Valgatara, residenti    <br/>bersagliati dai furti

Valgatara, residenti
bersagliati dai furti

"Se ci sentiamo bersagliati? Sì, e non è una novità". C'è un misto di timore e rassegnazione nelle parole degli abitanti di Valgatara, frazione di Marano di Valpolicella, dopo l'ondata ...

PROVINCIA
Giorgetti a Pastorello:  <br/>Mezzo mlione per scuole

Giorgetti a Pastorello:
Mezzo mlione per scuole

“Pastorello denuncia la situazione finanziaria disastrosa in cui si trovano le province e minaccia di ricorrere alla Magistratura? Io preferisco dare risposte concrete.”Così l’assessore regionale ai lavori pubblici Massimo Giorgetti commenta il grido d’allarme lanciato dal Presidente della Provincia che ha spiegato di non riuscire a garantire nemmeno i servizi essenziali.“Il Governo è riuscito nell’arduo compito di dare alla luce la peggiore delle riforme possibili, creando degli ibridi , le province appunto, che non hanno autonomia finanziaria adeguata a dare risposte ai cittadini ,ma che di fatto esistono e sono composte da amministratori capaci. A questo punto sarebbe stato più saggio sopprimerle del tutto ed evitare questo inutile rimbalzo di responsabilità”.“In questo bailamme - prosegue Giorgetti - la Regione Veneto continua ad essere a disposizione delle amministrazioni locali, andando a coprire le voragini lasciate dallo Stato. Già domani in Giunta porterò tre milioni di euro di contributi alle province del Veneto per la messa in sicurezza dei plessi scolastici". "In particolare - aggiunge - la Provincia di Verona beneficerà di 500.000 euro che serviranno a dare soluzione alle criticità strutturali di tre istituti scolastici superiori. Abbiamo in questo modo dato risposta alle richieste che la Provincia ci aveva posto.”“Le scuole beneficiarie del contributo regionale - conclude Giorgetti - sono la succursale dell’Istituto Sammicheli in via Selinunte a Verona, il Liceo Montanari in vicolo Stimmate a Verona ed il Liceo Da Vinci in via Gandhi a Cerea e gli interventi in programma sono tutti volti alla messa in sicurezza degli edifici.
CENTRODESTRA
Tosi: Avanti alleanza  <br/>Lega-Forza Italia-Ncd

Tosi: Avanti alleanza
Lega-Forza Italia-Ncd

"Il rapporto della Lega Nord con Forza Italia e Ncd sarà di alleanza. Stiamo governando la Giunta regionale insieme e quindi con tutto il centrodestra ci riproporremo, insieme anche a delle liste civiche, perché c'è anche chi non vuole votare nessuno dei partiti tradizionali e magari vuole votare liste civiche che abbiano un riferimento popolare, liberare, di centrodestra i cui colori saranno poi i colori della coalizione di governo della regione". Così Flavio Tosi preannuncia la riconferma della colazione di governo in vista delle elezioni regionali in Veneto della prossima primavera.
GESTO DISPERATO
Donna tenta il suicidio,  <br/>Carabinieri la salvano

Donna tenta il suicidio,
Carabinieri la salvano

Il tempestivo intervento dei Carabinieri è stato determinante per salvare una donna 39enne della provincia di Modena, che dopo aver vagato tutta la notte ha parcheggiato la sua auto sul lido di Cisano a Bardolino e con la vista sullo specchio acqueo ha ingerito un intero flacone di psicofarmaci. I militari vedendola adagiata sui sedili priva di sensi l’hanno immediatamente accompagnata al pronto soccorso dell’ospedale Pederzoli di Peschiera del Garda, dove il pronto intervento dei sanitari le ha salvato la vita. Il gesto estremo sarebbe stato determinato da una crisi sentimentale.
DEGRADO
Via dei Mutilati, ecco  <br/>lavori riqualificazione

Via dei Mutilati, ecco
lavori riqualificazione

Sono iniziati i lavori per la riqualificazione della piazzetta tra via dei Mutilati e via Manin, da tempo in degrado a causa dei problemi di sicurezza determinati dalle cattive frequentazioni dell’area. Lo rende noto l’assessore all’Arredo urbano Luigi Pisa, che ha illustrato oggi l’intervento, che sarà realizzato a spese dei privati per un importo di circa 50 mila euro. “Dopo innumerevoli segnalazioni da parte di cittadini e residenti esasperati – spiega Pisa - finalmente siamo riusciti a risolvere le pesanti problematiche di ordine pubblico in un luogo importante del centro storico cittadino, grazie all’intervento congiunto di Fondazione Arena, Accademia Filarmonica di Verona e Boxer Center Car, società proprietaria dell’ex garage Fiat del Fagiuoli, oggi sede del supermercato Despar. I privati quindi, in collaborazione con il Comune di Verona, interverranno a riqualificare l’area di proprietà comunale, concessa in gestione alla Fondazione Arena, tramite i seguenti interventi: recinzione dello spazio pubblico; sistemazione dell’area verde, con demolizione di una delle due scalinate esistenti inutilizzate e conseguente ampliamento dell’aiuola; sistemazione dei marciapiedi in pietra; asfaltatura dell’area”. Il progetto, redatto dal settore Arredo urbano del Comune, ha avuto il riscontro positivo da parte della Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici di Verona.
Fiere, Tosi: Nessuna   <br/>guerra Verona-Padova

Fiere, Tosi: Nessuna
guerra Verona-Padova

"Tra di noi non c'è una guerra delle fiere. In questo momento, in cui non c'è una unica ho...

