Tatuaggi sul corpo  <br/>dell'uomo annegato

Tatuaggi sul corpo
dell'uomo annegato

Il 17 luglio, a Verona in Località Boschetto, era stato rinvenuto sulle rive del fiume il cadavere di un uomo di razza caucasica, dell’età apparente non inferiore a 50 anni, dell’altezza compresa...

FURTO
Rubano rame, condannati   <br/>ma tornano in libertà

Rubano rame, condannati
ma tornano in libertà

Dopo il furto in appartamento di domenica sera, sventato dalla Polizia, con principale bottino una grossa pentola di rame, l'“oro rosso” è tornato di nuovo protagonista di un nuovo colpo avvenuto questa notte.Come in molti altri casi, fondamentale è stata l’attenzione ed il senso civico di un residente di Via Astico che, notando intorno alle 4 dei movimenti sospetti in strada, si è rivolto prontamente al 113. In particolare, era stato avvistato un individuo che, con dei tubi in spalla, presumibilmente rubati, faceva la spola tra due palazzi.Giunti sul posto e seguendo le indicazioni che il residente continuava accuratamente a fornire tramite la Sala Operativa, gli agenti delle Volanti hanno cominciato a setacciare l’isolato ed in pochi istanti sono riusciti ad scovare un primo ladruncolo, nascosto tra le sterpaglie incolte del cantiere edile e con addosso una minima parte della refurtiva, mentre il complice è stato rintracciato poco dopo, celato tra i cespugli dei giardini del condominio attiguo al cantiere, insieme al resto del rame rubato.Dopo aver recuperato l’ingente quantità di rame trafugato, approssimativamente intorno ai 5 quintali, e aver perquisito l’auto utilizzata dai ladruncoli, una Range Rover con targa irlandese, gli Agenti hanno tratto in arresto due rumeni senza fissa dimora, rispettivamente di 34 e 44 anni.Nel giudizio per direttissima di questa mattina, ai due rumeni sono stati applicati 1 anno e 4 mesi di reclusione e 600 euro di multa, pena sospesa.
CASO SCHWAZER
Pellegrini: Sul doping <br/>ci vuole tolleranza zero

Pellegrini: Sul doping
ci vuole tolleranza zero

"Tolleranza zero con chi si dopa, spero li mettano dentro tutti e buttino via la chiave, perché noi ci facciamo un sedere così...". Federica Pellegrini prende posizione e non ha dubbi su cosa avrebbe fatto al posto di Carolina Kostner, quando il suo ex fidanzato Alex Schwazer è stato trovato positivo prima della marcia di Londra 2012. "Se fosse capitato a Filippo lo avrei mollato molti mesi prima", ha detto l'olimpionica di nuoto, testimonial assieme al fidanzato Magnini del videogioco Drive club. "Mi spiace per lei e per lui - ha detto ancora la Pellegrini, riferendosi a Kostner e Schwazer -. Ho visto la conferenza stampa di Schwazer, credo che la sua sia stata una debolezza personale, forse non riusciva a tornare ai suoi livelli e questo è difficile da accettare per ogni atleta". "Però - ha aggiunto - io non tollero il doping, né in generale le scorciatoie nella vita: io non potrei stare con una persona che si dopa". A proposito della reperibilità richiesta agli atleti per i controlli antidoping, Pellegrini ha spiegato di avere "sul cellulare un allarme ogni sera alle 22, per compilare la location form". "Una volta può capitare di dimenticarsi, forse due, ma tre diventa difficile - ha detto, prima del lancio di Drive club, presentato come il primo videogioco social di gare automobilistiche -. Io ho sempre creduto nello sport pulito e mi spiace vedere che il doping dilaga anche nel nuoto".
SCUOLA
Fracastoro, arriva    <br/>il libretto con sponsor

Fracastoro, arriva
il libretto con sponsor

Per combattere i tagli imposti dal ministero il liceo scientifico di Verona "Girolamo Fracastoro" ha 'noleggiato' la quarta di copertina del libretto scolastico a uno sponsor. Così sul tradizionale quadernetto delle comunicazioni scuola-famiglia campeggia ora un colorato pollo ammiccante che pubblicizza uno snack. Gli studenti se lo sono ritrovati tra le mani al primo giorno di scuola ma il consiglio d'istituto era già stato da tempo informato dell'iniziativa. "Ci ha permesso - spiega il preside del Fracastoro Tiziano Albrigi - di ridurre da 180 a 150 euro, il contributo 'volontario' che ogni famiglia deve versare alla scuola. Non l'ha fatto nessun altro".Lo sponsor è stato presentato dal genitore di uno studente, un padre che lavora nell'azienda, veronese, selezionata. "Non sarà un intervento culturale - conclude il preside - ma era una possibilità da cogliere".
RITROVAMENTO
Vigili del fuoco trovano     <br/>cadavere nel Camuzzoni

Vigili del fuoco trovano
cadavere nel Camuzzoni

I Vigili del Fuoco di Verona, coadiuvati dai sommozzatori di Venezia, questa notte alle 3 hanno recuperato un cadavere all'altezza della centrale elettrica di via Basso Acquar. Il corpo era di Francesco Rinaldi, 71 anni, residente a Buttapietra. La segnalazione ai Vigili del Fuoco è arrivata dalla Questura di Verona.
Bonazzi è la regina  <br/>europea del gelato

Bonazzi è la regina
europea del gelato

Dai trionfi in mountain bike a quelli con cono paletta. Giovanna Bonazzi è il miglior Maestro G...

