arrestato in stazione

Corriere della droga
arrestato in stazione

Un corriere della droga nigeriano 27enne è stato arrestato dalla Polizia Ferroviaria di Verona. L'uomo era diretto a Roma, però per colpa di un ritardo del treno da Brescia ha perso la coincidenza ed è stato costretto ad aspettare in stazione durante la notte.Così è incappato nei controlli della Polfer; gli agenti di pattuglia hanno deciso di perquisirlo scoprendo 18 ovuli termosaldati di diversi dimensioni per un peso complessivo di 537 grammi di eroina. Gli involucri erano tutti ben custoditi all’interno di un calzino contenuto nello zaino del nigeriano, mentre nel portafogli c'era la somma di 1850 euro non giustificata e perciò ritenuta provento di attività illecita.La successiva ispezione con il personale medico e la radiografia hanno appurato la presenza di altri ovuli ingeriti; in seguito è stata perquisita anche l'abitazione dell'uomo a Brembate di Sopra (Bergamo), dove sono stati sequestrati 7 grammi di cocaina. Il nigeriano è così finito in carcere.
FIERA
Arriva Wine2Wine,  <br/>esordio a dicembre

Arriva Wine2Wine,
esordio a dicembre

Un format innovativo dedicato al prodotto “vino” e a tutto ciò che ruota attorno al suo business quello che presenta Veronafiere all’interno del Palaexpo il 3 e il 4 dicembre con la prima edizione di Wine2Wine: la nuova piattaforma di aggiornamento, formazione, networking, condivisione, tendenze e strumenti a supporto dell’attività imprenditoriale del settore vitivinicolo, ideata in collaborazione con Federvini ed Unione Italiana Vini.Le tematiche affrontate spaziano dall’ambito normativo a quello amministrativo-finanziario, fino al marketing e alla comunicazione con focus sul mondo web e social oggi in continua e veloce evoluzione, ma tra tutti l’export e le dinamiche del mercato oltre confine fanno da padrone.Sono previsti 26 seminari su 6 aree tematiche: internazionalizzazione, normativa, scenari di mercato, amministrazione e finanza, marketing e comunicazione, special workshop. Una ricca agenda di workshop che si apre mercoledì 3 dicembre alle ore 9.00 con “Il settore vitivinicolo di oggi e domani”, durante il quale interverranno Giovanni Mantovani Direttore Generale di Veronafiere, Sandro Boscaini di Federvini, Domenico Zonin di UIV, Ian D’Agata Direttore Scientifico di Vinitaly International Academy.Chiude la prima giornata (dalle ore 17.00 alle ore 18.30) il “Forum di presentazione del Padiglione Vino a Expo 2015” con gli interventi del Ministro delle politiche agricole alimentare e forestali, Maurizio Martina, e del Presidente di Veronafiere, Ettore Riello, e del Direttore Generale, Giovanni Mantovani insieme all'architetto Italo Rota, il progettista del Padiglione Italia di Veronafiere-Vinitaly all’Esposizione Universale.Giovedì 4 dicembre alle ore 11, invece, al 5° piano del Palazzo Uffici di Veronafiere, sarà presentato il primo accordo in Italia tra SIMEST (Società Italiana per le Imprese all'Estero) e un organizzatore fieristico, in questo caso Veronafiere, per il finanziamento all’internazionalizzazione alle imprese.Ricerca, comunicazione, innovazione e attenzione ai mercati di riferimento del comparto sono i focus che delineano il carattere dell’intera iniziativa. Attraverso il dialogo con i produttori, Wine2Wine, ha realizzato inoltre degli osservatori ad integrazione dell’offerta formativa e seminariale. Un’analisi puntuale del mercato iniziata a Vinitaly 2014 con la pubblicazione del primo Outlook di wine2wine – L’Osservatorio b2b di Vinitaly concentrato sulle esigenze delle cantine in ambito export. Presentato in questi giorni invece il nuovo studio sviluppato in filo diretto con il settore ho.re.ca, intervistando circa 7000 contatti attivi su base nazionale tra ristornati (54.8%), enoteche (21.8%) e wine bar (13.3%), per raccogliere la loro percezione sulle dinamiche generali e sull’andamento delle vendite di vino. I risultati delle ricerche saranno argomento di discussione durante le due giornate di forum.“Wine2Wine, ideato da Veronafiere-Vinitaly, è l’unico evento in Italia dedicato specificamente al business del settore vitivinicolo – spiega Giovanni Mantovani, Direttore Generale di Veronafiere. L’occasione per la Fiera di Verona di integrare la propria offerta alle imprese e di promuovere, oltre all’attività commerciale durante Vinitaly, nuove opportunità di confronto e dialogo tra i player coinvolti nella produzione e distribuzione di vino, al fine di intensificare contemporaneamente sinergia tra le varie realtà, efficienza nei processi e una corretta gestione finanziario-patrimoniale del comparto.”Con testimonianze dirette di produttori, buyer e distributori, consulenze di professionisti dei settori vino, finanza, GDO e ho.re.ca, e case history il filo conduttore che lega i temi protagonisti a Wine2Wine è l’analisi degli scenari e dei trend del comparto vitivinicolo, una fotografia del mercato odierno e futuro in ottica b2b per la prima volta in Italia e a Veronafiere.
ECONOMIA
Domani al Polo Zanotto    <br/>la Messedaglia Lectures