IL CASO
Madonna senza testa    <br/>Sindaco: Atto vandalico

Madonna senza testa
Sindaco: Atto vandalico

Non ha dubbi il sindaco di Sant'Ambrogio Roberto Zorzi. La decapitazione della madonna di fontana vecia di Sant'Ambrogio al maso, una delle fontane più antiche della Valpolicella, non è frutto di un rito satanico come ipotizzato in un primo momento ma del gesto isolato di un vandalo. L'episodio ha creato stupore e rabbia nella comunità della Valpolicella, che dopo la scomparsa della madonna dal capitello in contrada maso, nella notte tra l'8 e il 9 novembre, si era anche riunita in preghiera. Ma il ritrovamento della statuetta qualche giorno dopo in un campo vicino ha in parte rasserenato gli animi, anche se il gesto sacrilego rimane, e alla madonna è stata mozzata la testa. Costruita nel 1935, e considerata opera di notevole qualità artistica, la statua negli anni ha subito altri atti vandalici, ma mai così gravi. E ora l'ennesimo restauro, affidati alla scuola d'arte locale, di una madonnina a cui i fedeli di Sant'Ambrogio sono molto legati.
RICICLO SUGHERO
Progetto Etico, Amia     <br/>sempre in prima fila

Progetto Etico, Amia
sempre in prima fila

C’è chi li colleziona perché ricordano un evento importante, chi li ricicla per tappare altre bottiglie e chi ama riutilizzarli per tanti usi creativi: da un semplice tappa si possono infatti ricavare grandi cose. Dalle eco-etichette per cura dell'orto, a fertilizzanti naturali fino a presepi e autentiche opere d'arte. Verona è salita sul podio ed è stata premiata come Comune Riciclone del sughero 2014 nell’ambito dell’iniziativa promossa da Legambiente e patrocinata dal Ministero dell’Ambiente, per aver raccolto quattro tonnellate di tappi in sughero nell’anno 2013, equivalenti a circa 67 mila bottiglie di vino stappate. Il tappo in sughero è la migliore chiusura per la conservazione delle caratteristiche del vino ed è anche quella più ecosostenibile. Infatti se abbandonato nell’ambiente si trasforma lentamente, senza inquinare; se viene raccolto è riciclabile al 100%. “Progetto Etico” si concretizza in Amia e grazie ad Amia nel Marzo 2012 grazie alla collaborazione tra Amorim Cork Italia (azienda leader nel settore della realizzazione manufatti in sughero e l’associazione Leviss – Leucemia vissuta (con finalità di solidarietà sociale. A tal proposito oltre alle varie cantine che hanno appoggiato e creduto nell'iniziativa il premio è andato al Comune di Sant'Ambrogio di Valpolicella tradizionalmente e ormai costantemente davanti a tutti in materia di riciclo. La sensibilizzazione di Amia e la forte campagna in questo senso sta portando risultati davvero importanti con sempre nuove idee, iniziative e creatività nel segno del rispetto ambientale.
VERONAFIERE
Taste of Christmas, oli   <br/>e vini campioni in scena

Taste of Christmas, oli
e vini campioni in scena

A palazzo Forti, nel museo della Fondazione Arena di Verona, dal 28 al 30 novembre tre giorni di degustazioni, con il meglio dell'enogastronomia italiana che incontra la musica lirica in "Taste of Christmas". Veronafiere sarà tra i partner dell'iniziativa, con una selezione di 15 vini e 10 oli extravergine premiati al 21° Concorso Enologico Internazionale di Vinitaly e alla 12ª edizione del Sol d'Oro di Sol&Agrifood. Per i visitatori piatti a tema preparati da chef stellati, corsi di cucina interattivi e percorsi di assaggi per scoprire l'eccellenza wine&food italiana, proposta da ristoranti ed espositori. L'iniziativa è frutto dell'accordo tra Veronafiere e Brand Events, la società che da anni organizza il format del Taste Festival nelle principali città estere e in Italia, a Milano, Roma e, da quest'anno, anche Verona. "Da sempre siamo in prima linea nella promozione dell'agroalimentare made in Italy - spiega il direttore generale di Veronafiere, Giovanni Mantovani - grazie a manifestazioni quali Vinitaly e Sol&Agrifood. Questa nuova partnership ci permette di valorizzare le migliori produzioni delle nostre aziende espositrici, vincitrici dei due concorsi con cui ogni anno Veronafiere coinvolge 3mila vini e 250 oli extravergine da tutto il mondo".
Tentano furto accanto  <br/>a caserma Carabinieri

Tentano furto accanto
a caserma Carabinieri

Hanno sfidato la sorte tentando di rubare in un magazzino accanto alla caserma dei carabinieri ...

REGIONE
Sicurezza, Zaia:    <br/>Serve pugno di ferro

Sicurezza, Zaia:
Serve pugno di ferro

"In tante città e periferie del Veneto in tema di sicurezza si respira una brutta aria. Per renderla più respirabile non c'è altra via che usare il pugno di ferro per difendere la gente per bene, le forze dell'ordine e chi lavora a contatto col pubblico". Il presidente del Veneto Luca Zaia ricorda oggi le recenti aggressioni ad autisti dei bus e ad agenti della Polfer per commentare "una situazione di ordine pubblico che va deteriorandosi e che richiede azioni più forti e presenza capillare delle forze dell'ordine per garantire la tanta gente per bene che non perde più occasione per dirci che non ne può più". "Le istituzioni - incalza Zaia - devono dare risposta ai cittadini, perché i loro diritti valgono di più delle fin troppe tutele che leggi eccessivamente permissive assegnano a chi delinque o comunque tiene comportamenti lesivi dei diritti altrui, a cominciare dal vivere in pace nelle aree pubbliche e in casa propria". "Fuori gli abusivi da qualsiasi suolo abusivamente occupato, dentro malfattori e prepotenti - prosegue Zaia - perché leggi e istituzioni chiamate ad applicarle non possono prescindere da una priorità assoluta: i diritti della gente per bene". "E' una questione di cultura della legalità che va scemando - conclude Zaia - e che mi preoccupa moltissimo, perché una società con poca legalità è una società malata, che lascia spazio inusitato a prepotenti, malviventi e persone poco o nulla rispettose del prossimo. E non mi riferisco solo ai reati tecnicamente intesi, ma anche a tanti altri comportamenti di inciviltà quotidiana verso cittadini e cosa pubblica".
CAPITELLO
Satanismo a S. Ambrogio,   <br/>mozzata statua Madonna