NUOTO
Lucas addio, Pellegrini  <br/>cambia ancora allenatore

Lucas addio, Pellegrini
cambia ancora allenatore

Federica Pellegrini divorzia dal proprio allenatore Philippe Lucas. La notizia era già nell'aria ed è stata ufficializzata dalla stessa olimpionica del nuoto. In un comunicato, Federica annuncia "di non aver prolungato il rapporto di collaborazione con Lucas". "Ho incontrato Philippe a Narbonne, accompagnata da Matteo Giunta, e affrontato ogni aspetto tecnico - dice la Pellegrini -. Dopo un'attenta valutazione delle scelte, abbiamo condiviso la soluzione di non proseguire insieme. Mi dispiace essere arrivata a questa conclusione, perché adoro Philippe come persona e come tecnico, ma la cosa più bella è che siamo sicuri entrambi che il nostro rapporto di amicizia non finirà con questo cambio di percorso, volto alla preparazione focalizzata prettamente sui 200 stile". "Non abbiamo incontrato alcun problema nel giungere a questa soluzione - aggiunge Lucas - perché stimo Federica come atleta e come persona. Se in futuro dovesse avere ancora bisogno di me, la mia porta sarà sempre aperta". La Pellegrini ha ripreso la preparazione sotto la guida tecnica di Matteo Giunta, che discuterà gli ultimi dettagli contrattuali con il Circolo canottieri Aniene di Roma.
PATTINAGGIO
L'Arena è happy,    <br/>arriva Pharrel Williams

L'Arena è happy,
arriva Pharrel Williams

Stelle del pattinaggio, della lirica e della musica pop, con la sorpresa dell'ultimo minuto Pharrell Williams, il tutto frullato in uno spettacolo che sarà ospitato nel prossimo week end dall'Arena di Verona: è "Intimissimi On Ice Operapop" un evento dal cast molto ricco. Si va dai divi del pattinaggio italiano e svizzero, Carolina Kostner e Stéphan Lambert, alle sedici campionesse italiane di pattinaggio sincronizzato, per arrivare infine alle star del pop che parteciperanno alle due serate: Giorgia, Anastacia e Kiesza.Ciliegina sulla torta, annunciata oggi alla presentazione dell'evento dall'organizzatore Marco Balich - che ha anche curato la cerimonia di chiusura delle Olimpiadi di Sochi - la presenza della popstar Pharrell Williams, che inaugurerà sabato la prima replica dello spettacolo. "Abbiamo voluto allestire uno spettacolo fortemente italiano e che però vada nel mondo con un linguaggio internazionale: la contaminazione tra pattinaggio, lirica e musica pop ha lo scopo di avvicinare il pubblico più giovane" ha detto Balich. La prima edizione di Opera On Ice, ideata dalla manager di molti pattinatori di primo piano Giulia Mancini, si è svolta nel 2011, e in questi anni lo spettacolo si è imposto come il maggior gala di ice-skating al mondo. L'evento di quest'anno, con l'ingresso nell'organizzazione di Balich e del patron di "Intimissimi" Sandro Veronesi, segna un ulteriore rilancio: sono già allo studio infatti i progetti per portare lo show anche in altre città del mondo.
CERIMONIA
Cittadinanza Peschiera   <br/>al Capo della Polizia

Cittadinanza Peschiera
al Capo della Polizia

Gioved' mattina il Capo della Polizia Prefetto Alessandro Pansa sarà a Peschiera del Garda dove riceverà la cittadinanza onoraria da parte del sindaco, orietta Gaiulli, in segno di riconoscimento e gratitudine per il costante ed efficacie sforzo profuso dalla Polizia di Stato nella difesa dei diritti dei cittadini, tramite l’attenta e multidisciplinare formazione dei suoi Allievi Agenti, futuri poliziotti.Il riconoscimenti trova fondamento proprio nel legame che unisce la popolazione di Peschiera e la Polizia, presente nella cittadina arilicense.La cerimonia si svolgerà alle 11, nell’ottocentesco Museo della Palazzina Storica, poi seguirà l’inaugurazione del “Monumento alla Polizia ed ai suoi Caduti”, situato nei vicini giardini comunali davanti alla Scuola Allievi Agenti.
Trevenzuolo in lutto  <br/>per l'addio a Giulia

Trevenzuolo in lutto
per l'addio a Giulia

Chiesa gremita a Trevenzuolo, questa mattina, per i funerali di Giulia De Mori, la 19enne morta...

MIGRANTI
Altri 94 profughi    <br/>in arrivo a Verona

Altri 94 profughi
in arrivo a Verona

Continua ad aumentare di giorno in giorno il cointeingente di profughi a Verona. Sono 457 i migrantiprofughi fatti arrivare oggi in Veneto; la prefettura di Venezia sottolinea che 94 sono stati destinati a Verona, 92 a Padova e altri 92 a Treviso. 89 a Venezia e 90 a Vicenza.
ESEQUIE
Schianto Povegliano,   <br/>domani i due funerali

Schianto Povegliano,
domani i due funerali

Due comunità in lutto domani si fermeranno per l'ultimo saluto alle vittime 19enni dell'incidente nella notte tra sabato e domenica a Povegliano.Alle 10:30 nella chiesa di Trevenzuolo saranno celebrati i funerali di Giulia De Mori, alle 16 a Bonferraro le esequie di Sonia Zanca.Intanto la Procura ha iscritto nel registro degli indagati Marco Bovo, il conducente 45enne della Bmw che si è scontrata con la macchina su cui viaggiavano le due ragazze: è accusato di omicidio colposo.
CONSIGLIO REGIONALE
Lega, Stoppato a Venezia  <br/>al posto di Corsi

Lega, Stoppato a Venezia
al posto di Corsi

Giuseppe Stoppato, classe 1963, geometra di San Giovanni Lupatoto, ha preso il posto nel consiglio regionale di Enrico Corsi, dimessosi a fine luglio per incompatibilità tra l'incarico di consigliere regionale e quello di assessore comunale. A sua volta Corsi era subentrato a Paolo Tosato, vicecapogruppo della Lega Nord, eletto senatore a fine maggio. Salgono così a sette gli avvicendamenti in Consiglio negli ultimi tre mesi.
SANITÀ
Legnago: Nuova Pediatria     <br/>Un sogno lungo 36 anni