Domani al Polo Zanotto
la Messedaglia Lectures

Cooperazione, etica e sviluppo economico. Sono questi i temi del ciclo di incontri promossi al Polo Zanotto da Università e Banco Popolare, dedicati ad più grande economista della storia veronese, Angelo Messedaglia. L'appuntamento di domani pomeriggio sarà introdotto da Sergio Noto, professore di storia economica all'Università di Verona. In scaletta la lectio magistralis del prof. Peter Davis dell'Università di Leicester e una tavola rotonda che coinvolgerà Bettina Campedelli, dell'Università scaligera, l'economista e imprenditore Angelo Ferro e il presidente del Banco Popolare Carlo Fratta Pasini. L'appuntamento è fissato per domani, alle 17, al Polo Zanotto.
RELAZIONE SANITARIA
Veronesi sempre   <br/>più longevi, è record

Veronesi sempre
più longevi, è record

E' un quadro confortante quello che emerge dall'annuale relazione sanitaria stilata dal Dipartimento Prevenzione dell'Ulss 20, presentata dalla direzione, che aggiorna i dati a tutto il 2013 e al primo semestre di quest'anno.I veronesi invecchiano complessivamente in buona salute, raggiungendo un nuovo record di speranza della vita.Gli uomini infatti sfondano il muro degli 80 anni: la vita media di un maschio veronese ha raggiunto 80,3 anni, le donne mediamente vivono 5 anni di più; un'aspettativa di vita superiore alla media nazionale.Rispetto a 10 anni fa la vita si è allungata di ben 4 anni e questo va guardato ovviamente come un dato positivo, anche se comporta un aumento di alcune criticità, dovute appunto all'allungamento della vita, soprattutto le malattie respiratorie.I veronesi muoiono soprattutto per infarto e tumore. Queste restano infatti le due principali patologie killer, ma i decessi per infarto sono in netto calo sia tra gli uomini che la le donne, mentre per le morti per cancro restano stabili, ma in sensibile flessione rispetto a dieci anni fa.La popolazione è aumentata soprattutto per l'arrivo di stranieri e l'incremento di immigrati, spesso da paesi dove la profilassi sanitaria è praticamente inesistente, ha comportato il ritorno di malattie che sembravano del tutto debellate, a cominciare dalla tubercolosi.Per questo i vertici dell'Ulss consigliano di continuare a vaccinare i bambini.Sono trascorsi sette anni dall'abrogazione dell'obbligo vaccinale, ma la copertura resta alta con una media del 95%.E proprio la prevenzione resta la sfida più importante: dagli screening ad uno stile di vita più sano e corretto, per rendere ancora migliore la qualità della vita di tutta la comunità veronese.
INDAGINI
Omicidio, da telecamere    <br/>forse una pista

Omicidio, da telecamere
forse una pista

Potrebbero essere due stranieri, forse due nordafricani gli uomini a bordo della macchina che ha avvicinato sabato notte Venetita Niacsu, la lucciola rumena di 46 anni trovata morta in un angolo buio dietro questa stazione di servizio al confine tra Verona e Bussolengo, sulla regionale 12. Dagli investigatori ufficialmente non trapela nulla. Le bocche sono cucite e le frasi di circostanza, ci stiamo lavorando, indagini a 360° gradi, non escludiamo niente. E l'indagine è difficile, perchè il movente è oscuro e il delitto efferato. Ma una pista, in realtà, c'è. O per andarci cauti ci sarebbe. E arriverebbe dall'analisi delle immagini registrate dalle telecamere dell'area di servizio, che sabato notte erano in funzione e coprivano buona parte della superficie del distributore dove si è consumato l'omicidio. Col passare delle ore, anche se come detto, nessuna pista viene formalmente esclusa e il movente resta misterioso, prende corpo l'ipotesi, forse ancora più angosciante, che dietro questo brutale omicidio non ci siano né rese dei conti, né la punizione per uno sgarro subito all'interno del racket della prostituzione. Ma un raptus improvviso, di un uomo forse in condizioni alterate, sotto gli effetti di droga o alcol, che ha ucciso la lucciola e ne ha lasciato li il corpo, senza preoccuparsi di cancellare tracce e impronte. Tutte rilevate dagli investigatori. E il cerchio, come detto, starebbe per chiudersi intorno al o ai responsabili.Intanto l'autopsia eseguita oggi all'istituto di medicina legale di B.go Roma ha chiarito che la donna è morta per asfissia, probabilmente strangolata.
SICUREZZA
''Attenti agli zingari''     <br/>Boom furti a Minerbe