Satanismo a S. Ambrogio,
mozzata statua Madonna

La comunità di Sant'Ambrogio di Valpolicella è scossa dopo la scoperta che la statua della Madonna trafugata dal capitello alla Fontana Vecchia in via Maso è stata ritrovata decapitata.Le ricerche della testa mozzata finora non hanno dato esito e l'episodio non è riconducibile ad un atto vandalico, quanto piuttosto ad un rito satanico.Questa infatti è l'ipotesi considerata più verosimile in paese e sulla quale indagano i Carabinieri.
SPACCIO
Corriere della droga    <br/>arrestato in stazione

Corriere della droga
arrestato in stazione

Un corriere della droga nigeriano 27enne è stato arrestato dalla Polizia Ferroviaria di Verona. L'uomo era diretto a Roma, però per colpa di un ritardo del treno da Brescia ha perso la coincidenza ed è stato costretto ad aspettare in stazione durante la notte.Così è incappato nei controlli della Polfer; gli agenti di pattuglia hanno deciso di perquisirlo scoprendo 18 ovuli termosaldati di diversi dimensioni per un peso complessivo di 537 grammi di eroina. Gli involucri erano tutti ben custoditi all’interno di un calzino contenuto nello zaino del nigeriano, mentre nel portafogli c'era la somma di 1850 euro non giustificata e perciò ritenuta provento di attività illecita.La successiva ispezione con il personale medico e la radiografia hanno appurato la presenza di altri ovuli ingeriti; in seguito è stata perquisita anche l'abitazione dell'uomo a Brembate di Sopra (Bergamo), dove sono stati sequestrati 7 grammi di cocaina. Il nigeriano è così finito in carcere.
FIERA
Arriva Wine2Wine,  <br/>esordio a dicembre

Arriva Wine2Wine,
esordio a dicembre

Un format innovativo dedicato al prodotto “vino” e a tutto ciò che ruota attorno al suo business quello che presenta Veronafiere all’interno del Palaexpo il 3 e il 4 dicembre con la prima edizione di Wine2Wine: la nuova piattaforma di aggiornamento, formazione, networking, condivisione, tendenze e strumenti a supporto dell’attività imprenditoriale del settore vitivinicolo, ideata in collaborazione con Federvini ed Unione Italiana Vini.Le tematiche affrontate spaziano dall’ambito normativo a quello amministrativo-finanziario, fino al marketing e alla comunicazione con focus sul mondo web e social oggi in continua e veloce evoluzione, ma tra tutti l’export e le dinamiche del mercato oltre confine fanno da padrone.Sono previsti 26 seminari su 6 aree tematiche: internazionalizzazione, normativa, scenari di mercato, amministrazione e finanza, marketing e comunicazione, special workshop. Una ricca agenda di workshop che si apre mercoledì 3 dicembre alle ore 9.00 con “Il settore vitivinicolo di oggi e domani”, durante il quale interverranno Giovanni Mantovani Direttore Generale di Veronafiere, Sandro Boscaini di Federvini, Domenico Zonin di UIV, Ian D’Agata Direttore Scientifico di Vinitaly International Academy.Chiude la prima giornata (dalle ore 17.00 alle ore 18.30) il “Forum di presentazione del Padiglione Vino a Expo 2015” con gli interventi del Ministro delle politiche agricole alimentare e forestali, Maurizio Martina, e del Presidente di Veronafiere, Ettore Riello, e del Direttore Generale, Giovanni Mantovani insieme all'architetto Italo Rota, il progettista del Padiglione Italia di Veronafiere-Vinitaly all’Esposizione Universale.Giovedì 4 dicembre alle ore 11, invece, al 5° piano del Palazzo Uffici di Veronafiere, sarà presentato il primo accordo in Italia tra SIMEST (Società Italiana per le Imprese all'Estero) e un organizzatore fieristico, in questo caso Veronafiere, per il finanziamento all’internazionalizzazione alle imprese.Ricerca, comunicazione, innovazione e attenzione ai mercati di riferimento del comparto sono i focus che delineano il carattere dell’intera iniziativa. Attraverso il dialogo con i produttori, Wine2Wine, ha realizzato inoltre degli osservatori ad integrazione dell’offerta formativa e seminariale. Un’analisi puntuale del mercato iniziata a Vinitaly 2014 con la pubblicazione del primo Outlook di wine2wine – L’Osservatorio b2b di Vinitaly concentrato sulle esigenze delle cantine in ambito export. Presentato in questi giorni invece il nuovo studio sviluppato in filo diretto con il settore ho.re.ca, intervistando circa 7000 contatti attivi su base nazionale tra ristornati (54.8%), enoteche (21.8%) e wine bar (13.3%), per raccogliere la loro percezione sulle dinamiche generali e sull’andamento delle vendite di vino. I risultati delle ricerche saranno argomento di discussione durante le due giornate di forum.“Wine2Wine, ideato da Veronafiere-Vinitaly, è l’unico evento in Italia dedicato specificamente al business del settore vitivinicolo – spiega Giovanni Mantovani, Direttore Generale di Veronafiere. L’occasione per la Fiera di Verona di integrare la propria offerta alle imprese e di promuovere, oltre all’attività commerciale durante Vinitaly, nuove opportunità di confronto e dialogo tra i player coinvolti nella produzione e distribuzione di vino, al fine di intensificare contemporaneamente sinergia tra le varie realtà, efficienza nei processi e una corretta gestione finanziario-patrimoniale del comparto.”Con testimonianze dirette di produttori, buyer e distributori, consulenze di professionisti dei settori vino, finanza, GDO e ho.re.ca, e case history il filo conduttore che lega i temi protagonisti a Wine2Wine è l’analisi degli scenari e dei trend del comparto vitivinicolo, una fotografia del mercato odierno e futuro in ottica b2b per la prima volta in Italia e a Veronafiere.
ECONOMIA
Domani al Polo Zanotto    <br/>la Messedaglia Lectures