Legnago: Nuova Pediatria
Un sogno lungo 36 anni

Se ne parlava nel 1978 a Legnago: unire la pediatria dell'Ospedale all'ostetricia e alla ginecologia, da sempre posizionati su due blocchi diversi. Un progetto che Legnago aspettava da 36 anni, un sogno diventato realtà grazie ad un contributo regionale di 2 milioni di euro contenuto nella delibera che il consigliere dell'Ncd Conta ha consegnato ieri al direttore generale dell'Ulss 21 Massimo Piccoli. "Una grande soddisfazione per noi perchè questa è un'opera che la comunità di Legnago aspettava da tempo e che finalmente realizziamo. Legnago vuole crescere, stiamo diventando una squadra sempre più importante per diventare centro d'eccellenza della sanità veronese e veneta" ha detto il dg dell'Ulss 21. Un grande segnale per l'ospedale legnaghese, sempre più su nella classifica della qualità delle prestazioni erogate. Che ha chiuso il bilancio a meno 500 mila euro, raggiungendo l'obiettivo della perdita programmatica grazie a tagli, in sei mesi, e a una rivisitazione complessiva delle spese per 8 milioni di euro. Un reparto che avrà a capo Federico Zaglia, medico con esperienze internazionali cresciuto nella grande scuola della pediatria di Borgo Trento, diretta da Paolo Biban. Toccherà a lui creare un reparto modello innovativo nelle cure che possa diventare sostegno dei due centri cittadini oltre che punto di riferimento di tutta la bassa, veronese, padovana e rodigina. Lavori che al Mater Salutis potrebbero iniziare già per fine anno, a breve infatti la presentazione dei progetti. Poi dopo 36 anni a Legnago potrà partire l'operazione nuova pediatria.
INDIPENDENZA
Mostra 'patente' veneta,   <br/>denunciato veronese

Mostra 'patente' veneta,
denunciato veronese

I carabinieri della stazione di Tombolo (Padova) hanno denunciato questa mattina un 51enne di Cerea che ha esibito una patente falsa, rilasciata dalla 'Confederazione Veneta'. L'uomo aveva richiesta l'intervento dei militari dopo aver raccontato di essere stato ingiuriato da alcuni cittadini 'di colore'. Nell'atto dell'identificazione l'uomo ha però mostrato la patente falsa. Per giustificarsi ha anche spiegato di essere appartenente alla 'Serenissima Repubblica Veneta' proferendo ingiurie contro lo Stato italiano e le massime cariche dello Stato. L'uomo ha poi raggiunto la caserma in sella alla sua bici che recava un cartello con la scritta "Tanko sì - Indipendenza W.S.M.".
AGSM
Agsm, bilancio positivo   <br/>Fatturato a 418 milioni

Agsm, bilancio positivo
Fatturato a 418 milioni

Inverno mite e stagnazione limitano ma non frenano le performance di Agsm Verona Spa, holding del Gruppo Agsm, multiutility con base a Verona e operante in 4.200 comuni del Paese nei settori dell’elettricità, del gas e del calore ma anche in altre attività di servizio. La semestrale di bilancio, approvata dal Cda, va ben oltre il budget previsto sul periodo e si attesta in linea con l’anno record del 2013: 418mln di euro il fatturato, 50,3mln di margine operativo lordo e un utile ante imposte di 17,6mln di euro (19,9mln nel 2013). Tengono tutte le principali voci di conto economico, a partire dall’allargamento dei clienti ‘extra Verona’ – che fa segnare un +96% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno – sino ai servizi multibusiness e alla redditività del settore commerciale, anche qui nonostante i risicati margini sul trading dettati dai nuovi meccanismi di formazione del prezzo. “La scelta del Gruppo – ha detto il direttore generale di Agsm, Giampietro Cigolini – di investire sulle rinnovabili e di allargare la propria base operativa attraverso una politica mirata sui prezzi sta pagando oltre le previsioni. Negli ultimi 8 anni abbiamo investito 150mln di euro tra eolico e idroelettrico e oggi produciamo il 160% in più rispetto al 2012 (+19% sul pari periodo 2013) di energia pulita. E ancora, il 63% dei nostri clienti di energia elettrica proviene dalle tariffe di libero mercato, quando la media nazionale dei competitor si ferma sotto il 30%”. E proprio dalla parte commerciale di Agsm Energia arriva la ‘spinta’ più forte: dopo la performance dell’ultimo bilancio (fatturato a 900mln di euro complessivi, +38%), con un saldo attivo di oltre 7.000 clienti ‘extra Verona’ e un incremento di fatturato di oltre 160 milioni di euro, si conferma in crescita anche nella semestrale 2014, con un ulteriore allargamento della base clienti nazionale, sia privata che business, a fronte di una contrazione generalizzata dei consumi.Per il presidente del Gruppo Agsm, Paolo Paternoster: “In un semestre in cui i prezzi di mercato dell’energia sono scesi, rispetto allo scorso anno, di 11 euro/MWh (-18%) e la domanda nazionale è risultata in calo del 3%, il Gruppo – che vanta circa 330.000 utenti attivi e 1500 addetti diretti - ha dimostrato di saper trovare la forza per difendere la propria crescita. Rispetto al budget di previsione, infatti, abbiamo segnato un +14% nel fatturato e +15% sul Mol”.
EVENTI
Arsenale Vintage Market  <br/>Moda, musica e cibo

Arsenale Vintage Market
Moda, musica e cibo

Da venerdi' a domenica Verona torna ad essere un po' retro'. Nei padiglioni dell'ex arsenale e negli spazi all'aperto torna il Vintage Market. Moda, oggettistica, design che parlano del passato ma, quest'anno, con un corollario di gustose iniziative. Attenzione particolare al cibo e alle tradizioni culinarie d'epoca, dal 1940 agli anni '90. Storia e memoria gastronomica, iniziative e workshop: ci si potra' cimentare nella preparazione di tortellini o dolci fatti come un tempo. In programma tanti eventi musicali per la 9° edizione di Arsenale Vintage Market compresa la serata di sabatodedicata all'Electro swing, genere che sta spopolando in Europa, ovvero musica anni '30- '40, riveduta da celebre un d.j di Berlino e dalle sue vocalist
PULIZIA
Amia, intervento   <br/>alle scuole di Veronetta