''Attenti agli zingari''
Boom furti a Minerbe

''Sono bande di zingari a mettere a segno questi furti, si muovono in maniera organizzata e quindi diventa difficile la loro individuazione''. A lanciare l'allarme è il sindaco di Minerbe, Carlo Guarise, parlando del boom di colpi che si è registrato nelle ultime settimane in questa zona della Bassa Veronese. Venti furti in abitazione in un mese. È questo il bilancio degli episodi messi a segno tra Minerbe, Bevilacqua, Bonavigo e Boschi Sant'Anna. Un'impennata di crimini che sta terrorizzando in particolare Minerbe dove la gente ha paura a stare in casa, ma anche ad uscire. I ladri colpiscono a tutte le ore del giorno, in particolare la mattina, dalle 10 a mezzogiorno, e il pomeriggio dalle 17, col calar della sera. Qui la quasi totalità della popolazione ha avuto un'esperienza diretta o indiretta con i ladri, per stessa ammissione del sindaco Guarise, bande di zingari ben attrezzate e coordinate in ogni singolo movimento.L'allarme furti è arrivato anche in consiglio comunale, dove l'opposizione ha presentato una mozione che chiedere maggiori controlli e più luce pubblica nelle zone a rischio. Un atto recepito e condiviso dall'amministrazione comunale, che si è già attivata con le forze dell'ordine.''Ho già parlato con la Polizia Municipale - ha detto il sindaco Guarise - e ho dato loro l'incarico di integrarsi maggiormente con i carabinieri della stazione locale. Da quello che mi risulta, inoltre, sul territorio si stanno muovendo in maniera più consistente e precisa gli agenti della Polizia Stradale di Legnago.Per tenere in allerta la cittadinanza, il sindaco di Minerbe ha pubblicato sul sito internet del comune un vero e proprio vademecum per difendersi da furti e rapine."Adesso cerceheremo anche di stamparne una versione cartacea - ha sottolineato Guarise - così da poter raggiungere il maggior numero possibile di cittadini"."E' una situazione che non può comunque avere una soluzione locale – ha concluso il sindaco Guarise. Noi facciamo fatica a contrastare queste bande, che sono addirittura riuscite a sintonizzarsi sulle frequenze radio dei carabinieri, per studiarne i loro spostamenti".
INCIDENTI
Cade dal tetto, soccorso  <br/>con l'eliambulanza

Cade dal tetto, soccorso
con l'eliambulanza

E' arrivato l'elicottero di Verona emergenza a soccorrere un operaio rumeno 35enne, caduto dal tetto di una casa dove era salito per riparare un'antenna, oggi ad Erbezzo, in Lessina. Trasportato all'ospedale di B.Trento in gravi condizioni ma a quanto si è appreso non sarebbe in pericolo di vita.
INTERVENTO
Papa Francesco in Europa  <br/>Fontana: Piena sintonia

Papa Francesco in Europa
Fontana: Piena sintonia

“Il Papa ha fatto un discorso di alto profilo e per nulla banale. Siamo in sintonia con lui”. Questo il commento dell'eurodeputato della Lega Nord Lorenzo Fontana alle parole di stamattina di Papa Francesco all'assemblea parlamentare di Strasburgo. “Bergoglio ha ricordato le radici religiose dell'Europa e il 'contributo del cristianesimo nella formazione del continente', aggiungendo come esso 'non è una minaccia alla laicità, ma un arricchimento'. Ha ricordato i soprusi subiti dalle 'minoranze cristiane nel mondo e il silenzio complice di tanti'. Ha sottolineato il valore sociale della famiglia e delle diverse tradizioni culturali interne all'Unione europea, spiegando che 'unità non significa conformità' e omologazione tra i popoli europei. Mi è piaciuto anche il passaggio di critica a questa Unione europea finanziaria ed economicistica, con 'regole distanti se non dannose per i popoli', e quello contro la globalizzazione finanziaria delle multinazionali. In tema di immigrazione Bergoglio ha detto giustamente che i Paesi l'Ue si devono dividere la responsabilità dell'accoglienza dei profughi e soprattutto che bisogna 'agire sulle cause dell'immigrazione aiutando i Paesi d'origine dei migranti'” ha spiegato l'eurodeputato veronese in una nota.
EVENTI
VeronaFiere porta    <br/>Marmomacc in Egitto