Domani al Polo Zanotto
la Messedaglia Lectures

Cooperazione, etica e sviluppo economico. Sono questi i temi del ciclo di incontri promossi al Polo Zanotto da Università e Banco Popolare, dedicati ad più grande economista della storia veronese, Angelo Messedaglia. L'appuntamento di domani pomeriggio sarà introdotto da Sergio Noto, professore di storia economica all'Università di Verona. In scaletta la lectio magistralis del prof. Peter Davis dell'Università di Leicester e una tavola rotonda che coinvolgerà Bettina Campedelli, dell'Università scaligera, l'economista e imprenditore Angelo Ferro e il presidente del Banco Popolare Carlo Fratta Pasini. L'appuntamento è fissato per domani, alle 17, al Polo Zanotto.
RELAZIONE SANITARIA
Veronesi sempre   <br/>più longevi, è record

Veronesi sempre
più longevi, è record

E' un quadro confortante quello che emerge dall'annuale relazione sanitaria stilata dal Dipartimento Prevenzione dell'Ulss 20, presentata dalla direzione, che aggiorna i dati a tutto il 2013 e al primo semestre di quest'anno.I veronesi invecchiano complessivamente in buona salute, raggiungendo un nuovo record di speranza della vita.Gli uomini infatti sfondano il muro degli 80 anni: la vita media di un maschio veronese ha raggiunto 80,3 anni, le donne mediamente vivono 5 anni di più; un'aspettativa di vita superiore alla media nazionale.Rispetto a 10 anni fa la vita si è allungata di ben 4 anni e questo va guardato ovviamente come un dato positivo, anche se comporta un aumento di alcune criticità, dovute appunto all'allungamento della vita, soprattutto le malattie respiratorie.I veronesi muoiono soprattutto per infarto e tumore. Queste restano infatti le due principali patologie killer, ma i decessi per infarto sono in netto calo sia tra gli uomini che la le donne, mentre per le morti per cancro restano stabili, ma in sensibile flessione rispetto a dieci anni fa.La popolazione è aumentata soprattutto per l'arrivo di stranieri e l'incremento di immigrati, spesso da paesi dove la profilassi sanitaria è praticamente inesistente, ha comportato il ritorno di malattie che sembravano del tutto debellate, a cominciare dalla tubercolosi.Per questo i vertici dell'Ulss consigliano di continuare a vaccinare i bambini.Sono trascorsi sette anni dall'abrogazione dell'obbligo vaccinale, ma la copertura resta alta con una media del 95%.E proprio la prevenzione resta la sfida più importante: dagli screening ad uno stile di vita più sano e corretto, per rendere ancora migliore la qualità della vita di tutta la comunità veronese.
INDAGINI
Omicidio, da telecamere    <br/>forse una pista

Omicidio, da telecamere
forse una pista

Potrebbero essere due stranieri, forse due nordafricani gli uomini a bordo della macchina che ha avvicinato sabato notte Venetita Niacsu, la lucciola rumena di 46 anni trovata morta in un angolo buio dietro questa stazione di servizio al confine tra Verona e Bussolengo, sulla regionale 12. Dagli investigatori ufficialmente non trapela nulla. Le bocche sono cucite e le frasi di circostanza, ci stiamo lavorando, indagini a 360° gradi, non escludiamo niente. E l'indagine è difficile, perchè il movente è oscuro e il delitto efferato. Ma una pista, in realtà, c'è. O per andarci cauti ci sarebbe. E arriverebbe dall'analisi delle immagini registrate dalle telecamere dell'area di servizio, che sabato notte erano in funzione e coprivano buona parte della superficie del distributore dove si è consumato l'omicidio. Col passare delle ore, anche se come detto, nessuna pista viene formalmente esclusa e il movente resta misterioso, prende corpo l'ipotesi, forse ancora più angosciante, che dietro questo brutale omicidio non ci siano né rese dei conti, né la punizione per uno sgarro subito all'interno del racket della prostituzione. Ma un raptus improvviso, di un uomo forse in condizioni alterate, sotto gli effetti di droga o alcol, che ha ucciso la lucciola e ne ha lasciato li il corpo, senza preoccuparsi di cancellare tracce e impronte. Tutte rilevate dagli investigatori. E il cerchio, come detto, starebbe per chiudersi intorno al o ai responsabili.Intanto l'autopsia eseguita oggi all'istituto di medicina legale di B.go Roma ha chiarito che la donna è morta per asfissia, probabilmente strangolata.
SICUREZZA
''Attenti agli zingari''     <br/>Boom furti a Minerbe