Amia, intervento
alle scuole di Veronetta

Amia è stata impegnata nelle operazioni di riparazione e recupero della scuola comunale Garbini Colomiatti, da giovedì scorso dichiarata inagibile, e del cortile esterno delle scuole Rubele, nell’entrata di via Ponte Pignolo, nel quartiere di Veronetta.“Un intervento che esula dal nostro ambito – dichiara il Presidente di Amia Andrea Miglioranzi – ma che siamo stati felici di svolgere prontamente, data l’urgenza della situazione”.Gli spazi della scuola d’infanzia, al piano terra, erano stati completamente sommersi da acqua e fango.Ieri è stata aspirata l’acqua e attualmente un’impresa di pulizie, con personale specializzato, sta pulendo e sanificando aule e corridoi.La scuola tornerà ad ospitare i suoi piccoli alunni già dalla fine di questa settimana, al più tardi all’inizio della prossima.Il servizio comunque non è stato sospeso. Bimbi ed insegnanti sono stati spostati nella scuola comunale di Villa Are sulle Torricelle. Mentre per ciò che riguarda la scuola primaria Rubele, il servizio si è svolto regolarmente, dato che le classi al piano superiore non sono state raggiunte dall’acqua.“Voglio esprimere la mia grande soddisfazione per la nostra azienda – conclude Miglioranzi – sempre in prima linea per supportare istituzioni, imprese e cittadini, soprattutto nei momenti di difficoltà e bisogno”.
MUNICIPALE
Ubriachi, causano   <br/>due incidenti

Ubriachi, causano
due incidenti

La Polizia municipale di Verona è intervenuta per due incidenti causati dalla guida in stato di ebbrezza dei conducenti: un tamponamento in via Dal Cero e un frontale in via Castel San Felice.In via Dal Cero il conducente di una Land Rover Sport, risultato positivo all’alcoltest con valori molto al di sopra del consentito, ha tamponato una Peugeot: l’automobilista è stato denunciato per guida in stato di ebbrezza e la Land Rover è stata posta sotto sequestro. Il successivo incidente è avvenuto in via Castel San Felice, dove un autocarro che procedeva in salita si è scontrato frontalmente con una Volkwagen Tiguan che stava scendendo. Il conducente dell’autocarro, anch’esso denunciato per guida in stato di ebbrezza, è risultato positivo all’alcoltest con valori di 2,64 grammi per litro di sangue, a fronte di un limite massimo ammesso di 0,5. Entrambi gli incidenti fortunatamente non hanno riportato feriti.
OSCAR GREEN
L'agricoltura veronese,   <br/>giovane e di cuore verde

L'agricoltura veronese,
giovane e di cuore verde

Verona si conferma la provincia dal cuore verde e giovane agli Oscar Green del Veneto. 16 i candidati, 3 dei quali finalisti selezionati dalla giuria nazionale: Matteo Castioni di Sommacampagna, Enrico Recchia di Negrar e Romina Grigoli di Fumane. Un triangolo geografico che esprime il massimo dell’innovazione in agricoltura."Siamo soddisfatti della presenza di tanti giovani agricoltori veronesi qui a Venezia - ha commentato Davide Ronca, vice presidente di Coldiretti Verona presente alla manifestazione - che testimoniano la serietà, la passione e l'intraprendenza delle imprese veronesi. La nostra provincia dimostra di avere realtà molto interessanti rappresentate da giovani testimoni di una nuova forma di agricoltura, fatta di iniziative, inventiva e coraggio. Ci auguriamo che i finalisti saranno premiati per le loro idee anche alla finale nazionale".Matteo per la sezione “Ideando” è forse il più creativo del trio con buone chances di salire sul podio più alto a livello nazionale. 32 anni insieme a un socio ha ricavato da appena un anno in una ex stalla lo spazio per lavorare le micro alghe coltivate in campagna. Le alghe, della specie chiamate Spiruline e Haematococcus dalle varie proprietà e possibilità d’uso, sono organismi fotosintetici che vivono nell’acqua e si nutrono di sali disciolti e anidride carbonica. Producono biomassa pregiata, ricca di proteine, sali minerali e antiossidanti naturali. Integrate nella dieta, stimolano la salute e il benessere e negli animali la produttività e qualità. Matteo ha ideato una linea innovativa di prodotti per l’agricoltura biodinamica e biologica e per la cosmesi d’avanguardia. Enrico Recchia, classe 1983, collabora nell’azienda di famiglia. Una cantina che lavora 85 ettari tutti a vigneto, 70 in Valpolicella e 15 in zona lago di Garda. Il 70% di tutta la produzione viene esportata arrivando negli Stati Uniti, in Gran Bretagna, in Svizzera, in Danimarca, Olanda, persino Cina e Singapore. Ma il motivo d’orgoglio per Enrico è il restauro della Villa patronale del 1400, sotto il controllo dei beni culturali e della bellezza architettonica. Un recupero che si sposa perfettamente con la bellezza del paesaggio. La terza finalista è Romina e fa l’allevatrice di conigli in una zona vocata al vino. Ne possiede 12mila di cui 3mila fattrici. Purtroppo non è un bel momento per i consumi di questa tipologia di carne nonostante i vari tentativi di accordo di filiera e gli sforzi degli attori per risollevare le sorti del comparto. Ma Romina non demorde e confeziona sottovuoto per i mercati della vendita diretta e le catene distributive vari tagli, alcuni unici in Italia, nella speranza che il consumatore apprezzi sempre di più questa specialità e l’attività sia remunerativa anche per lei. I giovani imprenditori partecipanti agli Oscar Green del Veneto si sono incontrati a Cà Foscari nell’aula “Mario Baratto” affacciata sul Canal Grande. Lì insieme agli altri colleghi segnalati da Coldiretti, hanno conosciuto, in occasione della finale veneta dell’Oscar Green, uno spaccato regionale di grande effetto. Con loro anche altri testimonial dell’agricoltura 2.0 per le altre sessioni in gara: un malgaro bellunese, un avicoltore veneziano, un casaro trevigiano e per la categoria “Paese Amico” un’energica operatrice socio didattica padovana.Ad applaudirli Giorgio Piazza e Pietro Piccioni rispettivamente presidente e direttore di Coldiretti Veneto, Maria Letizia Gardoni Delegata nazionale di Giovani Impresa col segretario Carmelo Troccoli, Davide Ronca, vice presidente di Coldiretti Verona, Clodovaldo Ruffato Presidente del Consiglio Veneto, Franco Manzato Assessore regionale all’agricoltura e altri consiglieri intervenuti."Non saremo i migliori imprenditori ma abbiamo buone possibilità di essere la migliore gioventù – ha detto Andrea Barbetta leader degli under 30 di Coldiretti – quella dei campi che lavora con la testa e le mani, non scordando le responsabilità verso la società e l’ambiente, mettendo in gioco creatività e saggezza contadina. Vinciamo ogni giorno la nostra scommessa di vita e mettiamo a disposizione la nostra buona volontà perché siamo connessi non tanto al web ma all’attività agricola ai valori e ai principi della solidarietà".
LAVORI
Nuovo cantiere    <br/>in via Pallone