VeronaFiere porta
Marmomacc in Egitto

A dicembre Veronafiere organizza in Egitto Marmomacc Samoter Africa & Middle East Con i progetti per l' ampliamento del canale di Suez, 3.200 km di nuove strade e autostrade e un piano quinquennale per l' ammodernamento delle ferrovie, oltre a numerosi progetti di edilizia pubblica e privata, l'Egitto sta vivendo una stagione di grande rilancio nel settore delle costruzioni. Il Paese nordafricano ha una posizione geografica privilegiata che lo vede snodo primario verso Africa e Medio Oriente e, grazie ad accordi di libero scambio (Accordo di Agadir e Comesa), offre l'opportunità di esportazioni a tasso zero in oltre 20 Paesi africani.Ecco perché Veronafiere, tre anni fa, ha scelto di unire le forze con Art Line ed ExpoLink, primari organizzatori egiziani di manifestazioni, per lanciare, al Cairo, dall'11 al 14 dicembre prossimi, la rassegna dedicata al settore del building. "Stiamo registrando un grande interesse sia da parte delle imprese italiane sia di quelle egiziane come hanno sottolineato alcuni imprenditori del settore nei loro interventi di oggi - sottolinea il dg di Veronafiere, Giovanni Mantovani - I nostri rapporti con le istituzioni egiziane sono ottimi: nel 2013 abbiamo ricevuto a Marmomacc la prima missione all'estero del ministro egiziano per l'Industria e il Commercio, Mounir Fakhry Abdel Nour e quest'anno quella di Ali El Halawani, console generale dell'Egitto. Nella nostra attività di internazionalizzazione il Nord Africa è un'area alla quale prestiamo la massima attenzione".
CARABINIERI
Scippo tra nigeriane    <br/>alla fermata del bus

Scippo tra nigeriane
alla fermata del bus

E' una nigeriana di 32 anni domiciliata a Verona la donna arrestata ieri dai Carabinieri per uno scippo alla fermata dell'autobus di piazzale Stefani, in stazione. La donna, rappresentante di cosmetici, aveva strappato la borsa di mano ad una connazionale, anch'essa 32 enne, conosciuta nell'ambito lavorativo. Quando i militari della stazione di Parona l'hanno fermata, aveva ancora in mano la borsa appena rubata. Dopo una notte passata in cella, la donna stamattina si è presentata davanti al Giudice che dopo la convalida dell'arresto ne ha disposto il giudizio per direttissima.
RAPINA
Rapinano orafo, banditi  <br/>bloccati a Verona

Rapinano orafo, banditi
bloccati a Verona

Sono stati bloccati a Verona e a Isola Capo Rizzuto (Crotone) i tre giovani tra i 22 e i 25 anni, due italiani e un marocchino, arrestati per il colpo da 100mila euro in un laboratorio orafo di Valenza. Lo scorso luglio, fingendosi clienti, erano entrati nel banco metalli. Pistole in pugno, hanno immobilizzato la moglie e la figlia del titolare, un dipendente e due clienti e si sono impossessati di 50 chili d'argento, due chili d'oro in lingotti e sei mila euro in contanti. Prima di fuggire, hanno colpito alla testa il titolare con il calcio delle pistole. I carabinieri del comando provinciale di Alessandria li hanno identificati e rintracciati dopo una lunga indagine. Nei giorni scorsi i militari dell'Arma li hanno notati a Valenza, dove probabilmente erano tornati per un sopralluogo in vista di un altro colpo.

Telenuovo Verona
tasto 11 - oggi in tv

  • Informazione

    Studionews
  • Rosso & Nero

  • TgVeneto

  • Studionews

    rubrica
  • Tg Gialloblu Live

    informazione sportiva
  • L'Opinione

  • TgVerona

    all'interno il TgGialloblu
  • Vighini Show

    diretta calcio con l'Hellas Verona
  • Film di seconda serata

  • Informazione

    TgVerona, TgGialloblu
  • Film della notte

Sondaggio

Sei favorevole ad una completa chiusura alle macchine della ZTL?

Tutti i sondaggi
L'Opinione
ON AIR
27.11.2014
TgGialloblù
ON AIR
27.11.2014
TgVeneto
ON AIR
27.11.2014
Rosso & Nero
ON AIR
27.11.2014