''Attenti agli zingari''
Boom furti a Minerbe

''Sono bande di zingari a mettere a segno questi furti, si muovono in maniera organizzata e quindi diventa difficile la loro individuazione''. A lanciare l'allarme è il sindaco di Minerbe, Carlo Guarise, parlando del boom di colpi che si è registrato nelle ultime settimane in questa zona della Bassa Veronese. Venti furti in abitazione in un mese. È questo il bilancio degli episodi messi a segno tra Minerbe, Bevilacqua, Bonavigo e Boschi Sant'Anna. Un'impennata di crimini che sta terrorizzando in particolare Minerbe dove la gente ha paura a stare in casa, ma anche ad uscire. I ladri colpiscono a tutte le ore del giorno, in particolare la mattina, dalle 10 a mezzogiorno, e il pomeriggio dalle 17, col calar della sera. Qui la quasi totalità della popolazione ha avuto un'esperienza diretta o indiretta con i ladri, per stessa ammissione del sindaco Guarise, bande di zingari ben attrezzate e coordinate in ogni singolo movimento.L'allarme furti è arrivato anche in consiglio comunale, dove l'opposizione ha presentato una mozione che chiedere maggiori controlli e più luce pubblica nelle zone a rischio. Un atto recepito e condiviso dall'amministrazione comunale, che si è già attivata con le forze dell'ordine.''Ho già parlato con la Polizia Municipale - ha detto il sindaco Guarise - e ho dato loro l'incarico di integrarsi maggiormente con i carabinieri della stazione locale. Da quello che mi risulta, inoltre, sul territorio si stanno muovendo in maniera più consistente e precisa gli agenti della Polizia Stradale di Legnago.Per tenere in allerta la cittadinanza, il sindaco di Minerbe ha pubblicato sul sito internet del comune un vero e proprio vademecum per difendersi da furti e rapine."Adesso cerceheremo anche di stamparne una versione cartacea - ha sottolineato Guarise - così da poter raggiungere il maggior numero possibile di cittadini"."E' una situazione che non può comunque avere una soluzione locale – ha concluso il sindaco Guarise. Noi facciamo fatica a contrastare queste bande, che sono addirittura riuscite a sintonizzarsi sulle frequenze radio dei carabinieri, per studiarne i loro spostamenti".
INCIDENTI
Cade dal tetto, soccorso  <br/>con l'eliambulanza

Cade dal tetto, soccorso
con l'eliambulanza

E' arrivato l'elicottero di Verona emergenza a soccorrere un operaio rumeno 35enne, caduto dal tetto di una casa dove era salito per riparare un'antenna, oggi ad Erbezzo, in Lessina. Trasportato all'ospedale di B.Trento in gravi condizioni ma a quanto si è appreso non sarebbe in pericolo di vita.
INTERVENTO
Papa Francesco in Europa  <br/>Fontana: Piena sintonia

Papa Francesco in Europa
Fontana: Piena sintonia

“Il Papa ha fatto un discorso di alto profilo e per nulla banale. Siamo in sintonia con lui”. Questo il commento dell'eurodeputato della Lega Nord Lorenzo Fontana alle parole di stamattina di Papa Francesco all'assemblea parlamentare di Strasburgo. “Bergoglio ha ricordato le radici religiose dell'Europa e il 'contributo del cristianesimo nella formazione del continente', aggiungendo come esso 'non è una minaccia alla laicità, ma un arricchimento'. Ha ricordato i soprusi subiti dalle 'minoranze cristiane nel mondo e il silenzio complice di tanti'. Ha sottolineato il valore sociale della famiglia e delle diverse tradizioni culturali interne all'Unione europea, spiegando che 'unità non significa conformità' e omologazione tra i popoli europei. Mi è piaciuto anche il passaggio di critica a questa Unione europea finanziaria ed economicistica, con 'regole distanti se non dannose per i popoli', e quello contro la globalizzazione finanziaria delle multinazionali. In tema di immigrazione Bergoglio ha detto giustamente che i Paesi l'Ue si devono dividere la responsabilità dell'accoglienza dei profughi e soprattutto che bisogna 'agire sulle cause dell'immigrazione aiutando i Paesi d'origine dei migranti'” ha spiegato l'eurodeputato veronese in una nota.
EVENTI
VeronaFiere porta    <br/>Marmomacc in Egitto

VeronaFiere porta
Marmomacc in Egitto

A dicembre Veronafiere organizza in Egitto Marmomacc Samoter Africa & Middle East Con i progetti per l' ampliamento del canale di Suez, 3.200 km di nuove strade e autostrade e un piano quinquennale per l' ammodernamento delle ferrovie, oltre a numerosi progetti di edilizia pubblica e privata, l'Egitto sta vivendo una stagione di grande rilancio nel settore delle costruzioni. Il Paese nordafricano ha una posizione geografica privilegiata che lo vede snodo primario verso Africa e Medio Oriente e, grazie ad accordi di libero scambio (Accordo di Agadir e Comesa), offre l'opportunità di esportazioni a tasso zero in oltre 20 Paesi africani.Ecco perché Veronafiere, tre anni fa, ha scelto di unire le forze con Art Line ed ExpoLink, primari organizzatori egiziani di manifestazioni, per lanciare, al Cairo, dall'11 al 14 dicembre prossimi, la rassegna dedicata al settore del building. "Stiamo registrando un grande interesse sia da parte delle imprese italiane sia di quelle egiziane come hanno sottolineato alcuni imprenditori del settore nei loro interventi di oggi - sottolinea il dg di Veronafiere, Giovanni Mantovani - I nostri rapporti con le istituzioni egiziane sono ottimi: nel 2013 abbiamo ricevuto a Marmomacc la prima missione all'estero del ministro egiziano per l'Industria e il Commercio, Mounir Fakhry Abdel Nour e quest'anno quella di Ali El Halawani, console generale dell'Egitto. Nella nostra attività di internazionalizzazione il Nord Africa è un'area alla quale prestiamo la massima attenzione".
CARABINIERI
Scippo tra nigeriane    <br/>alla fermata del bus