Nuovo cantiere
in via Pallone

Parte oggi il cantiere di Agsm per la sostituzione della rete gas che prevede uno scavo in via Pallone, lungo la corsia in direzione di ponte Aleardi. I veicoli diretti verso il ponte transiteranno nell'area di piazzale Maestri del Commercio, mentre i lavori nella zona dell'incrocio con via del Pontiere saranno effettuati durante le ore serali e durante i fine settimana. L'avvio del cantiere è stato programmato al termine del raduno degli Alpini e dopo l'apertura del nuovo Terminal Bus. La Polizia municipale presidierà l'area per tutta la durata dei lavori, mentre per i turisti sarà creato un percorso pedonale sotto le mura.
FURTI
Razzia di profumi,    <br/>arrestate cinque madri

Razzia di profumi,
arrestate cinque madri

Cinque donne romene sono state arrestate dai Carabinieri della stazione di Bussolengo con l'accusa di furto aggravato. In manette sono finiste cinque madri di famiglia, tutte ultraquarantenni, lavoratrici stagionali in agricoltura, che prima di tornare in patria hanno fatto incetta di cosmetici al centro commerciale Auchan. La loro intenzione era di portare regali ai parenti al ritorno in patria. Le donne però sono state sorprese dalla vigilanza privata che ha allertato i Carabinieri è scattato l'arresto in flagranza. All'udienza di convalida il giudice ha condannato le donne a sei mesi di carcere, con sospensioone della pena.
SISTEMA RFID
Ztl, via nuovo controllo    <br/>a veicoli commerciali

Ztl, via nuovo controllo
a veicoli commerciali

Parte da oggi, lunedì 15 settembre, la fase operativa del nuovo sistema di controllo dei veicoli commerciali in Ztl mediante la lettura a distanza del TAG RFID (Radio Frequency IDentification), incorporato nei nuovi contrassegni di circolazione adottati sin dal gennaio 2013. Il sistema di controllo basato sulla tecnologia RFID affianca quello già attivo costituito dai varchi elettronici, allo scopo di associare i rilevamenti in ingresso con quelli in uscita. Il sistema RFID infatti ha lo scopo principale di monitorare il comportamento dei veicoli commerciali in circolazione all’interno della ZTL e verificare soprattutto che escano entro l’orario stabilito. Di conseguenza, a due anni circa dall’introduzione del nuovo contrassegno munito di TAG RFID, e dopo una campagna massiccia di informazione, a partire da oggi vengono revocati i vecchi pass cartacei di accesso alla Ztl per gli autocarri. Fino al 14 settembre, data di scadenza dei vecchi pass cartacei, erano circa 10 mila i contrassegni che non erano ancora stati sostituiti con i nuovi: 8627 permesso ACI Rosa; 1696 permessi commercianti Grigio-Euro 4; 1 permesso ACI Azzurro. Queste autorizzazioni da oggi non sono più valide per la circolazione nel territorio comunale e quindi anche per l’accesso in Ztl: perciò chi verrà trovato in possesso del vecchio pass cartaceo sarà sanzionato per accesso abusivo in Ztl. I ritardatari che non hanno ancora provveduto a sostituire i vecchi pass sono informati della necessità di dotarsi dei nuovi contrassegni anche dai pannelli di accesso alla Ztl, che a partire da oggi fra le 6 e le 10 del mattino espongono l’avviso: “merci solo con pass RFID”. Le autorizzazioni in questione sono quelle identificate come “PROTOCOLLO COMMERCIANTI” e rilasciate ai veicoli commerciali classificati L2, L5 ed N (art. 47 del D.Lgs.285/92 "Nuovo Codice della strada"): L2: veicoli a tre ruote la cilindrata del cui motore, se si tratta di motore termico, non supera i 50 cc e la cui velocità massima di costruzione non supera i 50Km/h; L5: veicoli a tre ruote simmetriche rispetto all'asse longitudinale mediano, la cui cilindrata,se si tratta di motore termico, supera i 50cc. o la cui velocità massima di costruzione supera i 50Km/h; N: veicoli a motore destinati al trasporto merci, aventi almeno 4 ruote. Il sistema RFID rileva in automatico gli ingressi dei veicoli commerciali autorizzati in ZTL e ne registra l’uscita, mantenendo in memoria, in questa prima fase di pre-esercizio, i soli casi ‘non conformi’ , cioè i veicoli usciti oltre l’orario previsto dall’autorizzazione rilasciata.Quindi da oggi e fino al 31 dicembre, i titolari dei contrassegni RFID per veicoli commerciali, usciti dalla Ztl oltre l’orario consentito, verranno avvisati da un sistema di invio automatico di comunicazione, tramite email e sms, contenente le informazioni sul comportamento irregolare e sulle future modalità di penalizzazione. Il sistema di invio delle comunicazioni verrà messo a punto in questi giorni dagli uffici comunali e a breve i titolari potranno essere informati sul comportamento dei loro veicoli in caso di non conformità. A partire dal 1° gennaio 2015, infatti, a chi non rispetterà gli orari di uscita previsti, sarà sospesa temporaneamente l’autorizzazione.
INCENDIO
Auto in fiamme  <br/>al casello di Vr Nord

Auto in fiamme
al casello di Vr Nord

Vigili del fuoco impegnati nei pressi del casello di Verona Nord per spegnere l'incendio ad un'auto.La centrale del 115 è stata allertata da alcuni automobilisti che hanno anche inviato immagini dell'auto in fiamme; la situazione comunque si presenta sotto controllo e non si segnalano problemi a persone, anche se il traffico procede molto a rilento.
CONTROLLI
Piazza Erbe, irregolari    <br/>18 banchi su 30

Piazza Erbe, irregolari
18 banchi su 30

Sono state 30 le postazioni di vendita controllate dalla Polizia municipale durante la scorsa settimana al mercato di piazza delle Erbe, con verifiche su autorizzazioni e documentazione amministrativa, attività e modalità di vendita, correttezza della merceologia esposta, rispetto delle disposizioni inerenti il decoro del mercato e l’occupazione di suolo pubblico con ombrelloni aggiuntivi non consentiti. Diciotto le violazioni complessivamente accertate: 14 per vendita di articoli non previsti nel regolamento e per esposizione di merci sul banco con modalità non consentite; 4 per occupazione abusiva di suolo pubblico con ombrelloni aggiuntivi. L’ammontare complessivo delle sanzioni inflitte è pari a circa 12.900 euro. I controlli proseguiranno anche nelle prossime settimane.
PEDOFILIA
Abusi al Provolo,   <br/>venerdì corteo in Bra

Abusi al Provolo,
venerdì corteo in Bra

Un corteo fino in Piazza Bra e poi spazio alle testimonianze: è l'iniziativa dell'Associazione Sordi 'Antonio Provolo' di Verona in occasione venerdì prossimo del quinto anniversario della Giornata della memoria delle vittime dei reati di pedofilia commessi da religiosi. Una ricorrenza, sottolinea l'associazione, "che ha l'intento di tenere vivo il ricordo degli abusi clericali perpetrati su bambini sordomuti e la pedofilia clericale in generale. La Cei, sollecitata più volte, non ha ancora parlato del fatto di promuovere una commissione indipendente al fine di appurare l'entità delle violenze sessuali commesse in strutture e/o da membri del clero anche in passato". La stessa richiesta - è detto ancora in una nota - è stata rivolta al Papa con lettera 31 dicembre 2013, richiesta rimasta a tutt'oggi inevasa. L'Onu nel febbraio 2014, ha fatto una durissima reprimenda nei confronti del Vaticano, accusandolo di aver fatto poco o nulla per prevenire o far cessare gli episodi di pedofilia clericale, paragonando detti abusi al delitto di tortura. I sordi vittime di abusi porteranno dei cartelli con precise domande al Papa in relazione al caso Provolo. Da tempo e in varie occasioni, alcuni sordomuti del Provolo di Verona hanno denunciato di aver subito violenza per anni, reati ormai caduti in prescrizione per la legge italiana e che per questo non sono mai stati risarciti.
FORZE TERRESTRI
Comfoter, nuovo comando    <br/>Evento in Gran Guardia

Comfoter, nuovo comando
Evento in Gran Guardia

Il capo di stato maggiore dell'Esercito, Claudio Graziano, ha presieduto oggi, nel Palazzo della "Granguardia" di Verona, alla cerimonia di avvicendamento alla guida del Comando delle Forze operative terrestri (Comfoter). Dopo circa due anni e mezzo, il generale Roberto Bernardini ha ceduto la guida del Comando veronese al generale Alberto Primicerj, già comandante delle Truppe alpine. Alla cerimonia erano presenti tutti i comandanti dei reparti dipendenti del Comfoter, autorità civili e religiose.
STUDENTI
Primo giorno di scuola   <br/>Flashmob in 5 istituti

Primo giorno di scuola
Flashmob in 5 istituti

Oggi gli studenti di Verona e proviuncia e di tutto il Veneto sono tornati a scuola per cominciare il nuovo anno scolastico, nello stesso giorno in cui il Governo apre le consultazioni su tutto il territorio nazionale per discutere e modificare il Patto Educativo di riforma della scuola presentato lo scorso 3 Settembre.Per questo la Rete degli Studenti Medi ha deciso di organizzare più flashmob davanti a molte scuole con lo slogan "La scuola siamo noi!" perché vogliono essere protagonisti all'interno della riforma della scuola.Il flashmob si è svolto davanti ai licei Scipione Maffei, Nicolò Copernico, Galileo Galilei, Carlo Montanari e all'istituto tecnico Luigi Einaudi."Dal primo giorno di scuola - spiegano gli studenti - vogliamo rispondere alle proposte del Governo e sfidarlo su quei temi ignorati ma, per noi, fondamentali: cicli nuovi, diritto allo studio, democrazia nelle scuole, didattica innovativa, valutazione. Rivendichiamo una scuola davvero buona. Dal primo giorno di scuola vogliamo parlare di come viviamo la città e il territorio e di come vorremmo viverli, rivendichiamo una vera cittadinanza studentesca. Non si fa la buona Scuola senza una buona Università. Rivendichiamo un investimento politico ed economico in tutto il sistema della conoscenza"."Oggi inizia la consultazione del Governo sul Piano Scuola, - spiega Lidia Latella, coordinatrice provinciale della Rete degli Studenti Medi di Verona - per questo è necessario il contributo di tutti in questa fase e noi non ci tireremo indietro dal dare voce alle idee e ai sogni degli studenti. Vogliamo essere protagonisti, e tutti gli studenti con noi, del cambiamento della scuola, riuscendo a far valere le esigenze e i bisogno di tutti gli studenti, affinché la scuola possa essere realmente un luogo di formazione, conoscenza e creatività.""Oggi - conclude Latella - primo giorno di scuola, comincia il nostro autunno di partecipazione e mobilitazione studentesca. Il 10 Ottobre saremo in piazza a dimostrare che la Grande Bellezza siamo noi".
PERICOLO
Casa di Giulietta libera    <br/>dal peso dei lucchetti