Scippo tra nigeriane
alla fermata del bus

E' una nigeriana di 32 anni domiciliata a Verona la donna arrestata ieri dai Carabinieri per uno scippo alla fermata dell'autobus di piazzale Stefani, in stazione. La donna, rappresentante di cosmetici, aveva strappato la borsa di mano ad una connazionale, anch'essa 32 enne, conosciuta nell'ambito lavorativo. Quando i militari della stazione di Parona l'hanno fermata, aveva ancora in mano la borsa appena rubata. Dopo una notte passata in cella, la donna stamattina si è presentata davanti al Giudice che dopo la convalida dell'arresto ne ha disposto il giudizio per direttissima.
RAPINA
Rapinano orafo, banditi  <br/>bloccati a Verona

Rapinano orafo, banditi
bloccati a Verona

Sono stati bloccati a Verona e a Isola Capo Rizzuto (Crotone) i tre giovani tra i 22 e i 25 anni, due italiani e un marocchino, arrestati per il colpo da 100mila euro in un laboratorio orafo di Valenza. Lo scorso luglio, fingendosi clienti, erano entrati nel banco metalli. Pistole in pugno, hanno immobilizzato la moglie e la figlia del titolare, un dipendente e due clienti e si sono impossessati di 50 chili d'argento, due chili d'oro in lingotti e sei mila euro in contanti. Prima di fuggire, hanno colpito alla testa il titolare con il calcio delle pistole. I carabinieri del comando provinciale di Alessandria li hanno identificati e rintracciati dopo una lunga indagine. Nei giorni scorsi i militari dell'Arma li hanno notati a Valenza, dove probabilmente erano tornati per un sopralluogo in vista di un altro colpo.
SCOMPARSA
Università in lutto,   <br/>morto ex rettore Marigo

Università in lutto,
morto ex rettore Marigo

L'Università di Verona è in lutto per la scomparsa di Mario Marigo, rettore dell'ateneo scaligero dal 1992 al 1999. Il professor Marigo si è spento nella notte. Nato a Trieste il 13 dicembre 1932, laureato in Medicina e Chirurgia a Padova nel 1956, Mario Marigo è stato titolare dal 1979 della cattedra di Medicina legale e delle assicurazioni alla facoltà di Medicina dell’Università di Padova (sede distaccata di Verona), poi, dal 1982 fino alla collocazione a riposo nel 2003, sempre alla facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università di Verona.  Per 25 anni ha diretto la Scuola di Specialità in Medicina legale e delle assicurazioni ed è  stato presidente della Società italiana di Medicina legale dal 2000 al 2004 e membro del comitato etico dell’istituto superiore di Sanità dal 2001 al 2004.
TENTATO OMICIDIO
Laura Roveri, cade   <br/>l'accusa di stalking

Laura Roveri, cade
l'accusa di stalking

L'accusa di tentato omicidio resta (e sarebbe difficile dimostrare il contrario, visti i 16 colpi sferrati con un coltello), ma cade quella di stalking. Laura Roveri non è stata perseguitata dal suo ex, Enrico Sganzerla, che prima di aggredirla in discoteca a Vicenza, le aveva inviato una serie di sms con minacce ed insulti. Il pubblico ministero di Vicenza, Alessandro Severi, ha chiesto l’archiviazione del procedimento per stalking aperto a carico del commercialista 42enne di Cerea, da tempo ai domiciliari nella casa dei genitori. Secondo il magistrato - come scrive "Il Corriere di Verona" - non ci sarebbero elementi c he provano la pressione psicologica di Sganzerla nei confronti della 25enne di Nogara. L'uomo resta accusato di tentato omicidio, con l'aggravante della premeditazione.
LADRO
Selfie durante un furto,    <br/>arrestato e condannato

Selfie durante un furto,
arrestato e condannato

Non ha resistito alla tentazione di immortalare le sue scorribande da ladro assieme ad un complice.I "selfie" scattati all'interno di una casa a Valgatara dove era entrato per rubare hanno incastrato un 20enne veronese incensurato che era stato fermato dai Carabinieri dopo una breve fuga.Durante il controllo i militari hanno esaminato i due telefoni cellulari del giovane: le ultime foto lo ritraevano negli autoscatti realizzati durante il colpo in un'abitazione. Una prova lampante che è costata l'arresto con l'accusa di furto del 20enne che poi davanti al giudice ha rivelato che quei due telefoni non erano nemmeno suoi, ma erano stati rubati in quella casa.L'avvocato difensore ha concordato con il pubblico ministero il patteggiamento ed il giovane è stato condannato ad un anno e due mesi con sospensione della pena, così è tornato in libertà, mentre del suo complice si sono perse le tracce.
ELEZIONI
Tosi: In Emilia grande  <br/>risultato della Lega

Tosi: In Emilia grande
risultato della Lega

"Il risultato del voto in Emilia Romagna è straordinario per la Lega, da attribuire principalmente alla linea politica adottata da Matteo Salvini che, oltre ad aver raggiunto un record storico di consensi per il partito, è riuscito rapidissimamente a fare un recupero straordinario dei consensi persi ai tempi del cerchio magico e di Belsito". E' il commento di Flavio Tosi al responso delle urne. "Se si può essere felici come Lega per questo straordinario traguardo raggiunto, non lo si può essere altrettanto come centrodestra perché la scarsa affluenza ha favorito il Pd e Matteo Renzi e, rispetto alle prossime elezioni regionali del Veneto, il risultato complessivo in Emilia Romagna dei partiti del restante centrodestra è preoccupante perché c'è stata una devastante perdita di consensi in Forza Italia". Per il sindaco di Verona, "diventa quindi sempre più indispensabile rifondare il centrodestra per riportare al voto quei milioni di elettori stanchi, delusi e sfiduciati che non votano certo per Matteo Renzi, ma che, oltre alla Lega, non hanno saputo trovare nessun'altra alternativa credibile al centrosinistra".
CRIMINALITA'
Truffe ed estorsioni,      <br/>in carcere 4 camorristi

Truffe ed estorsioni,
in carcere 4 camorristi

Quattro persone sono state arrestate dei Carabinieri della Compagnia di Peschiera con l'accusa di associazione a delinquere finalizzata all'estorsione, truffa, minacce e altri reati. In manette sono finiti tre campani, rispettivamente di 52 e 61 anni, tutti con precedenti ed accusati anche di associazione camorrista, residenti a Pescantina e a Padova ed un complice residente ad Abbiategrasso, nel milanese. Altri presunti fiancheggiatori della banda sono stati denunciati. L'operazione dei dei militari dell'Arma, denominata "I love you", ha ricostruito il modus operandi dell'organizzazione criminale, che individuava imprenditori in difficoltà proponendo di subentrare nella gestione delle loro attività economica. In realtà ordinavano ingenti quantitativi di merce senza poi pagarla, e i malcapitati imprenditori al momento di incassare gli assegni ricevuti a garanzia scoprivano che erano scoperti e la banda era già sparita dalla circolazione. Chi protestava veniva minacciato anche con le armi. Finora sono stati accertati quattro casi a Verona, Pescantina e Sona, riferiti a negozi d'abbigliamenti, gioiellerie e ristoranti.
FURTI
Esce dal carcere e va   <br/>a rubare nelle auto

Esce dal carcere e va
a rubare nelle auto

Appena uscito dal carcere ha compiuto alcuni furti nelle auto parcheggiate tra Lazise, Valeggio sul Mincio e Castelnuovo del Garda, ma è stato arrestato in flagranza dai Carabinieri della Compagnia di Peschiera mentre cercava di prelevare denaro con una tessera bancomat trovata un una delle borse che aveva rubato. In manette è finito un mantovano, che per andare a rubare aveva usato la sua auto, senza il timore di poter essere scoperto.
MALAVITA
Moldavi in trasferta    <br/>per rubare, 3 arresti

Moldavi in trasferta
per rubare, 3 arresti

Una banda di giovani moldavi appena arrivati in Italia in trasferta per compiere furti è stata sgominata dai Carabinieri della stazione di Bussolengo. In carcere sono finiti tre moldavi, uno dei quali con precedenti. I giovani, che sul passaporto avevano il visto di entrata in Italia lo stesso giorno in cui sono stati fermati, dopo avere rubato un'auto nel padovano hanno cercato di svaligiare una serie di garages in una nuova zona residenziale di Bussolengo. Un carabiniere che li ha vistI scavalcare il muro di conta di un condominio si è insospettito e li ha seguiti facendoli poi arrestare alla fine di un movimentato inseguimento a piedi. Il giudice ha convalidato la custodia cautelare in carcere.
CRIMINALITA'
Omicidio e razzie ladri,    <br/>Zaia: Gente farà da sé

Omicidio e razzie ladri,
Zaia: Gente farà da sé

“Una prostituta brutalmente assassinata e un intero quartiere che chiede aiuto contro un’ondata di furti, questa volta a Verona, sono l’ennesima testimonianza di quanto vado dicendo, inascoltato da Roma, ormai da tempo: in Veneto è in atto una vera e propria emergenza sicurezza. E’ ora di finirla. Chiediamo al Viminale più uomini, meglio pagati e con più mezzi, perché questa è oramai una vera e propria guerra, dichiarata ai cittadini veneti, soprattutto dalla feccia arrivata qui da mezzo mondo, approfittando del ventre molle dello Stato in materia di immigrazione”.Con queste parole il Presidente della Regione del Veneto Luca Zaia, torna a lanciare l’allarme sicurezza in Veneto, alla luce di due nuovi fatti inquietanti verificatisi a Verona: l’assassinio di una prostituta e l’allarme furti lanciato da un intero quartiere del capoluogo scaligero.“Quando la gente ha paura di vivere nel proprio quartiere, e non si sente sicura nemmeno dentro le mura di casa – incalza Zaia – significa che lo Stato si sta arrendendo alla criminalità, perché si è autoprivato, tra spending review e tagli vari, delle forze minime per contrastare efficacemente il fenomeno".“Se davvero non ce la fanno con i bravissimi poliziotti, carabinieri e finanzieri che hanno – prosegue Zaia rivolgendosi al Governo – usino l’esercito, perché anche solo la vista di una divisa in strada è un deterrente formidabile". "Altrimenti – conclude il Governatore – temo non sia lontano il momento in cui la gente deciderà di fare da sé, ma non sarebbe una buona cosa”.
OMICIDIO
Prostituta uccisa, è    <br/>caccia al killer