Casa di Giulietta libera
dal peso dei lucchetti

Migliaia di lucchetti dell'amore avevano messo in pericolo a Verona i cancelli in ferro della casa di Giulietta. Per evitare crolli pericolosi sui turisti che affollano il cortile gestito dal Teatro Stabile di Verona quest'ultimo oggi ha deciso di liberarsi dalle 'catene'. Per eseguire meglio l'operazione le cancellate sono state rimosse facendo così seguito alle "pulizie straordinarie" di tutti i lucchetti in città volute dal comando di polizia municipale. Proprio il Comune la scorsa settimana aveva proceduto a ripulire le pareti della Casa di Giulietta su cui centinaia di migliaia di turisti lasciano scritte e anche oggetti di dubbio gusto, come i cerotti e addirittura salvaslip.
ADUNATA
Sfilata degli Alpini      <br/>Fotogallery

Sfilata degli Alpini
Fotogallery

Una carrellata di imagini dell'"onda" di penne nere che hanno invaso le strade di Verona per la sfilata dell'Adunata Triveneta degli Alpini che si chiude nel primo pomeriggio.
SFILATA
Adunata Alpini, 100mila        <br/>penne nere a Verona

Adunata Alpini, 100mila
penne nere a Verona

Si stima che centomila persone abbiano partecipato, questa mattina a Verona, alla tradizionale sfilata, momento-clou dell’Adunata Triveneta degli Alpini.Penne nere arrivate non solo da Veneto, Trentino-Alto Adige e Friuli Venezia Giulia, ma anche da altre regioni, hanno invaso la città per il grande corteo che dopo la partenza dal quartiere di Borgo Trento in sei diversi punti di ammassamento, ha attraversato l’Adige passando per le vie del centro storico fino in piazza Bra, che già ieri era stata presa d’assalto da migliaia di alpini per la messa celebrata in Arena dal vescovo Giuseppe Zenti ed il successivo concerto serale con cinque cori e tre fanfare che ha richiamato diecimila spettatori.Tra le autorità politiche presenti l’assessore all’istruzione della Regione Veneto, Elena Donazzan, alcuni parlamentari veronesi, mentre a fare gli onori di casa per il Comune di Verona c’era l’assessore Antonio Lella, anche lui alpino, con l’immancabile cappello con la penna nera. In testa alla sfilata due moto della Polizia municipale, la fanfara di Caldiero, i gonfalone della città di Verona, del comune di Vestenanova, di Regione e Provincia e del Nastro Azzurro. Poi i settori successivi, con la fanfara militare della Tridentina, il labaro nazionale, il vessillo della sezione Ana di Verona, militari in divisa, reduci su automezzi, divise d'epoca, crocerossine.Durante la sfilata non sono mancati appelli a salvare i Marò italiani (uno ha appena fatto ritorno dall’India), con l’esposizione di striscioni. E nemmeno l’età ha fermato lo spirito ed i valori che animano gli alpini, così anche la penna nera più anziana d'Italia, reduce della guerra d'Africa, Cristiano Dal Pozzo (classe 1913), che ha partecipato a tutte le adunate e quando è arrivato in piazza Bra ha abbandonato la carrozzina per proseguire la sfilata con l’aiuto del deambulatore.Verona ha risposto con una grande accoglienza: moltissimi cittadini hanno esposto la bandiera italiana dai balconi e dalle finestre, così come tanti bar e negozi hanno addobbato con i tricolori le vetrine.
TRAGEDIA
Morte in incidente, sono         <br/>di Trevenzuolo e Sorgà

Morte in incidente, sono
di Trevenzuolo e Sorgà

Sono Giulia De Mori, di Trevenzuolo, e Sonia Zanca di Bonferraro (frazione di Sorgà) le 19enni morte nell'incidente avvenuto questa notte verso le due a Povegliano.Le due ragazze stavano tornando da una serata trascorsa con due amici, uno di loro era alla guida e per cause in corso di accertamento da parte dei Carabinieri della Compagnia di Villafranca, l'auto su cui viaggiavano è andata a schiantarsi contro la Bmw guidata da un 45enne di Povegliano, Marco Bovo.Le due giovani, che erano sul sedile posteriore, sono morte sul colpo, mentre il conducente, Diego Menozzi (vicino di casa di Giulia De Mori), 22 tra pochi giorni, è stato trasportato all'ospedale ma è già stato dimesso.Le ragazze avevano passato la serata a Isola della Scala, per l'inaugurazione di un locale, l'incidente è avvenuto mentre si stavano dirigendo a Villafranca per mangiare una piadina.Le cause del tragico schianto sono al vaglio dei carabinieri, è stato riferito che il conducente della Bmw ha invaso la corsia opposta dopo una manovra azzardata per evitare un animale che gli avrebbe attraversato la strada.
INCIDENTE
Schianto in auto,   <br/>muoiono due 19enni

Schianto in auto,
muoiono due 19enni

Due ragazze di 19 anni hanno perso la vita in un incidente avvenuto a Povegliano.Secondo una prima ricostruzione le due giovani viaggiavano sul sedile posteriore di un’auto che è uscita di strada dopo avere compiuto una manovra per evitare un ostacolo, forse un animale.
PRESIDENZA
Nuova Provincia, Miozzi <br/>lancia Giovanni Peretti

Nuova Provincia, Miozzi
lancia Giovanni Peretti

Più di 50 sindaci, di centrodestra e di centrosinistra, radunati a ai Palazzi Scaligeri dal presidente della Provincia Giovanni Mioozzi per dare il via alla svolta dell'amministarzione provinciale.Come noto il governo Renzi ha deciso l'abolizione delle Province, così come le abbiamo conosciute finora; il consiglio provinciale eletto cinque anni fa è già stato dimissionato e il 12 ottobre - come provede la nuova legge - 1270 consiglieri comunali (suddivisi in base alla grandezza dei comuni) con i 98 sindaci eleggeranno i 16 nuovi consiglieri provinciali ed il presidente.E Giovanni Miozzi prima di lasciare l'incarico punta ad ottenere una condivisione più ampia possibile, così ha lanciato la candidatura di Giovanni Peretti, sindaco di Castelnuovo del Garda.Eletto in quota all'Udc, il sindaco Peretti avrebbe l'appoggio anche dell'area di Forza Italia vicina a Giorgetti, consenso allargato anche ad alcuni sindaci che guidano amministrazioni di centro-sinistra ma considerati comunque moderati."Il ho dato la mia disponibilità - ha dichiarato Peretti a tgverona.it - penso che l'amministrazione provinciale abbia ancora molte competenze importanti e ritengo che ci sia molto da fare per la comunità. E' chiaro che il consenso deve passare attraverso i partiti, ma si tratta di un processo politico che deve avere una condivisione più larga possibile".Per presentare la candidatura alla presidenza dovranno essere raccolte 200 firme tra i grandi elettori ed è per questo che Miozzi ha convocato oltre la metà dei sindaci veronesi.Alla nuova provincia resteranno tutte le precedenti competenze, dalle strade all'edizilia scolastica, dai trasporti all'ambiente, escluso il lavoro (passato alla Regione) ed il turismo.
VIGILI
Scuola al via, consigli  <br/>della Polizia Municipale

Scuola al via, consigli
della Polizia Municipale

Da domani, lunedì 15 settembre, data di inizio del nuovo anno scolastico, 25 agenti di Polizia municipale e 50 vigili dei bambini saranno in servizio sui principali attraversamenti pedonali nelle zone delle scuole.La sicurezza di bambini e pedoni è direttamente collegata al comportamento tenuto dai conducenti nei pressi delle scuole: per questo la Polizia municipale invita i genitori che accompagnano i figli a scuola, a piedi o in macchina, a non tenere alcuni dei comportamenti sbagliati e pericolosi, che purtroppo rimangono ancora frequenti. Come attraversare l'incrocio con semaforo rosso o sulle strisce senza guardare attentamente, usare il cellulare durante la guida, non utilizzare le cinture di sicurezza, effettuare manovre non consentite e inversioni a U, trasportare bambini non correttamente allacciati.Si tratta di comportamenti vietati che possono provocare incidenti e investimenti: spesso infatti proprio in zona scuole gli stessi genitori lasciano l'auto in mezzo alla strada per far scendere velocemente i piccoli e ripartire poi verso il lavoro e gli impegni della giornata. Altre volte le auto vengono parcheggiate in seconda o anche in terza fila e vicino agli incroci, compromettendo la sicurezza della zona e la circolazione stradale.Per questo motivo è necessario che in particolare i genitori, ma anche i conducenti in transito in zona scuole, adottino comportamenti ispirati alla sicurezza e alla prevenzione, visto che da essi dipende la sicurezza dei bambini.Sul sito web www.poliziamunicipale.comune.verona.it, la Polizia municipale ha realizzato una tabella contenente i principali consigli e le valutazioni generali di sicurezza, utile per pedoni, ciclisti, automobilisti e motociclisti.
LADRI
Furti di rame,  <br/>due arresti a Salizzole

Furti di rame,
due arresti a Salizzole

I carabinieri di Bovolone hanno arrestato due 42enni veronesi residenti a Legnago, bloccati in flagranza mentre rubavano rame dal capannone di una ditta a Salizzole. Davanti al giudice uno dei due, incensurato, ha patteggiato una condanna a 5 mesi e 10 giorni di reclusione, pena sospesa. Per il complice, che ha precedenti, il Gip ha convalidato l'arresto, disponendo la misura dell'obbligo di firma dai carabinieri in attesa del processo, fissato il 5 dicembre.Questi arresti sono i primi compiuti sotto la guida del nuovo comandante della Compagnia di Villafranca di Verona, capitano Fabrizio Massimi, che si è insediato in questi giorni al posto del capitano Alberto Granà, passato a guidare la compagnia di Udine. 37 anni, Massimi arriva da Desenzano, dopo aver ricoperto incarichi di comando in Veneto ad Abano Terme, Piove di Sacco, Valdagno e Vittorio Veneto.
PENNE NERE
Adunata Alpini,  <br/>il percorso

Adunata Alpini,
il percorso

Il programma dell'Adunata Triveneta degli Alòini, domenica 14 Settembre:07.50 Piazza Bra - Alzabandiera09.00 ammassamento cortei dei Settori e Sezioni del Raduno (per provenienza), in 5 punti di Borgo Trento:1° ponte Vittoria, riva San Lorenzo, lungadige Panvinio2° via IV Novembre fino all'intersezione con via Tonale, via Tonale, via Isonzo3° via IV Novembre fino all'intersezione con via Abba, via Abba, via Medici4° lungadige Matteotti, via Prato Santo5° lungadige Campagnola09.30 Inizio sfilata Percorsopartenza da piazzale Cadorna, queste sono le vie e le piazze interessate: Ponte della VittoriaVia Diazcorso Cavourcorso Castelvecchiocorso porta PalioVia degli Scalzipiazza Santo Spiritovia della Casapiazza Renato Simonivia Locatellicorso porta Nuova, solo carreggiata sul lato della Camera di Commercio o lato numeri civici paripiazza Brapiazzetta Municipiolargo Divisione Pasubiovia Pallonevedi mappa .pdf ~1518kb14.30 Fine sfilata a Ponte Aleardi, scioglimento corteo18.00 Ammainabandiera

Graffa

Telenuovo Verona
tasto 11 - oggi in tv

  • Informazione

    Studionews
  • Rosso & Nero

  • TgVeneto

  • Studionews

    rubrica
  • L'Opinione

  • TgVerona

    all'interno il TgGialloblu
  • 27 baci rubati

    Commedia (GB/Ger. 2000) di Nana Dzhordzhadze con Nino Kukhanidze e Yevgeni Sidikhin
  • Film di seconda serata

  • Informazione

    TgVerona, TgGialloblu
  • Film della notte


Ricette di Casa Telenuovo Avesani


Sondaggio

ladri, malviventi, spacciatori: arrestati e subito liberati..cosa ne pensi?

Tutti i sondaggi
L'Opinione
ON AIR
16.09.2014
TgGialloblù
ON AIR
17.09.2014
TgVeneto
ON AIR
17.09.2014
Rosso & Nero
ON AIR
17.09.2014

BPV MUTUO YOU

 

 



auditeL agosto 2014 telenuovo


I nuovissimi

I più visti della settimana

TELENUOVO TGGIALLOBLU

Studionews Rete Nord Pubblicità

Promo palinsesto