Prostituta uccisa, è
caccia al killer

A Verona è caccia all'assassino di Venetia Niacsu, la 46enne prostituta romena trovata massacrata poco prima di mezzanotte sabato dietro un distributore di benzina lungo la S.R. 11, al confine con il comune di Bussolengo.e indagini sono affidate ai carabinieri del Reparto operativo, guidato dal ten. col. Pierpaolo Mason. Gli investigatori dell'Arma non trascurano nessuna pista, ma l'ipotesi più verosimile è che il delitto sia stato consumato nell'ambiente della prostituzione, con un feroce regolamento di conti sul quale ora si dovrà fare luce. La vittima era arrivata dieci anni fa dalla Romania e abitava a Cadidavid assieme ad un connazionale.
CUCINA
Mondiali di cucina,    <br/>Verona è di bronzo

Mondiali di cucina,
Verona è di bronzo

Grande risultato per la squadra veronese ai campionati mondiali di cucina che si sono disputati questo fine settimana in Lussemburgo. La squadra veronese, composta da Davide Fiorio, Andrea Mantovanelli, Nicola Andreetto, Luca Dall'Omo, Luca Fasoli, Andrea Saccardo, Paolo Forgia, Ivan Castiglioni e Alex Pasotto si è aggiudicata la medaglia di bronzo. Al brindisi celebrativo si è unito anche l'ex mister della squadra veronese dei cuochi, Fabio Tacchella, quest'anno "solo" uno dei tre giudici italiani (global chef) chiamati a giudicare piatti, creatività e professionalità dei partecipanti alla più importante manifestazione internazionale dedicata alla cucina.
BANDITI IN FUGA
Inseguimento al Saval     <br/>Arrestato un kossovaro

Inseguimento al Saval
Arrestato un kossovaro

E' un kossovaro l'uomo arrestato ieri sera a Verona dopo un inseguimento a folle velocità in cui i malviventi in fuga hanno causato due incidenti nei quali sono rimaste ferite alcune persone. Il bandito è stato fermato dagli agenti della Polizia, intervenuti a supporto delle pattuglie dei Carabinieri della Compagnia di Caprino, che avevano iniziato l'inseguimento nel territorio comunale di Negrar. Secondo quanto si è appreso la caccia all'uomo continua per individuare gli altri due banditi che viaggiavano sull'auto. Intanto domani è in programma l'udienza di convalida dell'arresto del primo uomo fermato.
OMICIDIO
Donna uccisa su S.R. 11,    <br/>è una prostituta rumena

Donna uccisa su S.R. 11,
è una prostituta rumena

E' una rumena di 46 anni la donna che è stata aggredita e uccisa sulla strada statale Gardesana, nei pressi di Verona. L'omicidio, secondo i riscontri del reparto operativo dei Carabinieri, è maturato nel mondo della prostituzione. Dopo il ritrovamento del cadavere, che presenta vistose tumefazioni, in particolare al volto, i militari hanno raccolto nelle ultime ore le testimonianze delle colleghe della donna e di alcuni camionisti.Le indgini sono quindi indirizzate al mondo della prostituzione; la vittima è stata trovata poco dopo mezzanotte con la testa fracassata.
INSEGUIMENTO
Far west al Saval:     <br/>un arresto, sei feriti

Far west al Saval:
un arresto, sei feriti

Continua la caccia ai banditi che ieri sera hanno forzato un posto di blocco dei Carabinieri e durante l'inseguimento hanno buttato fuori strada due auto, causando il ferimento di sei persone.I militari dell'Arma hanno intercettato i malviventi ad Arbizzano a bordo di un'auto segnalata come sospetta per alcuni episodi di furto.L'inseguimento è continuato fino al ponte del Saval con il supporto di altre pattuglie, dove dopo aver speronato due auto in spericolate manovre di sorpasso, i banditi hanno abbandonato la macchina fuggendo a piedi.La gigantesca caccia all'uomo è continuata anche con il contributo delle Volanti della Polizia ed uno dei due banditi è stato catturato e arrestato.Sul posto sono intervenute le ambulanze del 118 per trasportare i feriti all'ospedale e gli agenti della Polizia Municipale, impegnati sul fronte della viabilità perché il ponte è rimasto chiuso al traffico.
OSPEDALE
Minaccia-ebola,      <br/>ecco come si interviene

Minaccia-ebola,
ecco come si interviene

Medici e infermieri con tute anticontaminazioni. Un punto medico avanzato, in grado di gestire simultaneamente più persone in gravi condizioni, una tenda di decontaminazione e un'isolatore, che permette il trasporto in sicurezza di pazienti infetti. Sono le prove generali della gestione di una maxiemergenza di origine chimica o batteriologica. Un protocollo sanitario che l'azienda ospedaliera in un periodo di allarme ebola ha voluto ripassare con un team di medici e infermieri specializzati con cui hanno interagito squadre della croce rossa, dell'esercito, e alcuni volontari nel ruolo dei pazienti.

Telenuovo Verona
tasto 11 - oggi in tv

  • Informazione

    Studionews
  • Rosso & Nero

  • TgVeneto

  • Studionews

    rubrica
  • Tg Gialloblu Live

    informazione sportiva
  • L'Opinione

  • TgVerona

    all'interno il TgGialloblu
  • Gloria

    drammatico (Spagna/Cile 2013) di Sebastian Lelio con Paulina García e Sergio Hernández
  • Film di seconda serata

  • Informazione

    TgVerona, TgGialloblu
  • Film della notte

Sondaggio

Sei favorevole ad una completa chiusura alle macchine della ZTL?

Tutti i sondaggi
L'Opinione
ON AIR
26.11.2014
TgGialloblù
ON AIR
26.11.2014
TgVeneto
ON AIR
26.11.2014
Rosso & Nero
ON AIR
26.11.2014